Android

HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, annuncia una partnership con Google Cloud e l’azienda di consulenza CGI per la migrazione e l’archiviazione di dati relativi alle prestazioni e alle attivazioni dei telefoni presso la Google Cloud Region di Hamina in Finlandia. L’iniziativa ha lo scopo di offrire livelli ancora più elevati di esperienza d’uso e di assistenza ai fan dei telefoni Nokia, migliorando la velocità e la precisione degli aggiornamenti dei device.

Sfruttando le avanzate tecnologie di machine learning e analisi dei dati di Google Cloud, nonché l’expertise di CGI in ambito cloud e data science, HMD Global è in grado di ottimizzare l’analisi delle informazioni, offrendo un notevole beneficio in termini di esperienza ai fan di tutto il mondo. I primi smartphone Nokia ad avere i dati archiviati nel nuovo centro saranno quelli arrivati a partire da Nokia 4.2, Nokia 3.2 e Nokia 2.2, mentre la migrazione di quelli dei precedenti modelli comincerà dopo l’aggiornamento ad Android Q a partire da fine anno e sarà completata nel 2020.

I fan di tutto il mondo apprezzano che ogni smartphone Nokia sia basato su Android puro e riceva aggiornamenti di sicurezza ogni mese, oltre agli update di sistema per 2 anni”, afferma Juho Sarvikas, Chief Product Officer di HMD Global. “Ci impegniamo affinché ogni smartphone Nokia resti nuovo più a lungo e tutti possano beneficiare delle ultime innovazioni di Google, per questo rilasciamo i nuovi aggiornamenti del sistema operativo Android più velocemente di ogni altro produttore. Questo è il motivo per cui i consumatori possono fare affidamento sui loro smartphone Nokia”.

Oggi compiamo un altro passo significativo per ripagare ulteriormente questa fiducia”, continua Sarvikas.  “Nel rispetto del nostro DNA finlandese, abbiamo infatti deciso di collaborare con Google Cloud Platform per far fronte alle nostre crescenti esigenze di storage dei dati, incrementando gli investimenti nel nostro paese d’origine”.

Nuovi livelli di sicurezza, controllo e customer experience basata su analisi sul tuo telefono Nokia

Questa mossa rafforza ulteriormente l’impegno di HMD Global volto ad aderire a tutte le misure e normative di sicurezza europee, inclusi i regolamenti sulla privacy dei dati emanati dall’UE, come il Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (GDPR).

La scelta di Google Cloud e CGI come partner strategici per questo progetto è stata naturale in virtù dei nostri rapporti preesistenti che ci assicurano la possibilità di implementare la tecnologia di sicurezza e analisi dei dati a un livello globale”, aggiunge Sarvikas.Vogliamo garantire la massima trasparenza sulla modalità di raccolta e archiviazione dei dati di attivazione dei device e far sì che gli utenti comprendano come tutto ciò migliorerà la loro esperienza. Questo cambiamento mira a rafforzare ulteriormente la nostra promessa di un Android puro, sicuro e aggiornato, con un focus su sicurezza e privacy attraverso i nostri server in Finlandia”.

Poiché il 100% di energia elettrica utilizzata da Google a livello globale è ricavata da energia rinnovabile, la Google Cloud Platform non solo soddisfa le esigenze di software e dati di HMD Global, ma garantisce anche la piena sostenibilità della soluzione, aumentando il nostro investimento negli anni a venire”, commenta Eva Fors, Managing Director, Google Cloud Northern Europe.

CGI ha creato l’infrastruttura tra i dati di back-end e gli smartphone con un’architettura costruita efficientemente e una struttura di costi ottimizzata. HMD Global ne sfrutta inoltre le competenze nell’analisi avanzata per l’esecuzione e il monitoraggio della soluzione al fine di ottimizzarne il potenziale.

