Tags Posts tagged with "microsoft"

microsoft

In occasione dell’evento tenutosi oggi a New York, Microsoft ha annunciato 4 nuovi prodotti in arrivo in Italia nei prossimi mesi – Surface Laptop 3 da 13.5’’ e da 15’’, Surface Pro 7 e Surface Pro X – anticipando 2 dispositivi dual-screen, Surface Neo e Surface Duo, previsti per la fine del 2020.

Surface Laptop 3, Surface Pro 7 e Surface Pro X sono già disponibili in pre-order sia nella versione consumer sia nella configurazione commercial, che integra Windows Pro e la garanzia Advanced Exchange.

Surface Laptop 3
Il nuovo Surface Laptop 3 combina potenza ed eleganza, proponendosi come il laptop perfetto per ogni giorno. Disponibile in due formati, da 13.5’’ e 15’’, il Surface Laptop 3 è due volte più veloce, conserva il proprio design sottile e garantisce un’autonomia che consente di utilizzare il dispositivo per l’intera giornata lavorativa. Potenziato da processore Intel® Core™ di decima generazione, Laptop 3 accontenta tutti i gusti, permettendo di scegliere tra il calore dell’Alcantara e le lucide finiture in alluminio lavorato.
Il nuovo Surface Laptop 3 da 15’’ introduce uno schermo più grande e performance grafiche migliorate con il nuovo processore AMD Ryzen Surface Edition.

Surface Laptop 3 offre un’esperienza di scrittura più confortevole, integra sia la porta USB-A sia quella USB-C, e, grazie alla tecnologia Fast Charging, permette di raggiungere l’80% della carica in circa 1 ora.
Surface Laptop 3 è ora disponibile in pre-order sul Microsoft Store a partire da 1.169€ per il 13’’ e 1.399€ per il 15’’ e in versione commercial a partire da 1.269€ per il 13’’ e 1.499€ per il 15’’.

Surface Pro 7 e Surface Pro X
Annunciati durante l’evento di New York anche due nuovi modelli di Surface Pro, il 2-in-1 più versatile disponibile sul mercato, ovvero Surface Pro 7, che conserva il design iconico apprezzato dal pubblico e il nuovo ultraportatile Surface Pro X.

Completamente riprogettato, Surface Pro 7 è adesso due volte più veloce grazie al processore Intel® Core™ di decima generazione e integra sia la porta USB-A sia quella USB-C, senza dimenticare un’autonomia che consente di utilizzare il dispositivo per l’intera giornata lavorativa.

La linea Pro si amplia ulteriormente con Surface Pro X, più leggero, sottile, potente e connesso rispetto ai precedenti modelli, con uno spessore di 5,33 mm e un peso di 762 grammi. Il nuovo processore Microsoft SQ1, progettato in collaborazione con Qualcomm, vanta 2 teraflop di potenza di elaborazione grafica ed è il processore Qualcomm più veloce mai creato per un PC. Con cornici più sottili del 33%, il nuovo Surface Pro X è dotato di un immersivo touch-screen edge-to-edge in uno chassis di 12’’. Inoltre, la nuova Surface Pro X Signature Keyboard include uno slot per conservare e ricaricare la nuova Slim Pen, sempre disponibile e pronta per l’uso in qualsiasi momento. Surface Pro 7 e Surface Pro X sono disponibili per il preordine sul Microsoft Store rispettivamente a partire da 919€ e 1.169€ e in versione commercial rispettivamente a partire da 1.019€ e 1.269€.

I nuovi device introdurranno, inoltre, nuove possibilità pensate per le esigenze aziendali, una maggiore manutenzione per Surface Laptop 3, SSD rimovibili in Surface Pro X, nonché nuovi imballaggi commerciali più sostenibili. Con Windows 10 Pro, Advanced Exchange Service 10 senza costi aggiuntivi e il supporto per Windows Autopilot, gli utenti sono immediatamente operativi e sempre up to date con gli aggiornamenti over-the-air.

Surface Neo
Surface Neo
è il dispositivo dual-screen pensato per la produttività, con sistema operativo Windows 10X. Un perno divide due schermi da 9’’, permettendo una rotazione di 360° che consente al dispositivo di adattarsi a ogni esigenza di fruizione. Da aperto offre un sottilissimo schermo LCD da 13’’ e, grazie alla tastiera magnetica rimovibile, garantisce la produttività e il multitasking tipici di un vero PC.

Surface Duo
Surface Duo
, il primo Surface a entrare in tasca, riunisce il meglio della produttività di Microsoft, le app Android e il design Surface in un unico dispositivo da portare sempre con sé. Composto da due schermi ultrasottili da 5,6’’, che si combinano in uno schermo da 8,3’’, si adatta perfettamente a ogni contesto di lavoro, senza dimenticare la possibilità di effettuare telefonate.

Microsoft ha infine annunciato le Surface Earbuds, che promettono una vestibilità estremamente confortevole, suoni ricchi e immersivi, e comandi vocali e touch intuitivi per musica, chiamate e altro ancora. Le nuove Surface Earbuds saranno inizialmente in vendita esclusivamente negli Stati Uniti ad un prezzo di 249$.

Bitdefender, società leader globale nella sicurezza informatica che protegge più di 500 milioni di sistemi in 150 paesi, ha scoperto una nuova vulnerabilità di sicurezza che interessa tutte le più recenti CPU Intel che sfruttano la tecnica di esecuzione speculativa, consentendo agli hacker di accedere a password, token, conversazioni private, file crittografati e altri dati sensibili degli utenti, sia di tipo privato che professionale.

Sono interessati tutti i computer basati sui processori Intel più recenti che sfruttano l’esecuzione speculativa e utilizzano Windows, server e notebook inclusi.

La vulnerabilità, scoperta meno di tre mesi dopo l’ultimo bollettino di sicurezza mondiale riguardante i processori Intel, apre la strada ad un attacco laterale che fornisce all’aggressore un metodo per accedere a tutte le informazioni contenute nella memoria del kernel del sistema operativo.

L’attacco aggira tutte le misure di sicurezza note implementate dopo la scoperta di Spectre e Meltdown all’inizio del 2018. La soluzione Bitdefender Hypervisor Introspection permette di mitigare questo nuovo attacco sui sistemi Windows senza patch.

I criminali a conoscenza di questi attacchi avrebbero il potere di individuare le informazioni più vitali e meglio protette sia di aziende che di privati in tutto il mondo, e la relativa facoltà di rubare, ricattare, sabotare e spiare” ha affermato Gavin Hill, Vice President, Datacenter and Network Security Products di Bitdefender. “La ricerca svolta su questi attacchi è all’avanguardia in quanto arriva alle radici stesse del funzionamento delle CPU moderne e richiede una conoscenza approfondita dei meccanismi e dei componenti interni della CPU, del sistema operativo e degli attacchi laterali che sfruttano l’esecuzione speculativa in generale”.

Questo attacco laterale sfrutta l’esecuzione speculativa, una funzionalità che cerca di velocizzare la CPU educandola a prevedere le istruzioni successive. L’esecuzione speculativa può lasciare tracce nella cache che gli aggressori sfruttano per infiltrare la memoria del kernel basata su privilegi.

Questo attacco combina l’esecuzione speculativa di informazioni di Intel e l’uso di una specifica istruzione da parte dei sistemi operativi Windows all’interno di quello che è noto come gadget.

Bitdefender ha collaborato con Intel per più di un anno sulla divulgazione al pubblico di questo attacco. È possibile che un aggressore a conoscenza della vulnerabilità possa sfruttarla per sottrarre informazioni confidenziali.

Microsoft, e gli altri partner dell’ecosistema, continuano a effettuare valutazioni, rilasciando patch laddove necessario.

Quest’ultima rivelazione, segue la scoperta – a metà maggio – da parte di Bitdefender di una vulnerabilità di sicurezza denominata “micro-architectural data sampling” nei processori Intel, che permette a un aggressore di accedere a informazioni privilegiate di memoria in modalità kernel, considerate off-limits e al di là della portata della maggior parte delle applicazioni.

0 838

Acronis, leader globale nella protezione e archiviazione dei dati su cloud ibrido, che attualmente sta celebrando il suo 15° anniversario, ha annunciato una nuova partnership strategica con Microsoft volta a un’integrazione più profonda dei prodotti per la protezione dei dati di Acronis con i servizi cloud di Microsoft Azure.

Acronis offre servizi di protezione completa dei dati per tutti i carichi di lavoro Microsoft (incluse workstation, server, applicazioni e dispositivi mobili), consentendo a clienti, rivenditori e service provider di sfruttare appieno la potenza della tecnologia Microsoft. Acronis è inoltre in grado di eseguire il backup dei carichi di lavoro Microsoft Azure, grazie ad Acronis Backup e Acronis Backup Cloud.

La nuova partnership permetterà ai clienti e ai service provider di archiviare i propri dati sul cloud Azure garantendo una maggiore semplicità. Azure sarà disponibile come opzione di archiviazione in combinazione con Acronis Cloud e altri fornitori di cloud pubblici nelle versioni future dei prodotti Acronis.

Oggi, i partner e i clienti Acronis utilizzano Azure per archiviare i dati, tuttavia l’operazione richiede l’installazione e la configurazione manuali di Acronis Backup Gateway. Reagendo alle richieste dei clienti e dei partner, Acronis e Microsoft collaborano al fine di fornire un’integrazione nativa delle soluzioni Acronis nei servizi Azure.

I service provider possono scegliere se acquistare il proprio storage Azure direttamente da Microsoft, oppure in alternativa Acronis può includere le spese di archiviazione per Azure come voce di una fattura singola.

L’integrazione nativa delle soluzioni Acronis per la protezione dei dati con Azure renderà il servizio basato su Azure molto più interessante e contribuirà a rilanciare i profitti per i partner di Microsoft. I service provider saranno in grado di integrare il proprio portfolio di prodotti basati su Azure con le soluzioni Acronis semplici, rapide e affidabili per la protezione dei dati grazie anche ad Acronis Active Protection, un sistema di difesa contro gli attacchi ransomware basato sull’intelligenza artificiale. In collaborazione con Acronis, potranno spingere l’utilizzo di Azure e generare profitti aggiuntivi trainando la vendita di servizi dedicati alla protezione dei dati ai clienti esistenti, sfruttando inoltre la protezione completa dei dati Acronis quale fattore di differenziazione nell’affollata nicchia di mercato.

La partnership con Microsoft è parte della strategia quadro di Acronis volta a supportare tutti i carichi di lavoro, garantendo sicurezza, protezione, accessibilità, riservatezza e autenticità ai dati archiviati all’interno di ambienti locali, cloud e ibridi.

Offrendo un supporto completo alle oltre 20 piattaforme, l’integrazione nativa con i tool PSA e RMM oltre all’aumento dei cloud vendor pubblici, Acronis consente ai service provider di incrementare il potenziale di utilizzo per le soluzioni cloud esistenti.

Molti prodotti che offriamo generano un valore aggiunto per i clienti che usano la tecnologia Microsoft”, afferma John Zanni, Presidente di Acronis. “Grazie al backup semplice, affidabile ed efficiente, unito al sistema di sicurezza integrato sotto forma di protezione attiva contro i ransomware, la nostra clientela può trarre vantaggio da una protezione completa dei propri dati. Aggiungere Azure come destinazione nativa di archiviazione incrementa le loro opzioni, rendendo le soluzioni Acronis ancora più interessanti. Per tutte le aziende che hanno fondato la propria strategia su Microsoft, è una novità strepitosa”.

Judy Meyer, General Manager, ISV partners at Microsoft, conferma: “Ci fa piacere osservare come Acronis stia trasformando i servizi offerti ai propri clienti, con un’innovazione nel settore della protezione dati e anti-ransomware. Microsoft e Acronis hanno collaborato a stretto contatto per molti anni nella pianificazione finalizzata all’adozione dei servizi cloud pubblici quale parte integrante del portfolio Acronis, e siamo lieti degli sviluppi che si sono concretizzati utilizzando la piattaforma cloud pubblica Microsoft Azure”.

La partnership di Acronis con Microsoft andrà oltre l’integrazione di Azure. Le due società uniranno le proprie forze per incrementare la funzionalità correlata all’Artificial Intelligence (AI) di Acronis Active Protection, una tecnologia innovativa che ha già prevenuto oltre 200.000 attacchi ransomware in 180.000 dispositivi dei consumatori, nel corso degli ultimi 12 mesi.

La partnership ha già dato vita a una ricerca condivisa, discutendo per esempio delle applicazioni Hierarchical Attention Neural Network per la classificazione delle sequenze al fine di rilevare un eventuale malware senza dover eseguire il codice malware, come pubblicato nel Developer Blog di Microsoft.

Microsoft ha investito decenni di ricerca nell’intelligenza artificiale, tra cui i servizi cognitivi, l’IA conversazionale, i tool per il Machine Learning e molto altro, e ha creato la piattaforma cloud globale per consentire ai nostri clienti di utilizzare queste potenti tecnologie IA. Sfruttando la piattaforma cloud Microsoft Azure e i tool/servizi IA con il servizio Acronis Backup, Acronis sarà in grado di avanzare contribuendo a lanciare sul mercato preziosi servizi di analisi, in modo che i clienti possano comprendere e gestire i propri dati con maggiore efficacia”, commenta Steve Guggenheimer, Vice President of Business AI presso Microsoft.

0 815

Per i professionisti che collaborano utilizzando la piattaforma di Microsoft, o per coloro che stanno pensando alla sua adozione, ci sono grandi novità! Ora è possibile controllare l’esperienza di Microsoft Teams direttamente dai dispositivi audio Jabra.

Il cambiamento in corso in tema di collaborazione online tra i professionisti delle società è passato da super-veloce a vertiginoso.

Almeno, questa è la conclusione che Jabra trae dall’annuncio che Microsoft sta integrando la possibilità di controllare le chiamate direttamente dai dispositivi audio all’interno di Microsoft Teams, la piattaforma dedicata alle aziende che permette alle persone di collaborare e interagire tra di loro.

Sembra solo ieri quando Microsoft Office Communicator fece irruzione nel mondo della comunicazione, per poi essere sostituito da Microsoft Lync; quest’ultimo, a sua volta, venne poi soppiantato da Skype for Business, che attualmente sta gestendo con successo oltre un miliardo di riunioni all’anno e ben 3 miliardi di minuti di chiamate al giorno. Ora è la volta di Microsoft Teams… che è già in fase di aggiornamento.

Non preoccupatevi … vi metteremo in contatto con il vostro team

Mentre le tecnologie dedicate alla collaborazione online possono evolversi a un ritmo vertiginoso, una cosa non ha bisogno di cambiare: il dispositivo audio di Jabra che connette le persone per consentire loro di usufruire di questa innovativa modalità professionale. Tutti gli auricolari e i viva voce certificati Jabra Skype for Business sono infatti già completamente compatibili con Microsoft Teams.

Quindi, anche se si è passati a Microsoft Teams –  o si valuta la cosa ma con la preoccupazione per la compatibilità dei dispositivi  – vi è l’assoluta certezza che i device audio Jabra offriranno all’utente la stessa straordinaria esperienza di cui ha goduto in passato. Potendo gestire facilmente le funzioni di “chiamata” e “riunione” di Microsoft Teams dal dispositivo, oltre a segnalare ai colleghi lo stato “occupato”, e a essere in grado di rispondere a una chiamata in arrivo mentre si modifica un documento o una presentazione; e molto altro ancora. E, naturalmente, approfittando di tutte le nuove funzionalità di collaborazione offerte da Teams.

Tutto ciò si traduce in maggiore produttività, vale a dire l’aspetto che realmente conta maggiormente in tema di business. Con Teams, Microsoft sta scommettendo su un nuovo strumento di collaborazione basato sul cloud.

La collaborazione online oltre le soluzioni “Voce” e “Video”

Con l’introduzione di Teams, Microsoft ha mostrato consapevolezza del fatto che le aziende che cercano di essere innovative, agili e produttive hanno bisogno di qualcosa di più delle semplici soluzioni “Voce” e “Video” per consentire ai dipendenti di collaborare in modo efficace. Hanno bisogno di un modo semplice per riunire persone, conversazioni, contenuti e strumenti, e mettere di conseguenza i lavoratori nella condizione di ottenere performance sempre migliori. Con Microsoft Teams, gli utenti possono gestire video chiamate audio e video, impostare appuntamenti, contrassegnare eventi, condividere e collaborare su file, creare gruppi e gestire senza problemi tantissime altre attività importanti.

Questo focus sulla creazione di uno spazio di lavoro veramente collaborativo fa riecheggiare un messaggio che Jabra veicola da diversi anni, in particolare attraverso l’iniziativa New Ways of Working, uno sforzo per aiutare le imprese ad aumentare la collaborazione, la produttività e la soddisfazione dei dipendenti. Il tutto in contemporanea.

Con la notizia che Microsoft ha incorporato il controllo delle chiamate nella piattaforma Teams, non c’è mai stato un momento migliore per sfruttare questo eccezionale strumento di collaborazione. E i dispositivi audio Jabra continuano a recitare un ruolo importante in questo innovativo scenario.

0 1372

Piccole, ma in rapida espansione. Le Software&Web Companies (S&W), analizzate da R&S Mediobanca, confermano una grande vitalità su tutti i fronti: un settore giovane e dinamico che, oltre a crescere di dimensioni e di ricavi, si caratterizza per buona redditività, solidità e liquidità finanziaria, nonché per la capacità di creare nuovi posti di lavoro. Le Software & Web Companies, di cui R&S Mediobanca ha tracciato l’identikit, sono 23 e coprono diversi ambiti applicativi: dall’internet services all’internet retailing, dai software products all’interactive entertainment software. 16 hanno sede negli USA, 4 sono cinesi, 2 giapponesi, mentre l’Europa – e la Germania nello specifico – vede una sola società. Rispetto alle multinazionali mondiali, le Software&Web Companies (S&W) sono ancora piccole, con una dimensione media pari 31,1 mld € (totale attivo tangibile) circa metà di quella dell’industria, ma, se si guarda al loro andamento dal 2009 al 2015, si vede che hanno triplicato le vendite e accresciuto di oltre il 135% l’occupazione, molto più di quanto fatto dalle multinazionali industriali nello stesso periodo. L’indagine completa è disponibile per il download sul sito www.mbres.it

Confermata la leadership di Amazon

Nel 2015, il giro d’affari delle Software & Web Companies ha raggiunto i 466,8 mld € segnando un +26% sul 2014 e addirittura un + 212% sul 2009 che equivale a una crescita media annua del 21%. Rispetto al 2014 si confermano le prime quattro posizioni per ricavi.Amazon mantiene la sua leadership con un fatturato di 98,3 mld € (+20,2% sul 2014 in valuta locale), davanti a Microsoft (86 mld €, +7,8%), Google (68,9 mld €, +13,6%) e Oracle (34 mld €, in flessione del 3,1%). Ma è una cinese ha realizzare la performance migliore: JD.com con ricavi a 25,7 mld €, in crescita del 57,6% conquista il 5°posto a discapito della tedesca SAP (+18,4%). Facebook con i suoi 16,5 mld € guadagna due posizioni e si aggiudica il 7° posto (+43,8%). Al contrario, la scissione di PayPal ha fatto precipitare eBay dalla 7°alla 14° posizione della graduatoria, così come Symantec che, dopo la cessione di Veritas alla Carlyle, vede i ricavi ridursi a 3,3 mld € (-44,7%), passando dal 14° posto del 2014 all’attuale 23esimo. Il primato di Amazon si ripropone anche dal punto di vista delle quote di mercato: il negozio online conquista il 21,1% del mercato, con una crescita di 9,7 punti percentuali rispetto al 2009. Pur mantenendo salda la seconda posizione con il 18,4% di quote di mercato, Microsoft subisce un ridimensionamento e perde ben 8,6 p.p., mentre Google, con il 14,7%, segna un +3,7 p.p. rispetto al 2009. Oltre a Microsoft perdono terreno Nintendo (0,8%; -6,4 p.p.) e Oracle (7,3%; -5 p.p.).

Microsoft, Google e Oracle i più grandi, ma tallonati dai cinesi

Anche nel 2015 Microsoft, Google e Oracle si confermano le società più grandi, con rispettivamente 141,9 mld €, 117,3 mld € e 66,7 mld € di totale attivo tangibile. I tre giganti statunitensi però registrano velocità di crescita differenti dal 2009: Microsoft +27% medio annuo, Google +34% e Oracle +26%. In quarta posizione Amazon.com (56 mld €) che cresce del +40,5%. Seguono le cinesi Tencent (41,2 mld €; +69,7%) e Alibaba Group (39,3 mld €; +78,3%), che guadagnano posizioni collocandosi rispettivamente al 5° e al 7° posto. Lo scenario del settore S&W si presenta quindi in rapida evoluzione, privilegiando il rafforzamento della Cina.

0 3948

Grazie all’ufficio stampa Microsoft abbiamo avuto la possibilità di provare il Surface 3, prodotto ibrido 2-in-1 dell’azienda di Redmond, per alcuni versi rivoluzionario: non è un tablet, non è un notebook, ha la pretesa di essere entrambe le cose. “Il tablet che sostituisce il tuo portatile”, si legge, infatti, sul sito dedicato.

Questa nuova versione differisce rispetto alle precedenti (e parliamo soprattutto del 3 Pro) per alcune caratteristiche, fra tutte un processore meno potente e dimensioni più contenute. Ma come si comporta il Surface 3 nell’uso quotidiano? Dopo averlo provato per oltre tre settimane siamo in grado di rispondere.

Confezione

All’interno della sua scatola troveremo, oltre al Surface, anche il carica batterie e cavo micro-USB. Tastiera e pennino sono invece vendute separatamente.

Costruzione, Ergonomia, Display

Il Surface 3 è costruito in lega di magnesio, il che rende il retro del dispositivo di un colore grigio opaco. Appare subito chiaro che ci troviamo di fronte ad un materiale resistente in grado di reggere eventuali piccoli urti. La sensazione, quindi, è quella di avere tra le mani un prodotto robusto. La linea e lo stile moderno ed elegante contribuiscono a collocarlo su un piano diverso rispetto a tanti altri tablet.

Sul lato sinistro sono presenti i tasti del volume e il tasto d’accensione; sul lato destro troveremo, centralmente, l’attacco per la tastiera, mentre in tutta la sua lunghezza (sempre sul lato destro) si troverà il cavalletto, che può assumere tre angolazioni diverse: 22, 44 e 60 gradi e che viene aperto grazie ad un angolo che si trova superiormente, sulla sinistra. Inferiormente troviamo il connettore per il caricabatteria, la porta USB 3.0, jack audio. Anteriormente, al centro del lato destro, è presente la fotocamera da 3,5 megapixel. Posteriormente, sullo stesso lato, quella da 8.

Lo schermo è da 10,8 pollici, quindi più piccolo rispetto ai 12 della versione Pro, con rapporto dimensionale di 3:2, simile ad un foglio A4. Questo, unito al peso di “soli”  622 grammi (contro gli 800 del Pro), e alle dimensioni più contenute (267 x 187 x 8,6 mm), sottolinea la volontà di Microsoft di creare qualcosa di vicino ad un notebook ma con dimensioni e peso più simili ad un tablet rispetto ad altri Surface. E dalla nostra esperienza possiamo affermare che è risultato molto comodo nell’utilizzo, anche grazie alla presenza delle diverse angolazioni del cavalletto.

Il display, IPS (1920×1280 pixel e 214 ppi), è brillante e Full HD. Buona anche la risoluzione. Stupisce come, con uno schermo simile, la batteria del Surface riesca a resistere anche più di un giorno con utilizzo intenso. Non è da tutti. L’audio è a dir poco incredibile, perfetto, Dolby.

Il processore Intel Atom x7-Z8700, quad-core da 1.6 GHz è la vera differenza con la versione Pro, dotato invece di un Intel Core i3, i5 o i7 a seconda delle versioni. Questo non garantisce sempre prestazioni elevate ed è stato causa, nella nostra esperienza, di alcuni rallentamenticrash delle applicazioni o del dispositivo. Anche la RAM, da 2 o 4 Gb (noi abbiamo provato la versione da 4), è inferiore ai 4 o agli 8 della versione Pro. La ridotta potenza è purtroppo forse il vero difetto di un prodotto altrimenti ottimo che, come abbiamo detto, garantisce grazie a peso e dimensioni il buon utilizzo come tablet, risultando però non completamente affidabile se utilizzato come un notebook da lavoro.

Il modello da noi provato è la versione con 64gb di memoria interna di cui disponibili 51.9, espandibile mediante microsd fino a 200Gb.

Fotocamera

La qualità delle foto scattate con la fotocamera posteriore da 8 megapixel, senza flash led, è buona ma non eccelsa. Essendo questo un tablet-pc, mal si adatta la sua fotocamera a catturare panorami e paesaggi, com’è possibile invece con un buono smartphone. La apprezzerete invece molto di più quando vi verrà il desiderio di utilizzare il suo pennino per disegnare, potendo infatti ricalcare una foto fatta direttamente dal Surface.

