Waze On: i 5 highlights del primo evento globale virtuale di Waze

Ieri a partire dalle ore 16.00 si è tenuto Waze On, il primo evento virtuale internazionale dell’app di navigazione gratuita Waze che ha visto la partecipazione del CEO Noam Bardin e del top management dell’app israeliana.

Nonostante quest’anno sia stato ricco di sfide, Waze punta sempre ad andare avanti. Per questo motivo è stato organizzato il primo evento virtuale globale: Waze On. Wazer di tutto il mondo si sono riuniti insieme al team dell’app per parlare di nuovi prodotti, delle prossime funzionalità, delle incredibili partnership e delle Community che permettono a Waze di proseguire il suo percorso.

1.La strada per eliminare il traffico

Il CEO di WazeNoam Bardin, ha aperto l’evento condividendo il pensiero che sta alla base dell’app ossia che Waze si fonda su una semplice convinzione: collaborando è possibile sconfiggere il traffico in modo intelligente. Ogni mese, più di 140 milioni di Wazer in tutto il mondo contribuiscono all’attività della Community guidando per oltre 36 miliardi di chilometri e riportando più di 70 milioni di incidenti in 185 paesi.

Ma il traffico continua a peggiorare e il problema fondamentale è costituito dalla presenza di ancora troppe auto e non abbastanza strade. La risposta è semplice e complicata allo stesso tempo, bisogna iniziare ad eliminare le auto dalle strade.

Ecco perché qualche anno fa l’app ha lanciato Waze Carpool, che unisce le persone che viaggiano nella stessa direzione per risparmiare tempo e denaro, permettendo così ad alcuni di lasciare l’auto a casa.

Sebbene la pandemia di COVID-19 abbia cambiato il mondo rispetto a come lo si conosceva, ha anche permesso ai cittadini di intravedere come potrebbe essere la quotidianità con meno traffico. Le persone ora sperimentano i tragitti casa-lavoro con minor congestione stradale, le città trasformano le strade in zone pedonali e i parcheggi in ristoranti. Tutti questi cambiamenti temporanei potrebbero diventare permanenti nelle città del futuro, se tutti scegliessero il carpooling e contribuissero ad eliminare le auto dalle strade, liberando spazio prezioso da destinare ad altri scopi.

  1. Il potere delle Community

Waze ha una Community appassionata di 50.000 volontari attivi in tutto il mondo. Hila Roth, che guida il Global Communities Team, ha viaggiato in più di 40 Paesi per incontrare le Community di volontari. Ma chi sono questi volontari e cosa fanno?

Esistono cinque tipologie di Community: Map Editors, Beta Tester, Localizzatori, Partner e Carpool – e rappresentano davvero la magia che alimenta Waze. Dal farsi strada tra le complessità della mappatura manuale di migliaia di zone a pedaggio e i relativi costi in 40 paesi, all’aggiunta di dati fondamentali per la mappa di Waze nel bel mezzo dell’epidemia di COVID-19 per aiutare i loro colleghi Wazer a raggiungere il luogo in cui volevano recarsi. Scoprite come stanno aiutando gli altri Wazer e come stanno migliorando il modo in cui le persone si spostano su waze.com/communities.

  1. Re-immaginare l’esperienza di Waze

Il Chief Product OfficerRapha Cohen, ha parlato di alcuni nuovi entusiasmanti prodotti che introdurranno nel mercato per rendere l’esperienza di viaggio migliore, creando nuove funzionalità che anticipano e rispondono a specifiche esigenze degli utenti. Da suggerimenti di viaggio e notifiche, al miglioramento dei calcoli dell’ETA e della funzione di indicazione della corsia, i Wazer sapranno sempre in anticipo cosa sta succedendo sulle strade, in modo da poter regolare i piani, evitare ritardi e lo stress al volante – e forse anche recuperare un po’ di tempo.

Inoltre, Rapha Cohen ha spiegato come Waze stia rendendo più facile che mai il car pooling, con le corse in tempo reale e l’Instant Book (aka Auto-Approve), il tutto per rendere più semplice la ricerca di un passaggio o di una corsa. Con meno opzioni di trasporto pubblico disponibili a seguito dell’emergenza COVID-19, queste caratteristiche renderanno Carpool una soluzione ancora più utile a coloro che effettuano viaggi essenziali.

  1. L’ecosistema delle partnership di Waze

Sapevate che Waze è al centro di un ecosistema molto più grande che riunisce aziende, community, reti radiotelevisive, partner del settore pubblico e privato? Erin CliftCMO di Waze, ha spiegato che questo network ha un impatto collettivo su più di 2 miliardi di cittadini e sulle città in cui vivono. Dalle città e dai comuni, ai partner di Carpool, ai prodotti, alla pubblicità e ai brand, questi gruppi si riuniscono per risolvere le sfide della mobilità su scala globale.

Parlando di brand partnerErin Clift ha illustrato il nuovo tema di Batman di Waze – portando il Cavaliere Oscuro e il suo acerrimo nemico L’Enigmista direttamente nelle auto di tutti i Wazer – e ha offerto un’anteprima di un nuovo partner di Audio Player che arriverà nell’app di Waze più avanti nel corso dell’anno!

  1. Wazer in tutto il mondo!

A chiusura dell’evento, il principale grazie è stato rivolto a tutti i Wazer, i fedeli utenti di Waze ed elemento fondante dell’app insieme ai partner e ai volontari. Questa è stata la prima volta nella storia di Waze che tutto l’ecosistema dell’app si sia riunito interamente per celebrare come il contributo degli utenti stia consentendo di creare un mondo senza traffico. Il CEO e tutto il suo top management hanno ringraziato la Community per tutto ciò che hanno realizzato – dai regolari feedback e suggerimenti, alle modifiche sulla mappa e le traduzioni, ai dati a livello di città locali… l’app esiste per merito loro, quindi grazie a tutti voi Wazer!

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

GARMIN: funzioni dedicate, analisi precise e dati in tempo reale con il nuovo GPS sportwatch per la multi-disciplina Garmin Forerunner 745

Next Post

Solo 2 consumatori su 10 hanno piena fiducia nella sicurezza del cibo che acquistano – Studio di Zebra Technologies

Related Posts