Implementando le più recenti tecnologie di analisi e acquisizione dei dati combinate con l’expertise degli ingegneri e data scientist di CGI, HMD Global non solo è in grado di potenziare la sicurezza dei dati, ma anche di mettere a frutto l’esperienza degli utenti. L’analisi di utilizzo dei telefoni e soddisfazione degli utenti, offre importanti informazioni per lo sviluppo di nuovi smartphone capaci di assicurare servizi ed esperienze ancora migliori ai fan Nokia di tutto il mondo”, Martti Reilander, Vice-President, Advanced Analytics Solutions di CGI Finlandia.

 

HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, annuncia che Android Q Beta è da oggi disponibile attraverso il Nokia phones developer preview program per l’impareggiabile Nokia 8.1, permettendo così agli sviluppatori di testare e ottimizzare il loro software per il prossimo sistema operativo Android Q. Prendendo parte all’Android developer preview program, i telefoni Nokia continuano a rendere disponibili le più recenti innovazioni Google agli sviluppatori e mantengono la promessa di telefoni che migliorano nel tempo.

Il programma Nokia phones developer preview è partito con l’anteprima di Android 9 Pie su Nokia 7 Plus (qui la nostra prova) e oggi, nel suo secondo anno, è pensato per aiutare gli sviluppatori a progettare, testare e perfezionare le loro app Android in preparazione della certificazione Play Store prima del roll out della nuova versione.

Juho Sarvikas, Chief Product Officer, HMD Global, ha dichiarato: “L’anteprima Android Pie ha riscosso un grande successo e ha permesso ai developer di sviluppare e ottimizzare le loro app per quella versione del sistema operativo. Con Android Q vogliamo percorrere lo stesso cammino, assicurandoci che gli sviluppatori vi possano accedere subito”.

I contributi da parte della nostra comunità Beta labs hanno garantito che i telefoni Nokia fossero tra i primi ad aggiornarsi ad Android 9 Pie. Con l’Android developer preview program per Nokia 8.1, vogliamo continuare a mantenere la promessa di telefoni che migliorano nel tempo offrendo la migliore e più aggiornata esperienza software. La nostra priorità è quella di garantire ai nostri fan una transizione senza intoppi al software Android più recente su un telefono che evolve nel tempo”.

Android Q offrirà agli utenti un maggior controllo sui loro dati per esempio quando le app accedono alla loro location. Il più recente sistema operativo Android offrirà più funzionalità di privacy tra cui le restrizioni per attività in background e un aggiornamento per proteggere gli identificatori sensibili del device.

I consumatori possono aspettarsi una più fluida navigazione gesture-based che trae vantaggio dagli odierni schermi edge to edge e di un nuovo tema ‘dark’ che, oltre a far riposare la vista, riduce il consumo di batteria.

Come per Android 9 Pie, i membri non solo avranno accesso al software Android Q Beta, ma potranno condividere idee e collaborare con il forum. Il developer team interno di HMD Global continuerà a offrire un supporto in 16 lingue che verrà integrato nel software stesso e, una volta segnalati, i problemi possono essere rivisti e corretti nel minor tempo possibile.

Il programma fornirà un feedback utile a Google per raffinare l’ultima build di Android Q.

Se hai un Nokia 8.1, visita https://www.nokia.com/phones/en_int/developer/ per iscriverti.

La stretta collaborazione con gli sviluppatori è sempre stata parte integrante del DNA di Xiaomi. Dopo l’ingresso nel settore hardware, l’azienda ha continuato a garantire la migliore esperienza utente possibile, supportata da una perfetta integrazione tra hardware e software.

Oggi, Xiaomi annuncia la propria partecipazione al programma beta di Android Q, dando agli sviluppatori e ai primi utilizzatori la possibilità di sperimentare l’ultima versione di Android su Mi 9 e Mi MIX 3 5G. Questo permetterà loro di provare le ultime funzionalità, testare le applicazioni che hanno sviluppato e assicurarsi che funzionino bene con il prossimo Android Q.