La fotocamera anteriore, da 3.5 megapixel, è discreta e consente di videochiamare senza problemi tramite Skype preinstallato.

Software

Il Surface 3 monta Windows 10 nativo, ultima versione del sistema operativo made in Microsoft, che con i suoi piccoli difetti legati probabilmente alla sua immaturità contribuisce a creare l’opinione che si può avere su questo ibrido. Abbiamo già parlato dei rallentamenti e dei crash e cioè della chiusura inaspettata di alcune applicazioni, tra le quali anche native. Se questi, da una parte, sono attribuibili al processore, dall’altra siamo sicuri potrebbero essere ridotti grazie ad un software maggiormente stabile, rendendo l’esperienza utente molto più piacevole e soprattutto rendendo questo tablet un notebook su cui poter contare. Da notare ancora, sul lato software, la possibilità di passare dalla modalità desktop a quella tablet e viceversa con un click sul menù notifiche.

Autonomia

La batteria del Surface 3 sorprende: nonostante l’ottimo display, si è in grado di arrivare a fine giornata senza difficoltà anche sotto stress. Un uso poco intenso consente di raggiungere tranquillamente anche due o tre giorni di utilizzo senza bisogno di ricarica. Ed è sicuramente un punto di forza.

Tastiera e Pennino

Un paragrafo a parte meritano questi due accessori. Venduti separatamente, quindi non presenti nella confezione del tablet, la tastiera al costo di 154,90€ (disponibile in tre colori: rosso, azzurro ciano e nero) e il pennino al costo di 69,90€ (disponibile in argento, nero e blu scuro e compatibile anche con Surface Pro 3, Surface Pro 4) si sono rivelati indispensabili per poter godere appieno di ciò che il Surface 3 offre: senza questi cade tutta la filosofia del 2-in-1 sulla cui base Microsoft ha costruito questo prodotto.

La tastiera retroilluminata, dotata di attacco magnetico al lato lungo del tablet che rende la procedura di aggancio immediata e facilissima, molto sottile (appena 4mm) ma che garantisce una scrittura rapida e precisa, è imprescindibile se si decide di utilizzare il tablet anche come notebook. In ambiente desktop, infatti, è scomodissimo far comparire la tastiera a schermo che copre quasi la metà del programma che stiamo utilizzando ed è altrettanto scomodo scrivere sullo schermo stesso.

Il pennino, molto preciso e dotato di un pulsante all’apice per far partire immediatamente OneNote consentendo di scrivere note velocemente e due pulsanti vicini all’impugnatura del pollice in grado di selezionare o cancellare elementi, oltre a consentire un utilizzo tablet più immediato, rende il Surface 3 anche una tavoletta grafica. Lo si può usare con OneNote stesso ma è con FreshPaint che è possibile dar sfogo alla fantasia, creando disegni che senza di esso sarebbero irrealizzabili. E’ dotato infatti di 256 livelli di sensibilità alla pressione e presenta la tecnologia Palm Block che come suggerisce il nome stesso consente di impedire al palmo della nostra mano di dare input di scrittura quando è appoggiato allo schermo. Potremo quindi scrivere e disegnare come su un foglio di carta, senza dover necessariamente tenere il polso sollevato per utilizzare il pennino.

Qual è, però, il difetto di questi accessori? Senz’altro il costo, non basso, e considerando che non rappresentano, almeno per noi, degli optional di cui si può anche fare a meno come suggerirebbe il loro esser venduti separatamente, pennino e tastiera fanno lievitare il prezzo del Surface 3, che dai 609,90€ per la versione a 64 Gb e 2 Gb di RAM e dai 729,90€ per quella a 128 Gb e 4 Gb di RAM raggiunge rispettivamente gli 834,70€ e i 954,70€.

Conclusioni

Il Microsoft Surface 3 è un ottimo prodotto se paragonato a molti altri tablet, ma se lo si vuole usare come un 2-in-1, scopo per cui è stato progettato, allora pecca per quelle criticità che abbiamo messo in evidenza e che si possono riassumere nella non ancora completa affidabilità del sistema operativo e nella ridotta potenza dell’hardware. Va inoltre messo in evidenza il costo, probabilmente alto per un prodotto del genere, specie se si ha intenzione di acquistare contemporaneamente anche il pennino e la tastiera.

In conclusione possiamo dire che se volete acquistare un tablet che possa sostituire il vostro portatile, considerate l’idea di acquistare versioni superiori, specie se utilizzate il notebook per lavoro. Se invece l’utilizzo è maggiormente ludico, se volete un ottimo tablet da trasportare ovunque voi andiate con facilità perché non molto pesante e non ingombrante, con schermo brillante, ottima autonomia e audio eccezionale, se siete artisti, grafici o semplicemente vi dilettate nell’arte del disegno e volete un tablet che funga anche da tavoletta grafica (e se non vi siete lasciati spaventare dal costo) allora prendete in considerazione l’acquisto del Surface 3.

Caratteristiche e specifiche

– Display: 10,8?; 1920×1280 pixel, Full HD, Multi-Touch a 10 punti
– Fotocamera: 8 MP con messa a fuoco automatica, fotocamera frontale da 3.5 MP
– Processore: Intel Atom x7-Z8700, quad-core da 1.6 GHz,
– Memoria: 64 o 128GB di memoria interna espandibile tramite micro sd fino a 200GB, 2 o 4 GB RAM
– Dimensioni / peso: 267 x 187 x 8,6 mm, peso 622g.
– Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.0 LE
– Sistema operativo: Windows 10. 1 anno di Office 365 Personal gratuito con spazio di archiviazione su OneDrive.
– Porte: Porta USB 3.0 full-size, porta Mini Display, lettore di schede microSD, porta di ricarica MICRO USB, Jack per cuffie
– Sensori: Sensore di luce ambientale, sensore di prossimità, Accelerometro, Giroscopio, Magnetometro.

Costruzione / Ergonomia
10/10
Hardware
7/10
Materiali
10/10
Display
10/10
Fotocamera
7/10
Software
8/10
Autonomia
10/10
Prezzo
7/10
Qualità / Prezzo
6/10

Grazie all’ufficio stampa Microsoft abbiamo in prova un Surface 3, prodotto 2-in-1, con relativa tastiera e pennino. Essendo questa una preview, andiamo a vedere come si presenta all’interno della sua confezione di vendita.

Confezione

All’interno della sua scatola troveremo, oltre al Surface, anche un piccolo scatolino con dentro caricabatterie e cavo  micro-USB. Tastiera e pennino sono vendute a parte.

Primo impatto

Il Surface 3 è costruito in lega di magnesio, il che rende il retro del dispositivo di un colore grigio opaco. Appare subito chiaro che ci troviamo di fronte ad un materiale resistente in grado di reggere eventuali piccoli urti. La sensazione, quindi, è quella di avere tra le mani un prodotto robusto.

Il Surface 3 si presenta con una linea e uno stile moderno che contribuiscono a collocarlo su un piano diverso rispetto a tanti altri tablet. Sul retro è dotato di un cavalletto che può assumere tre angolazioni diverse: 22, 44 e 60 gradi. Lo schermo è da 10,8 pollici (a differenza dei 12 della versione Pro) 1920×1280 (214 ppi), multitouch e con rapporto dimensionale di 3:2, quindi più simile ad un A4 sebbene più piccolo. Il peso è di 622 grammi, a differenza degli 800 della versione Pro.

Il Surface 3 monta un processore Intel Atom x7-Z8700, quad-core da 1.6 GHz, vera differenza con la versione Pro, dotato invece di un Intel Core i3, i5 o i7 a seconda delle versioni. Questo diverso processore non garantisce sempre prestazioni elevate ed è stato causa di qualche rallentamento o crash. Anche la RAM, da 2 o 4 Gb, è inferiore ai 4 o 8 Gb della versione Pro. La memoria interna può essere da 64 o 128, espandibile mediante microsd fino a 200Gb.

E’ presente un’ottima fotocamera da 8mpx ed una frontale da 3,5, una presa USB 3.0 e due speaker laterali.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 10,8?; 1920×1280 pixel

Fotocamera: 8 MP, fotocamera frontale da 3.5 MP
Processore: Intel Atom x7-Z8700, quad-core da 1.6 GHz,
Memoria: 64 o 128GB di memoria interna espandibile tramite micro sd fino a 200GB, 2 o 4 GB RAM
Dimensioni / peso: 267 x 187 x 8,6 mm, peso 622g.
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac e Bluetooth 4.0 LE
Sistema operativo: Windows 10

0 3088

Aggiornato 28/08/2015. Dopo un immagine che ne “ricostruiva” l’aspetto e alcune foto del prototipo è il momento di vedere il modello reale in foto e un credibile render del phablet Lumia Cityman (950XL o 940XL) ma anche dello smartphone Lumia Talkman (950 o 940), i due prossimi top Microsoft che debutteranno con Windows 10 Mobile durante un Evento che secondo gli ultimi rumor si svolgerà il 19 Ottobre a New York.

Se la foto, in copertina, del Lumia 950XL non permette più di tanto di apprezzarne il design, ma svela forse l’accessorio (Munchkin) che permetterà di collegarlo a Monitor, tastiera e mouse per Continumm, i render ne mostrano sia quello frontale che posteriore che laterale mostrandosi estremamente simile a quello “ricostruito” (anche se meno spigoloso) anche in dettagli come l’anello argento da 1mm dentro la circonferenza del pod nero della fotocamera, fori nel posteriore e numero dei bottoni laterali in Alluminio.

lumia-950-xl-render

  • Corpo in policarbonato bianco o nero opaco + blu ciano secondo evleaks
  • Display OLED 5.7 pollici WQHD (1440×2560)
  • Snapdragon 810, 64-bit Octa core
  • Iris scanner (infrarosso) per Windows Hello
  • 3 GB di RAM
  • 32GB di storage interno con slot microSD
  • Fotocamera posteriore PureView da 20MP con triplo flash LED
  • Fotocamera frontale da 5MP Wide-angle
  • Bottoni laterali in Alluminio
  • Batteria rimovibile da 3300 mAh
  • Ricarica wireless Qi integrata
  • USB Type-C

IL secondo render mostra invece il Lumia 950 simile al fratello maggiore nel frontale e nella presenza della sporgenza per la fotocamera, sempre con flash triLED, ma con quest’ultima circondata da un generoso anello che sembreerbbe essere in metallo.

lumia-950-render

  • Corpo in policarbonato bianco o nero opaco + blu ciano secondo evleaks
  • Display OLED 5.2 pollici WQHD (1440×2560)
  • Snapdragon 808, 64-bit Hexa core
  • Iris scanner (infrarosso) per Windows Hello
  • 3 GB di RAM
  • 32GB di storage interno con slot microSD
  • Fotocamera posteriore PureView da 20MP
  • Fotocamera frontale da 5MP Wide-angle
  • Batteria rimovibile da 3000 mAh
  • Ricarica wireless Qi con flip cover
  • USB Type-C

Aggiornamento 28/08/2015. Sono trapelati altri due render del Talkman che ne rivelano nuovi dettagli. Il primo lo mostra in bianco indicando presenza e collocazione di 4 microfoni mentre il secondo di nuovo con la livrea nero ma accompagnato dalle sue dimensioni 145.6 x 73.4 x 9 mm, e quindi più alto e più largo ma più sottile di quasi 1 mm rispetto al Lumia 930 (137 x 71 x 9.8 mm) che ha però uno schermo più piccolo.

0 3070

Da ormai tre mesi si parla dei prossimi top Microsoft in arrivo con Windows 10 Mobile e da un paio sappiamo i nomi in codici Lumia Talkman e Cityman e abbiamo poi scoperto i possibili nomi Lumia 950 e Lumia 950 XL.
Dopo una dettagliata serie di conferme su design e caratteristiche, finalmente numerose foto del phablet Lumia 950 XL sono apparsi on-line nei forum WPXAP, anche se si tratta solo del suo prototipo.

Le foto, la cui autenticità è confermata dall’affidabile Windows Central, sono di qualità decente e anche se mostrano il dispositivo da alcuni angoli e per di più in una custodia protettiva, per mascherare il suo design definitivo, forniscono conferme su alcuni caratteristiche e sulle specifiche.
Un immagine rielaborata cerca di comunque di immaginarne il design.

Frontalmente il corpo che dovrebbe essere in policarbonato non integra i tasti soft touch sostituiti da quelli a schermo, che sarà un AMOLED da 5,7 pollici WQHD.
Viene confermata anche la protuberanza circolare che racchiude la fotocamera posteriore da 20 MP e il flash a triplo LED (giallo e nero) insieme alla porta USB Type-C sul fondo.

In termini software possiamo vedere che il phablet monta la build 10240 di Windows 10 Mobile, e ha anche una prima build di Continuum for phone. È interessante notare che le impostazioni della fotocamera confermano che questo telefono potrà registrare in FullHD a 120FPS, qualcosa che molte persone chiedevano da tempo da tempo.

Microsoft dovrebbe rivelare di più su Talkman e Cityman in un evento a Ottobre, probabilmente a New York City. Insieme a questi telefoni dovrebbero essere rivelati anche il Surface Pro 4, la Microsoft Band 2 e Windows 10 Wave 2.

Lumia-950-info

Cityman (Lumia 950 XL)

  • Corpo in policarbonato bianco o nero opaco + blu ciano secondo evleaks
  • Display OLED 5.7 pollici WQHD (1440×2560)
  • Snapdragon 810, 64-bit Octa core
  • Iris scanner (infrarosso) per Windows Hello
  • 3 GB di RAM
  • 32GB di storage interno con slot microSD
  • Fotocamera posteriore PureView da 20MP con triplo flash LED
  • Fotocamera frontale da 5MP Wide-angle
  • Anello argento da 1mm dentro la circonferenza del pod nero della fotocamera
  • Bottoni laterali in Alluminio
  • Batteria rimovibile da 3300 mAh
  • Ricarica wireless Qi integrata
  • USB Type-C

0 3317

Microsoft sta lavorando duramente su Windows 10, l’OS che può rappresentare la svolta perchè quello della convergenza, ma se la versione desktop potrà contare su una base di PC fissi e desktop notevole, quella Mobile non potrà contare su numeri minimamente paragonabili e per affermarsi avrà bisogno che si vendano nuovi dispositivi.

Se i grandi numeri li fanno i modelli di fascia bassa e media non possono mancare però Top di gamma all’altezza per dare visibilità e prestigio a tutta la piattaforma. E’ quindi normale la curiosità nei confronti dei due top, Lumia 950 e 950 XL, con i quali esordirà il nuovo OS e sui quali sono emersi nelle scorse ore nuovi dettagli. Da un’altra fonte sono anche emerse le specifiche per i fascia media e bassa Lumia 850, 750 e 550.

Design

A permetterci di iniziare ad assaporare l’aspetto del Cityman (Lumia 950 XL) ci aiuta il render fatto da Windows Central basato secondo quanto detto da una combinazione di documentazione interna di Microsoft comprensiva di immagini e specifiche, vista personalmente dall’articolista, testimonianze di loro fonti che lo hanno visto ed esaminato di persona.

La fonte ha riportato in particolare che il dispositivo è molto sottile (7-8mm) e leggero, ha una grande batteria rimovibile, la più sottile che abbia mai visto, è “Sexy come l’inferno”, sembra una combinazione del Verizon Lumia 928 e Lumia 830 (alloggio fotocamera), è completamente squadrato, il vetro anteriore copre tutto il fronte, il display non è curvo, i tasti volume sono separati da pulsante di accensione ed è presebte il tasto dedicato per la fotocamera.

Caratteristiche e Specifiche

Entrambi i telefoni avranno uno scanner dell’iride per sbloccare i dispositivi. Questo hardware è parte della funzionalità di Windows Hello in Windows 10, e l’esperienza dovrebbe risultare in meno di un secondo per sbloccare il dispositivo.

Tuttavia sembra che questa funzionalità potrebbe non funzionare ancora quando i dispositivi saranno commercializzati. Invece, entrambi i telefoni avranno bisogno di un aggiornamento del software che potrebbe arrivare un mese o due dopo il rilascio.

Talkman (Lumia 950)

  • Corpo in policarbonato bianco o nero opaco + blu ciano secondo evleaks
  • Display OLED 5.2 pollici WQHD (1440×2560)
  • Snapdragon 808, 64-bit Hexa core
  • Iris scanner (infrarosso) per Windows Hello
  • 3 GB di RAM
  • 32GB di storage interno con slot microSD
  • Fotocamera posteriore PureView da 20MP
  • Fotocamera frontale da 5MP Wide-angle
  • Batteria rimovibile da 3000 mAh
  • Ricarica wireless Qi con flip cover
  • USB Type-C

Cityman (Lumia 950 XL)

  • Corpo in policarbonato bianco o nero opaco + blu ciano secondo evleaks
  • Display OLED 5.7 pollici WQHD (1440×2560)
  • Snapdragon 810, 64-bit Octa core
  • Iris scanner (infrarosso) per Windows Hello
  • 3 GB di RAM
  • 32GB di storage interno con slot microSD
  • Fotocamera posteriore PureView da 20MP con triplo flash LED
  • Fotocamera frontale da 5MP Wide-angle
  • Anello argento da 1mm dentro la circonferenza del pod nero della fotocamera
  • Bottoni laterali in Alluminio
  • Batteria rimovibile da 3300 mAh
  • Ricarica wireless Qi integrata
  • USB Type-C
Accessori

Il Lumia Cityman aka Lumia 940/950 XL opzionalmente avrà una Surface Pen e Smart cover. Questi non saranno venduti con il dispositivo, ma come extra. La Surface Pen sembra sostanzialmente la stessa della corrente Surface Pen argento disponibile per il Surface Pro 3.

La Smart Cover ricorda molto quella uscita con l’ASUS ZenFone 2. Ha una grande area trasparente circolare per vedere le chiamate e le notifiche per essere visualizzato e la penna può agganciare ad essa. Il caso è disponibile in nero, argento / bianco o marrone.

Un altro accessorio opzionale, nome in codice di Munchkin, è una docking station con USB e display port in grado di connettersi a questi telefoni tramite USB Type-C. Questo accessorio farà si che il telefono utilizzerà la funzione Continuum per proiettare su uno schermo del computer con il mouse e il supporto della tastiera.
Il prezzo riportato per questo accessorio è di 99$.

Tempi di Uscita

Sembra assai probabile che entrambi saranno presentati al pubblico in occasione della conferenza all’IFA di Berlino all’inizio di Settembre. Le vendite effettive degli smartphone probabilmente inizierà nel lasso di tempo di Ottobre / Novembre. Tuttavia, Talkman (la versione non-XL) sarà probabilmente messa in vendita per prima con la variante XL che arriverà un paio di settimane più tardi.

Lumia 850, 750 e 550

Microsoft-6-new-phones-01

Il 20 giugno, Evan Blass alias Evleaks aveva twittato su numerosi altri Lumia in lavorazione da parte di Microsoft, i cui nomi in codice sono stati rivelati come Guilin, Honjo, Saana, e Saimaa.

Seonco Windows Central i nomi in codice sono accurati e i dispositivi sono stati effettivamente progettati, ma successivamente tre su quattro di questi sono stati cancellati da Microsoft, in particolare Honjo, Saana, e Guilin. Il taglio è stato probabilmente correlato all’annuncio di CEO di Microsoft Satya Nadella sulla loro ristrutturazione e rifocalizzazione su hardware Windows Phone.

Questa dovrebbe portare al lancio infatti di fino a un massimo di due dispositivi all’anno, un paio per ogni fascia. Ieri, WMPoweruser aveva riferito le presunte specifiche per il Lumia 850, 750 e 550 e anche ammesso l’autenticità di quelle specifiche, questi sarebbero secondo Windows Central proprio i cancellati Honjo, Saana, e Guilin.

Tuttavia, questo lascia il dispositivo Lumia nome in codice Saimaa ancora previsto. Anche se le specifiche esatteper questo dispositivo non sono ancora note, si tratta di un successore del Lumia 6xx e fa parte dei dispositivi budget. L’uscita per questo telefono non è ancora finalizzata, anche se è considerato un progetto FY16.

0 2205

I prossimi top Microsoft che esordiranno con Windows 10 Mobile i cui nomi in codici Talkman e Cityman conosciamo ormai da un paio di mesi si pensava, o filtrava, si potessero chiamare Lumia 940 e 940 XL ma secondo alcune indiscrezioni i nomi commerciali potrebbe essere Lumia 950 e Lumia 950 XL.

Una scelta che apparirebbe in linea con quello successo quando Microsoft ha saltato il nome Windows 9 e tutto sommato logico condiderando la numerazione x40 già usata sul (640 e 640 XL) e quindi dalla quale voler tracciare un solco per sottolineare la natura della nuova generazione, la prima che nasce con il nuovo Windows 10 Mobile.

A fianco al nome vengono riportate anche alcune informazioni sui due dispositivi con delle parziali schede tecniche in parte coincidenti con le precedentemente emerse. I due dispositivi sarebbero caratterizzati da un sottile corpo in metallo e dalla presenza USB-C con supporto alla modalità Continuum. Continua l’altalena sulla risoluzione dello scherma da 5.2 pollici FullHD in alcuni rumor e QHD in altri come questo.

Talkman (Microsoft Lumia 950)Cityman (Microsoft Lumia 950 XL)
  • 5.2 inch 2K resolution screen
  • Qualcomm Snapdragon six-core processor (Snapdragon 808)
  • 3GB Memory
  • 32GB built-in memory, support for microSD expansion
  • 20-megapixel rear camera
  • 5 megapixel front camera
  • 3000 mAh removable battery
  • USB Type-C
  • Support Continuum via accessory cable (not supplied)
  • Full Metal slim unibody
  • 5.7 inch 2K resolution screen
  • Qualcomm Snapdragon eight-core processor (Snapdragon 810)
  • 3GB Memory
  • 32GB built-in memory, support for microSD expansion
  • 20-megapixel rear camera, three LED flash
  • 5 megapixel front camera
  • 3300 mAh removable battery
  • USB Type-C
  • Support Continuum via accessory cable (not supplied)
  • Full Metal slim unibody

0 1891

#UpgradeYourWorld è l’iniziativa lanciata in concomitanza con l’arrivo di Windows 10 per celebrare chi tutti i giorni ispira e crea nuove opportunità per gli altri, a conferma della volontà di Microsoft di aiutare le persone e le organizzazioni ad ottenere sempre di più attraverso la tecnologia.

Attraverso #UpgradeYourWorld, Microsoft supporterà 10 organizzazioni non profit internazionali e 100 locali per un anno, aiutandole con un investimento pari a 100 milioni di dollari che servirà a promuovere alcuni progetti specifici e a sensibilizzare l’opinione pubblica attorno alle loro attività.

Tra le organizzazioni non profit internazionali che parteciperanno all’iniziativa ci sono CARE, Code.org, Keep a Child Alive, Malala Fund, Pencils of Promise, Save the Children, Special Olympics, The Global Poverty Project e The Nature Conservancy.

Microsoft lavorerà a stretto contatto con ogni organizzazione per sviluppare progetti volti a migliorare il mondo attraverso un mix di tecnologia, investimenti e sviluppo di campagne dedicate per rendere le persone più consapevoli del loro operato.

A partire dal 29 Luglio, inoltre, Microsoft insieme ai suoi partner inviteranno le persone in tutto il mondo a nominare una decima organizzazione non profit affinchè possa prendere parte all’iniziativa  #UpgradeYourWorld.

Oltre alle non profit globali, Microsoft selezionerà ulteriori 100 organizzazioni non profit locali che riceveranno gli investimenti monetari e la tecnologia necessari per ampliare le proprie attività a beneficio della comunità locale.

Nel corso dell’anno infine, i dipendenti Microsoft potranno scegliere di svolgere una giornata in più di volontariato in favore dell’organizzazione non profit a loro più vicina: migliaia di persone hanno già deciso di sfruttare quest’opportunità il 29 Luglio per celebrare l’arrivo di Windows 10.

Maggiori informazioni su come partecipare a #UpgradeYourWorld sono disponibili alla pagina http://microsoft.com/upgradeyourworld.

 

0 2168

Se sa una parte si avvicina l’esordio di Windows 10 per la sua variante Mobile ci sarà come sappiamo da aspettare l’autunno e con essa l’esordio dei prossimi top di gamma Lumia, l’attenzione sui quali si sta mantenendo grazie al susseguirsi di rumor. Nelle scorse ore somno trapelati più particolari trapelato sui presunti Lumia 940 e 940 XL.

Le specifiche trapelate sono sostanzialmente le stesse precedentemente “confermate” dai bench, ma anche il solo rumoreggiato Iris scanner presente su entrambi.
La caratteristica che spicca è che le nuove ammiraglie di Microsoft avranno una costruzione in policarbonato, che è una scelta che sta diventando sempre più inusuale, con i top attuali quasi universalmente in metallo.

Questa scelta è particolarmente lascia ancoor più perplessi tenendo conto della successiva rivelazione, ovvero che i dispositivi avranno un prezzo superiore al Samsung Galaxy S6 e iPhone 6. Si tratta probabilmente di un prezzo che i veri appassionati di Windows Phone saranno disposti a pagare, anche in ottica dell’ecosistema Microsoft, ma il sospetto è che tale prezzo impedirà un volume di vendite significativo.

