Tags Posts tagged with "app store"

app store

0 2272

Mentre Apple festeggia i sei anni di attività dell’AppStore, con oltre 75 miliardi di app scaricate e 15 miliardi di dollari pagati agli sviluppatori, un nuovo rapporto giunge alle nostre orecchie. Rapporto riguardante le analisi fatte proprio sullo store della compagnia americana, infatti, dai dati ottenuti, sembrerebbe che l’80% delle applicazioni disponibili sono delle “app zombie” o app che comunque sono difficilmente individuabili dagli utenti.

Secondo la società, per rientrare nella categoria delle “app zombie” una applicazione non deve essere rilevata in nessuna delle 39.171 liste top sullo store almeno per due giorni su tre durante un intero mese. Non è ben chiaro il perchè l’azienda abbia voluto controllare lo stato di queste applicazioni fantasma, inoltre, ancor meno capibile, la modalità con cui viene “misurata”, ovvero quelli di non essere presente nella top classifica almeno due giorni su tre durante l’intero mese (come già detto).

Ciò che è chiaro invece è che più applicazioni richiedono di entrare nell’AppStore, più è difficile che riescano a colpire nel segno e riuscire ad entrare nelle liste delle migliori app. Basti pensare che al momento, nei prossimi 12 mesi, 578.000 applicazioni verranno lanciate sullo store, anche se l’azienda statunitense rende noto che oltre il 20% di essere verrà rimossa da Apple stessa o dagli stessi developer, le cosiddette “Dead Apps”.

Secondo la società di analisi, dalla nascita di Apple Store sono state lanciate ben 1,6 milioni di applicazioni, di queste ben 1.252.777 sono ancora disponibili. Con l’arrivo del prossimo iOS 8, dovrebbero arrivare anche nuvi modi attraverso i quali si spera di migliorare la scoperta delle app, ovvero “beta testing app” e “app building”.

Fonte: BGR

Da poco meno di un mese è stato rilasciato per iOS l’aggiornamento alla versione 2.0 sia del FirmWare del Pebble che, soprattutto, della sua App di gestione. Questo aggiornamento introduce il Pebble App Store, presente direttamente nella App di gestione, mentre lato Pebble introduce un paio di nuove funzionalità, tra cui la visualizzazione della percentuale della batteria e una maggior durata della stessa.
Attualmente è presente la Beta 10, ma consiglio di installare la Beta 9, in quanto la versione 10 presenta vari problemi, tra cui l’impossibilità di installare qualsiasi app che non sia scaricata dallo store Pebble.

Aspetto

L’app è ben strutturata e ci permette di gestire il nostro Pebble in maniera facile e intuitiva. L’installazione di app e smartwatch avviene velocemente e, se presenti il FW 2.0, al completamento, viene inviato un feedback tramite la vibrazione per avvisare l’utente che il processo è stato completato.

Screenshot_2014-02-18-10-19-15Screenshot_2014-02-21-12-14-45

Funzionalità

Tra i settaggi abbiamo, la possibilità di abilitare o meno installazione di app di terze parti e la gestione delle notifiche, che sono rimaste pressochè invariate, ovvero, l’attivazione o meno delle notifiche con lo schermo acceso, notifiche per app di erze parti, per chiamate, sms, calendario, email (app di default e gmail), google talk e hangouts, google voice messages, facebbok e WhatsApp.

Screenshot_2014-02-21-12-15-08Screenshot_2014-02-23-18-37-57Screenshot_2014-02-23-18-38-05

Le notifiche funzionano tutte in maniera impeccabile, ma per il client mail di default e WhatsApp c’è da fare un discorso a parte.