Android Q offre una maggiore protezione della privacy, nuovi modi per coinvolgere gli utenti, estensioni di Vulkan e molto altro ancora! Gli sviluppatori e gli utenti che desiderano saperne di più sul programma beta di Android Q possono visitare: https://developer.android.com/preview

Scopriamo insieme come difendersi dagli hacker sullo smartphone. Da qualche anno a questa parte i malintenzionati hanno preso di mira non solo il PC ma anche i telefoni, diventando una vera e propria tortura per gli utenti. I più temibili sono i virus e malware, software estremamente dannosi e minaccia assoluta per quanto riguarda i dati personali di ciascuno di noi.

Come ampiamente dimostrato da molte ricerche, nel 2018 il numero di malware e virus che ha colpito gli smartphone è cresciuto esponenzialmente. Nonostante i tanti avvertimenti che vengono dati, tuttavia, in tanti continuano a cascare nelle trappole degli hacker, aprendo link anonimi su smartphone o allegati dannosi.

Come proteggere il telefono

Il primo consiglio su tutti, quindi, per evitare malware e virus, è quello di stare attenti. Gran parte dei malintenzionati, per riuscire nel loro scopo, hanno bisogno della collaborazione involontaria delle vittime. Sono pochissimi, per fortuna, i virus che sono in grado di infettare lo smartphone senza ingannare l’utente. Prendendo in considerazione questa premessa, vediamo come tenere il proprio telefono al riparo da occhi indiscreti grazie ad un metodo molto efficace. L’accorgimento è idoneo sia per dispositivi iOS che Android. Una delle soluzioni più efficaci è quella di utilizzare usare un antivirus per Android.

Non scaricate applicazioni non ufficiali

La miglior soluzione per proteggere il telefono dagli hacker è quella di effettuare il download solo di app ufficiali. Il tutto è valido sopratutto per chi possiede uno smartphone Android. Come è risaputo, il robottino verde da la massima libertà di installazione anche di applicazioni non presenti sul proprio Store ufficiale. Scaricare programmi da Internet è estremamente pericoloso. Si rischia, infatti, di installare sul proprio device app dannose.

Passando agli utenti Apple, iOS è un sistema sicuro e chiuso, questo vuol dire che non si possono installare app esterne. Se, tuttavia, ci si affida alla procedura di jailbreaking, è possibile scaricare le applicazioni non ufficiali. Oltre ad essere di fronte a procedure non legali, le tecniche in questione sono pericolose: si rischia di installare sullo smartphone programmi malevoli mettendo a serio rischio la propria privacy e sicurezza in generale.

State sempre in allerta

L’accorgimento che vi abbiamo dato sopra è molto importante ma al tempo stesso è inutile se si abbassa la guardia. Come ripetuto più volte all’interno del testo, i principali colpevoli di frodi e intrusioni siamo noi stessi. E’ importantissimo, dunque, cercare di non condividere info riservate, aprire email con link sospetti presenti all’interno, inserire password o coordinate bancarie su siti non sicuri. Non cliccate, infine, su link anonimi/sconosciuti.

C’è però da dire che l’installazione di un buon antivirus sul proprio smartphone è un’operazione alla quale dare molto importanza. La scelta può essere fatta tra antivirus gratis e antivirus a pagamento. Le due soluzioni presentano alcune differenze tra loro, come è naturale che sia, ma l’efficacia è comunque buona in entrambi i casi.

In conclusione, ricordate sempre di tenere il vostro sistema operativo aggiornato e tutti i software installati sul dispositivo, cosi da non andare incontro a vulnerabilità “vecchie” di sicurezza informatica. La sicurezza viene prima di tutto.

 

È da poco partita la campagna pubblicitaria out-of-home di HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, che pone l’accento sui miglioramenti continui che aggiornamenti e patch assicurano alla propria linea di smartphone Android One. L’invito rivolto al consumatore è quello di fare una scelta intelligente dato che, acquistando uno dei modelli attualmente in commercio, si ritroverà in mano un device che nel tempo può solo migliorare, grazie all’impegno di HMD Global che garantisce su ogni dispositivo due anni di aggiornamenti del sistema operativo e tre anni di patch di sicurezza.