La fonte riporta anche che il portatile supporterà Continuum, per trasformarlo in una sorta di PC, e che Microsoft rilascerà allo scopo un adattatore nei primi mesi del 2016 a un prezzo di ben 100 euro che consentirà tale funzionalità. I di conferme o smentite Riportiamo di seguito le specifiche complessive emerse che saranno confermate o smentite concertezza solo al rilascio, forse a Novembre di quest’anno.

Lumia 940Lumia 940 XL
– Display: 5.2″ full HD (1920 × 1080)
– SoC: Snapdragon 808
– Ram: 3GB
– Storage: 32GB + slot SD Card
– Fotocamera posteriore: 20 megapixel PureView con Triple LED flash
– Fotocamera frontale: 5 megapixel
– Costruzione: policarbonato
– Altro: Iris Scanner
– Display: 5.7″  quad HD (2560 × 1440)
– SoC: Snapdragon 810
– Ram: 3GB
– Storage: 32GB + slot SD Card
– Fotocamera posteriore: 20 megapixel PureView con Triple LED flash
– Fotocamera frontale: 5 megapixel
– Costruzione: policarbonato
– Altro: Iris Scanner

0 2146

Microsoft sta subendo alcuni cambiamenti importanti, iniziati con l’acquisizione di Nokia e il licenziamento di 7.800 dipendenti. Il business di Nokia Devices and Services era ovviamente un fallimento ed è diventato rapidamente un peso.

La ristrutturazione comprende che il Vice Presidente Esecutivo di Microsoft del Windows and Devices Group Terry Myerson diventi il capo dell’intera divisione Microsoft Devices. Ciò significa che Microsoft sta unendo i suoi business Windows, phone (Lumia), tablet (Surface), console (Xbox), HoloLens, e Band sotto un’unica divisione Devices. Questo dovrebbe aiutare i team Microsoft di programmazione e ingegnerizzazione a lavorare più da vicino e meglio sui prodotti futuri.

Il CEO di Microsoft Satya Nadella l’altro giorno ha annunciato tutte queste modifiche, ma non ha fatto luce sui piani della società sulla serie Lumia. Eppure, Bloomberg ha ricevuto da una fonte anonima di Microsoft alcuni interessanti dettagli sui piani Lumia.

A quanto pare Microsoft avrà un nuovo approccio con gli smartphone Lumia, in qualche modo simile alla pianificazione del rilascio di Apple. Microsoft dividerà i telefoni in tre diverse categorie: “flagship”, “business” e “value”. Ogni anno Microsoft lancerà “uno o due modelli” per ogni categoria, per un totale quindi di fino a sei dispostivi all’anno.

Questi cambiamenti che non sono immediati e probabilmente entreranno in vigore il prossimo anno, avendo quest’anno Microsoft già rilasciato una pletora di telefoni e svelerà un Top Windows 10 Mobile questo autunno, dovrebbe aiutare produttore a concentrarsi su determinate caratteristiche e fornire un’esperienza unica e soddisfacente per ogni modello.

La conferma di questa nuova strategia è venuta nelle scorse ore anche dal famoso leaker Evan Blass, aka @eveleaks che pochi giorni che l’altro giorno aveva parlato anche dell’arrivo di un Lumia, il primo, con flash frontale per selfie in ogni condizione di luce, seguendo così il trend di altri produttori che lo hanno già fatto, tra gli ultimi anche Samsung.

Microsoft-6-Lumia-one-with-front-flash

0 2026

Microsoft Lumia svela il progetto Seven Natural Wonders of the World Series con National Geographic nato dal mix di esperienza e passione che caratterizza il lavoro di Stephen Alvarez, fotografo ufficiale di National Geographic e ambasciatore dei device Microsoft Lumia , che per due anni ha girato il mondo alla scoperta di 7 luoghi incantevoli per poi immortalarli con la fotocamera degli smartphone Microsoft Lumia.

Stephen Alvarez, fotografo pluripremiato, è conosciuto per la sua capacità di raccontare storie e avventure attraverso immagini uniche e affascinanti; nel video la voce e le immagini di Alvarez ci portano in cima a vulcani innevati, ci affascinano con la luce dell’alba in una terra arsa dal sole fino a scoprire la cultura millenaria del Messico, meta del suo ultimo viaggio.

Il percorso di Stephen Alvarez continuerà con le due ultime sfide da cogliere: la Grande Barriera Corallina e l’Aurora Boreale. È possibile seguire il percorso già fatto e quello che seguirà sul sito http://www.nationalgeographic.com/microsoft/sevenwonders/

IL VULCANO PARICUTIN

Le spettacolari immagini del vulcano Parìcutin http://www.nationalgeographic.com/microsoft/paricutin/index.html , rappresentano la quinta tappa del progetto Seven Natural Wonders of the World Series. Per 11 giorni il fotografo e la sua troupe hanno esplorato il cerchio di fuoco messicano per scoprire la storia di un luogo magico, pieno di cultura e natura. Stephen, grazie al Microsoft Lumia 640 XL, ha catturato scorci unici e trasmesso l’anima e la forza vitale delle popolazioni, parte integrante del paesaggio, cogliendone le sfumature di colori così come quelle dell’emozioni.

VICTORIA FALLS

L’imponente cascata d’acqua delle Vitoria Falls ha rappresentato una vera sfida per il fotografo: scattare delle foto originali in un luogo fotografato da milioni di persone. Raggiungendo il punto in cui il corso del fiume si conclude con una caduta di 108 metri in una gola di soli 80 metri, il fotografo è riuscito a cogliere, grazie alla qualità offerta da Microsoft Lumia, la meraviglia di questo luogo maestoso in una collezione di foto affascinanti. http://www.nationalgeographic.com/microsoft/victoriafalls/index.html

L’EVEREST

La terza tappa di questo incredibile viaggio ha portato il fotografo dalle mille luci di Rio de Janeiro al silenzio e alla pace del monte Everest, dove i device Microsoft Lumia hanno restituito foto di altissima qualità e luminosità. Stephen ha potuto cogliere appieno l’efficienza e l’eccellenza degli smartphone Microsoft Lumia, che permettono, anche in condizioni estreme, di creare dei file di alta qualità anche senza pc. Il Microsoft Lumia ha accompagnato il fotografo in ogni situazione, anche quella più avversa, permettendo di scattare foto capaci di trasmettere stati d’animo e sensazioni mai provate.

http://www.nationalgeographic.com/microsoft/everest/

RIO DE JANEIRO

Dalla natura alla città, la seconda tappa ha portato Stephen e il suo Microsoft Lumia nella radiosa e colorata Rio de Janeiro, dove è riuscito a catturare una cultura entusiasta e piena di vita. La gallery offre colori, musiche e sorrisi che permettono di scoprire l’anima della più famosa città brasiliana. http://www.nationalgeographic.com/microsoft/rio/main.html

GRAND CANYON

La prima tappa del progetto è stata il Grand Canyon, perla degli Stati Uniti occidentali, che ha portato il fotografo a percorrere lunghe distanze e osservare panorami iconici, tutti catturati attraverso gli smartphone Microsoft Lumia. Montagne, parchi naturali e avventure sono state raccolte in una elettrizzante gallery.

http://www.nationalgeographic.com/microsoft/americanwest/main.html

0 2248

L’arrivo di Windows 10 si avvicina e mentre da tempo si sapeva che avrebbero potuto aggiornare gratis i possessori di un Windows 7 e 8.1 ma solo se autentico un post sul blog ufficiale Microsoft sembrava aver acceso la speranza anche in chi non aveva una copia autentica, o di un Windows precedente o di altro OS. L’unico requisito era aver aderito al programma di test Insider Preview, ma sembrerebbe che non sia così o forse sì…

Il post sul blog di Microsoft di Venerdì scorso infatti offriva qualche informazione in più su come i membri del programma di Windows Insider possono ottenere la versione finale RTM di Windows 10. Da allora però questo è stato modificato, ma le modifiche hanno pù creato confusione che chiarire il tutto.

Ecco ciò che il paragrafo, scritto dal capo di Windows Insider Gabriel Aul, originariamente ha dichiarato:

Ho ricevuto un sacco di domande dagli Insiders di Windows su come questo funziona se hanno fatta una installazione pulita da ISO. Finché si esegue una build Insider Preview e si è collegati con l’MSA (Microsoft Account) che hai usato per la registrazione, si riceverà la build final release di Windows 10 che rimarrà attiva. Dopo aver installato con successo questa build e averla attivata, si sarà anche in grado dirimuoverla dal PC, se si vuole ricominciare con un installazione pulita.

Dopo la modifica di quel post il punto è cambiato. Ecco come si presenta ora:

Ho ricevuto un sacco di domande dagli Insiders di Windows su come questo funziona se hanno fatta una installazione pulita da ISO. Finché si esegue una build Insider Preview e si è collegati con l’MSA (Microsoft Account) che hai usato per la registrazione, si riceverà la build final release di Windows 10. Dopo aver installato con successo questa build, si sarà anche in grado di rimuoverla dal PC, se si vuole ricominciare con un installazione pulita E’ importante notare che solo le persone come installati un Windows 7 o Windows 8.1 autentico possono aggiornare a Windows 10, come parte dell’offerta aggiornamento gratuito.

Le parti rimosse sono le frasi “che rimarrà attiva” e “averla attivata”. Microsoft utilizza questi termini rivolgendosi a copie originali del sistema operativo di Windows. Con la loro rimozione le domande sulle licenze legittime rimangono. In realtà, la parola ‘licenza’ non è mai menzionata nel blog Microsoft, il che si aggiunge alla confusione.

La prima versione sembrava quindi offrire un modo per chiunque di ottenere una copia gratuita di Windows 10, indipendentemente dal fatto che avessero una copia legale di Windows 7 o 8.1 installato sul proprio PC. Tuttavia, i nuovi stati di paragrafo che gli insider di Windows possono utilizzare una generazione ISO pulito per ottenere Windows 10 se il PC ha un MSA collegato. Questo, però, è vero solo se hanno una versione originale di Windows 7 o 8.1 installato, il che sembrerebbe essere in contrasto con il piano di ISO pulito.

Dopo che il paragrafo è stato modificato, tramite Twitter è stato di nuovo chiesto a Aul se restano attivi gli Insiders Windows che installeranno Windows 10 da zero tramite un ISO quando la versione finale RTM verrà rilasciato ha ribadito:

Sì, a patto che si abbia installata una build non definitiva connessa con un MSA registrato (Microsoft Account)

Nelle scorse ore Microsoft sempre attraverso Gabriel Aul che scusandosi per la confusione generata sembra aver finalmente chiarito in modo esaustivo la questione specificando che quando Windows 10 sarà rilasciato si verrà messi di fronte a due alternative:

  • Se si desidererà continuare a far parte del programma Insider di Windows, continuando a ricevere build sul circuito fast o slow ring, non si sarà nulla da fare. Rimmarrà sostanzialmente un software pre-release ogni build verrà attivato con una chiave non definitiva soggetta a scandenza ma prima che questo avvenga riceverete una nuova build. Microsoft fornirà ISO per queste build per il recupero da problemi significativi, ma si tratterà sempre di software pre-release. Come parte del programma gli Insiders riceveranno comunque quella che è a tutti gli effetti la stessa build che gli altri clienti avranno a il 29/7, ma sarà solo un altra build degli insider, e chi rimane nel programma in questione ottenrrà semplicemente anche lesuccessive build.
  • Se si deciderà di uscire dal programma e aggiornando alla build del 29/7 si sarà soggetti a esattamente gli stessi termini e condizioni che regolano l’offerta che è stata estesa a tutti i clienti di Windows 7 e 8.1 originali. Non esiste un modo per ottenere una licenza per i sistemi Windows XP o Windows Vista. Se il sistema è stato aggiornato da una licenza Genuine di Windows 7 o Windows 8.1 questo rimarrà attivato, ma in caso contrario, verrà richiesto di ripristinare la versione precedente del sistema operativo o di acquistare una nuova licenza di Windows 10. Se non si ripristina o si acquisisce una nuova licenza la buid scadrà.

0 1819

Oggi Microsoft annuncia il supporto di due ulteriori lingue alla preview di Skype Translator, il Tedesco e il Francese. Le due nuove lingue si aggiungono a quelle già annunciate: Inglese, Italiano, Spagnolo e Cinese (Mandarino). Con il Francese e il Tedesco, Skype Translator offre ora sei lingue per le conversazioni speech-to-speech, e 50 lingue per la messaggistica istantanea.

Oltre alle due nuove lingue, Microsoft ha condiviso un video che mette in evidenza i vantaggi che Skype Translator offre a tutti coloro che hanno problemi di udito e che, in questo modo, hanno un nuovo strumento per comunicare.

L’anteprima di Skype Translator è nella fase di pre-release, disponibile per coloro che utilizzano un dispositivo Windows 8.1 o superiore, e offre l’opportunità alle persone di testare il prodotto e inviare un feedback.

Qui è possibile scaricare l’app di Skype Translator.

0 2215

Microsoft lavora a più smartphone Lumia appartenenti alla fascia dei top di gamma alcuni dei quali saranno gli alfieri del nuovo Windows 10 Mobile esordendo con esso e quindi presumibilmente a Settembre.
Secondo i rumor, sui quali un paio di settimane fà abbiamo fatto il punto, dovrebbero essere almeno due i terminali o le famiglie a esordire dai possibili nomi Lumia 940 XL / 940 e Lumia 840 / 840 XL ai quali solo il prossimo anno si potrebbe aggiongere un successore del Nokia Lumia 1020.

Nelle scorse ore il famoso leaker Evleaks ha postato un immagine sfocata di un particolare riconducibile a un misterioso nuovo Lumia come confermato anche dalla frase che la accomapagna:

Non perdete la speranza, fan di Windows.

Ma a quale terminale potrebbe rifersi? Impossibile avere certezze al momento ma le ipotesi che ci sentiamo di fare sono principalemnte due:

  • la forma circolare nera che racchiude il gruppo flash e la fotocamera richiama di primo acchitto il retro del Lumia 1020 suggerendo che possa trattarsi del suo erede
    Lumia-1020-vs-Lumia-misterioso
  • d’altra parte una conformazione simile era presente sul Lumia 830 e se aggiungiamo a questo è che il gruppo flash sembra costituito da tre elementi quello che ci torna in mente è che tra le caratteristiche rumoreggiate dei Lumia Talkman, possibile Lumia 840 o 940, e Lumia Cityman, possibile Lumia 940 XL, c’è proprio un flash a tre LED (ognuno con un “tono” diverso per foto con i colori più naturali) insieme all’ottica di dimensioni meno da cameraphone ci fa puntare a uno dei due come protagonista dell’immagine piuttosto che all’erede del Lumia 1020 che dovrebbe avere 41 MP (vs 20 MP dei due top).
    Lumia-830-vs-Lumia-misterioso

0 1895

Windows 10 sarà ufficialmente lanciato il 29 Luglio e conosciamo da un po’ che non tutte le versioni saranno lanciate contemporaneamente, anzi la maggior parte di esse ad esempio le edizioni mobili, Xbox e Hololens, arriveranno più tardi nel corso dell’anno.
Ma in una presentazione di uno dei suoi partner, un portavoce di Microsoft ha prodotto una diapositiva che mostra quando l’azienda sta progettando di lanciare Windows 10 Mobile.

Secondo la slide, sia le versioni enterprise che consumer di Windows 10 Mobile, dovrebbe diventare disponibili “alla fine del prossimo trimestre”. In termini concreti questa corrisponderebbe a un lancio alla fine di Settembre.
Il portavoce è stato un po ‘meno entusiasta, però, le scommesse di copertura della società e dicendo che il sistema operativo dovrebbe venire nel mese di ottobre, o “forse già a settembre”.

1_windows_10_mobile_launch_story

Chi ha seguito da vicino lo sviluppo del sistema operativo non troverà questa linea temporale affatto sorprendente e in linea con il rumoreggiato “fall update” di Windows 10, previsto nello stesso periodo.
Si adatta bene con il ciclo di sviluppo della società e dovrebbe dare a Microsoft un extra di due mesi di tempo per riparare e ripulire Windows 10 Mobile, e proprio la scoperta di un bug all’ultimo minuto potrebbe far slittare i tempi sempre più verso la fine dell’anno.

Detto questo, bisogna considerare che queste informazioni erano destinato per gli OEM e partner e quindi non tiene conto delle prova degli operatori, cicli di aggiornamento e così via. Per il consumatore normale, ci potrebbe essere da aspettare quindi molto più a lungo, a seconda di operatore e paese. Nel frattempo gli insider, che potrebbero essere i primi a capire che il momento del lancio si avvicina, stanno aspettando la build 10136 il cui rilascio è stato spostato alla prossima settimana a causa delle tempistiche di validazione.

Davvero interessanti i risultati, per quanto relativi al mercato USA, di un nuovo sondaggio condotto dal Consumer Satisfaction Index americano (ACSI) su 70.000 clienti; per quanto riguarda i dispositivi il Samsung Galaxy Note 4 è lo smartphone più soddisfacente attualmente disponibile sul mercato statunitense.

Su una scala da 0 a 100, i clienti degli Stati Uniti hano attribuito al Note 4 un punteggio medio di 86 punti in termini di soddisfazione generale. Il top phablet da 5,7 pollici è seguito da Galaxy Note 3, gli Apple iPhone 6 e iPhone 6 Plus, e Samsung Galaxy S5, tutti appaiati al secondo posto con 82 punti.

È interessante notare che i risultati di questo sondaggio mostrano che gli Stati Uniti Clienti sembrano essere molto soddisfatti dei propri phablet, con tre dei cinque dispositivi in queste classifiche dotati di un display con una diagonale che misura almeno 5,5 pollici.

Nella gara tra produttori, Apple e Samsung sono in parità al primo posto nel cuore dei loro consumatori, con un punteggio di 80 punti. Sono seguiti da Motorola con 79 punti, con BlackBerry 78, e HTC con 77.

A quanto pare, la cosa che i consumatori degli Stati Uniti, apprezzano prevalentemente dei propri telefoni è la facilità di inviare e ricevere messaggi di testo (85 punti), seguito da vicino da design e dimensioni, e la facilità di effettuare e ricevere chiamate vocali. Non sorprendentemente lo studio mostra anche che i clienti non sono soddisfatti invece della durata della batteria del proprio smartphone che totalizza solo 74 punti.

0 2210

Windows 10 è nella storia recente di Microsoft il suo OS più importante soprattutto pensando al futuro e alla convergenza tra fisso e mobile, e non solo, e le antreprime date dall’aziennda hanno sicuramente incuriosito creando un forte attesa per il rilascio finora posizionato, per la versione PC, indicativamente durante l’estate ma che ora ha una data ufficiale.

Ma andiamo con ordine, a ulteriore dimostrazione che Microsoft vuole spingere in modo significativo sul proprio OS non solo come sappiamo fornirà per il primo anno la possibilità di aggiornare gratuitamente a Windows 10 i dispositivi con Windows 7 Sp1 e 8.1, ma nel mattino di oggi, 1 Giugno, ha iniziato a distribuire un aggiornamento che crea un notifica a forma di Windows nella barra delle applicazioni dei pc e tablet Windows.

Cliccando sulla notifica, viene aperta una breve finestra di 5-slide che invita a prenotare ora l’aggiornamento gratuito a Windows 10. Una volta che sarà disponibile, il computer scaricherà il file di grandi dimensioni, 3GB, per aggiornare il sistema operativo.

Il resto delle diapositive illustra tutte le cose che chiunque abbia mai usato un PC negli ultimi 20 anni troverà familiare. Torna il menu Start, il multitasking è ulteriormente facilitato e consente un facile aggancio di fino a quattro finestre sullo schermo in una sola volta, e naturalmente c’è Cortana.

Un altro nuovo arrivo di Windows 10 è un nuovo browser Web, Microsoft Edge il “non-Explorer”.
Windows 10 permette anche di sfruttare pienamente “apps universali”, una funzionalità che Microsoft su cui ha puntato molto durante la conferenza degli sviluppatori Build in Aprile.

Più o meno nello stesso tempo, Terry Myerson ha pubblicato nel blog di Windows e Joe Belfiore di Microsoft su Twitter che Windows 10 sarà disponibile a partire del prossimo 29 Luglio. Il team di Windows anche pubblicato un paio di video per evidenziare tutte le funzionalità di Windows 10.

0 2546

All’inizio di questo mese, UnleashThePhones gettava luce su nomi in codici, Talkman e Cityman, e specifiche delle due prossimi ammiraglie Microsoft Lumia che esordiranno in autunno con il prossimo Windows 10 Mobile (nostro articolo).
Si sono susseguite durante la settimana rumor, bench e avvistamenti che confermano e aggiungono nuove informazioni sulle loro caratteristiche e specifiche.

Secondo un rumor, sia il più piccolo Lumia Talkman che il più grande Lumia Cityman avranno una cornice in alluminio e policarbonato posteriormente e si dice si ispiririno in termini di design al Lumia 830, che effettivamente adotta quel tipo di costruzione.

Un altra voce indipendente sostiene che i primi smartphone di fascia alta basati su Windows 10 avranno un connettore USB Type-C che, secondo informazioni non ufficiali, è richiesto dalla funzione Continuum di Windows 10 Mobile. La stessa voce suggerisce che questi saranno disponibile con capacità di ricarica wireless, e di uno scanner dell’iride, richiesto da Windows Hello, la funzione di sicurezza biometrica di livello enterprise presente sui dispositivi Windows 10.

Secondo UnleashThePhones il Lumia Talkman, dal possibile nome Lumia 840 o 940, sarà disponibile con display QHD da 5,2 pollici, SoC Qualcomm con processore esa-core (probabilmente lo Snapdragon 808), 3GB di RAM, spazio di archiviazione integrato di 32 GB, slot per schede microSD, fotocamera primaria da 20MP e frontale 5MP, e una batteria 3000mAh. Alcune specifiche combaciano con quelle di un RM-1106 rintracciato sul database di GFX Bench e che potrebbe essere effettivamente una variante per i test del Talkman.

D’altra parte, il Cityman, dal possibile nome Lumia 940 XL, si dice arriverà con display QHD da 5,7 pollici, un SoC Qualcomm con processore octa-core (probabilmente lo Snapdragon 810), 32GB di memoria interna espandibile tramite microSD, una configurazione delle fotocamere 20MP – 5MP, e una batteria da 3300mAh.
Entrambe monterebbero un flash a tre LED, ognuno con un “tono” diversa per foto con i colori più naturali.

Sul database dell’importatore indiano Zauba sono stati rintracciati un paio di cellulari Lumia sconosciuti. Entrambi hanno schermi da 5,7 pollici, e sono stati importati nel paese per il test. Uno dei due ha il supporto per due schede SIM ed entrambi i modelli sono valutati l’equivalente di $ 604 dollari ciascuno.

840

Questi potrebbero essere il Microsoft Lumia 840 o più probabilmente la sua variante phablet 840 XL, il successore(i) del Nokia Lumia 830. E in effetti un anonimo dipendente Microsoft ha accennato il mese scorso che il Lumia 840 potrebbe disporre di un schermo da 5 pollici, una fotocamera posteriore PureView 13-14MP e frontale da 5MP e un design simile al Lumia 830.

Si parla infine anche di un potenziale successore del Nokia Lumia 1020. Il portatile aggiornato viene detto fare uso di una fotocamera principale 41MP, ma fonti dicono che lo smartphone non sarà rilasciato fino al prossimo anno.
C’è tanta carne al fuoco quindi in casa Microsoft finora concentratasi sulla fascia bassa e medio bassa ma che con i Lumia con Windows 10 Mobile tornerà a lottare anche nelle categorie superiori.

0 2575

Bisogna dare atto a Microsoft di aver capito che ignorare la realtà e la concorrenza porta solo danni, e se il processo di sviluppo di Windows 10 è forse stato il primo concreto esempio di tale cambio di visione, l’annuncio di ieri secondo noi ne rappresenta la conferma.

Il mercato è dominato da Android e iOS, perchè quindi arroccarsi sulle proprie posizioni con i propri servizi che per quanto validi non possono essere provati, e confrontati, con la concorrenza? E se i pc Windows dominano il mercato “fisso” perchè non aprirlo a quel mondo mobile dominato dagli OS della concorrenza?

A queste domande Microsoft ha risposto annunciando ufficialmente l’arrivo su Android e iOS dell’assistene vocale Cortana, cosa di cui si vociferava da tempo, e della Microsoft Phone Companion.

Cortana

Mentre su iOS sembra l’assistente digitale avrà qualche limitazioni in più, su Android sarà in grado di eseguire quasi tutti gli stessi compiti svolti su Windows Phone e Windows 10, e il suo notebook, in cui l’applicazione memorizza le preferenze e le informazioni, viaggerà con lei su tutti i dispositivi.

Microsoft ha comunque sottolineato che la migliore esperienza sarà ancora su un dispositivo Windows. Cose come l’apertura di applicazioni con i comandi vocali, o attivare le impostazioni o utilizzare il comando “Hey Cortana” non saranno disponibili su iOS o Android, o almeno non subito.