Screenshot_2014-02-23-18-38-15Screenshot_2014-02-23-18-38-23

In entrambi i casi non verrà notificato il messaggio completo (o parte di esso se troppo lungo) ma, nel caso del client mail, solo la notifica di un nuovo messaggio, mentre per WhatsApp la notifica che è arrivato un nuovo messaggio del contatto X.
Ovviamente questo tipo di notifica perde un pò significato e di utilità su uno SmartWatch, nato proprio per le notifiche!
A tal propostio consigliamo 2 app che risolvono il problema, PebbelMail e Pebble WhatsApp Notifier. La prima riguarda le notifiche per le mail impostate nel client di default, la seconda per WhatsApp. Le due app non hanno settaggi particolari se non l’attivazione delle notifiche del client mail e anche gmail, per PebbleMail e concedere l’autorizzazione nella sezione “Accessibilità” delle “Impostazioni” del nostro dispositivo per Pebble WhatsApp Notifier.
Le abbiamo provate entrambe, e funzionano molto bene, visualizzando il messaggio o parte dello stesso se troppo lungo. Con WhatsApp Notifier, non c’è nemmeno il problema dell’accumulo delle notifiche tipo di Android. Mi spiego meglio, con Android quando arriva una notifica, segna la prima con il messaggio, mentre le successive segna solo il numero delle notifiche e i nomi dei mittenti e sul Pebble viene riportata la medesima cosa. WhatsApp Notifier invece notifica il numero di notifiche arrivate, ma scorrendo con i tasti “UP” e “DOWN” permette di scorrere tra tutte le notifiche arrivate in quel determinato istante o accumulatesi in attesa di lettura. Come potete ben immagina la cosa è molto comoda e sfrutta una possibilità data da Android 4.0 in poi, per HangOut, invece, dovremmo accontentarci del numero dalla seconda in poi e conseguente lettura sullo SmartPhone.

Pebble App Store

Veniamo ora alla vera novità di questa beta 9, ovvero, il Pebble App Store che è stato diviso in due voci, “Get WatchFaces” e “Get App“.

Screenshot_2014-02-21-12-15-08Screenshot_2014-02-23-18-24-02Screenshot_2014-02-21-12-16-35

Le WatchFaces sono divise in “All WatchFaces”, “Most Loved WatchFaces” e Pebble Picks.
Le App, invece, sono divise in categorie:
Daily, Tools e Utilities, Notifications, Remotes, Fitness, Games. Abbiamo un’ulteriore divisione in, “All Apps”, “Most Loved Apps”, “Pebble Essentials” e “Weekly Top Picks”
E’ inoltre presente la funzione di ricerca che si divide tra WatchFaces e App. Per il momento la ricerca mostra un pò di problemi, spesso non da la possibilità di scrivere nel campo, rendendo quindi la ricerca impossibile, ripetendo l’operazione qualche volta, la situazione si sblocca.

Aggiornamento Firmware

Tramite questa beta e le successive, è possibile installare la vers 2.0 del FW del Pebble. Per effettuare l’aggiornamento basta andare nella schermata “Support” e fare tap in basso su “CHECK FOR UPDATES”, in pochi secondi avremo il Pebble aggiornato all’ultima versione, che in questo momento è la 2.0.1.

Screenshot_2014-02-23-18-38-37

Conclusioni

Tutto sommato non è male questa beta, l’unico problema è la ricerca che non va al 100%, per il resto l’app è molto fluida e non ha impuntamenti.

La beta per Android la trovate sul sito ufficiale degli sviluppatori, a questo indirizzo.
Una volta scaricata e installata, andrà a sostituirsi a quella ufficiale (ottenibile dal google play), se presente sul dispositivo Android.

0 3351

Un mese fà durante l’evento Nokia World 2013 venivano annunciate decine di nuove applicazioni in arrivo sulle piattaforme Windows Phone/Windows RT, sintomo di una attenzione sempre maggiore degli sviluppatori verso la piattaforma Microsoft (nostro articolo).
L’uscita nelle scorse ore dell’attesissimo Instagram (tra gli annunciati) ma anche di Waze non sono l’unica conferma al riguardo ma segnali incoraggianti vengono dagli ultimi dati rilasciati da Microsoft sullo Store.

Instagram, …

Instagram, il popolare social network fotografico, non ha certo bisogno di presentazioni, dopo tanta attesa, arriva sullo store la beta pubblica che rispetto alle versioni dgli altri OS sostanzialmente smbramancare delle solo funzioni video.

Instagram-Windows-Phone

Comunque tra le caratteristiche di questa versione ci sono:
• Filtri personalizzati completamente gratuiti: XPro-II, Earlybird, Rise, Amaro, Hudson, Lo-fi, Sutro, Toaster, Brannan, Inkwell, Walden, Hefe, Nashville, 1977, e altri.
• Effetto sfocatura Tilt-Shift lineare o radiale per una maggiore profondità di campo.
• Condivisione immediata su Facebook, Twitter, Flickr, Tumblr e Foursquare
• Nessun limite ai caricamenti
• Interazione con gli amici tramite Mi piace e commenti
• Pieno supporto di fotocamera principale e frontale
• E molto altro ancora…
Se non lo avete ancora scaricato di seguito trovete il link diretto

[jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”http://www.windowsphone.com/it-it/store/app/instagram-beta/3222a126-7f20-4273-ab4a-161120b21aea” newpage=”yes”]Download Instagram[/jbutton]

…Waze e…

Se, in seguito all’acquisizione di Waze da parte di Google, su Android Maps è integrata con Waze, su Windows Phone quest’ultima arriva come App stand-alone.