Si pensi per esempio a Nokia 7.1 (qui la nostra prova), lanciato sul mercato italiano lo scorso ottobre con Android 8.1 e a gennaio aggiornato al nuovissimo Android 9 Pie, con tutti i vantaggi in termini di prestazioni ed esperienza d’uso da esso derivanti. Nell’ultimo mese è toccato anche Nokia 8 Scirocco e Nokia 2.1 anch’essi ora aggiornati all’ultima versione del sistema operativo Android.

Come non parlare poi delle patch di sicurezza che, rilasciate puntualmente ogni mese dall’azienda, rendono gli smartphone sempre più sicuri contro le minacce mobile di nuova generazione. Da inizio anno i modelli interessati sono stati Nokia 8.1 e Nokia 5.1 plus (qui la nostra prova)  a febbraio, mentre a gennaio è stato il turno di Nokia 3, Nokia 7 plus (qui la nostra prova) e Nokia 6.1 (qui la nostra prova).

Lo spot, della durata di 15 secondi, viene trasmesso su 147 schermi del circuito Go TV presenti in 97 aree di servizio e ristoro autostradali del Paese, nonché sui sistemi digitali situati nelle stazioni ferroviarie delle principali città italiane e nelle metropolitane di Milano e Roma.

Gli smartphone Nokia con Android One assicurano un’eccellente durata della batteria, oltre a tre anni di patch di sicurezza mensili e due principali aggiornamenti del sistema operativo. Il più recente, Android 9 Pie, include funzionalità basate su intelligenza artificiale per rendere il dispositivo smart, veloce e adattabile alla modalità di utilizzo dell’utente, garantendo un costante miglioramento della user experience nel tempo. La batteria adattiva limita il consumo da parte delle app che non vengono utilizzate di frequente, mentre Google Assistant semplifica ulteriormente l’uso del telefono, potenziando l’esperienza Android complessiva.

HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, annuncia che Nokia 3.1 ha iniziato a ricevere l’aggiornamento ad Android 9 Pie. Si tratta del secondo upgrade per questo smartphone che è passato da Android Nougat ad Android Oreo solo sei mesi fa.

In questo modo, anche Nokia 3.1 entra a far parte della famiglia di smartphone Nokia dotati di Android 9 Pie e offre – oltre alle funzionalità che già conosci – tutte le innovazioni dell’AI applicate alle tue routine quotidiane e pensate per farti risparmiare tempo, migliorare la durata della batteria e addirittura anticipare quello che stai pensando di fare!

Come utente di Nokia 3.1, con Android 9 Pie potrai godere di app action, che prevede la tua prossima mossa; batteria adattiva, che modifica e anticipa le tue esigenze personali per ottimizzarne l’uso; Digital Wellbeing, che misura l’utilizzo del tuo Nokia 3.1 e ti offre visibilità sulle tue abitudini. L’aggiornamento Android 9 Pie porta con sé anche la nuova funzione Slices che identifica le informazioni rilevanti delle tue app preferite per facilitarne l’accesso. E, infine, la funzionalità Adaptive Brightness che aggiusta automaticamente le impostazioni di luminosità del tuo telefono apprendendo dalle tue interazioni.

Funzionalità chiave di Android 9 Pie

  • App Actions – Velocizza le attività prevedendo la tua prossima mossa e mostrando l’azione più adeguata
  • Slices – Identifica le informazioni rilevanti delle tue app preferite per renderle più facilmente accessibili quando ti servono
  • Adaptive Battery ?– Si avvale del deep learning per capire i tuoi schemi di utilizzo e prioritizzare la batteria sulle app più importanti
  • Adaptive Brightness ?– Adatta automaticamente la luminosità imparando dalle tue interazioni con settaggi diversi
  • Navigazione del sistema – Grazie a un unico pulsante che offre previsioni intelligenti e suggerimenti (abilitato dall’utente)
  • Digital Wellbeing – Fornisce un quadro completo delle tue abitudini digitali e ti disconnette quando lo desideri

0 923

Razer, leader globale nel lifestyle gaming, annuncia l’aggiornamento ad Android 9.0 Pie per il suo gaming phone, il Razer Phone 2.