Cortana sarà disponibile su Android, alla fine del mese di Giugno e qualche tempo dopo su iOS.

Microsoft Phone Companion

La nuova applicazione, che sarà disponibile per gli Insider nelle prossime settimane, è stato progettato per offrire agli utenti una esperienza semplice quando si utilizza Windows 10 indipendentemente dal dispositivo mobile utilizzato. Phone Companion funziona con Android, iOS e Windows Phone e aiuterà gli utenti sincronizzare le loro foto, musica e così via. L’applicazione indirizzera anche gli utenti a scaricare Cortana e altre applicazioni potenzialmente utili come Xbox Music and Microsoft Onedrive.

Fanno parte di questo accordo è l’impegno di Microsoft di unificare l’esperienza degli utenti. Ad esempio, saranno dirigere gli utenti Android o iOS per memorizzare le proprie foto e musica in Microsoft Onedrive modo che possano avere un’esperienza fluida che rimane sincronizzato quando si spostano da loro iPhone o droidi ai loro di Windows 10 PC.

Anche in questo caso Microsoft sottolinea che la migliore esperienza è ancora in dispositivi Windows, anche se la sua chiara dalle sue azioni che la società è meno concentrato sul proprio hardware e più disposti ad essere presenti ovunque i suoi utenti sono. Questo non è dubbio una buona mossa da parte della società anche se sarà arrabbiare alcuni dei suoi fan più fedeli.

Arriva un nuovo report che permette in parte di confermare e in parte di estendere la visione sul mercato smartphone nel Q1 2015, con una Top 10 completa. Viene innanzitutto confermato che Samsung si riprende il primo posto (in solitaria) totalizzando 82,8 milioni di dispositivi (83.2 nell’altro report), raggiungendo così una quota di mercato del 24,3%, e che i circa 61 milioni (,6 contro i ,2 del precedente report) di Apple le garantiscono il secondo posto e il 17,9% del mercato.

La grande novità è che possiamo scoprire che Sony e Microsoft, due dei marchi più rinomati, non sono più tra i primi 10 principali produttori di telefonia, sostituito da marche di telefoni cinesi. In realtà, escludendo Apple, la top 10 dei produttori di telefoni è attualmente composta da 9 produttori asiatici, e 7 di loro sono cinesi. Il nuovo arrivato in questo trimestre è Vivo, un produttore di telefoni che si concentra su telefoni premium con un’affinità per capacità audio maggiore fedeltà.

Smartphone-top-10-produttori-q1-2015
* Le statistiche di Lenovo includono le vendite di unità di Motorola, tutte le unità sono in milioni

Le statistiche provengono dall’ex dirigente Nokia Tomi Ahonen, che ha uno dei migliori track record quando si tratta di previsioni, che riguardo a questa sua ultima analisi aggiunge che:

Ovviamente abbiamo già visto la quota di picco del mercato di iPhone e la mia proiezione è che la quota di mercato attuale per l’intero esercizio 2015 per l’iPhone calerà di nuovo quest’anno

Si tratta di una proiezione speculativa decisamente radicale, ma dato il momento nelle vendite di iPhone, sembra andare contro la logica del mercato, quindi sarà interessante tenere traccia di questo, per vedere se Apple ha effettivamente raggiunto il suo picco anche tenendo conto di un mercato che vede sempre più produttori cinesi rubare spazio a quelli “storici”.

Conto alla rovescia per quello che potrebbe essere un altro giorno funesto per la sicurezza. Martedì 14 luglio Microsoft smetterà di supportare Windows Server 2003. Questo significa che non saranno più disponibili aggiornamenti e patch, compresi quelli relativi alla sicurezza, con conseguente perdita di conformità per i data center su cui verrà eseguito questo sistema operativo, ancora attivo su oltre 2,7 milioni di server in tutta Europa.

È molto probabile che sin da subito inizieranno i tentativi cyber criminali di sfruttare falle del sistema che non saranno più coperte e le aziende, per evitare qualsiasi genere di rischio, dovrebbero cercare di tutelarsi al più presto. Un’opzione consigliata è ovviamente quella di migrare a una versione più recente di Windows Server, ma le aziende che non dovessero riuscire a farsi trovare pronte per la data del 14 luglio possono fare affidamento su Trend Micro, leader globale nella sicurezza per il cloud.

Trend Micro, infatti, continuerà a garantire il supporto e la protezione per Windows Server 2003 oltre il 14 luglio, attraverso la sua soluzione Deep Security. Trend Micro Deep Security è una piattaforma integrata di nuova generazione per la protezione completa dei data center dinamici che comprendono server fisici, virtuali e in-the-cloud, nonché desktop virtuali. Progettata per difendere il data center dalle violazioni dei dati e dalle interruzioni delle attività, Trend Micro Deep Security è la prima e unica piattaforma di sicurezza agentless che aiuta a semplificare la gestione della sicurezza, accelerare il ritorno degli investimenti IT e assicurare la conformità alle normative.

Abbiamo già supportato i nostri clienti in seguito alla fine dell’assistenza a Windows Server 2000 e Windows XP e grazie a Deep Security le aziende possono pianificare con maggiore calma il passaggio a Windows Server 2012, Azure o altre piattaforme, proteggendo allo stesso tempo i sistemi critici” ha affermato Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia. “Negli ultimi mesi abbiamo visto l’importanza di mantenere i sistemi sempre aggiornati. Vulnerabilità come Shellshock e Heartbleed hanno la capacità di minare severamente gli sforzi compiuti per la sicurezza e di mettere a rischio i dati sensibili. Per questo assicurarsi una protezione sempre aggiornata è un’attività prioritaria per i responsabili IT”.

  • Ulteriori informazioni sulla fine del supporto a Windows Server 2003 sono disponibili all’interno del Blog Trend Micro
  • Ulteriori informazioni su Deep Security sono disponibili a questo link

 

0 2536

Oggi arriva finalmente anche sul mercato italiano Surface 3 con i suoi nuovi accessori. Sarà possibile acquistarlo su microsoftstore.com, presso i punti vendita al dettaglio Microsoft, i rivenditori selezionati e i distributori autorizzati.

Surface 3, l’ultima novità che amplia la famiglia di device Surface, è il miglior tablet che sostituisce il portatile ed è disponibile a un prezzo di 609,90 euro. Potente ed efficiente, con un processore quad-core Intel® Atom™ x7, Surface 3 è il Surface più sottile e leggero, perfetto per studenti e professionisti in mobilità che cercano un dispositivo portatile che combini prestazioni e funzionalità in un design elegante. Gli utenti potranno acquistare inoltre una gamma completa di accessori, tra cui Surface 3 Type Cover con trackpad migliorato e tastiera intuitiva per una digitazione rapida e accurata, Surface Pen in quattro vivaci colori -argento, nero, blu e rosso, Surface 3 Docking Station e Surface 3 Screen Protector.

 

0 2931

Microsoft ha confermato che per nuovi smartphone top di gamma ci sarà da aspettare fino al lancio di Windows 10 for phones e quindi, secondo quanto emerso alla Build 2015 probabilmente in autunno. Circa tre settimane fà grazie alle fonti di NPU abbiamo scoperto che potrebbero essere due i top di gamma dai possibili nomi Lumia 940 (o 840) e Lumia 940 XL e sostituti rispettivamente di Lumia 930 e Lumia 1520.

Arriva da UnleashThePhones, le cui indiscrezioni si sono rivelate spesso affidabili, non solo la conferma che sono effettivamente due i top a cui lavora la casa americana ma ne svela i nome in codice, Cityman e Talkman, e una serie di specifiche e caratteristiche, che li fanno configurano effettivamente come gli eredi dei due attuali top smartphone e phablet Windows Phone, come anticipato da precedente report.

Le specifiche del Lumia Cityman comprenderebbero:
– display QHD da 5,7 pollici,
– SoC Qualcomm con processore octa-core,
– 3GB di RAM,
– 32 GB di memoria interna,
– fotocamera posteriore da 20 megapixel e anteriore da 5 megapixel,
– batteria 3300mAh (rimovibile) e uno slot per schede microSD

Le specifiche del Lumia Talkman, il fratello minore del Cityman, comprenderebbero:
– display QHD 5,2 pollici,
– SoC Qualcomm con processore a 6 core
– 3GB di RAM,
– 32GB di memoria interna, uno slot per schede microSD,
– fotocamera posteriore da 20 megapixel e anteriore da 5 megapixel,
– batteria rimovibile da 3000 mAh.

Entrambi i telefoni avranno processori che hanno il supporto a 64-bit il che rende assai probabili, visti gli identikit forniti, saranno rispettivamente Snapdragon 810 e Snapdragon 808. Ed entrambi i telefoni avranno anche un flash a tre LED, ognuno con una sfumatura diversa (o “tono”) per foto con i colori più naturali.
È interessante notare anche che UnleashThePhones afferma che Microsoft sta “cercando” di rendere il Talkman più sottile dell’attuale ammiraglia Windows Phone, il Lumia 930.

0 3983

IN AGGIORNAMENTO. Nella giornata di ieri si è aperta l’edizione 2015 del Build, la conferenza tenuta da Microsoft ogni anno e dedicata allo sviluppo su Windows e occasione per presentare le novità della piattaforma diventando così estremamente interessante non solo per i programmatori, tanto più quest’anno che il protagonista assoluto Windows 10 si configura come l’aggiornamento forse più importante e sicuramente punto di svolta per il futuro dell’azienda americana.

E a dichiarare quali sono le ambizioni che nutre per il nuovo OS è stata durante il Keynote la stessa Microsoft che ha affermato che il loro obiettivo è vedere Windows 10 su un miliardo di dispositivi entro due o tre anni dalla disponibilità e che per raggiungerlo hanno deciso di offrire Windows 10 come aggiornamento gratuito, rendendo più facile per clienti e imprese aggiornare rapidamente e su una ampia gamma di dispositivi.

Ecosistema Applicazioni: Windows Store Unico, Universal App e conversione più facile da Android, iOS e alte piattaforme

Grazie agli strumenti di sviluppo, sappiamo già che gli sviluppatori saranno in grado di scrivere un’applicazione una volta e tutta la famiglia di dispositivi Windows 10, le cosiddette Universal App e grazie allo Store unificato anche distribuirla.

WINDOWS STORE

Il Windows Store sarà un App a se stante e quindi aggiornabile separatamente dal sistema operativo e sraà disponibile in due versioni una utenza per l’utenza consumer e una per l’utenza business.

Supporterà una vasta gamma di metodi di pagamento globali su tutti i dispositivi Windows tramite credito telefonico di 90 vettori, per aiutare le persone in giro il mondo che non hanno carte di credito.

Per le imprese, Windows Store consente agli amministratori di mettere in evidenza le applicazioni per i propri dipendenti, distribuire applicazioni selezionate dal Windows Store e applicazioni private line-of-business per i propri dipendenti, e utilizzare metodi di pagamento business come gli ordini di acquisto.

Per gli sviluppatori diverse le nuove funzionalità che arriveranno con Windows 10:
– Fatturazione Carrier su tutti i dispositivi Windows 10
– Aggiornato il Windows 10 Microsoft Advertising SDK con il supporto per gli annunci video e monitoraggio installazioni
– Supporto acqusto abbonamenti in-app
– Nuovo programma di affiliazione Windows Store

SUPPORTO E CONVERSIONE APP ANDROID, iOS, WEB e WIN32

Gli sviluppatori di app Androidpossono riutilizzare gran parte del codice Java e C ++ per le loro applicazioni, aggiungere l’integrazione di funzionalità di Windows, e presentare le proprie applicazioni per il Play Store. Gli sviluppatori di applicazioni per iPhone e iPad possono utilizzare Objective C (ma non il più recente linguaggio di programmazione Swift).

Le App originariamente scritte per Android o iOS possono attingere alle funzionalità di Windows per visualizzare i risultati di Xbox, mostrare notifiche, rilevare la posizione, o eseguire altre funzioni, perché saranno essenzialmente eseguiti come applicazioni di Windows, non applicazioni Android o iOS.

Microsoft rivolge la nuova funzione agli sviluppatori con l’obiettivo di rendere più facile perloro portare le applicazioni esistenti sul Windows Store … ma gli sviluppatori di Android dovrà passare attraverso un minor numero di difficoltà degli sviluppatori iOS perché Windows 10 include molte delle API necessarie per eseguire il software Android, senza alcuna modifica.

Gli sviluppatori possono solo presentare l’esistente APK Android, ma alcune applicazioni Android potrebbero non essere in grado di funzionare bene o affatto visto che, come nota Ars Technica, non saranno supportate tutte le API Android Open Source Project o Google Mobile Services.

Gli sviluppatori di Web app possono utilizzare i loro siti web esistenti, ma aggiungere anche il supporto per le sottoscrizioni, le notifiche, e altre caratteristiche di Windows Store (pur mantenendo le loro caratteristiche sul lato server esistenti).

E infine anche gli sviluppatori di applicazioni desktop Win32 possono renderle disponibili attraverso il Windows Store; queste saranno eseguite in un ambiente isolato senza apportare gravi modifiche al registro di Windows così che sia possibile installarle e disinstallarle facilmente come altre finestre App Store.

Microsoft dice che possiamo aspettarci di vedere un po’ di applicazioni Win32 di alto profilo nel Windows Store entro la fine dell’anno, tra cui Adobe Photoshop Elements e Adobe Premier Elements.
Per supportare la conversione di queste applicazioni in Universal App queste potranno superare il limite di 150 GB.

Con CONTINUUM ogni smartphone può diventare un PC

Con la piattaforma Windows Universale come detto gli sviluppatori possono ora creare una singola applicazione per l’intera gamma di dispositivi Windows 10. I controlli dell’interfaccia si adatteranno automaticamente alle diverse dimensioni dello schermo, e lo sviluppatore può quindi creare applicazioni su misura per le capacità uniche di ogni dispositivo. La piattaforma consente agli sviluppatori di integrare Cortana e Xbox Live nelle loro applicazioni, offrire Trusted Commerce, abbracciare l’input naturale dell’utente, creare ologrammi, e altro ancora.

La Piattaforma Windows Universale consente Continuum. In precedenza, era stato dimostrato come applicazioni universali di Windows e la transizione shell di Windows senza soluzione di continuità tra le modalità tablet e PC. Durante la conferenza hanno invece mostrato come le applicazioni Universal Windows e Continuum for phone consenteno ad uno smartphone (con hardware adeguato) di fare le veci di un PC, basterà attaccare un mouse, una tastiera e uno schermo.

Microsoft Edge è il nuovo browser

Microsoft ha annunciato che il nuovo browser finora conosciuto come Project Spartan si chiamerà “Microsoft Edge”.

Abbiamo scelto il nome di Microsoft Edge riflette il nostro impegno a sviluppatori di offrire un browser che vive ai margini dei moderni standard web e la sicurezza. Microsoft Edge è un browser costruito per fare, con funzioni built-in per prendere appunti e la condivisione; un pannello di lettura per senza distrazioni; e l’integrazione con Cortana.

Il nuovo browser è stato progettato per funzionare su smartphone, tablet, console di gioco Xbox e altri dispositivi tra cui i Hololens.
Non sostituirà Internet Explorer subito – Windows 10 sarà disponibile con due browser web in modo che le persone che si affidano a IE possono continuare ad usarlo. Ma Edge vanta un nuovo motore di rendering, strumenti che consentono di annotare siti web con note scritte a mano e disegni, e una stretta integrazione con le funzionalità di Windows, quali l’assistente virtuale Cortana.

Nel corso della conferenza, Microsoft ha anche introdotto alcune nuove funzionalità per il browser web come il supporto per le estensioni web e una più potente pagina nuova scheda.

La pagina nuova scheda include informazioni come anteprime dei vostri siti preferiti, collega alle applicazioni Windows Store di questi siti (se disponibili), e altre informazioni raccolte da Cortana compresi risultati sportivi, azioni, e altre informazioni che ti interessano.

Non solo Microsoft Edge supporta estensioni web scritte in HTML e JavaScript e può usare anche le esistente che sono state create per altri browser come Chrome e Firefox. Microsoft anche dimostrato la popolare suite Reddit Enhancement in esecuzione su Edge.

Aggiornamento 03/05/2015

Novità per l’interfaccia su PC e Tablet

Microsoft ha annunciato alcuni piccoli cambiamenti che interesseranno il modo di usare Windows su notebook, desktop e tablet PC.

Blocca Schermo

Prima di tutto, c’è una nuova opzione schermata di blocco chiamato Windows Spotlight, comunque disattivabile, che permette al blocca schermo mostra diversi contenuti invece di un’immagine statica. Basta toccare un’icona che chiede se ti piace quello che vedi e Microsoft utilizzerà anche una piccola porzione dello schermo per pubblicizzare applicazioni o funzionalità di Windows che potresti non avere provato.

Cortana

Microsoft ha mostrato anche una nuova interfaccia utente per Cortana, con un menù a scorrimento che nasconde alcune impostazioni fino a quando ne avete bisogno e offre più spazio per applicazioni, risultati di ricerca e altri dati, tra cui più annunci. Quando si utilizza Cortana per una ricerca, Microsoft potrebbe mostrare un piccolo annuncio per importanti applicazioni di Windows Store in cima ai risultati di ricerca.

Non è chiaro a questo punto se Microsoft sta trattando le applicazioni promosse in Cortana o nella schermata di blocco, come annunci a pagamento. La società potrebbe star solo cercando di promuovere applicazioni e funzionalità di Windows per facilitare l’utilizzo del dispositivo al suo pieno potenziale (e per dare agli sviluppatori di applicazioni un altro motivo per inviare applicazioni per Windows Store).

Start Menu

Windows 10 vedrà il ritorno del menu di avvio, che Microsoft ha eliminato nel passaggio da Windows 7 a Windows 8. Il nuovo Start Menu sembra un po’ diverso dal vecchio, grazie all’integrazione delle Live Tiles, tra le altre cose. Ma Microsoft ha annunciato che alcune vecchie caratteristiche tornano tra cui il supporto per le Jump List e un effetto di trasparenza in stile Aero.
L’azienda sta testando la trasparenza Aero in stile vetro in tutto Windows 10 nella sua ultima versione di anteprima del sistema operativo, ma non è ancora chiaro se verrà inclusa nella versione finale.

Se si utilizza Windows 10 su un tablet è ancora possibile ottenere una schermata di avvio che occupa l’intero schermo, piuttosto che un menu più piccolo. Si può scegliere di visualizzare la schermata di avvio invece del menu Start aanche su sistemi desktop.

Microsoft ha brevemente dimostrato una nuova versione dello schermo su un tablet Lenovo da 8 pollici. C’è un nuovo menu slide-out che consente di accedere a applicazioni utilizzate più di frequente, impostazioni, e al menu di spegnimento.

Nuove funzionalità e cambiamenti nella UI su smartphone

Tra le novità mostate in termine di funzionalità sicuramente utile è il supporto integrato, ovvero senza bisogno di App di terze parti, per salvataggio in PDF e stampa; sono già più di 1900 le stampante supportate dei marchi più populari e ancora di più saranno supportate quando Windows 10 for Phone sarà lanciato.

Un altro video mostra, dopo un supporto parziale presente nella build 10051 dove era possibile collegare periferiche di memoria esterne, uno decisamente più completo alla modalità USB OTG che permette di collegare periferiche esterne.

Il video mostra anche il supporto ad Arduino tramite USB e visivamente la schermata Start con disposizione a 4 colonne di Tile medi, e altre piccole modifiche alla UI.
A propsoto di quest’ultima alcune immagini ufficiali mostrano come cambierà in futuro la chiamata di ricezione e la scheda contatto.

La schermata chiamate ricevute ha ora tutte e tre le opzioni in una riga e l’interfaccia utente in chiamata è cambiata, nelle schede dei contatti si ha ora la possibilità di scegliere tra le SIM, Lync, Skype e Xbox.

L’immagine seguente dà un’idea di come cambierà interfaccia utente dell’applicazione del telefono. Voicemail è ora in alto come quarta scheda. I Contatti vengono visualizzati ora con le immagini del profilo nella cronologia delle chiamate.

Tempi d’uscita per Windows 10 su PC, smartphone, Xbox, HoloLens, e altri dispositivi

Si sapeva già che Microsoft prevedeva di lanciare Windows 10 per i PC di questa estate, ma alla conferenza l’azienda ha chiarito meglio alcuni aspetti sia riguardo a questo laancio sia riguanrdo a quello su smartphone a ltri dispositivi.

Se infatti sarà possibile installare su computer o acquistarne uno nuovo con Windows 10 a partire da questa estate, Microsoft ha affermato che alcune delle caratteristiche che prevede di includere nel sistema operativo non saranno disponibile al momento del lancio.

Queste saranno poi distribuite nel tempo come al solito tramite Windows Update insieme a correzioni di bug e aggiornamenti di sicurezza. Questo è parte di ciò a cui la società si riferisce quando parla di Windows come un “servizio”.

Le versioni per gli altri dispositivi che comprendono ricordiamo smartophone, Xbox, HoloLens, Raspberry Pi (per il quale è sytata rilasciata la Developer Preview mostrata nel Video a seguire).
Per quanto riguarda gli smartphone si parla di un rilascio in autunno.

0 3525

Se già prima dell’acquisizione di Microsoft Windows Phone significava Nokia, non stupisce certo che anche attualmente la percezione del pubblico sia sostanzialmente questa almeno in Europa e in America. Se però i principali produttori si erano sostanzialmente defilati erano comunque molti i produttori per lo più orientali, ma non solo, che hanno cercato di conquistare spazio nel panorama dell’OS mobile della casa di Redmond.

Microsoft comunque ha cercato ultimamente di incentivare, anche economicamete, i big come Samsung e HTC che almeno in america hanno lanciato un loro smartphone Windows Phone con la casa taiwuanese in particolare a distinguersi per un prodotto di fascia alta con il suo One M8 for Windows.

Se quindi non stupisce il giungere di informazioni su ben quattro nuovi Lumia by Microsoft è interessante in prospettiva del lancio di Windows 10 vedere che non solo HTC ma anche LG lacorano al lancio di nuovi dispositivi Window (Phone) 10.

MICROSOFT

Microsoft sta lavorando a ritmo serrato per rinnovare la sua lineup Lumia, sostituendo così la precendente Nokia, ma se fino ad adesso si era dedicata solo alla fascia bassa e medio-bassa, sembra che il focus dell’azienda si sposterà adesso con il lancio due di fascia media e medio-alta e due top.

Un dispositivo di fascia media è probabilmente sostituto del Lumia 830 dal quale dovrebbe riprendere parzialmente il design, e che si potrebbe quindi chiamare Lumia 840, dovrebbe vantare una fotocamera posteriore (PureView) da 13-14 MP e una anteriore da 5 MP, un processore migliore e uno schermo di circa 5 pollici.

L’altro dispositivo di fascia media dovrebbe avere specifiche della fotocamera simili a Lumia 840 ma non Pureview e avere un display più grande da 5,5 a 5,7 pollici, e potrebbere essere quindi una variante phablet del precedente e chiamarsi quindi Lumia 840 XL o un modello leggermerte inferiore e quindi chiamarsi Lumia 740 XL.

Le due ammiraglie con Windows 10, andando a sostituire Lumia 930 e il Lumia 1520 e tenendo conto della nuova nomenclatura adottata da Microsoft, potrebbero analogamente chiamarsi Lumia 940 e Lumia 940 XL con il primo dotato di uno schermo da 5 pollici e il secondo con uno da 5,7 pollici. La fotocamera posteriore dovrebbe salire dagli attuali 20 MP del Lumia 930 a ben 24-25 MP, mentre la anteriore sarà da 5 o più MP.

Potrebbero essere presenti poi alcune funzioni interessanti come un interazione 3D, scanner dell’iride e il supporto della penna nativo, Non si hanno fin ad ora informazioni confermate sulla risoluzione del display e sul processore, ma è possibile pensare a Hexa-core e Octa-core il cui supporto sarà introdotto proprio con Windows 10 per telefoni.

Secondo quanto affermato recentemente da Microsoft per i top di gamma ci sarà da aspettare fino al lancio i Windows 10 per i telefoni quindi tra fine estate e inizio autunno di quest’anno.

HTC

A margine del lancio a New Delhi in India di HTC One M9+, la nuova ammiraglia smartphone Android dell’azienda, alla domanda su una versione Windows di ultimo top HTC One M9+, sulla falsariga quindi di quanto fatto con l’HTC One (M8) for Windows lo scorso anno, Chia-Lin Chang, President of Global Sales and Chief Financial Officer di HTC, ha detto che la società sta strettamente lavorando con Microsoft in vista del rilascio di Windows 10.

Vedremo come prenderà forma la nuova versione del sistema operativo Windows e dove si inserisce nella lineup HTC.

Chang ha detto che la società sarà in grado di condividere più informazioni sul prossimo smartphone Windows da HTC per la fine del secondo trimestre o all’inizio del terzo trimestre di quest’anno.