Waze-Windows-Phone

Tra le caratteristiche di questa app di Navigazione e Traffico basata sulla Community trovamo:
– Live Routing basato sulla comunità, traffico e informazioni stradali in tempo reale
– Gli avvisi stradali a cui ha contribuito la Comunità comprendono incidenti, pericoli, trappole di polizia, strade chiuse e altro
– Re-routing automatico se cambiano di le condizioni della strada
– Impara le destinazioni frequenti, le ore di pendolarismo e i percorsi preferenziali
– Trova il distributore di benzina più economico lungo il percorso
– Notifica a qualcuno se siete sulla buona strada inviando un ETA live e un link che vi mostra come si guida
– Live Mapp, costantemente curato e aggiornato da Waze comunità sugli editori
Se non lo avete ancora scaricato di seguito trovete il link diretto

[jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”http://www.windowsphone.com/it-it/store/app/waze/f07f83eb-a8a4-49fd-8946-c67a9349e062″ newpage=”yes”]Download Waze[/jbutton]

… tante nuove App e Acquisti ogni giorno!

I dati rilasciati da Microsoft, delineano la crescita della piattaforma, anche se rimane ancora di modeste dimensioni.
Windows Phone ha visto 3 miliardi di download di applicazioni, un ottimo numero per la piattaforma, anche se ancora modesti rispetto agli oltre 60 miliardi di download di iOS.

La piattaforma totalizza 10 milioni di transazioni di app ogni giorno, o 300 milioni al mese; a titolo di confronto erano fino a 9 milioni al giorno nel mese di Settembre, e solo 6,66 milioni al giorno nel mese di Giugno.
Secondo la società, inoltre, ben 500 nuove applicazioni Windows Phone vengono arrivano sullo Sore ogni giorno.

Se i dati in assolto sono ancora molto inferiori a quelli degli store concorrenti positivi sono i notevoli tassi di cresita.
Il rilascio di Windows Phone 8 rimane il momento cruciale per la piattaforma, con “ricavi mensile per le app a pagamento” saliti del 181 % dal suo lancio.
Rispetto all’anno scorso, i download di app sono aumentati del 290%.

Fonte: Tech Crunch

0 3282

Più istituti di analisi concordano nel costatare come sia in atto una marcia di avvicinamento dei ricavi del Play Store Google a quelli dell’App Store Apple.
Il 23 Agosto vi abbiamo riportato un analisi di App Annie (nostro articolo) ora è il turno di Distimo che fotografa Agosto come una nuova tappa in questa marcia.

Se nel Marzo scorso, il rapporto tra i ricavi delle due piattaforme era 75 % a 25 %, ad Agosto si è passati a 65 % a 35 %. Questo significa che Google Play ora genera oltre la metà delle entrate dell’App Store.
Naturalmente, è possibile che con i nuovi iPhone 5S e iPhone 5C, Apple potrebbe incrementare in modo sensibile i ricavi durante l’ultimo trimestre del 2013, soprattutto in Nord America e in Europa.
Tenendo conto invece della prossima invasione di nuovi modelli Android economici in Asia, appare molto più difficile anche solo rallentare l’ascesa di Google.

App-Store-Apple-vs-Play-Store-Google-andamento-ricavi

Distimo mostra che in Giappone, Google è già diventato il generatore di entrate app No.1.
Al Tokyo Game Show di questa settimana , l’atmosfera pro-Google era palpabile come hanno evidenziato i piani sul software Android della maggior parte degli sviluppatori giapponesi di giochi mobili.
Questo è importante, perché il Giappone è diventato il secondo mercato di app più grande al mondo, recentemente cresciuto arrivando a tre quarti della dimensione del mercato app americano.