Android 9.0 Pie offre potenziamenti al sistema operativo tra cui la navigazione gesture-based con Google Assistant, funzionalità e ricerca app interattive, ottimizzazione della durata della batteria, feature di privacy compreso il controllo delle app in background, accesso al digital well-being, registrazione video in 4k a 60fps.

Una lista completa delle nuove funzionalità e degli avanzamenti OS per Android 9.0 Pie è disponibile qui.

Con Android 9.0 Pie, il Razer Phone 2 opererà in modo più intuitivo, gestirà la batteria con maggiore efficienza e offrirà user experience e intrattenimento migliorati.

La nuova versione del sistema operativo Android 9.0 Pie è disponibile Over-the-air (OTA) per tutti i device open market.

0 1408

L’accesso mobile ad applicazioni e dati mission-critical consente alle aziende di ottimizzare i processi e migliorare l’efficienza dei dipendenti. E poiché gli smartphone sono diventati strumenti di business indispensabili, le imprese tendono a gestirli come flotta per garantire un elevato livello di sicurezza IT. Non sorprende, pertanto, che le soluzioni di Enterprise Mobility Management (EMM) continuino a rivestire un ruolo sempre più importante.

A partire da Android 5.0, Google ha introdotto un nuovo framework denominato Android for Work – trasformato successivamente in Android Enterprise – per la gestione integrata. Android Enterprise offre un set di API di gestione per un ampio ventaglio di casi d’uso, assicurando un approccio basato su piattaforma, nonché un sistema moderno e sicuro per la distribuzione delle applicazioni tramite Google Play. Ora che Android Enterprise è in grado di gestire la maggior parte dei casi di utilizzo aziendali, Google sta abbandonando progressivamente l’API Device Admin, a cui molte organizzazioni si sono affidate per gestire i dispositivi Android meno recenti. In Android 9, le API per l’attivazione della password, la disattivazione di fotocamera e le funzionalità di sblocco saranno contrassegnate come deprecate e cioè, in fase di abbandono. Con la prossima versione di Android nel 2019 infatti, queste e tutte le altre API Device Admin legacy non saranno più disponibili.

Android Enterprise rappresenta, quindi, la nuova modalità di gestione dei dispositivi Android e di salvaguardia della sicurezza IT, a prova di futuro.

Il rinnovo della flotta semplifica la migrazione ad Android Enterprise

Secondo il recente sondaggio 2018 Business Smartphone Purchase Survey commissionato da HMD Global, il 63% dei device nelle flotte di smartphone aziendali in Europa ha almeno due anni quindi, il rinnovo della flotta, consentirebbe loro di sfruttare appieno le nuove funzionalità del sistema operativo Android. È possibile scegliere qualsiasi smartphone Nokia all’interno della gamma Android Enterprise Recommended e usufruire anche della registrazione zero-touch, che consente all’IT di configurare con maggiore facilità gli smartphone, potenzialmente aumentando il numero di dipendenti dotati di device aziendale. Optando per una flotta di smartphone Nokia Android One Android Enterprise Recommended, i dispositivi aziendali godono di patch mensili per tre anni dalla data di lancio sul mercato, oltre agli aggiornamenti del sistema operativo che HMD Global offre ai propri clienti per due anni.

L’imminente abbandono delle API Device Admin Android tradizionali rappresenta un buon motivo per cominciare a rinnovare la flotta di smartphone e migrare all’ultima generazione di smartphone Android”, dichiara Andrej Sonkin, General Manager Enterprise Business di HMD Global. “Prendiamo molto seriamente la questione della sicurezza perché consente ai clienti di tenere traccia delle date di rilascio di nuove patch e del loro contenuto, nonché di avere la certezza che gli smartphone Nokia sono conformi ai requisiti del programma Android Enterprise Recommended”.