LG

Dopo alcuni rumor circolati e l’avvistamento presso un centro di certificazione di un presunto LG-VW820 grazie a Neowin possiamo perfino gettare il primo sguardo al nuovo dispositivo Windows Phone che segnerebbe il ritorno della casa coreana nel mondo Windows.

Per questo si parlava di uno schermo da 4.7″ 854 x 480 pixel ed in base alle dimensioni delle tile che si possono vedere sullo schermo questo potrebbe effettivamente averne uno compreso tra 4.5 e 5 pollici.
Non si conoscono altre informazioni sulle specifiche ma l’immagine stessa ci aiuta a estrapolare alcune caratteristico del dispositivo.

Il telefono utilizza i pulsanti virtuali nella parte inferiore dello schermo che vengono generalmente utilizzati dai dispositivi di fascia più bassa ma si può vedere una fotocamera frontale in alto a destra del dispositivo.
Inoltre, il telefono sembra avere Windows Phone 8.1 e, non Windows 10, il che significa che questo dispositivo potrebbe apparire in un futuro prossimo.

0 2857

Microsoft ha annunciato un nuovo esponente della famiglia Lumia, di fascia medio bassa ma che si pone a un gradino leggermente superiore rispetto la Lumia 532 presentato tre mesi fà, il Lumia 540 Dual SIM.

Con il 532 condivide Design ma soprattutto la piattaforma Qualcomm® Snapdragon™ 200, con cpu quadcore 1.2 Ghz, con 1GB di RAM, ma cresce nelle dimensioni complessive per fare spazio a un display più grande, qui da 5 pollici, e più risoluto, qui HD.

Più risolute sono anche le fotocamere, da 5MP la frontale, per la gioia dei selfie addicted, e da 8 Mp la posteriore affiancata, segno di un reparto imaging più curato, da un flash LED assente invece sul Lumia 532.
Per supportare lo schermo più grande e risoluto e la connettività Dual SIM è presente una batteria più capiente da 2200 mAh.

Preinstallato troviamo Windows Phone 8.1, con l’aggiornamento Lumia Denim e aggiornabile a Windows 10, con il consueto pacchetto software, come Office, Outlook e uno Skype fortemente integrato, e di servizi come Here e il cloud storage gratuito (fino a 15 GB) su OneDrive.

Disponibile con scocca lucida ciano, arancio e bianco e opaca nera, il Lumia 540 Dual SIM inizierà ad essere commercializzato i primi di maggio nelle aree IMEA e APAC, e in Italia, con un prezzo consigliato di $ 149 USD tasse escluse (aggiorneremo quando sarà annunciato il prezzo italiano).

Iain Pottie, senior design manager of industrial design and mechanics di Microsoft, ha dichiarato:

Il team di Lumia è appassionato di product-making, creando ogni smartphone con una personalità distinta di design all’interno di un approccio progettuale coerente.
I nostri clienti sono la fonte di tanta ispirazione, ma sappiamo che hanno diverse esigenze e budget, così abbiamo sempre voglia di fornire una scelta. Ecco perché oggi stiamo introducendo il nuovo Lumia 540 Dual SIM.

Immagini e Scheda Tecnica
Sistema OperativoWindows Phone 8.1 with Lumia Denim
Display5 pollici HD (1280 x 720, 16:9), 294 PPI
Batteria2200 mAh, removibile
Processore1.2 GHz quad-core Qualcomm® Snapdragon™ 200 processor
Fotocamera principale8 MP auto focus, LED flash
Fotocamera frontale5 MP wide-angle
Memoria1 GB RAM
8 GB onboard storage
+ 15 GB OneDrive cloud storage
+ additional 15 GB after activating auto-upload to OneDrive
MicroSD up to 128 GB
Dimensioni144 x 73.69 x 9.35 mm
152g
Video


0 2168

Mentre i rilasci delle TP di Windows 10 desktop si susseguono con frequenza e regolarità sono ormai passate settimane dalla prima e unica rilasciata versione per smartphone, periodo durante il quale il team responsabile sembra occupato a sistemare bug ma anche a migliorare design e user experience del sistema operativo m anche ad aggiungere nuove funzionalità.

In un nuovo video pubblicato sul forum del sito cinese WPXAP.com, abbiamo un primo sguardo reale alla nuova applicazione di posta elettronica Outlook, al browser Project Spartan, a Contatti e al nuovo dialer.
Il video in sé non è della migliore qualità, essendo solo 360p, ma la build che viene utilizzato certamente sembra essere molto più stabile e rifinita.

Ecco dove rintracciare alcuni dei punti salienti:

– 00:14 Nuovo design dell’App Contatti con immagini avatar circolari corrispondenti alla schermata di login in Windows 10 Desktop
– 00:25 Nuovo app Messaggi
– 00:42 Nuovo dialer con tasti più grandi
– 00:50 App Outlook con calendario integrato
– 01:36 Nuovo Calendario integrato
– 01:55 Browser Project Spartan (con barra degli indirizzi in alto)

Non è ancora possibile collocare temporalmente l’arrivo della prossimo build di Windows 10 per smartphone, anche se potrebbe non mancare molto. La cosa che sembra certa è che l’aggiornamento porterà con se un usabilità decisamente maggiore rispetto alla release iniziale.

E’ altresì probabile che Microsoft stia creando a un grande aggiornamento con la prossima versione piuttosto che piccole aggiunte incrementali. Infatti, Gabe Aul di Microsoft su Twitter ha rivelato che il prossimo aggiornamento per smartphone porterà alcune “grandi novità”, e Outlook + calendario, il nuovo dialer, la nuova applicazione di messaggistica e browser Project Spartan sembrano tutti candidati ad esserlo.

0 2707

Microsoft annuncia un nuovo device che si aggiunge alla famiglia Surface: Surface 3. Come Surface Pro 3, è un tablet che sostituisce il tuo portatile, ma è più sottile, leggero e più conveniente. Potente ed efficiente, Surface 3 è ottimizzato per eseguire completamente tutte le funzioni di Windows e Office, con una lunga durata della batteria. La disponibilità delle app Windows e della penna1, ideale per prendere appunti o segnare i documenti, rendono Surface 3 un prodotto adatto a studenti e professionisti in mobilità che cercano un dispositivo portatile completo. Disponibile fin da subito nella sua versione wi-fi, e in un secondo momento con  tecnologia 4G LTE, Surface 3 garantisce ancora maggiore produttività in mobilità. A partire da 609 euro, Surface 3 combina prestazioni e funzionalità in un design leggero ed elegante.

Surface 3 offrirà le funzionalità più amate di Surface Pro 3 a un numero maggiore di utenti, con un design eccezionale ad un prezzo più accessibile“, dichiara Panos Panay, Corporate Vice President di Microsoft Surface. “Per mettere a punto l’innovazione del nuovissimo Surface, abbiamo fatto tesoro dell’esperienza acquisita durante la realizzazione del Surface Pro 3: il dispositivo è bello, versatile, efficiente e produttivo. I nostri utenti ameranno anche il nuovo arrivato in casa Surface“.

Produttività e leggerezza

Alimentato dal nuovo processore quad-core Intel® Atom™ x73, Surface 3 è rapido e reattivo, progettato per massimizzare l’efficienza, con una durata della batteria fino a 10 ore. La gamma di configurazioni di memoria e archiviazione risponde alle esigenze degli utenti offrendo massima potenza e capacità. Il meraviglioso schermo multitouch ClearType HD da 10,8 pollici in formato 3:2, altoparlanti con audio Dolby® per un suono ottimizzato e un elegante e robusto design in magnesio sono solo alcuni dei miglioramenti di cui gli utenti del Surface 3 potranno usufruire. Il supporto a tre posizioni è ideale per l’utilizzo in svariate situazioni, dalla scrivania alla piena mobilità.

Aggiornamento gratuito a Windows 10

Surface 3 e Surface 3 (4G LTE) dotati di versione Windows 8.1 potranno essere aggiornati gratuitamente a Windows 10 quando disponibile5. Surface 3 offrirà anche un abbonamento annuale  a Microsoft Office 365 Personal, che comprende Outlook, Word, Excel, PowerPoint e OneNote, con archiviazione cloud OneDrive fino a un TB6. Tutte le specifiche del dispositivo, consultabili qui.

Ideato per le aziende

Con Surface 3, aziende e scuole potranno finalmente beneficiare di un gamma di opzioni più ampia. Ancora prima della messa in vendita, enti formativi come l’Università di Phoenix e aziende quali Prada, BASF ed Emirates hanno scelto di acquistare e implementare Surface 3 all’interno della propria organizzazione, dopo aver riconosciuto il valore aggiunto che il dispositivo può fornire a impiegati e studenti. “Abbiamo esplorato numerose piattaforme differenti e siamo convinti che Surface 3 soddisfi le aspettative dei nostri equipaggi esperti e professionali” ha dichiarato il Capitano Alan Stealey, Divisional Senior Vice President, Flight Operations, Emirates. “L’innovativo design e le funzionalità avanzate del dispositivo sono perfette per la nostra iniziativa EFB (Electronic Flight Bag)“.

Accessori di Surface

Surface 3 e Surface 3 (4G LTE) saranno disponibili con una gamma di nuovi nuovi accessori7: Surface 3 Type Cover in un’ampia gamma di colori con trackpad migliorato e tastiera intuitiva per una digitazione rapida e accurata; la penna Surface in quattro vivaci colori -argento, nero, blu e rosso; Surface 3 Docking Station che consente agli utenti di connettersi facilmente a un monitor esterno e a tutti i dispositivi desktop.

La porta USB 3.0, la Mini DisplayPort, il lettore di schede microSD™ e il connettore di ricarica Micro USB integrati nel Surface 3 rendono il dispositivo compatibile con la serie di adattatori Surface Pro. Dettagli sugli accessori Surface, disponibili qui.

surfacecoverspens.0

Preordine e disponibilità

Surface 3 e i nuovi accessori saranno disponibili per la prenotazione a partire dal 31 marzo su Microsoft Store all’indirizzo microsoftstore.com, mentre presso alcuni rivenditori autorizzati nei seguenti mercati sarà disponibile a partire dal 7 maggio: Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Irlanda, Italia, Corea, Lussemburgo, Malesia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Portogallo, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Tailandia, Regno Unito e Stati Uniti. I consumatori sono invitati a rivolgersi ai loro rivenditori autorizzati per ricevere informazioni sulla prenotazione.

Dal 7 maggio, presso le catene Euronics, Media World, Saturn, Trony e Unieuro, i clienti potranno iniziare ad acquistare Surface 3 e tutta la gamma di accessori disponibili. Nei prossimi mesi, Microsoft renderà note nuove informazioni sulla disponibilità di Surface 3 (4G LTE). Per i clienti commerciali invece, Surface 3 si potrà acquistare attraverso i rivenditori autorizzati elencati al seguente link.

Per ulteriori informazioni su Surface, visitare la pagina ufficiale e la Surface Newsroom.

Scheda Tecnica

– Operating system Windows 8.1 [Upgradable to Windows 8.1 Pro immediately and Windows 10 once available]
– Dimensions: 10.51 x 7.36 x 0.34 inches (267 x 187 x 8.7 millimeters)
– Weight: 1.37 pounds (622 grams)
– Casing: Magnesium, Physical buttons Volume, Power, Home, Color Silver
– Storage: 64 GB, 128 GB
– Display Screen: 10.8-inch ClearType Full HD Plus Display (1920 x 1280), Aspect ratio 3:2, 10-point multi-touch, Pen input Surface Pen (sold separately)
– CPU: Quad-core Intel® Atom™ x7-Z8700 processor (2MB cache, 1.6 GHz with Intel Burst™ technology up to 2.4 GHz)
– Network: Wi-Fi (802.11 a/b/g/n/ac), Bluetooth 4.0 low energy
– Battery: Up to 10 hours of video-playback battery life
– Cameras and A/V: 3.5 megapixel 1080p front-facing camera, 8.0 megapixel 1080p rear-facing camera with auto-focus
– Microphone, Stereo speakers with Dolby® Audio-enhanced sound
– Ports: Full-size USB 3.0, Mini DisplayPort, microSD™ card reader, Micro USB charging port (passes power and USB 2.0 data), Headset jack Cover port, (Surface 3 (4G LTE) only) Nano-SIM card slot
– Sensors: Ambient light sensor, Proximity sensor, Accelerometer, Gyroscope, Magnetometer, Digital compass,
– Location (Surface 3 (4G LTE) only): GPS, Assisted GPS, GLONASS
– Power supply: 13W Micro USB
– In the box: Surface 3, Power Supply, Quick Start Guide, Safety and warranty documents
– Pre-loaded: One-year subscription to Office 365 Personal, including Outlook, Word, Excel, PowerPoint and OneNote, OneDrive cloud storage

Immagini Hands-on
Video Ufficiali


Video Hands-on

Dopo un primo annuncio a fine settembre dello scorso anno e un importante evento di presentazione a il 22 Gennaio scorso, ieri alla conferenza Windows Hardware Engineering Community (WinHEC) a Shenzhen, in Cina, Microsoft ha parlato ancora di Windows 10, e attraverso le varie sessioni sono venuti alla luce nuove informazioni sulla prossima versione dell’OS, anche per smartphone, a partire dai tempi di rilascio e i partner.

Tempi rilascio e modalità di aggiornamento

Partiamo innanzitutto dalla notizia più attesa, Windows 10 sarà disponibile questa estate in 190 paesi e 111 lingue, e ricordiamo che per il primo anno l’upgrade sarà gratuito per gli utenti Windows 7 e 8 e Windows Phone 8.

Microsoft ha comunque mostrato un grafico che mostra tutti i percorsi di aggiornamento per Windows 10, che conferma che i dispositivi Windows RT, con Surface RT e 2 a cui viene negato un modo per ottenere questa nuova versione dell’OS, ma che come comunicato a Gennaio dalla società riceveranno una sorta di aggiornamento in futuro “che avrà alcune delle funzionalità Windows 10”.
windows-10-upgrade-path

Il grafico mostra che tutte le versioni di Windows 7 e Windows 8/8.1 possono essere aggiornate a Windows 10 con file ISO, mentre Windows 7 SP1 e Windows 8.1 S14 avrà l’opzione aggiuntiva del download tramite Windows Update. Gli smartphone che utilizzano ancora Windows Phone 8 dovranno aggiornare a Windows Phone 8.1 per scaricare Windows 10 for phone.

Una precisazione, la menzione di “Windows Mobile 10” non è un cambio di nome, ci sono diversi SKU per Windows 10 e quindi nel backend hanno bisogno di essere differenziati per i produttori di hardware e partner. Tuttavia, entrambe le versioni per i consumatori si chiameranno, come previsto, Windows 10.

Requisiti hardware

Microsoft ha rivelato i requisiti hardware minimi necessari per “avvio, esecuzione, aggiornamento e uso di Windows 10 con successo” condividendo dettagli per versione desktop e per smartphone.

In termini di hardware del dispositivo, la quantità minima di RAM è indicata come 512MB, invariata da Windows Phone 8.1. Srorage minimo richiesto per l’esecuzione di Windows 10 per i telefoni sarà 4GB, anche se Microsoft menziona che i cellulari che offrono 4GB di memoria interna dovrebbe avere una scheda SD installata per facilitare gli aggiornamenti futuri.

Windows 10 supporta formati di schermo da 3 pollici fino a 7.99 pollici, il che può essere un indicatore che vedremo qualche phablet Windows Phone entro la fine dell’anno. In termine di risoluzione, Windows 10 supporterà display oltre il FHD, tra cui QSXGA (2560 x 2048), WXQGA (2560 x 1600) e QWXGA (2048 x 1140), suggerendo così l’arrivo di smartphone con risoluzioni dello schermo più elevate nel 2015.

I requisiti hardware menzionano che per i display QSXGA, è necessaria 4 GB di memoria o superiore, mentre servo 3GB (o più) per i WXQGA e QWXGA. Per i display full-HD, 2 GB di RAM sono menzionati come obbligatori, mentre con display 720p, QHD (960 x 540), WXGA (1366 x 768) e WSVGA (1024 x 600) servono e almeno 1 GB di RAM. Pergli schermi a più bassa risoluzione, come WVGA (800 x 480) e FWVGA (854 x 480), 512 MB è la quantità minima di RAM necessaria.

Microsoft ha inoltre annunciato il supporto a diversi nuovi SoC con Windows 10, tra cui gli high-end di Qualcomm Snapdragon 810, che ricordiamo offre una CPU octa-core accoppiata a una GPU Adreno 430 e connettività LTE Cat. 9. Sono inclusi anche l’hexa-core Snapdragon 808, lo Snapdragon 615, lo Snapdragon 210 e lo Snapdragon 208 (una versione 3G-only del 210).

Il nuovo hardware di Intel include i processori Atom basati su Cherry Trail a 14nm, così come la prossima architettura Skylake per i desktop.
Sarà compatibile anche l’entry-level Atom x3, annunciato al MWC di Barcellona il mese scorso. AMD sono in forma di Carrizo e Carrizo-L, che mirano rispettivamente a desktop e notebook .

Per desktop, un memoria interna da 16 GB e 1 GB di RAM sono i requisiti hardware minimi necessari per eseguire la versione 32 bit di Windows 10, mentre la variante a 64 bit richiede uno storage di 20GB e 2GB di RAM. Oltre a elencare i requisiti hardware, Microsoft ha anche annunciato un programma di compatibilità a Windows 10 per gli OEM e partner.

Nuove gesture per i portatili e azioni per gesture su touchscreen

In una sessione alla conferenza WinHEC di oggi dal titolo “Designing Great Hardware for the Windows 10 UI” Microsoft ha mostrato le diapositive che illustravano i gesti che saranno attivati ??per i touchpad di precisione. Microsoft ha anche dichiarato che il costo per l’inclusione di tali touchpad, in primo luogo supportati da Windows 8.1, è stato “significativamente ridotto” da quando sono stati lanciati favorendone l’installazione su più computer portatili.

Le gesture sul bordo che sono una parte di Windows 8.1 sono state sostituite in Window 10 con quelle Multi-Touch per i touchpad di precisione. Alcune di loro sono simili alle gesture su touchscreen, come il pich e lo zoom con due dita e tap e trascinamento con un solo dito. Un’altra slide ha mostrato come questi gesti funzioneranno con specifici comandi di Windows 10.

La presentazione ha anche indicato che Microsoft ha “rilassato i requisiti su come il digitalizzatore deve funzionare intorno ai bordi dello schermo” per i touchscreen, il che significa che i dispositivi Windows 10 che supportano le gesture sul bordo dovrebbero essere disponibili in un numero più ampio. In Windows 10, strisciando sul bordo sinistro, si apre la Task View delle applicazioni utilizzate più di recente, mentre se si fa lo stesso sul lato destro si porta in primo piano il nuovo Centro operativo.

Facendo uno swipe dal bordo superiore si può far apparire la barra del titolo nascosta su un app in modalità desktop o di affiancare o chiudere un’applicazione in modalità tablet. Infine, strisciando dal bordo inferiore si rivela la barra delle applicazioni sul desktop quando un app è in modalità a schermo intero.

Windows 10 for Mobile – supporto USB “esteso” e aggiornamenti veloci

Microsoft ha fatto luce su quali scenari USB Windows 10 for Mobile SKU supporterà.
Viene aggiunto il supporto per il nuovo standard USB Type-C, che non è solo più piccolo di tipo A, ma con ancora più potenza e funzioni, come l’essere reversibile.

In una delle diapositive della presentazione, è stato fornito un elenco di driver di classe Host USB supportato in Windows 10 for Mobile SKU:
– Hub USB
– Human Interface Device (HID) per tastiera e mouse
– USB Mass Storage
– USB Audio in/out

Sono stati anche menzionati gli “USB Serial Devices, USB Bluetooth, e Generic USB Host Driver”. Tuttavia, sembra che non sarà supportata l’installazione del driver USB dall’utente.

È inoltre consentito l’USB Dual Role. Questo formato significa solo il telefono cellulare può variare tra USB host o un dispositivo USB, come quando si collega una videocamera al computer e ti vengono date le opzioni per la connessione.

Infine, in una interessante slide dalla stessa presentazione, più dispositivi sono indicati come in grado di connettersi a un Windows Phone con sistema operativo Windows 10, tra cui un controller Xbox e un display esterno.

Microsoft ha anche delineato un piano che chiama “Progetto Milkyway” che ha l’obiettivo di aggiornare gli smartphone basati su Windows all’ultima versione 10 “entro 4-6 settimane” della sua uscita.
Come molti proprietari attuali Windows Phone possono confermare, a volte ricevere l’ultima versione del sistema operativo di Microsoft via OTA sui loro dispositivi può richiedere mesi.

Una delle diapositive della presentazione mostrano che Microsoft prevede di utilizzare il programma di Windows Insider per aiutare a testare Windows 10 per gli aggiornamenti del telefono. Esso fornirà anche una guida per i suoi partner per smartphone Windows 10 per il download e test.

Un’altra slide ha mostrato come dovrebbe funzionare lo sviluppo di un aggiornamento e il processo di lancio per smartphone Windows 10. La maggior parte delle operazioni sono sotto il controllo di Microsoft, ma una di queste, “Convalida aggiornamenti OTA sui telefoni al dettaglio” sembrerebbe spettare ai carrier wireless e ai produttori di hardware di terze parti. Microsoft non ha offerto alcun dettaglio su quanto questo passo può essere migliorato rispetto alla situazione attuale degli aggiornamenti Windows Phone 8.1.

Windows Hello

Microsoft ha annunciato poco prima della conferenza un paio di nuove funzionalità per Windows 10 in materia di autenticazione. Uno di queste è chiamata Windows Hello, che consentirà agli utenti di accedere al sistema operativo con la loro faccia, la loro iride o le impronte digitali, se il loro dispositivo hardware ha i requisiti giusti.

Microsoft dice che la “firma biometrica” ??necessaria per Windows Hello sono memorizzate localmente sul dispositivo di un utente e non è condivisa su una rete. I dispositivi hardware che includeranno RealSense 3D Camera di Intel supporteranno le caratteristiche di sign-in con viso e iride di Hello in Window 10. Hello avrà un “grado di sicurezza enterprise” per le imprese, i governi e le altre organizzazioni che richiedono tale livello supplementare di protezione.

L’azienda durante la conferenza ha detto che più di 13.000 volti unici sono stati catturati finora dal sistema “Windows Hello” e che ha un obiettivo di catturarne 30.000 per la funzionalità di Windows Hello.
Le facce hanno una varietà di look etnici, insieme con il colore della pelle, altezza, peso, e se la persona indossa gli occhiali, tra le altre opzioni. Le facce sono stati catturati con diverse angolazioni e condizioni di illuminazione.

windows-10-facial-recognition

La sessione ha anche rivelato che i produttori di hardware per PC devono utilizzare videocamere con almeno una risoluzione di 640×480 affinchè la funzione di autenticazione facciale di Windows Hello funzioni. Esso deve anche avere una lente R-capable, un illuminatore IR e un filtro IR band pass. Microsoft ha già annunciato che i PC che includono fotocamera RealSense F200 di Intel saranno in grado di utilizzare le caratteristiche del viso di Windows Hello in Windows 10.

Inoltre, Microsoft aveva annunciato piani per supportare “Passport”, un nuovo sistema che permetterà agli utenti di accedere in applicazioni, siti web e servizi online senza il bisogno di una password tradizionale.

Windows 10 TP build 10041

Microsoft ha probabilmente approfittato del clamore mediatico intorno alla conferenza e a Windows 10 a rilasciare l’aggiornamento alla nuova versione della developer preview build 10041, anche se solo per il cosiddetto circuito “Fast Ring” (aggiornamenti più frequenti ma tendenzialmente più instabili) e Windows Update, senza cioè il rilascio di una ISO almeno fin quando non sarà disponibile ne circuito “Slow Ring”.

slow-ring-352x350

A proposito dei rilasci nella modalità “Fast Ring” Gabe Aul, capo del Programma Insider di Windows, ha detto non solo che da adesso in poi saranno rilasciati aggiornamenti una volta al mese ma che c’è una buona probabilità che ci potrebbe essere più versioni; ci saranno più build candidate messe ai voti degli insider e non si può dire quindi quando ogni mese una build sarà rilasciato essendoci troppe variabili.