Google in testa in Giappone, 2° Mercato App

App-Store-Apple-vs-Play-Store-Google-ricavi-paesi-mondo

In Europa, è degna di nota che la rapida crescita nelle entrate app Android in Germania, che sta diventando decisamente più filo-Google rispetto al mercato iPhone-friendly del Regno Unito.
Gli sviluppatori europei continuano a preferire iOS, ma il fatto che il Giappone e la Corea ora superano il mercato statunitense a livello globale sta cominciando ad avere un impatto sui fornitori europei di app.
Molti di loro stanno ora guardando l’Asia come un serio mercato di esportazione e questo significa sostenere con maggiore incisività il Google Play.

Nonostante il lancio dei nuovi iPhone, sembra quindi improbabile che Apple riesca ad arrestare questo avvicinamento, sarà da vedere solo quanto riuscirà a rimandare il giorno in cui il Play Store genererà più ricavi dell’App Store.

Fonti: BGR, DISTIMO

0 3990

Firefox OS ha visto il suo primo lancio commerciale in Spagna lo scorso luglio, seguito dall’arrivo in America Latina e poi negli Stati Uniti e nel Regno Unito tramite eBay.

E’ normale quindi che Firefox OS sia ancora in piena fase di sviluppo; per Mozilla poi un opera di miglioramento continuo è talmente importante da averla spinta a promettere fix ogni 6 settimane e update con introduzione di nuove funzioni ogni 3 mesi (nostro articolo).
Tra i campi in cui vuole intervenire c’è il suo app store; sappiamo quanto siano importanti le App per un OS, ma una grande quantità può portare anche maggiori problemi per l’utente che sempre più difficoltà trova l’app più adatta alle sue esigenze e quelle di qualità a volte possono soccombere a quelle più famose.

In un lungo post sul blog Mozilla UX, Liu Liu progettista del Marketplace di Firefox spiega come lui e i suoi colleghi hanno cercato di emulare le caratteristiche dei «feed» dei social network per mantenere gli utenti informati su aggiornamenti delle app e sulle nuove applicazioni che potrebbero essere di interesse.
Il team ha anche incorporato una funzione ‘cuore’ (che assomiglia ‘Like’ di Facebook o ‘Follow’ di Twitter), ha creato dei community hub, aggiunto immagini dei creatori di app e ha evidenziato alcune statistiche come il numero di download, tutto per rafforzare il senso di comunità.
Il primo risultato di questo lavoro lo potete vedere nel video a seguire.

feed, like, follow….in una parola Social

Mozilla sembra quindi stia lavorando molto per migliorare l’esperienza con il proprio OS, cercando anche di innovare se possibile anche e soprattutto considerando la fortissima concorrenza.
Può farcela a fare breccia nei cuori di molti utenti di smartphone? E nel vostro ha delle speranze?

Fonti: The Next Web

0 3179

Gratis solo per Oggi su Amazon App Store

App Shop Amazon festeggia il suo primo compleanno e lo fa con un iniziativa davvero interessante.

Oltre a offrire Gratis “Cut the Rope: Cheese Box”, App del Giorno scelta oggi, ne offre altri 10 tra Applicazioni e Giochi sempre Gratis e solo per Oggi.
Come potete vdere qui sotto si parla di Giochi come Angry Birds (Add Free) e Applicazioni come Shazam Encore e SwiftKey.

Offerta-Amazon-App-Store

[jbutton a_css=”border:4px solid black;” color=”blue” size=”large” link=”http://www.amazon.it/mobile-apps/b/ref=amb_link_175394927_3?ie=UTF8&node=1661660031&pf_rd_m=A11IL2PNWYJU7H&pf_rd_s=center-1&pf_rd_r=13PQ44ZWMHN90W2A85WD&pf_rd_t=1401&pf_rd_p=404202307&pf_rd_i=1000660753″ newpage=”yes”]OFFERTE su Amazon App Store[/jbutton]

Gratis per un Settimana su Apple App Store

Cut The Rope

Apple ha invece designato “Cut the Rope” come app della settimana e sarà quindi disponibile sull’App Store gratuitamente per una Settimana.

[jbutton a_css=”border:4px solid black;” color=”blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/cut-the-rope/id380293530?mt=8&affId=2157876&ign-mpt=uo%3D4″ newpage=”yes”]Cut the Rope – Apple App Store[/jbutton]

[jbutton a_css=”border:4px solid black;” color=”blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/cut-the-rope-hd/id394610743?mt=8&amp%253BpartnerId=2003&affId=1634563&ign-mpt=uo%3D4″ newpage=”yes”]Cut the Rope HD – Apple App Store[/jbutton]

Grazie a danicel8 per la segnalazione

0 4358

Già dai precedenti rapporti (nostro articolo sul precedente) era chiaro che il Google Play Store sta crescendo molto rapidamente in termini di entrate, e il più recente rapporto da App Annie afferma che in termini di entrate dai giochi Google Play ha finalmente superato il fatturato combinato del Nintendo DS e Sony PS Vita.