È possibile trovare qui il Nokia Smartphone Security Maintenance Release Summary relativo a tutti i dispositivi della gamma di smartphone Nokia.

Un’ampia gamma di smartphone Nokia Android Enterprise Recommended

HMD Global offre la flotta di smartphone Android Enterprise Recommended più completa del mercato. Essa spazia dagli smartphone di fascia alta Nokia 8 Sirocco e Nokia 8.1, ai modelli di punta tra i medi di gamma come il Nokia 7.1 (qui la nostra prova), passando per lo smartphone medio di gamma Nokia 5.1 Plus, fino ad arrivare al più economico Nokia 3.1 Plus 3G/32GB.

DispositivoPrezzo
Nokia 3.1 plus€209,00
Nokia 5.1 plus€259,00
Nokia 7.1€349,00
Nokia 8.1€459,00
Nokia 8 Sirocco€799,00

HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, annuncia il roll out di Android 9 Pie su Nokia 7 plus (qui la nostra prova).

Ricco di tecnologia smart e più semplice che mai da utilizzare, Nokia 7 plus offre Android 9 Pie senza fronzoli, skin o processi nascosti che consumano la batteria. Il device mantiene tutte le funzionalità di Android 8.0 Oreo ma fornisce un’esperienza nuova e più personalizzata attraverso l’AI, l’intelligent learning e, dall’autunno 2018, il benessere digitale.

Nokia 7 plus con Android 9 Pie rappresenta lo smartphone Nokia più efficiente di sempre. Avanzamenti nelle funzionalità di machine learning e AI, come Adaptive Battery e App Actions, garantiscono un utilizzo più intelligente di potenza e risorse, accelerando l’operatività del telefono.

Juho Sarvikas, Chief Product Officer, HMD Global, ha dichiarato:“Operiamo sempre con l’obiettivo di offrire una versione di Android pura, sicura e aggiornata sui nostri smartphone Nokia. Oggi siamo estremamente contenti di iniziare il roll out di Android 9 Pie on Nokia 7 plus –  siamo così tra i primi a offrire le più recenti innovazioni di Google, comprese funzionalità Android One esclusive quali App Notifications”.

Come parte della famiglia Android One, Nokia 7 plus avrà App Actions: una nuova funzionalità esclusiva per dispositivi Android One e Google Pixel con Android 9 Pie. App Actions impara dal tuo utilizzo quotidiano e ti aiuta a completare le attività più velocemente, prevedendo quale sarà la tua prossima mossa e offrendoti l’app corretta, che si tratti di affari, musica o stile di vita.

Le più recenti funzionalità di AI includono Google Lens: il motore di ricerca visuale che ti consente di cercare punti di riferimento, fiori, animali, opere d’arte e persino lo shopping con la tua fotocamera.

Nokia 7 plus è ottimizzato per estrarre ogni bit da una batteria già potente. Insieme alla nuova batteria adattiva, che si avvale del deep learning per comprendere i modelli d’uso del telefono e dà la priorità all’accensione della batteria per le tue app preferite, Nokia 7 plus è ancora più intelligente. La batteria adattiva riduce l’utilizzo della CPU – il componente che consuma più batteria – del >5%. Anche la trasmissione dei dati da app su WIFI e dati mobili è ridotta del >10%.

Oltre ai progressi nella tecnologia intelligente, a partire dall’autunno 2018, il nuovo aggiornamento offrirà una tecnologia per il benessere digitale che favorisce le interruzioni nell’utilizzo. Le nuove funzionalità evidenziano sul cruscotto il tempo d’uso del dispositivo, permettono di impostare limiti di tempo per l’utilizzo di un’app e la modalità Wind Down che adatta la luminosità dello schermo e attiva la funzione Non disturbare in orari predeterminati di sera. Gli smartphone Nokia hanno a lungo incoraggiato il downtime digitale con il rilancio di Nokia 3310 e 8110 (qui la nostra prova).