Tornando all’attuale build rilasciata, se tra le novità forse più attese manca ancora il nuovo browser Spartan ma noi Italiani ci possiamo consolare con l’arrivo del supporto di Cortana alla lingua italiana.
Le Novità e miglioramenti principali comprendono:

  • Esperienza del menù Start migliorata: introdotta la trasparenza, e pulsante tutte le App più facile da usare con il touch.
  • Miglioramenti desktop virtuali: seguendo la richiesta di funzionalità per i desktop virtuali numero 1 degli Insiders ora è possibile fare il drag end drop di una finestra su un desktop virtuale
  • Cortana si sta espandendo in nuovi mercati sul desktop: Cortana ora funziona anche su desktop in Cina, Regno Unito, Francia, Italia, Germania e Spagna – oltre a Stati Uniti
  • Nuova menù popup dalla barra delle applicazioni per la gestone delle reti
    network-flyout-300x350

  • Miglioramenti all’App Foto: il Live Tile aggiornato includerà ora le foto su Microsoft OneDrive nella rotazione della foto recenti in cui in precedenza si sarebbero viste solo foto locali. Molti miglioramenti in prestazioni e affidabilità dell’intera applicazione e aggiunto ad esempio il supporto per i file in formato RAW.
  • Nuova area di immissione del testo: introdotta un’esperienza aggiornata per il pannello di riconoscimento della scrittura a mano ottimizzato per l’immissione di testo breve.
    input-panel-500x135

  • Esperimenti con la schermata di blocco: Blocco schermo divetnta un luogo per condividere qualche “did you knows”, quindi con suggerimenti e trucchi per aiutare le persone a imparare ad usare Windows 10.
  • Windows feedback e Insider Hub apps sono state migliorate: ora è possibile filtrare i tuoi commenti e suggerimenti, e aggiungere “Me too” direttamente dalla ricerca. Le prestazioni generali sono state migliorate, e potete seguire quanto hai contribuito accedendo alla pagina ‘Your Progress’ nel feedback Hub.
Lenovo

Un post sul blog di Microsoft insieme alle informazioni sul lancio di Windows 10 dettaglia in merito a una partnership strategica con Lenovo che vedrà il produttore cinese lanciare il suo primo Windows Phone entro la fine dell’anno con China Mobile.

Lenovo, uno dei produttori di PC più importanti del mondo, ha annunciato che offrirà servizi di aggiornamento a Windows 10 a 2.500 centri di servizio e negozi al dettaglio selezionati in Cina, quando l’aggiornamento di Windows 10 sarà disponibile. Questo aiuterà i clienti rapidamente e facilmente ad aggiornare i loro nuovi o esistenti dispositivi Windows a Windows 10. Lenovo ha anche annunciato il loro impegno a costruire telefoni Windows, che saranno disponibile a metà 2015 con China Mobile.

Nessun’altra informazione è stata menzionata.

Xiaomi

Attualmente Xiaomi fa esclusivamente dispositivi mobili Android, ma l’OEM cinese è entrato in un programma con Microsoft per testare di Windows 10 su un piccolo, selezionato gruppo dei suoi smartphone.

Dopo aver affermato che:

In una dichiarazione a The Next Web, Microsoft ha affermato:

Come parte del programma Insider di Windows, Microsoft collaborerà con Xiaomi per offrire di Windows 10 download gratuiti per un gruppo selezionato di utenti Xiaomi Mi4. Gli utenti Xiaomi Mi4 avranno la possibilità di flashare sui loro telefoni il nuovo OS Windows 10 e fornire un feedback a Xiaomi e Microsoft sulla loro esperienza. Questa partnership consentirà a Xiaomi e Microsoft di ottenere il feedback degli utenti diretti e continuare a migliorare l’esperienza per la Cina. Microsoft è entusiasta di vedere Xiaomi abbracciare Windows 10 e offrire questo grande valore ai propri clienti. Siamo entusiasti di vedere il feedback che riceviamo da questo pubblico.

Xiaomi è un produttore di telefoni leader in Cina e in fase di significativa espansione globale. Siamo entusiasti di collaborare con loro in Cina e raccogliere congiuntamente feedback da utenti cinesi sulla loro esperienza con Windows 10 e collaborare congiuntamente allo sviluppo di prodotti e servizi per la piattaforma.

Per i proprietari dello smartphone Mi4 entrare in possesso di Windows 10 preview build naturalmente sarà un processo più complesso che per i telefoni Windows attuali e coinvolgerà il download e l’installazione di un pacchetto ROM completo che sarà reso disponibile attraverso i forum di Xiaomi.

Volete provare le ultime funzionalità di Windows sul vostro Mi 4? Restate sintonizzati e rilascerà il pacchetto ROM presto nel forum MIUI. Credete sempre che qualcosa di meraviglioso stia per accadere.

Sul loro forum è in corso anche un sondaggio veloce e finora c’è una buona reazione a questa notizia e sono molti coloro che vogliono provarlo.
Se la disponibilità sarà annunciata nei mesi a venire, i possessori presenti o futuri di un Mi4, dovrebbero quindi tenere d’occhio il forum MIUI nelle prossime settimane, ma nel frattempo possiamo vedere come appare dal vivo Windows 10 su un vero Mi4.

mi4-windows10

E’ stata annunciata lo scorso 30 Ottobre insieme alla nuova piattaforma Wearable Microsoft Health, ma la Microsoft Band, il primo dispositivo indossabile della casa americana (“Smartband Microsoft Band e nuova piattaforma Health: come sono e come funzionano | Video hands-on”), è stato finora confinato al solo mercato interno, inizialmente anche in quantità limitate.

Seppure Microsoft non abbia ancora parlato ufficialmente di una commercializzazione in tutta Europa, la Microsoft Band è da ieri preordinabile in UK, perfino sul proprio sito, a £169.99 con disponibilità a partire dal 15 Aprile.

Ricordiamo che Microsoft Band è una smartband compatibile non solo con il Windows ma anche con Android e iOS, con una autonomia fino a 48 ore e GPS integrato, e in grado tra le altre cose di monitorare cose come frequenza cardiaca, passi, il sonno e misurare esposizione ai raggi UV e risposta galvanica della pelle per tenere traccia dello stress ma anche usare Cortana per appunti e promemoria.

Ecco un primo elenco dei siti da cui è possibile effettuare il preordine:

0 2105

Microsoft annuncia la disponibilità della nuova ricerca Digital Trends 2015 – condotta in 13 Paesi* di tutto il mondo, compresa l’Italia – che rivela i cambiamenti più significativi nel rapporto tra i consumatori e la tecnologia. Dall’indagine emerge come gli utenti a livello globale gestiscano la propria identità online in maniera sempre più focalizzata sulle loro aree di interesse, controllando di conseguenza le interazioni online con i brand che meglio rispecchiano le proprie passioni. Oltre tre quartidegli intervistati  (78%) è consapevole dell’importanza che i brand gli attribuiscono come “consumatore online” e ai dati che derivano dalla loro presenza digitale. Più della metà degli intervistati (61%) è inoltre favorevole alla condivisione di informazioni riservate, a condizione che si verifichi uno scambio trasparente con i brand da cui possano trarre un beneficio personale.

Dalla ricerca emerge anche il forte desiderio delle persone di apprendere dagli strumenti digitali maggiori informazioni su sé stessi: più del 74% dei consumatori a livello globale risulta interessato alla tecnologia indossabile. Tuttavia, la mole sempre crescente di informazioni a cui si è quotidianamente esposti spinge le persone verso la ricerca di esperienze e servizi che li supportino per semplificare la gestione dei dati online (l’80%).

UNO SGUARDO ALL’ITALIA

Rispetto ai trend emersi dal report Microsoft Digital Trends 2015, gli italiani si ritagliano un ruolo da protagonisti, con risultati spesso superiori alla media dei Paesi europei coinvolti nell’indagine e a volte anche oltre la media globale.

Ad esempio, nell’ambito della capacità di gestione delle informazioni personali online, i consumatori del Bel Paese sono fortemente convinti di sapere come rimuovere dalla rete informazioni indesiderate postate erroneamente (47%): la percentuale più alta in Europa e superiore anche alla media globale (40%). Inoltre, ben il 64% degli italiani desidera poter scegliere per quanto tempo mantenere online le informazioni condivise, contro il 57% della media globale e il 59% della media europea.

Quello dell’Internet of Things è un altro ambito dove spicca la “voce” degli italiani: il loro livello di utilizzo di dispositivi e applicazioni per tracciare, scaricare e analizzare i dati è il più alto in Europa (41%), a fronte di una media dell’area pari al 23% e in contrapposizione alla Svezia (solo 14%). Allo stesso modo, gli italiani più degli altri cittadini europei non sanno concretamente come impiegare i dati rilevati (29,1% contro 28,3%). Inoltre, il 74,8% degli italiani vorrebbe oggetti legati alla quotidianità capaci di tracciare i dati (come macchine e case smart), a fronte di una media europea del 54% e globale del 60%.

Tra gli altri risultati del report Digital Trends 2015 figurano:

  • Wearable e Internet of Things

Le persone nel mondo dimostrano un interesse crescente per le app e i dispositivi di tracciamento dei dati: tre quarti dei partecipanti (il 74%) usa tecnologie indossabili – un incremento del 13% rispetto al 2013 -e più della metà (il 60%) è interessato all’Internet of Things.

Nonostante lo sviluppo registrato, le persone ammettono di non sapere con certezza come utilizzare queste tecnologie per migliorare le proprie prestazioni: meno di un terzo (il 28%) le usa per definire attività e obiettivi, mentre un altro terzo (ancora il 28%) afferma di non aver mai utilizzato i dati così ottenuti.

  • Servizi per una gestione dei dati semplificata

Le persone devono confrontarsi con una mole crescente di informazioni e sono sempre più alla ricerca di strumenti che li aiutino a individuare i dati più pertinenti: quasi due terzi (il 63%, con un incremento dell’8% rispetto al 2013) sono interessati a una tecnologia che in futuro possa offrire un servizio di questo tipo, nel nostro Paese ben il 79% dei rispondenti.

Di fatto, si registra un aumento dell’attenzione verso tecnologie in grado di proporre suggerimenti e raccomandazioni su nuove esperienze, nuove connessioni e nuove cose da fare in base ai propri interessi personali: dal 50% del 2013  si è passati al 53% . In Europa con il 65% l’Italia è seconda solo alla Russia 66%.

Inoltre, con l’aumentare della quantità di dati archiviati online, le persone cercano assistenza nella gestione delle informazioni. L’interesse per i servizi digitali in questo contesto è aumentato di 7 punti percentuali rispetto al 2013 (dal 73% all’80%), ma il proprietario dei dati pretende di avere il controllo finale: il 57% nel mondo e il 64% in Italia desidera poter stabilire il tempo di permanenza online delle informazioni condivise.

  • Esperienze unificate

Le persone non vogliono una separazione tra le proprie esperienze nella vita reale e quelle online. Cresce l’attenzione per una generazione futura di servizi digitali che consenta di avere la stessa esperienza sia online sia offline (il dato è salito al 53%  rispetto al 50% del 2013 e nel Bel Paese si attesta al 62%).

  • Prodotti e servizi personalizzati

Le persone sono interessate a plasmare e a progettare prodotti e servizi in base alle proprie esigenze e ai propri interessi: il 55% degli intervistati è pertanto più propenso ad acquistare da un’azienda che consenta di avere un ruolo attivo nella personalizzazione dei prodotti. In Italia questa preferenza sale al 64%.

Il richiamo dei social network come “un’unica soluzione valida per tutto” perde terreno, poiché le persone usano canali digitali diversi e specializzati, più adatti alle esigenze e alle attività specifiche di un dato momento (incremento dal 41% del 2013  al 48% di oggi).

I risultati di questa ricerca dimostrano quanto stia cambiando il rapporto tra consumatori e dispositivi, applicazioni e servizi, all’insegna di mobilità e cloud. Le persone sono sempre più consapevoli di come la tecnologia possa realmente migliorare la loro vita, di conseguenza è importante che i brand comprendano come soddisfare al meglio le loro crescenti aspettative“, ha dichiarato Paola Cavallero, Direttore Marketing & Operations di Microsoft Italia. “Grazie ad una profonda conoscenza dei gusti e delle abitudini delle persone, un approccio trasparente ai dati dei consumatori, un ricco ecosistema di device e servizi all’avanguardia, Microsoft è posizionata in maniera unica per soddisfare le esigenze attuali e future delle persone emerse in questa analisi. Ne è un esempio il wearable lanciato qualche mese fa negli Stati Uniti: il Microsoft Band che incarna al meglio il nostro approccio innovativo, l’integrazione di hardware e software e un accesso sicuro e cloud based alle informazioni personali e professionali per essere più produttivi: monitoring e tracking delle attività, mail, calendario e l’assistente personale digitale Cortana“.

Il report di Microsoft Digital Trends 2015, a cui hanno partecipato più di 13.000 consumatori in 13 Paesi di tutto il mondo*, è il risultato di una partnership con Future Laboratory e Research Now, il cui obiettivo è di indagare il futuro delle tecnologie e dei comportamenti digitali, per meglio comprendere come le aziende possano rispondere alle aspettative e alle esigenze dei consumatori, oggi e in futuro. Ogni trend rivela una storia interessante su come sia cambiato l’atteggiamento delle persone nei confronti di dispositivi, piattaforme, app e brand, oltre ad aiutare le aziende online a capire quali siano le nuove regole che disciplinano i contatti con le persone in un ambiente digitale.

 

Microsoft ha annunciato al MWC 2015 il Lumia 640 e la sua variante phablet, come la denominazione extra-large suggerisce, Lumia 640 XL, “due” nuovi prodotti di fascia media, basati sull’ormai rodata piattaforma del segmento Snapdragon 400.

Il Lumia 640 va a sostituire Lumia 630 / Lumia 635, migliorando alcuni aspetti a partire dalla risoluzione del display che sale a 5 pollici, la RAM che sale a 1 GB e la fotocamera posteriore che sale a 8 MP e eliminando alcune sue mancanze con la presenza di una fotocamera frontale da 1 MP e del flash led per la posteriore, dei sensori di luminosità e di prossimità, e del supporto del Glance screen

Il Lumia 640 XL è sostanzialmente l’erede del phablet Lumia 1320, anche se rispetto a quest’ultimo ha uno schermo HD un pò più piccolo, 5.7 pollici, a vantaggio di dimensioni e peso più contenuti; se la batteria più piccola dovrebbe essere compensata dallo schermo e dalla piattaforma quadcore a migliorare è certamente il reparto fotocamere che ora fanno un salto da 5 MP a 13 MP per la principale e da 0.3 MP a 5 MP la frontale.

Entrambe con a bordo Windows Phone 8.1 Update 2 vengono forniti con inclusa una sottoscrizione per un anno a Office 365 Personal, che include Word, Excel, PowerPoint, Outlook e OneNote su Lumia così come su un PC o Mac e un tablet. La sottoscrizione include anche 1TB su OneDrive e 60 minuti gratis di chiamate al mese Skype (Unlimited Worldwide).

Il Lumia 640 sarà disponibile ad aprile nelle colorazioni lucide ciano, arancione e bianco, in nero opaco, a prezzi indicativi di 139 per la versione 3G e 159 euro per la versione LTE, tasse e sovvenzioni escluse.
Il Lumia 640 XL sarà disponibile nel mese di marzo nelle colorazioni opache ciano, arancione e nero, e in bianco, sia opaco che lucido, a prezzi di 189 euro per la versione 3G e a 219 euro per la versione LTE, tasse e sovvenzioni escluse.

Galleria Immagini e Scheda Tecnica Lumia 640


• OS: Windows Phone 8.1 Lumia Denim e Windows 10 Ready
• Colors: Glossy cyan, orange and white, as well as matte black
• SoC: Qualcomm Snapdragon 400 (MSM8926), 1.2 GHz quad-core processor
• Display: 5″ HD (1280×720, 16:9) IPS LCD, 294 PPI, Glance screen, Corning Gorilla Glass 3, Sunlight readability enhancements
• RAM: 1GB
• Internal mass memory: 8 GB + up to 128 GB Micro SD & 30GB free OneDrive cloud storage
• Rear camera: 8 MP AF (3280×2464), f/2.2, 28 mm, 1080p @ 30 fps video (continuous autofocus), Flash LED, Lumia Camera 5.0 (with Dynamic Flash, HDR)
• Front camera: HD 1 MP wide angle, f/2.4, 720p video
• Connectivity: BT 4.0, microUSB2.0, Micro SIM, A-GPS+GLONASS, BeiDou, DLNA, Screen cloning with Miracast, WLAN 802.11 b/g/n/
• Sensors: Accelerometer, Magnetometer, Proximity, Ambient Light Sensor
• Battery: 2500 mAh (BV-T5C) removable battery
• Weight: 145 g
• Size: 141.3 x 72.2 x 8.85 mm

Galleria Immagini e Scheda Tecnica Lumia 640 XL


• OS: Windows Phone 8.1 Lumia Denim e Windows 10 Ready
• Colors: Matte cyan, orange and black, as well as both matte and glossy white
• SoC: Qualcomm Snapdragon 400 (MSM8926), 1.2 GHz quad-core processor
• Display: 5,7″ HD (1280×720, 16:9) IPS LCD, 259 PPI, Glance screen, Corning Gorilla Glass 3, Sunlight readability enhancements
• RAM: 1GB
• Internal mass memory: 8 GB + up to 128 GB Micro SD & 30GB free OneDrive cloud storage
• Rear camera: 13 MP AF, f/2.0, 28 mm, 1080p @ 30 fps video (continuous autofocus), Flash LED, Lumia Camera 5.0 (with Dynamic Flash, HDR)
• Front camera: HD 5 MP, 24 mm, f/2.4, 1080p video
• Connectivity: BT 4.0, microUSB2.0, Micro SIM, A-GPS+GLONASS, BeiDou, DLNA, Screen cloning with Miracast, WLAN 802.11 b/g/n/
• Sensors: Accelerometer, Magnetometer, Proximity, Ambient Light Sensor, SensorCore
• Battery: 3000 mAh (BV-T4B) removable battery
• Weight: 171 g
• Size: 157.9 x 81.5 x 9 mm

Video Ufficiali



Video Hands-on


0 2423

A 8 anni dall’arrivo in Italia, le Girl Geek Dinners si raccontano in un avvincente e-book disponibile sul loro sito, realizzato in stretta collaborazione con Microsoft che ha dato voce alla loro storia di condivisione al femminile, una storia fatta di traguardi raggiunti grazie alla tecnologia e all’attiva collaborazione su piano nazionale attraverso il Web, i canali social e gli strumenti cloud oggi utilizzabili nel quotidiano. Ma si tratta di un “movimento” circoscritto o del reale specchio del Bel Paese? Grazie a una simpatica survey* su MSN, Microsoft ha deciso d’indagare quanto la tecnologia pervada la quotidianità degli Italiani, delineandone la personalità geek. Si scopre così che tra veri specialisti dell’informatica – Super Geek – e social network dipendenti – Social Geek – è ben il 40% degli Italiani a non separarsi mai dai propri device.

Geek è un termine che connota una persona con evidenti passioni per tutto ciò che è hi-tech – gadget, applicazioni, web – così come per i nuovi sistemi di comunicazione e media. Lo sanno bene le Girl Geek, vere esperte digitali che si pongono in maniera positiva verso tutto ciò che è nuovo, a prescindere dal settore, per semplificare la vita quotidiana, snellire i processi a beneficio dell’intera collettività e creare nuove opportunità.  Ad oggi sono attivi sull’intero territorio nazionale ben 10 differenti team di Girl Geek, cui la tecnologia ha permesso di comunicare, condividere e crescere a distanza, senza alcun tipo di barriera spaziale o temporale.

E COME SONO I GEEK D’ITALIA?

La ricerca Microsoft rivela che in Italia, per il 40% delle persone la tecnologia è parte integrante della propria vita. C’è chi, come i Super Geek, ne fa una vera passione, dedicandovisi attivamente con approfondimenti su forum dedicati, e chi, come i Social Geek, se ne serve per condividere la propria personalità e tutti i momenti della giornata, trovando nei dispositivi tecnologici validi strumenti per l’interazione con il prossimo. E’ solo il 18% della popolazione, stando ai dati Microsoft, che approccia la tecnologia in maniera basica, i Paleo Geek che sono strettamente ancorati a usi e costumi tradizionali. I device tecnologici occupano un ruolo marginale nella loro quotidianità e sono utilizzati solo nell’ambito di funzioni basilari.  Infine la survey rivela l’esistenza di una categoria più neutrale formata da un rimanente 41% che alla tecnologia in un certo senso si è adattata. Per necessità o per lavoro, i Born to be Geek usano dispositivi e servizi tech il minimo indispensabile per fare ricerche in internet o leggere le news online.

E’ soprattutto alle ultime due categorie, e alle loro donne, che si rivolgono le Girl Geek con il loro “Condividere al femminile. Una collaborazione senza barriere”, il cui obiettivo infatti non è solo quello di favorire la condivisione della passione per la tecnologia tra i gruppi già esistenti, ma anche di crescere nuove generazioni femminili attive in questo ambito. Microsoft ha supportato attivamente la realizzazione del libro, grazie anche alla prefazione firmata da Roberta Cocco, Direttore Progetti di Sviluppo Nazionali per l’area Western Europe di Microsoft, e ideatrice, nel 2005, di futuro@lfemminile, il progetto di responsabilità sociale che si propone di promuovere la tecnologia come grande alleata delle donne. L’impegno di Microsoft per le donne ha portato anche alla realizzazione della Nuvola Rosa, un grande evento internazionale, che nel 2015 sarà a Milano per la terza edizione.  Microsoft ha anche messo a disposizione alcuni dei suoi servizi online – come Skype, OneDrive e Outlook.com – che hanno giocato un ruolo fondamentale nell’avvicinare i diversi gruppi fisicamente lontani gli uni dagli altri, consentendo la chiusura del progetto in tempi davvero sfidanti. La loro compatibilità con tutte le piattaforme ne ha favorito un utilizzo veloce e intuitivo anche in mobilità e ha semplificato l’intero lavoro dei team presenti in città diverse, facilitando il trasferimento di documenti, lo scambio di riflessioni e l’allineamento ongoing.

 

La trasformazione digitale che vivono i brand della moda e del lusso è un’opportunità di competitività e crescita per le imprese stesse ma è anche possibilità per le persone di accedere a un’esperienza di acquisto rivoluzionaria. Esperienza che parte da Internet e dalle piattaforme social, dove l’individuo si informa, condivide opinioni e legge recensioni di altri utenti, passa dal negozio fisico, per provare i prodotti e sfogliare su schermi touch cataloghi digitali che dialogano con il magazzino, e si sviluppa attraverso dispositivi smart, con applicazioni che permettono di fare simulazioni sui modelli, registrarsi a iniziative di fidelizzazione, acquistare, e farsi consegnare la merce. Un’evoluzione veloce verso sviluppi come il riconoscimento di chi entra nello store e la personalizzazione del negozio in base alle esigenze del consumatore.

A questo lavora DS Group, azienda italiana di consulenza ICT specializzata nella progettazione e nello sviluppo di soluzioni applicative mobile multipiattaforma e multidevice; fra le aree di maggiore focalizzazione per DS Group vi è la Digital Retail Experience, in cui ha affiancato nei percorsi di innovazione e di digital transformation marchi prestigiosi come Valentino, Calzedonia, Luxottica, Pinko.

Sulla base di tali esperienze nel retail e grazie a un ecosistema di partner leader di mercato come Samsung Electronics, Microsoft, SAP, Intel, Ingenico, Motorola, DS Group ha creato la Digital Boutique, spazio tecnologico basato sull’integrazione fra dinamiche proprie del retail e tecnologie digitali che oggi è possibile visitare presso la sua sede milanese. Un centro di eccellenza sul modello di negozio innovativo che DS Group sta progettando insieme ai propri clienti.

Centrale è il ruolo dei partner tecnologici che hanno partecipato al processo creativo e di sviluppo, operando con il team di DS Group; la Digital Boutique è quindi dotata delle migliori tecnologie per un modello di Multichannel Retail Experience di avanguardia. In particolare, Samsung Electronics ha fornito schermi LFD, videowall, soluzioni di digital signage e tablet per la cura degli aspetti tecnologici visuali; Microsoft, oltre a fornire i tablet Surface Pro 3 e gli smartphone Lumia 1520 e 830, ospita ed eroga l’intera piattaforma tecnologica attraverso la propria piattaforma cloud Azure; Intel ha supportato il progetto fornendo le tecnologie innovative in grado di migliorare la relazione con il cliente (soluzioni di digital signage) e per la gestione e l’analisi dei dati di mobile payment (dispositivi NUC – Next Unit of Computing).

Il layout e l’estetica di questo spazio sono stati realizzati dal designer Alessandro Luciani (alessandrolucianidesigner.com/) con i canoni di una boutique di lusso per struttura e stile; lo showroom di Milano propone quindi un percorso fisico ed emozionale attraverso le tecnologie digitali, seguendo le tappe che portano a una nuova esperienza d’acquisto.

La Digital Boutique nasce, dopo anni di studio e lavoro in sinergia con i nostri clienti e con i nostri partner tecnologici, come il negozio ideale per i nuovi scenari economici e sociologici del mercato retail; questo vale sia per la persona che viene messa al centro di tutto il processo di acquisto sia per la marca che impara a conoscere meglio il consumatore ed entra in relazione diretta con lui e che può sostenere i prodotti, ottimizzare magazzino e distribuzione, rendere efficiente marketing e customer care”, afferma Romeo Quartiero,Presidente e CEO di DS Group. “Si tratta di una soluzione che aiuta in modo concreto le imprese del settore moda, uno di quelli strategici per il Made in Italy, nei loro obiettivi fondamentali di brand reputation e di business, contribuendo significativamente a migliorare efficienza e produttività e ad abbattere i costi”.