Google è però ancora molto indietro ad Apple in questa gara, tanto che anche sommando le entrate dei giochi di Google, Nintendo e Sony questi non raggiungerebbero comunque quelli dell’App Store.

ancora dietro

Google-Play-vs-Nintendo-Sony-vs-App Store

I dati ribadiscono il fatto che sia Google Play che l’App Store Apple si basano molto sui giochi per le entrate.
Mentre i giochi costituiscono circa il 40% dei download in ogni store, per Google essi generano circa l’ 80% delle sue entrate e similmente Apple guadagna poco meno del 75% delle sue entrate di App Store dai giochi.

Giochi =
Guadagno

Download-Guadagni-Google-Play-vs-App Store
Per quanto riguarda le entrate effettive, i dati non offrono i numeri reali, dal confronto del Q2 del 2012 con il Q2 2013 emergre però che l’App Store Apple ha guadagnato circa il 20% in più su base annuale, mentre Google Play ha guadagnato un po’ più della metà di quello che Apple ha fatto l’anno scorso.

Apple ha ancora una discreto margine nelle entrate in particolare nell’area Asia-Pacifico e in Nord America, mentre in Europa Occidentale è in frenata.
Google Play vede ancora la maggior parte delle sue entrate da gioco provenienti dall’area Asia-Pacifico, in particolare la Corea del Sud e Giappone.

Fonte: phone Arena

0 3235

App Annie ha rilasciato i suoi nuovi dati del report di monitoraggio download di app e delle entrate per il Google Play Store e iTunes Store di Apple.
Come si sio poteva aspettavamo, la tendenza positiva sui download di Google Play è continuato e ha portato nel Q2 al sorpasso dell’ App Store, ma nonostante i numeri di download,il Play Store di Google è ancora molto indietro sulle entrate.

Secondo i nuovi numeri di App Annie, Google Play ha ottenuto il 10% in più di download rispetto all’ App Store di Apple, ma Apple ha generato ancora 2,3 volte più entrate e anche analizzando i dati per regione, le cose non cambiano più di tanto.
Gli Stati Uniti e la Cina sono in cima alla lista per download di app in App Store, con Stati Uniti e Giappone che porta in alto le entrate su App Store.
Sul lato Google Play, Stati Uniti e Corea del sud raggiungono il top per download app. Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti guidano nelle entrate e tutte e tre insieme rappresentano il 70% di tutte le entrate di Google Play.

Vendite-Fatturato-Google-Play-Store-Apple-App-Store

Su iOS, i giochi dominano ancora in termine di download, e rappresentano il 40% di tutti i download e di un enorme 75% di tutte le entrate. Tuttavia, la musica e le applicazioni di social networking scalando la classifica.
Anche Google Play ha visto i giochi in testa con il 40% dei download e il 80% delle entrate. Gli altri grandi vincitori su Google Play sono le applicazioni di comunicazione.

Fonte: phone Arena

0 3554

Il 10 luglio, Apple segnerà il quinto anniversario di App Store.
Cupertino ha già iniziato l’invio di materiale promozionale per l’occasione, che elenca le soliti grandi statistiche per mostrare fino a che punto l’App Store è arrivato dal 2008; tra le iniziative intrapese c’è quella di regalare alcune dei giochi e della app più famose.
L’elenco non è completo quindi se riuscite ad individuarne altre che meritano potete segnalarle nei commenti. Buona caccia!

  • Traktor DJ per iPad e per iPhone – “Il software professionale per Dj n° 1 al mondo porta ad un risultato di alto impatto DJing per iPad” normalmente venduto nella versione iPad a 18€

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/traktor-dj/id592052832?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPad[/jbutton]

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/gb/app/traktor-dj-for-iphone/id625335999?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone[/jbutton]

  • Infinity Blade II – “Puoi sbloccare tutti i misteri e con successo esercitare il potere di Infinity Blade in questa avventura senza tempo spada?”