Funzionalità chiave di Android 9 Pie

  • App actions: consente di svolgere più rapidamente l’attività successiva monitorando i modelli di app e prevedendo ciò che verrà utilizzato successivamente
  • Slice: identifica gli elementi pertinenti delle tue app preferite per renderle più facilmente accessibili
  • Google Lens: cerca ciò che vedi identificando gli oggetti direttamente nel mirino della fotocamera
  • Batteria adattiva: utilizza il deep learning per comprendere i modelli di utilizzo e assegnare priorità alla batteria per le app preferite
  • Luminosità adattiva: adatta automaticamente la luminosità del telefono osservando i comportamenti e le impostazioni dell’utente
  • Navigazione del sistema – Mette l’accento sui gesti piuttosto che sui tasti per l’uso dello schermo (abilitato dall’utente)

Le funzionalità per il benessere digitale saranno disponibili dall’autunno 2018

  • Device time: evidenzia il tempo di visualizzazione e l’utilizzo del telefono nella dashboard, incluso il numero di volte in cui il dispositivo è stato sbloccato e il numero di notifiche ricevute
  • Timer app: imposta i limiti di tempo di utilizzo di un’app
  • Modalità Wind Down – Estende la modalità Do Not Disturb esistente per un’ulteriore personalizzazione delle notifiche e Night Light che introduce una luce dello schermo attenuata per ridurre la luce blu associata ai disturbi del sonno

Lenovo presenta la nuova generazione di tablet Android, concepiti per il tempo libero e l’intrattenimento in famiglia. Lenovo Tab E7, Lenovo Tab E8, Lenovo Tab E10 e i nuovi tablet “mainstream” Lenovo Tab M10 e “premium” Lenovo Tab P10, rappresentano le più recenti offerte di Lenovo in tema di tablet Android, potenti, sottili, leggeri e pensati specificamente per l’uso domestico.

In ogni famiglia c’è bisogno di almeno un tablet per guardare video, navigare in rete, fare acquisti online e giocare. Sono infatti dispositivi sia più comodi per visionare contenuti rispetto agli smartphone, sia più maneggevoli e leggeri rispetto a un PC, ad esempio da usare in poltrona o da portare in gita con i ragazzi. Tuttavia, acquistare uno o più dispositivi adatti a ciascun componente della famiglia significa tenere conto di molteplici fattori, tra cui mobilità, convenienza economica e idoneità all’uso da parte dei bambini. Ecco perché la nuova suite di tablet Android di Lenovo è progettata tenendo conto delle esigenze delle famiglie moderne e offre numerose opzioni e vantaggi quali:

  1. Convenienza economica, con una serie di opzioni adatte a tutti i budget domestici
  2. Condivisione, con contenuti opzionali per i ragazzi e profili dedicati
  3. Rapporto prezzo/prestazioni conveniente, nel lungo termine

Lenovo Tab E7, Lenovo Tab E8 e Lenovo Tab E10: flessibilità per tutte le tasche

La nuova, versatile serie E dei tablet Lenovo consente alle famiglie di scegliere un tablet adatto praticamente a ogni budget ed esigenza.

Lenovo Tab E7

Il modello base Lenovo Tab E7 è progettato con l’intento primario di offrire all’utente il miglior rapporto prezzo/prestazioni, con un profilo sottile ed elegante e Android Oreo Go Edition, che consente di avere app più leggere, maggiore capacità di storage di serie e prestazioni molto migliori. Il display da 7 pollici e lo spessore di 10,33 mm consentono di trasportare Lenovo Tab E7 ovunque, con un’autonomia che consente di guardare fino a 5 ore di video prima di ricaricare.