L’innovazione sta completamente rivoluzionando l’esperienza di acquisto dei consumatori e, al fine di mantenere la propria competitività sul mercato, il retail deve intraprendere un cambio di paradigma, puntando su una tecnologia sempre più personale, all’insegna di cloud e mobilità, capace di coinvolgere i clienti attraverso molteplici device e piattaforme e di abilitare le stesse opportunità offerte dagli store online” – dichiara Claudia Bonatti, Direttore della Divisione Windows di Microsoft Italia. “Grazie a Windows, Microsoft offre una piattaforma che permette agli Independent Software Vendor di ottimizzare gli sforzi di sviluppo abilitando contestualmente la fruizione dei servizi su diversi form factor – PC, tablet, smartphone – consentendo così ai clienti di concentrarsi sull’esperienza delle persone”.

La tecnologia rappresenta ormai da tempo l’asset aziendale strategico per competere efficacemente sul mercato, ed offrire ai consumatori esperienze d’acquisto uniche e personalizzate. Proprio per questo i retailer, attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative, devono attivare metodi di comunicazione integrati e moderni, in grado di mantenere il contatto con i propri clienti, all’interno degli store, ma anche al di fuori: in mobilità e a casa. L’attrattività e la caratterizzazione di store e brand, insieme alla spinta all’acquisto, alla soddisfazione ed alla fidelizzazione dei clienti, non possono più prescindere dall’uso intensivo della tecnologia da parte dei retailer”, ha dichiarato Mauro Palmigiani Head of B2B Division di Samsung Electronics Italia.

Stiamo assistendo a un periodo di grande trasformazione per il mondo retail, dove l’esperienza digitale e in particolare la componente mobility  sono entrate prepotentemente  in negozio. In media oggi un cliente utilizza 2,6 device mobili per completare un acquisto”, ha dichiarato Zoran Radumilo, Innovation Sales Director di SAP Italia. “La tecnologia mobile è diventata il più forte punto di contatto e di accelerazione dell’interazione con il cliente in una strategia di multicanalità. Con SAP Mobile Platform le aziende possono gestire soluzioni di mobilità su larga scala, basandosi sull’integrazione della migliore tecnologia mobile SAP in un’unica soluzione end-to-end. La versione Cloud di SAP Mobile Platform, realizzata su  SAP HANA Cloud Platform, sfrutta inoltre la potenza di in-memory computing di SAP HANA”.

Intel ha contribuito a realizzare la Digital Boutique di DS Group con l’obiettivo di valorizzare la trasformazione digitale che sta rivoluzionando l’esperienza di acquisto. Siamo convinti che oggi le tecnologie in grado di abilitare questa trasformazione debbano focalizzarsi sulla persona e sulle sue esigenze, garantendo vantaggi fino a qualche anno fa impensabili. L’approccio seguito da Intel nella progettazione di queste tecnologie – anche per il settore retail – privilegia appunto questo aspetto, lasciando sempre al centro il consumatore e rendendo l’utilizzo dei dispositivi tecnologici il più immediato possibile. Dall’altro lato, le potenzialità di business per il retail che derivano dall’adozione di approcci innovativi per relazionarsi con il pubblico conferma quanto sia importante integrare sempre di più l’esperienza digitale con lo shopping tradizionale”, ha dichiarato Carmine Stragapede, Direttore Mercato Enterprise Intel.

Le tappe del tour tecnologico nella Digital Boutique

Cuore di tutta la struttura è Combenia, piattaforma che DS Group ha sviluppato specificamente per il retail per integrare le diverse tecnologie; ogni tecnologia supporta una tappa specifica dell’esperienza di acquisto.

Si parte da riconoscimento e mappatura (Store Analytics and Virtual Check-In) del cliente che entra nel negozio: attraverso tecnologie di rilevazione fra cui telecamere, beacon e wi-fi, mappa gli ingressi della persona e la permanenza nello store e ne individua le caratteristiche principali (può essere usata anche fuori dalla vetrina per quantificare le presenze dei passanti nei diversi momenti della giornata); permette quindi di identificare e profilare il consumatore e attuare comunicazioni personalizzate;

seconda tappa, Interactive Digital Signage: un grande schermo, per mezzo di una web cam incorporata, proietta video e contenuti personalizzati proponendo outfit diversi a seconda del sesso e della fascia d’età della persona;

si passa alla Hybrid Shop Experience con tavoli e totem touch interattivi che permettono al consumatore l’e-shop direttamente nello store: mentre prova un capo, può selezionare ulteriori misure e colori da catalogo e ordinare modelli non disponibili in negozio, con consegna successiva a casa o altra destinazione;

quindi, segue la Smart Dressing Room: il camerino multimediale che, all’ingresso del cliente, effettua la rilevazione dei capi muniti di tag in transito, consentendo alla marca di effettuare statistiche tra il provato e il venduto e profilare le preferenze delle persone; inoltre, può raccogliere feedback sull’abito provato attraverso lo specchio touch screen interattivo che, adeguandosi alle scelte del cliente comunicate con un ‘tap’, propone altri outfit o prodotti;

il percorso si chiude con il Mobile Payment: i dispositivi mobili dedicati al pagamento, fra cui il Mobile Pos, che, sempre mantenendo massima sicurezza, smaterializzano il punto cassa eliminando le code e le attese e garantendo flessibilità e comodità.

Ogni momento della customer experience è disponibile e governato da un dispositivo mobile in dotazione allo store manager e allo staff in store, messo quindi nelle condizioni di mappare e seguire il cliente in tutte le fasi dell’esperienza di acquisto, fornendo da un lato un servizio a valore per il consumatore, dall’altro raccogliendo dati preziosi per l’analytics/intelligence dello store e del brand.

Microsoft annuncia oggi il nuovo Microsoft Wireless Display Adapter.

Con Microsoft Wireless Display Adapter è possibile condividere ciò che è su tablet, laptop o smartphone su un HDTV.

E’ possibile visualizzare i film in Streaming, le foto o presentazioni sul grande schermo – tutto in modalità wireless.
Il Wireless Display Adapter utilizza la tecnologia Miracast®, quindi non si è limitati a determinate applicazioni o streaming di contenuti; è possibile visualizzare tutto dal proprio dispositivo su un HDTV o monitor.
Basta collegare il cavo USB e HDMI del Wireless Display Adapter nel  HDTV o monitor, quindi estendere lo schermo e godere di una connessione affidabile fino a un range di 7 metri.

Caratteristiche:

  • Miracast® Technology
  • Compatibile con Windows 8 e Android
  • Connessione garantita fino a 7 metri
For Windows For Android
All Miracast® enabled Windows 8.1 tablets/laptops/phonesMiracast® enabled Android devices 4.2.1 and later

Prezzi stimati all’utente finale IVA inclusa

CodiceDescrizionePrezzo stimato di vendita all’utente finale (IVA inclusa)
CG4-00012MS Wireless Display SC IT/PT Hdwr€ 69,90

Disponibilità: 11 Febbraio 2015

Wireless_Display_Adapter Microsoften-INTL-L-Microsoft-Wireless-Display-Adapter-CG4-00001-RM2-mnco

 

 

0 3046

Microsoft in un evento di più di due ore tenuto ieri 21 Gennaio ha presentato Windows 10, la nuova generazione di sistemi Windows pensata per animare ogni dispositivo dallo smartphone al PC, dalla TV alla console, e con esso due nuovi dispositivi progettati per estendere l’esperienza Windows dagli schermi di grandi dimensioni ai dispositivi senza schermo.

E per far si che l’ecosistema di prodotti possa avere il maggior numero di utenti nel più breve tempo possibile ha annunciato che un aggiornamento gratuito a Windows 10 sarà disponibile per i clienti che utilizzano già Windows 7, Windows 8.1 e Windows Phone 8.1 e che decidono di effettuare tale aggiornamento durante il primo anno.

Satya Nadella, CEO di Microsoft ha dichiarato:

Windows 10 segna l’inizio di un’era informatica più personale nel mondo dei dispositivi mobili e dei servizi cloud.
La nostra ambizione è che gli 1,5 miliardi di utenti Windows attuali si innamorino di Windows 10, e far sì che miliardi di altri utenti decidano di fare di Windows la propria casa.

Interfaccia, Notifiche e App universali

Microsoft è stato molto chiara sulla progettazione di Windows 10 con l’unificazione in mente tanto che, anche se visivamente il sistema operativo si adatterà ai diversi dispositivi, sotto il cofano sarà tutto molto simile, con la condivisione di un kernel comune e un archivio comune di app.

In termini di interfaccia come detto se anche la parte desktop rimarrà prerogativa di pc e tablet il passaggio da questa a quella Modern UI sarà più fluida e con un menù, che torna aggiornato e integrato con i tile, che si espanderà diventando una versione riveduta del classico e discusso menù di Windows 8.
Le stesse App Modern UI che saranno in finestra in modalità desktop ma e a tutto schermo nella cosiddetta modalità tablet e proprio riguardo al passaggio tra le due ha introdotto anche la “Modalità continuum”.

Windows10_Continuum-1C

Modalità continuum. Sui dispositivi 2 in 1, Windows 10 sarà in grado di passare agevolmente dalla modalità tastiera/mouse a quella di un dispositivo touch/tablet, rilevando la transizione e attivando opportunamente la nuova modalità.

Su PC in luogo della Charm Bar arriva il pannello per le notifiche che come su smartphone integra i toggle per attivare e disattivare oltre alla summenzionata modalità tablet, il GPS, la modalità silenziosa, WiFi e un nuovo menù impostazioni.
Anche il nuovo sistema di notifiche sarà universale, che non mancherà di tenere tutto sincronizzato attraverso telefoni, tablet e laptop. L’eliminazione di una notifica su un dispositivo la farà sparire su tutti, per esempio.

Sempre a proposito di uniformazione dell’interfaccia tra smartphone e PC lo scorrimento delle tile diventa verticale e sul primo lo sfondo del desktop apparirà dietro ai tile come ora su Windows 8 (su Windows 10 dovrebbe essere “filtrato” da una semi trasparenza).
Molto simile diventa il menù delle impostazioni che arriva su smartphone con sfondo bianco e con la maggior parte dei download recenti che appaiono per primi.

Ma ancora più significativa nell’ottica di unificare l’esperienza su più dispositivi e di invogliare gli sviluppatori lo svolgono le cosiddette applicazioni universali. Queste saranno applicazioni come Office, ad esempio, che saranno una stessa corsa attraverso telefoni, tablet e computer portatili, con solo le icone e menu dell’interfaccia regolati per adattarsi alle varie situazioni di schermo piccolo o grande, touch o non-touch e così via. Lo stesso vale per tutti i programmi Microsoft come Outlook, ma sarà chiesto anche agli sviluppatori di app di terze parti cnn il passare del tempo, assicurandosi che il software verrà eseguito con la somiglianza più vicina possibile su tutti i dispositivi Windows.

Nuove app universali. Windows 10 offrirà nuove applicazioni, uniformi su tutti i dispositivi, per fotografie, video, musica, mappe, contatti e messaggistica, posta e calendario. Queste app integrate presentano un design aggiornato, dall’aspetto identico su tutte le app e su tutti i dispositivi. Il contenuto viene memorizzato e sincronizzato mediante OneDrive, che consente di iniziare un lavoro su un dispositivo e di continuarlo su un altro.

La nuova app universale Outlook,supporta una comoda interfaccia basata sui tap per la gestione della posta elettronica, e viene integrato un motore Word completo.
Anche il nuovo Calendario ha ora un un look ispirato a Metro.

La nuova app universale Foto sembra molto simile a quello attuale, ma è intelligente e rimuoverà le immagini duplicate, auto-migliorerà le immagini, e organizzerà meglio le foto. La grande novità è che ora sembra così su Windows 10 desktop così, rendendo per una transizione molto facile per gli utenti. Foto creerà automaticamente album con intestazioni e bella formattazione e saranno sincronizzate nel Cloud e facile da condividere.

Anche la nuova App di musica permetterà di mettere la propria collezione di musica tutta nel cloud Microsoft OneDrive.

Su smartphone arriva inoltre la tastiera flottante, la dettatura per i messaggi con risposte in linea (simili a quelli su iOS).
Tra la lettera ‘Z’ e ‘X’ è presente un piccolo puntatore di forma circolare che facilita la selezione e la formattazione del testo.
windows-10-smartphone-tastiera

Office per Windows 10

Le applicazioni universali di Office per Windows 10 offrono un’esperienza incentrata sul touch su diversi dispositivi. Le nuove versioni di Word, Excel, PowerPoint, OneNote e Outlook sono state completamente riprogettate su Windows, ottimizzandole per il touch e offrendo l’inconfondibile esperienza Office che i clienti conoscono e apprezzano. Con le note funzioni di Office, gli utenti possono facilmente creare e modificare documenti Word. Le nuove funzioni di inchiostro digitale per PowerPoint consentono agli utenti di aggiungere note alle diapositive in tempo reale, e i nuovi comandi di Excel, incentrati sul touch, facilitano la creazione e l’aggiornamento di un foglio di calcolo senza tastiera o mouse. Anche la prossima versione del pacchetto Office è in via di sviluppo, e Microsoft rivelerà più informazioni nel corso dei prossimi mesi.

Non manca il supporto di stampa wireless integrato in Office per Windows 10 anche per smartphone.

Introduzione di Cortana su PC e tablet

L’assistente personale digitale Cortana, che ha fatto il suo ingresso l’anno scorso su Windows Phone e a dicembre in versione alpha anche in Italia, sarà ora disponibile sui computer e i tablet Windows 10 per assistere gli utenti durante lo svolgimento delle loro attività. Cortana è un’assistente personale in grado di apprendere le preferenze individuali per offrire suggerimenti ad hoc, accesso rapido alle informazioni, promemoria importanti e per mettere in evidenza gli elementi più rilevanti. L’interazione viene eseguita in modo naturale e facile attraverso voce e tastiera, con funzioni avanzate per controllare l’affidabilità e la trasparenza di Cortana.

Joe Belfiore dando l’annuncio ufficiale durante l’evento di Microsoft, ha consegnato una grande dimostrazione di come l’assistente lavorerà sul sistema operativo, anche se in Windows 10 implementazione di Cortana era ancora in fase di test, come Joe ha sottolineato in diverse occasioni.
In primo luogo, Cortana verrà attivato in ogni momento e risponderà al vostro input vocale, richiesto dal comando “Hey, Cortana”.

Ad esempio, gli utenti impiegheranno meno tempo per la ricerca di applicazioni – i risultati comprenderanno sia quelle installate sul dispositivo e quelli raccomandati dal Marketplace di Windows. LA Ricerca dei file è stato snellito aggiungendo l’opzione per gli utenti di specificare il tipo di file o la sua data di creazione, tutto utilizzando i comandi vocali. Cortana sarà abbastanza intelligente da portare i risultati della ricerca altamente pertinenti in cima.

Ma non è tutto. Cortana in Windows 10 è stato progettato per imparare i dettagli su l’utente al volo, e più la si utilizza, meglio lei arriverà a restituire risultati di ricerca pertinenti. In caso ci siano dettagli su di te che non dovrebbe sapere, ti sarà permesso di escluderli utilizzando la funzione Notebook. La lista di trucchi di Cortana includerà anche la possibilità di inviare messaggi ed e-mail, senza la pressione di un solo tasto. Tutto quello che dovete fare è istruire lei a inviare una e-mail a un destinatario specifico e di dettare il messaggio stesso.

Integrazione Skype

Le funzioni relative alle chiamate vocali e video, alla messaggistica e alla chat di Skype saranno integrate nel sistema operativo in unica nuova applicazione Phone e Messaging; questa sarà distribuita sotto forma di app stand-alone nello store, permettendone così un aggiornamento costante e indipendente.

La cosa più importante per noi è offrire la possibilità di raggiungere i propri contatti per condividere con loro momenti della vita quotidiana. Skype rende ciò semplice poiché connette sia i dispositivi mobile che i propri indirizzi email, e questo consente agli amici di rimanere in contatto utilizzando Skype non solo su dispositivi Windows, ma anche su iPhone, Mac, Android e tanti altri.

Con l’integrazione di Skype, sarà possibile inviare messaggi gratis su Internet direttamente dalla barra delle applicazioni. Inoltre, dal vostro cellulare potrete scegliere di inviare un messaggio di testo o un messaggio gratuito attraverso Skype, direttamente dalla stessa applicazione.


Il nuovo browser “Project Spartan”

Windows 10 includerà il nuovo browser Microsoft, dal nome in codice “Project Spartan” per il web moderno, nome in codice Project Spartan, di cui sarà anche il browser ufficiale anche se inizialmente affiancherà Internet Explorer vista che alcuni siti web legacy utilizzano precedenti tecnologie progettate solo per quest’ultimo, come ad esempio, i controlli Active X personalizzati e i Browser Helper Object
Con un nuovo motore di rendering di zecca sotto il cofano, Project Spartan è dotato di un nuovo look and feel: semplice, piano, moderno, in linea con quello di Windows 10 e delle nuove applicazioni universali.

Alcune delle funzioni più avanzate del browser includono:

– la possibilità di inserire commenti, prendere appunti e disegnare sullo schermo mediante tastiera, penna o con le dita a destra sopra o in qualsiasi punto di una pagina web.
Questi vengono salvati e possono essere facilmente sincronizzati con OneNote, e condivisi facilmente con altri.

– una modalità di lettura, presente nella maggior parte dei browser moderni, che formatta l’articolo con un layout semplificato offrendo una migliore esperienza di lettura per contenuti Web online e offline.
Non manca una lista di letture come quella presente che in applicazioni come Pocket; tale elenco si sincronizza tra telefono e tablet, mantenendo in ordine tutte le pagine ancora da leggere.

– si può anche fare clic destro su parole per ottenere un definizione direttamente nel browser Spartan, non proprio Google Translate, e sarò da vedere se ci sarà una opzione per la traduzione automatica delle pagine in diverse lingue, ma molto utile.

– l’integrazione di Cortana per individuare elementi ed eseguire operazioni online più rapidamente.
Cortana entrerà in gioco quando si scrive qualcosa di significato contestuale. Basta iniziare a digitare tempo e si sarà in grado di vedere le previsioni del tempo senza la necessità di una ricerca vera e propria, un po’ come succede con la ricerca personalizzato di Google ma sembra ancora più veloce. Cortana si apre anche fino a visualizzare più informazioni sui luoghi: le indicazioni, i contatti, i menu dei ristoranti e molto altro ancora.

Xbox Live e la nuova app Xbox introducono nuove esperienze di gioco su Windows 10

Xbox su Windows 10 consente a giocatori e sviluppatori di accedere al meglio dell’estesa rete di gaming Xbox Live, sia sui computer con Windows 10 che su Xbox One. I giocatori possono registrare, modificare e condividere i momenti di gioco migliori con Game DVR e giocare con gli amici a nuovi giochi su diversi dispositivi, collegando milioni di giocatori in tutto il mondo.

I giochi sviluppati per la nuova API di Windows 10, DirectX 12, vedranno un netto miglioramento in termini di velocità, efficienza e grafica. I giocatori saranno inoltre in grado di eseguire lo streaming di giochi direttamente da casa dalle loro console Xbox One sui tablet o sui PC Windows 10.

Disponibilità

La prossima Technical Preview di Windows 10 per PC sarà disponibile gratuitamente per i partecipanti al Programma Windows Insider dalla prossima settimana, e la versione mobile sarà rilasciata per la prima volta nel mese di febbraio. Per ulteriori informazioni sul Programma Windows Insider e sulle Technical Preview, visitare http://preview.windows.com

Aggiornamento 23 Gennaio 2015.
E’ stata resa disponibile la Developer Preview, Build 9926, anche in Italiano, per PC scaricabile solo dopo aver aderito al programma Windows Insider (qui); è possibile anche aggiornare da Windows Update dopo aver installato le patch preparatorie.

>>> DOWNLOAD ISO <<<
>>> DOWNLOAD patch per Windows 7<<<
>>> DOWNLOAD patch per Windows 8.1 <<<

Aggiornamento 12 Febbraio 2015.
E’ stata resa disponibile la Technical Preview per ora solo per smartphone Lumia 630, 635, 636, 638, 730 e 830. Dopo aver aderito al programma Windows Insider (qui) basta usare “Get Preview Builds” dall’App Windows Insider.

>>> DOWNLOAD App Windows Insider <<<

Windows 10: Le novità


Windows 10 hands-on



Windows 10: accelera l’innovazione ispirando le nuove piattaforme di computing

Windows-10

Windows 10 si adatta a tutti i dispositivi che le persone usano, dalla Xbox ai PC, dai telefoni ai tablet e ai piccoli gadget, e li segue nelle loro attività con un’esperienza uniforme e familiare. Windows 10 può essere eseguito su una gamma di dispositivi incredibilmente ampia: da un sensore minuscolo, parte dell’Internet delle cose, ai server dei data center aziendali in tutto il mondo. Alcuni dispositivi presentano schermi da 4 pollici, altri da 80 pollici e altri ancora non dispongono nemmeno di uno schermo. Oggi, Microsoft ha presentato due dispositivi che innoveranno incredibilmente l’esperienza Windows.

Microsoft Surface Hub

Il nuovo Microsoft Surface Hub ottimizza l’esperienza Windows 10 per la collaborazione
Windows 10 supporta un nuovo dispositivo a grande schermo in grado di aiutare i team sul posto di lavoro a condividere, ideare e creare insieme. Le innovazioni hardware nel campo degli schermi multi-touch e dell’uso di inchiostro digitale, unitamente alle fotocamere, ai sensori e ai microfoni integrati, consentono a Surface Hub di servirsi di Windows 10, Skype for Business e Office 365 per offrire una nuova esperienza progettata in modo che ogni persona, distante o in loco, si senta all’interno dello stesso spazio collaborativo. Nello specifico, Surface Hub presenta una lavagna digitale all’avanguardia, funzioni di conferenza a distanza istantanee, la possibilità per più persone di condividere e modificare contenuti sullo schermo da laptop, tablet o telefono e una piattaforma affidabile per app con schermi di grandi dimensioni. Disponibile in due dimensioni (55 e 84 pollici), Surface Hub elimina le limitazioni correnti dalle tradizionali sale conferenza in modo da consentire ai team di collaborare al meglio.

Windows 10 sblocca il futuro olografico con Microsoft HoloLens

MSHoloLens_MixedWorld_LivingRoom_LongBrowser_RGB

Microsoft ha condiviso un esempio rivoluzionario di come Windows 10 promuove il passaggio da una visione tradizionale dell’informatica, incentrata sul computer, a un’interazione molto più personale e umana. Come prima piattaforma informatica olografica al mondo, Windows 10 include una serie di API che permettono agli sviluppatori di creare esperienze olografiche nel mondo reale.

In Windows 10, gli ologrammi sono le nuove app universali Windows e tutte le app universali Windows funzionano anche come ologrammi, rendendo possibile posizionare ologrammi tridimensionali nel mondo fisico e promuovendo nuovi metodi di comunicazione, creazione ed esplorazione più personali.
Al fine di presentare le possibilità offerte dagli ologrammi in Windows 10, Microsoft ha introdotto il computer olografico più avanzato al mondo. Microsoft HoloLens è il primo computer olografico libero, senza la necessità di cavi, telefoni o connessione a un PC. Microsoft HoloLens presenta lenti olografiche trasparenti ad alta definizione e suono ambientale così che si possa vedere e ascoltare gli ologrammi nello spazio intorno a te.

Dotato di sensori avanzati, un sistema di nuova generazione su chip e una Holographic Processing Unit (HPU, Unità di elaborazione olografica) completamente nuova in grado di comprendere le azioni e il mondo circostante, Microsoft HoloLens può funzionare senza cavi durante l’elaborazione di terabyte di dati ricevuti dai sensori in tempo reale.
Inserendo ologrammi tridimensionali nel mondo circostante, Microsoft HoloLens fornisce una nuova visione della realtà in grado di distinguere ciò che si sta osservando e dicendo con le mani e la voce. Posizionando la persona al centro dell’esperienza informatica, Microsoft HoloLens consente di creare, accedere a informazioni, divertirsi e comunicare in modi nuovi ed entusiasmanti.

Forse la cosa più pazza annunciato da Microsoft durante la presentazione di Windows 10 è Windows Holographic-API che possono essere utilizzate dagli sviluppatori per l’imaging multidimensionale, giochi, applicazioni CAD, e così via. Non solo, ma la società ha anche annunciato HoloLens Microsoft – una sorta di realtà virtuale di copricapo.

Il kit di realtà aumentata ha la propria potenza di calcolo, che rivaleggia con quella dei computer portatili attuali, e la tecnologia del suono spaziale per l’elaborazione olografico, in grado di capire quello che si sta guardando, capire la tua voce, e correre senza fili terabyte di elaborazione di informazioni in tempo reale . Non è richiesto alcun telefono, nessun collegamento PC, e, come abbiamo detto, senza cavi anche, che è davvero pazzesco.