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/infinity-blade-ii/id447689011?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone[/jbutton]

  • Superbrothers: Sword & Sworcery EP – “un’action adventure esplorativo con accento sullo stile audiovisivo”

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/gb/app/superbrothers-sword-sworcery/id424912055?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone[/jbutton]

  • Tiny Wings and Tiny Wings HD (per iPad) – “Hai sempre sognato di volare – ma le tue ali sono piccole.”

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/tiny-wings/id417817520?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone[/jbutton]

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/gb/app/tiny-wings-hd/id541517597?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPad[/jbutton]

  • Badland – “Premiato atmosferico platform action adventure”

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/badland/id535176909?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone[/jbutton]

  • Where’s My Water – “Ogni livello è un impegnativo puzzle basato sulla fisica con sorprendenti meccanicche realistiche.”

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/wheres-my-water/id449735650?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone[/jbutton]

  • Atlante del mondo Barefoot – “OAtlante del mondo Barefoot è un magico mappamondo 3D interattivo che invita i bambini a esplorare le regioni e le nazioni del mondo, alla scoperta di centinaia di affascinanti caratteristiche e delle meraviglie del nostro pianeta. Un’app universale multilingue per iPad, iPhone e iPod Touch. La grafica ricca e dettagliata sfrutta al meglio il nuovo.”

    [jbutton a_css=”border:4px dark blue;” color=”dark blue” size=”large” link=”https://itunes.apple.com/it/app/barefoot-world-atlas/id489221652?mt=8″ newpage=”yes”]Download per iPhone e iPad[/jbutton]

Fonte: engadget

0 5137

Vi Abbiamo parlato di come l’intero iOS sia stato ridisegnato ma anche che a questo si siano accompagnati diversi cambiamenti in termini di user experience e aggiunta di nuove funzionalità o anche di nuove funzioni.
Dopo avervi parlato di Siri, FaceTime, Mappe e iCar passiamo velocemente in rassegna le modifiche a Fotocamera, Safari, App Store e le novità AirDrop e iTunes Radio.

Fotocamera e nuova Galleria

La fotocamera ora dispone di quattro modalità:
VIDEO,
PHOTO,
SQUARE: foto quadrate con tanto di effetti colore applicabili Instagram-style
PANO, per le foto panoramiche.
La Fotocamera ha anche una funzione di tagging automatico per ordinare le foto in base a dove e quando sono state scattate titolandole automaticamente permettendo una gestione della Galleria.
Uno zoom out mostra i nuovi album auto-generati per gite di più giorni, un altro mostra anche in altri gruppi le foto dei vari anni.
Non manca ovviamente la condivisione delle foto tramite iCloud.

iOS-7-Fotocamera-e-Galleria
iOS-7-Fotocamera-Filtri

Safari

Il browser Safari per iOS è stato aggiornato con una nuova interfaccia utente 3D per sfogliare le schede, che ora possono essere illimitate.
Il browser offre ora una sola smart search piuttosto che avere due campi, uno per la digitazione dgli indirizzi e un altro per iniziare le ricerche Google.
Safari mostrerà anche quali schede sono aperte su altri dispositivi e integra iCloud Keychain, per sincronizzare le password e le informazioni della carta di credito con il Mac.
Presenti le funzioni Reading list e i link condivisi della versione desktop di Safari.
Una nuova interessante funzione consente tramite uno swipe ai lati dello schermo per andare avanti e indietro nella cronologia internet..

iOS-7-Safari

App Store

L’App Store ha ottenuto varie ottimizzazioni, tra cui l’aggiornamento automatico delle applicazioni e suggerisce le applicazioni in base alla propria posizione.

iOS-7-App-Store

AirDrop

AirDrop, la risposta di Apple all’NFC, è una interfaccia semplificata e centralizzata per condividere foto o documenti con altre persone a noi vicine, e utilizza una connessione Wi-Fi peer to peer o bluetooth.

iOS-7-AirDrop

Music player e iTunes Radio

Il lettore musicale è stata rinnovato nel look, perdendo tra l’altro la visualizzazione coverflow in luogo di una sorta di muro infinito di copertine ed ora offre un nuovo servizio, denominato iTunes Radio.
iTunes Radio è un servizio di musica in streaming musicale tramite delle stazioni radio virtuali e si interfaccia con Twitter Music permettendo di ascoltare una stazione radio della musica trending sul noto social.
E’ fruibile gratuitamente tramite pubblità o senza se si ha un abbonamento iTunes Match; sarà disponibile anche su Mac, PC e Apple TV.

iOS 7-iTunes Radio

0 2848

Si prospettano tempi difficili per Apple. Dopo la sconfitta incassata da parte di Samsung in patria, l’azienda di Cupertino si prepara a ricevere un altro duro colpo.