Lenovo Tab E8

Per le famiglie con più di un utente potenziale di tablet, Lenovo Tab E8 consente di accedere con molteplici profili dedicati, interfacce e spazi di storage. Lenovo Tab E8 offre inoltre un’esperienza video e audio immersiva grazie al display HD da 8 pollici, che dà alle foto e ai video una resa particolarmente brillante, e all’altoparlante frontale, supportato da Dolby Atmos, che porta l’esperienza di un sound cinematografico direttamente nelle nostre case. Inoltre Lenovo Tab E8 è pensato per essere trasportato, grazie allo spessore di soli 8,9 mm, al peso di 320 grammi, e all’autonomia fino a 10 ore di playback video in locale.

Lenovo Tab E10

Infine, Lenovo Tab E10 è pensato per le famiglie che cercano un’esperienza audiovisiva completa sul loro tablet domestico. Questo potente e sottile tablet presenta due altoparlanti con Dolby Atmos e un display HD da 10 pollici, abbinati al potente processore Qualcomm Snapdragon 210. Lenovo Tab E8 e Lenovo Tab E10 sono inoltre dotati di camera posteriore autofocus da 5MP e anteriore a fuoco fisso da 2 MP.

Lenovo Tab M10: il tablet da famiglia per eccellenza, adatto a tutte le generazioni

Le famiglie che utilizzano i loro tablet costantemente, a casa e in viaggio, sono alla ricerca della migliore esperienza di intrattenimento e delle migliori opzioni di condivisione possibili. Ecco perché Lenovo ha creato Lenovo Tab M10, il modello di tipo “mainstream”. Leggero e versatile, è ideale per navigare nel web a casa e per l’intrattenimento dei ragazzi grazie al potente processore Qualcomm Snapdragon Octa-Core 1.8GHz al display Full HD da 10,1 pollici e al supporto Dolby Atmos.

Lenovo Tab M10 in Polar White

Lenovo Tab M10 è sottile e leggero (pesa solo 48 grammi) e presenta caratteristiche multimediali eccezionali tra cui i doppi altoparlanti anteriori. Le famiglie con bambini possono inoltre valersi del Kid Pack opzionale per un’esperienza d’uso gradevole e una migliore robustezza grazie all’involucro resistente agli urti e gli aggiornati contenuti speciali per i ragazzi.

Lenovo Tab P10 in Aurora Black (anteriore)

Lenovo Tab P10: il tablet personalizzato per il “binge-watching”

Per chi fa uso esteso e continuativo di contenuti multimediali, è disponibile Lenovo Tab P10, tablet raffinato di livello “premium” e prodotto di punta della nuova famiglia di tablet Android di Lenovo, che ridefinisce gli standard grazie all’eccezionale design a doppio vetro, alla cornice interamente in metallo, allo spessore di 7 mm e al peso di 440 g. Le finiture Aurora Black e Sparkling White presentano riflessi iridescenti a seconda di come la luce incide sul corpo del tablet.

Lenovo Tab P10 in Aurora Black (posteriore)

Sono comunque le funzioni di intrattenimento a distinguere per eccellenza Lenovo Tab P10, grazie ai quattro altoparlanti per sfruttare al meglio la tecnologia Dolby Atmos e alla camera posteriore autofocus da 8MP e quella anteriore a fuoco fisso da 5MP.

Lenovo Tab P10 in Sparkling White

Un tablet bello e potente come questo può essere utilizzato in maniera estensiva, e il sensore ultrarapido di impronte digitali consente di sfruttarne al meglio le caratteristiche multi-utente. Quando viene creato il profilo di un componente della famiglia, è sufficiente toccare il sensore con il polpastrello per entrare nel proprio profilo personalizzato, con le proprie immagini, impostazioni, App, giochi e file personali, tutti mantenuti separati da quelli degli altri componenti della famiglia.

Che si tratti di portabilità, condivisione, prestazioni o sicurezza dei bambini, Lenovo ha il tablet adatto, pensato qualsiasi bilancio familiare.

Prezzi e disponibilità per il mercato italiano saranno comunicati in seguito.