Holo Studio è la nuova piattaforma che permette di creare in un batter d’occhio per la nuova esperienzaolografica di Windows e il dispositivo HoloLens. La dimostrazione ha mostrato un quad-elicottero immaginato e creato con Holo Studio, quindi stampato come un oggetto fisico in 3D. La rivista “Wired” si è seduta con il CEO Satya Nadella di Microsoft, e ha caratterizzato nuovi prodotti e servizi interessanti sviluppati a lungo e duramente sotto la sua supervisione, ma ciò che ha attirato l’attenzione sono stati i dettagli su HoloLens.

Microsoft starebbe progettando di fornire in un primo momento HoloLens a influenti opinionisti, il tipo di persone che farebbe discorsi su TED, per esempio, e coinvolgere la comunità di sviluppo sempre più fondamentali per dare uno sguardo lungo e duro a cosa si può fare con le capacità olografiche di HoloLens, solo poi stendere al dettaglio, in modo che il vostro bambino può giocare in 3D Minecraft con i loro compagni. Di seguito l’infografica di Wired su HoloLens, dettagliando la sua costruzione e le capacità, e festa in video promo ufficiale di Microsoft sotto.



0 3301

Microsoft ha presentato due nuovi Lumia lowcost, non solo l’atteso Lumia 435 ma anche il suo “fratello” Lumia 532; in effetti però potremmo dire gemelli trattandosi quasi di due versioni dello stesso dispositivo con differenze estetiche e dimensionali minime e con SoC e fotocamera posteriore principale differenti.

Jo Harlow, vice presidente corporate per i telefoni a Microsoft ha dichiarato:

Quando abbiamo lanciato i primi dispositivi Lumia più di tre anni fa, abbiamo detto che eravamo impegnati a portare i dispositivi a più persone e fasce di prezzo possibile.
Con Lumia 435 e Lumia 532, abbiamo realizzato il nostro obiettivo di creare i dispositivi Lumia più convenienti fino ad oggi, aprendoci la possibilità di raggiungere le persone che stanno comprando uno smartphone per la prima volta. Lumia 435 e Lumia 532 offrono hardware competitivo accanto a software innovativo che continuerà a ricevere i più recenti aggiornamenti e miglioramenti, mantenendo gli utenti aggiornati con le migliori nuove funzionalità.

Molto simili al Nokia X2, soprattutto il 532, hanno entrambi un display da 4 pollici, una batteria di 1560 mAh, 1 GB di RAM e 8 GB di memoria espandibile con micro-SD fino a 128GB, e un SoC Qualcomm Snapdragon 200 ma se il Lumia 435 ha la variante dual-core da 1.2GHz, il Lumia 532 ha ancora più potenza con quella quad-core; infine se il primo ha una fotocamera posteriore da soli 2 MP il secondo la ha da 5 MP.

Microsoft punta con quest’accoppiata a spingere gli utenti a sostituire il loro feature phone, grazie a un hardware competitivo e con poche rinunce, manca il flash LED ma non la fotocamera anteriore e lo schermo Glance, e a puntare su Windows Phone 8.1, con l’aggiornamento Lumia Denim, con il consueto pacchetto software, come Office, Outlook e uno Skype fortemente integrato, e di servizi come Here e il cloud storage gratuito (fino a 30 GB) su OneDrive.

Come ormai per ogni lowcost, e non solo, nella confezione non sono presenti cuffie, e Microsoft ha così colto l’occasione per presentare, insieme al nuovo speaker Bang by Coloud, i nuovi colorati auricolari Comfort (http://www.microsoft.com/it-it/mobile/accessorio/wh-308/#4117890), con cuscinetti che si adattano alla forma dell’orecchio, così che l’audio dell’altoparlante, perfettamente posizionato al loro interno, penetra più a fondo e non viene disperso.

I due nuovi dispositivi saranno disponibili nella variante 3G singola SIM e 3G Smart Dual SIM nei colori verde brillante, arancio brillante, bianco e nero; sarà comunque possibile cambiare il colore sostituendo la cover posteriore disponibile in arancione, verde e bianco

Prezzi e disponibilità

I nuovi Lumia inizieranno ad essere commercializzati a Febbraio in alcuni paesi in Europa, nell’area Asia-Pacifico, in India, in Medio Oriente e in Africa a prezzi stimati in € 69 per il Lumia 435 e in circa 79 euro il Lumia 532.

Immagini e Scheda Tecnica Lumia 435
Sistema OperativoWindows Phone 8.1 con Lumia Denim
HERE location servicesFree global HERE Maps and HERE Drive+Free HERE Transit available in the Store
Display4” WVGALCD 800×480 pixel con Glance
Batteria e Autonomia1560mAh / Autonomia massima 11,7 h in conversazione (3G), 21 giorni in stand-by e 9,4 h in navigazione con rete Wi-Fi
SoCQualcomm Snapdragon 200 con cpu dual-core a 1.2 GHz
Fotocamera Posteriore2 MP FF, Lumia Camera
Fotocamera AnterioreVGA
Memoria1GB RAM, 8GB + up to 30GB free OneDrive1, micro SD up to 128GB
SensoriSensore di illuminazione ambientale, Accelerometro, Sensore di prossimità
ConnettivitàmicroUSB 2.0, Bluetooth 4.0, Wi-Fi WLAN IEEE 802.11 b/g/n
Dimensioni e Peso118,1 x 64,7 x 11,7 mm / 134.1 g
Immagini e Scheda Tecnica Lumia 532
Sistema OperativoWindows Phone 8.1 con Lumia Denim
HERE location servicesFree global HERE Maps and HERE Drive+Free HERE Transit available in the Store
Display4” WVGA LCD 800×480 con Glance
Batteria1560mAh / Autonomia massima 12 h in conversazione (3G), 22 giorni in stand-by e 12,5 h in navigazione con rete Wi-Fi
SoCQualcomm Snapdragon 200 con cpu quad-core a 1.2 GHz
Fotocamera Posteriore5 MP FF, Lumia Camera
Fotocamera AnterioreVGA
Memoria1GB RAM, 8GB internal mass + up to 30GB free OneDrive, micro SD up to 128GB
SensoriSensore di illuminazione ambientale, Accelerometro, Sensore di prossimità
ConnettivitàmicroUSB 2.0, Bluetooth 4.0, Wi-Fi WLAN IEEE 802.11 b/g/n
Dimensioni e Peso118,9 x 65,5 x 11,6 mm / 136.3 g
Video



0 2168

E’ da un pò che si parla del successore del Lumia 1320, il phablet di fascia media Windows Phone, che Microsoft sta sviluppando e che è conosciuto come RM-1062. Anche se abbiamo visto un assaggio di questo dispositivo in passato, questa è forse l’immagine più chiara del dispositivo fino ad oggi, anche se come sempre, fino a quando non abbiamo la conferma, questa immagine deve essere preso come rumor.

Comunque guardando le nuove immagini, queste sembrano corrispondere abbastanza bene con quello che abbiamo visto in precedenza. La prima immagine, in copertina, permette un confronto dimensioniale del, nome probabile, Lumia 1330 con il Lumia 535. L’altra immagine della copertura posteriore ha come previsto l’ormai familare logo Microsoft che adorna i Lumia a partire dal 535.

Si apprezza oltre alla protuberanza del foro per l’obbiettivo della fotocamera la dimensione maggiore rispetto a quella del 535 evidenziando la classe di livello superiore di ottica e sensore che sarà infatti da 14MP PureView rappresentando, insieme alla cam anteriore, il vero upgrade di questo modello rispetto al predecessore.

Complessivamente le specifiche di riferimento finora trapelate del dispositivo comprendono:

  • Display da 5,7 pollici con risoluzione 720p
  • SoC Snapdragon 400 con processore Quad-core, GPU Adreno 305
  • 1 GB di RAM
  • Fotocamera posteriore 14 MP PureView
  • Fotocamera anteriore 5 MP FFC
  • 32 GB di memoria interna

Non vi è alcuna data di uscita per l’RM-1062, ma è più che probabile che farà la sua apparizione al MWC 2015 a Marzo, e arriverà successivamente anche nelle varianti Dual-Sim e Single Sim RM-1067 e RM-1066.

1 2124

Emergono grazie al sito NPU alcuni dettagli sul prossimo successore del Lumia 1320, che si può vedere nell’immagine di copertina trapelata dalla Cina, che potrebbe essere o non essere chiamato Lumia 1330.
Sappiamo comunque che secondo quanto rivelato dal database di Adduplex la famiglia di questo dispositivo è costituita dai Microsoft RM-1062, RM-1063, RM-1064, RM-1065.

Secondo il report le specifiche e le caratteristiche di questo presunto Lumia 1330 comprenderebbero:

  • Display da 5,7 pollici con risoluzione 720p
  • SoC Snapdragon 400 con processore Quad-core, GPU Adreno 305
  • 1 GB di RAM
  • Fotocamera posteriore 14 MP PureView
  • Fotocamera anteriore 5 MP FFC
  • 32 GB di memoria interna

Un aggiornamento che interesserebbe sostanzialmente solo due caratteristiche del Lumia 1330, o come sarà chiamato, sono ovviamente la fotocamera posteriore da 14 MP e l’anteriore da 5 M, un comparto all’altezza della vecchia tradizione Nokia e una frontale adeguata alla dopo l’incomprensibile scelta fatta sul Lumia 830.

Il dispositivo potrebbe essere svelato da Microsoft al MWC e dovrebbe arrivare con installato Windows Phone 8.1 GDR2, anche se avendo le varianti Dual-Sim e Single Sim RM-1067 e RM-1066 appena passato la certificazione FCC, esordire successivamente.

0 2642

Aggiornato 24/12/2014.

Microsoft ha promesso che il roll out dell’aggiornamento Lumia Denim avrebbe preso il via entro la fine dell’anno. E questa mattina in effetti gli utenti di Windows Phone in Cina hanno ricevuto una piacevole sorpresa, Microsoft ha annunciato l’inizio della distribuzione di Lumia Denim su molti dispositivi nella regione.

L’aggiornamento in Cina è disponibile per ora per i Lumia 520, Lumia 525, Lumia 526, Lumia 625, Lumia 720, Lumia 720T e il Lumia 1320, ma è assi probabile che più vettori e telefoni inizieranno a ottenere questo nuovo firmware e aggiornamento del sistema operativo al più presto.

Aggiornamento 18/12/2014.

Dopo alcune segnalazione e la comparsa nella pagina ufficiale relativa alla distribuzione degli aggiornamenti, Microsoft ha annunciato tramite il proprio Blog Lumia Conversations l’avvio del roll out in Europa di Lumia Denim.

Come risulta dalla pagina ufficiale, i modelli attualmente interessati in Italia sono:

  • Lumia 625 versione nobrand e Vodafone
  • Lumia 1320 versione nobrand

Microsoft-Lumia-Denim-Lumia-625
Microsoft-Lumia-Denim-Lumia-1320

Aggiornamento 23/12/2014.

  • Lumia 520 versione nobrand e Wind
  • Lumia 620 versione nobrand e Wind
  • Lumia 720 versione nobrand
  • Lumia 1320 versione Vodafone

Aggiornamento 24/12/2014.

  • Lumia 520 versione Vodafone
  • Lumia 620 versione Vodafone

All’inizio di questa settimana, Microsoft ha aggiornato la pagina Aggiornamento software con un nuovo video sull’aggiornamento Lumia Denim e da poche ore, quello stesso video è stato pubblicato su YouTube, segnalando un piccolo ma crescente pianificato rilascio.

Il video “How to update to Lumia Denim” inizia evidenziando alcune caratteristiche Lumia Denim, come un migliorato Glance, correzioni di bug e registrazione video 4K (per Lumia selezionati). Inoltre, il video fà da tutorial per fare spazio a un aggiornamento disinstallando applicazioni indesiderate e caricare video su Microsoft OneDrive. Altri suggerimenti inclusi riguardano come ottenere un aggiornamento e forzare il controllo per vedere se un aggiornamento è già live.

Si prevede anche che Lumia Denim porti il nuovo aggiornamento fotocamera Lumia con Rich Capture, il comendo ‘Hey Cortana’ (sui dispositivi con hardware Snapdragon 8xx), e altro ancora.
Il Lumia 1520 e il Lumia 930 saranno probabilmente alcuni dei primi telefoni a ricevere Lumia Denim, con dispositivi più vecchi a seguire nei primi mesi del 2015.

Davvero interessante l’ultimo rapporto di Gartner, una delle agenzie di ricerca più credibili, che rivela non solo il numero complessivo degli smartphone e dei feature phone venduti nel Q3 2014 ma anche in base all’OS utilizzato e al produttore.

Gli smartphone venduti nel Q3 2014 a livello globale sono stati il 20% in più rispetto al trimestre precedente, equivalenti a 301 milioni gli smartphone; questo è stato a spese dei feature phone, le cui vendite, principalmente a causa dei prezzi sempre più in diminuzione degli entry-level Android, hanno subito un forte declino andando ora a rappresentare il 34% del mercato e che Gartner prevede entro il 2018 arriverà a solo il 10% di tutti i telefoni venduti.

L’83,1% (250 milioni di unità) degli smartphone venduti nel mondo nel corso del periodo sono Android, in crescita quindi rispetto al Q3 2013 quando i dispositivi con tale OS erano 205 milioni. IOS equipaggia invece il 12,7% di tutti gli smartphone venduti (38,1 milioni di iPhone). Nonostante il fatto che siano stati vendutipiù Windows Phone rispetto all’anno precedente, la quota di mercato di Microsoft è invece leggermente calata dal 3,6% dello scorso anno al 3% nell’ultimo trimestre. Continua il crollo di Blackberry.

Mercato-Smartphone-Q3-2014-OS-Mobili

Per quanto riguarda i produttori di smartphone e feature phone, ci sono poco sorprese.
Il leader mondiale, Samsung, continua il recente trend in calo passando dal 25,7% del mercato della telefonia mobile nel Q3 2013, 117 milioni di unità vendute, al 20,6%, circa 94 milioni di unità vendute.
Nokia, che è già parte di Microsoft, ha subito un duro colpo, passando da 63 milioni di unità vendute nel Q3 2013 a 43.000.000 nel Q3 2014.

Mercato-Smartphone-Q3-2014-Produttori-2

Decisamente positivi invece i risultati di Apple che ha venduto 38 milioni di iPhone nel Q3 2014, rispetto ai 30,3 milioni del Q3 2013, e Xiaomi che ha aumentato le vendite del 336% anno su anno, passando da 3,6 a 15,7 milioni di unità nel Q3 2014. Sembra che quest’ultima sia stata scalzata dal suo terzo posto sul mercato degli smartphone nel Q3 2014, ma non da Lenovo, come si diceva, ma da Huawei.
La battaglia per il terzo posto è comunque piuttosto serrata, come si può vedere nella tabella qui sotto, la più interessante in prospettivva perchè relativa ai soli smartphone.

Mercato-Smartphone-Q3-2014-Produttori

0 2572

Microsoft si sta impegnando per incrementare le vendite della propria piattaforma Windows Phone proponendo modelli con un prezzo sempre più aggessivo e cosa c’è quindi di meglio di un nuovo modello entry level? Ed effettivamente un nuovo Microsoft Lumia 435 ha fatto visita all’FCC ed è stato certificato in Indonesia. Ci sono alcune varianti del dispositivo tra cui la RM-1070, RM-1071, RM-1034, RM-1068 e la RM-1032; gli ultimi due dei quali sono versioni dual SIM del telefono.

Esteticamente simile al Nokia X / X2, il Lumia 435 sarà caratterizzato da uno schermo da 4 pollici con una risoluzione di 480 x 800 (la densità di pixel corrisponde a 235ppi), esattamente come il display del Nokia Lumia 520, il più venduto Windows Phone di tutti i tempi.
Troviamo poi un SoC Snapdragon 200 e una fotocamera posteriore da 5 megapixel. Le dimensioni del modello sono 118,1 x 64,7 millimetri, a titolo di confronto quelle del Lumia 520 sono 119,9 x 64 mm.

La visita FCC ha rivelato che la Microsoft Lumia 435 sarà alimentato da una batteria BV-5J che è esclusiva di questo modello. Il sito indiano di import-export Zauba pubblicato lo scorso mese proprio una spedizione di dieci cellule BV-5J per “solo per uso inter-aziendale” e, lo stesso giorno, una spedizione di dieci smartphone dual SIM, del valore di 57 $ ciascuno. Considerando la specificità delle batterie, sembra certo che il Lumia è stato recentemente testato in India. E’ sconosciuta al momento una data di lancio per il Lumia 435.

Buon #NataleMicrosoft !

Questo l’hashtag più popolare per i prodotti Microsoft sotto Natale, nonché quello che ha accompagnato la serata di ieri a Milano, al consueto Microsoft Christmas Party.

Quest’anno la location è favolosa: il Pirelli Store in Corso Venezia!
Tra capi d’abbigliamento esclusivi, Microsoft espone i prodotti più innovativi di fine 2014, con contorno di “cup-food” e bollicine.

Abbiamo potuto osservare, e provare in certi casi, i prodotti più interessanti del mondo mobile equipaggiati con Windows: a partire dal “tablet secondo Microsoft”, il potente Surface 3 Pro, e gli ultimi modelli di Lumia, abbiamo poi visionato i tablet della famiglia Yoga di Lenovo nonché il bellissimo Yoga 3 Pro (Ultrabook multi-mode); c’erano anche prodotti di marche minori (parlando di mercato mobile), come Mediacom (WinPad con tastiera e cover-stand) e Toshiba (Encore 2 da 8”). C’era poi un’area interamente dedicata alla Xbox, anch’essa disponibile per delle “prove” (prove lunghe e divertenti).

La conferenza stampa tenuta dal CEO italiano Carlo Purassanta è all’insegna dell’ottimismo, con alcuni dati di mercato e pronostici molto positivi che lasciano intendere le mosse future di Microsoft (come il fatto che i Lumia vendono molto in Italia, dove hanno il 14% di mercato, o che nel 2015 si prevede una richiesta di tablet fino a 4 volte quella attuale!).
Sono state poi riprese le tappe fondamentali del percorso Microsoft nel 2014, mese dopo mese, come l’accordo con Nokia sfociato poi nell’acquisizione, o l’implementazione dei servizi Cloud MSN, fino alla nascita di Cortana, la risposta di Microsoft a Siri e Google Now.

Insomma, una serata per tirare le fila dell’anno che sta concludendosi, in clima natalizio e tecnologico, davvero ben riuscita.
Preannuncia una Microsoft molto decisa e motivata per il 2015.. non possiamo che sperare in molte innovazioni e novità user-friendly!

0 2288

Annunciato allo scorso IFA a Berlino l’aggiornamento Lumia Denim continua a farsi aspettare sui Microsoft Lumia, e mentre le fonti di NPU lo anno additato come pronto al roll-out per alcune specifiche combinazioni dispositivo-regione, l’account Twitter Lumia conferma il prossimo inizio del roll-out dopo le certificazioni di collaudo e operatore.

Anche in questo caso si tratta di una definizione generica, considerando il fatto che non tutti i dispositivi lo avranno contemporaneamente e soprattutto i tempi di approvazione degli operatore possono essere più o meno lunghi. Ma la parola “presto” è uscita per la prima volta da qualche fonte ufficiale di Microsoft, quindi è certamente da prendere come segno positivo.

Sembra anche avvalorato il rumor che Lumia Denim è testato e pronto al roll-out per Lumia 830 e Lumia 930 in alcune regioni.
L’aggiornamento Lumia Denim porta le novità di Windows Phone 8.1 Update 1 e gli aggiornamenti aggiuntivi propri del firmware Lumia Denim (qui le novità annunciate).

Lufthansa ha scelto Microsoft Surface Pro 3 per i suoi piloti, per dare loro applicazioni personalizzate che garantiranno una maggiore efficienza. Da più di 14 anni Deutsche Lufthansa AG si affida alla tecnologia Microsoft per supportare il lavoro dei suoi equipaggi nella cabina di pilotaggio. Per far fronte a questo impegno, Microsoft Corp. ha annunciato giovedì che la più grande compagnia aerea d’Europa ha acquistato più di 5.000 dispositivi Surface Pro 3 per i suoi piloti, che andranno a sostituire i notebook basati su Windows. La distribuzione dei dispositivi ai piloti Lufthansa inizierà a febbraio 2015 e verrà completata entro la fine della primavera. Inoltre, come annunciato la scorsa settimana, la compagnia aerea ha esteso la distribuzione di Surface Pro 3 alla propria consociata Austrian Airlines AG, che ha già iniziato a distribuire 950 dispositivi Surface Pro 3 agli equipaggi nelle cabine di pilotaggio da utilizzare come EFB (Electronic Flight Bag).

Sono sempre più numerose le compagnie aeree che si affidano a Microsoft per migliorare i propri servizi e la propria efficienza“, ha commentato Oliver Gürtler, Windows Business Unit Lead per Microsoft Germania. “Microsoft è orgogliosa di soddisfare le rigorose esigenze dei moderni flussi di lavoro di Lufthansa e Austrian Airlines tramite le potenzialità di Surface Pro 3“.

Surface Pro 3 supporta i piloti Lufthansa in aria e a terra

Con Surface Pro 3, i capitani di volo e i copiloti di Lufthansa possono sfruttare un dispositivo efficiente dotato del potente processore Intel Core i5 e di 128 GB di storage per accedere senza difficoltà alla rete aziendale. Ciò consente all’equipaggio di visualizzare e aggiornare tutte le informazioni rilevanti sui voli: programmi, autorizzazioni alla rotta e informazioni meteorologiche, direttamente dalla cabina di pilotaggio dell’aereo in modalità remoto. Inoltre, poiché i dati ambientali e di sistema vengono letti dai sistemi del velivolo e sono direttamente accessibili dalle applicazioni disponibili su Surface Pro 3, i dispositivi verranno utilizzati anche per ottimizzare le rotte di volo e ridurre al tempo stesso le emissioni complessive.

Quando non sono in volo, gli equipaggi della cabina di pilotaggio possono usare Surface Pro 3 per preparare e rielaborare ciascun volo e seguire programmi di formazione interattivi su nuovi velivoli. Inoltre, i grafici elettronici delle rotte di volo in arrivo e in partenza sono disponibili tramite applicazioni di Surface Pro 3 personalizzate, che danno al personale di volo degli strumenti moderni per tracciare nuove rotte per gli aeroporti.

Surface Pro 3 soddisfa tutti i requisiti

Per migliorare l’infrastruttura dell’equipaggio di Lufthansa i nuovi dispositivi dovevano soddisfare diversi criteri. Surface Pro 3, con Windows 8.1, la quarta generazione di processori Core di Intel, un display ad alta risoluzione e una batteria che dura fino a 9 ore, soddisfa i requisiti di prestazioni elevate e uso flessibile richiesti da Lufthansa. Inoltre, Surface Pro 3 offre tutti i vantaggi di un PC, quali una porta USB 3.0, uno slot per schede microSD e una porta minidisplay per il semplice trasferimento dei dati, con la mobilità di un tablet. Lufthansa ha selezionato Surface Pro 3 come partner perfetto per offrire il servizio migliore e condizioni di lavoro estremamente moderne, sia in aria che a terra.

Austrian-Cockpit

0 3088

Dalla presentazioni di Windows 10 e con il concretizzarsi dell’idea di convergenza fisso-mobile, e non solo, e quindi di un OS “unico” in molti si chiedevano se tutti i telefoni Windows Phone attuali avrebbero ottenuto o meno l’aggiornamento il prossimo anno, soprattutto temendo un ripetersi, anche solo in parte, di quanto succeso con Windows Phone 7.

L’11 novembre però, l’accout Twitter ufficiale Lumia ha dichiarato pubblicamente che tutti i telefoni Lumia con Windows Phone 8 potranno avere un aggiornamento il prossimo anno.
In un tweet in risposta all’utente @ _Y06_, l’account Lumia è stato molto esplicito riguardo al nuovo sistema operativo:

“Ci saranno aggiornamenti Windows 10 per tutte i dispositivi Lumia Windows Phone 8 :) E rilasceremo nuovi modelli di Windows 10 in futuro!”

C’è da dire che tecnicamente parlando, l’account Twitter di Microsoft non è necessariamente il loro canale stampa, ma è piuttosto “ufficiale”. Tuttavia, a conferma di quanto affermato nel tweet di Lumia non si è attualmente a conoscenza di limitazioni tecnologiche che potrebbero essere un motivo per cui i telefoni attuali non possono essere aggiornati.

Al momento, è troppo presto per iniziare a speculare sui tempi di aggiornamento, vettori, e quali dispositivi otterranno l’aggiornamento a Windows 10. Secondo fonti interpellate da Windows Central tali decisioni devono ancora essere fatte. Tuttavia, si sta lavorando molto probabilmente affinchè tutti i Lumia Windows Phone 8 ottengano l’aggiornamento nel 2015.

Forse ancora più interessante è il riferimento a “nuovi modelli di Windows 10 in futuro”, in quanto questa dichiarazione omette la parola “Phone” dalla descrizione. Come osservato in passato, Microsoft sta eliminando il termine “Phone” in riferimento ai dispositivi smart, e questo sembra essere un altro esempio di questo cambiamento nel marketing.

Fonte: Windows Central
Copertina: Concept