Il Google Play cresce e si espande sempre più, offrendo un’enorme varietà di servizi, e, da più di un anno a questa parte, sembra ormai inarrestabile. Sono ben poche ormai le applicazioni disponibili solo su iOs, che detiene ancora un vantaggio di 2 miliardi di download di app. La cifra potrà sembrare vertiginosa, ma è ben poco rispetto ai 50 miliardi vantati dall’App Store e i 48 dallo stesso Google Play.
Visti i differenti tassi di crescita e il predominio quasi assoluto di Android, il sorpasso sembra ormai inevitabile e c’è chi prevede che ciò avverrà addirittura entro la fine dell’anno, più precisamente ad Ottobre.

Tuttavia, questa statistica non significa che gli utenti Android acquistano necessariamente più applicazioni rispetto a quelli Apple, piuttosto il contrario. In media, gli utenti Apple tendono ad installare circa 83 diverse applicazioni per dispositivo, mentre gli utenti Android ne installano molto meno, in media solo 53 applicazioni per dispositivo.

iOS, più App per utente

Il punto chiave è che ci sono circa 600 milioni di prodotti Apple attualmente sul mercato, mentre ci sono il 50% in più (900 milioni) di dispositivi Android in uso. In altre parole, Android sta recuperando da Apple in termini relativi al numero di totale di installazioni di app, ma solo perché costituisce una quota maggiore del mercato totale.
Horace Dediu, analista di Asymco, riassume abbastanza bene:

Il peso delle unità di Android genererà più download ma su una base per dispositivo i dispositivi iOS sembrano consumare più applicazioni.

Questo tipo di statistica è molto interessante quando la si confronta con quello che abbiamo visto dai dati precedenti per quanto riguarda gli acquisti in App Store.
Apple ottiene maggiori entrate di Android perché i suoi utenti acquistano in media più applicazioni, mentre gli utenti Android tendono a spendere meno, spesso optando per il software libero.
Detto questo però, Distimo, un’altra società di ricerca, ha dichiarato che i ricavi sono a favore di Google:

Il ricavo giornaliero proveniente dal Play Store è aumentato in modo ‘significativo’ negli ultimi sei mesi.

In entrambi i casi si tratta di una buona notizia per Google, i download sono in aumento così come i ricavi.
Viene da pensare, a questo punto, che l’introduzione dell’iPhone lowcost, incrementando i dispositivi Apple chiudendo o riducendo così il gap con quelli android, possa essere lo strumento adatto ad invertire il trend positivo di Android.

Fonte Android Authority

0 3145

Dopo l’acclamato aggiornamento del sistema di accesso agli Apple ID molti si sono accorti che c’era qualcosa che non andava, l’update ha infatti portato nuove falle che rendono molto facili il furto di account.

Il nuovo sistema di verifica

Per accedere ai servizi di iCloud o ad un ID Apple tramite un dispositivo marchiato dalla stessa casa produttrice statunitense, era esclusivamente necessario conoscere l’e-mail e la password del proprio account. La procedura di verifica è è suddivisa in due fasi: il normale accesso con e-mail e password e la richiesta del codice a quattro cifre inviata ad un altro dispositivo collegato all’ account.

Reset password: troppo facile

Il problema culmine dell’aggiornamento è il reset password: basta la data di nascita e l’indirizzo mail. Un errore (diciamo per correttezza un “problema“) forse un po’ troppo grave. Ricordiamoci sempre che all’Apple ID sono legati gli App e Mac App Store degli utenti, con correlate carte di credito.

passwordreset copy

Ci stiamo lavorando

Per fortuna Apple si è accorta dell’errore e in queste ore ha messo il sito dedicato al recupero password sotto “manutenzione”. L’autenticazione in due passaggi sarà quindi in breve (speriamo) tempo ritoccata in modo da eliminare la falla.

Fatto?

Stando alle notizie dell’ultima ora sembra che il problema sia stato risolto. Forse è solo una breve soluzione temporanea per tappare momentaneamente il problema e risolverlo efficacemente in un secondo momento. Se avete un Apple ID tenete in questi giorni sotto controllo l’account!

Fonte: Engadget e The Verge

Lo sapevi che abbiamo un canale telegram ? Accedi subito!