Trend Micro: fermare il fenomeno degli Hosting Underground per colpire il cybercrime

Trend Micro: fermare il fenomeno degli Hosting Underground per colpire il cybercrime

0 199

Trend Micro leader globale di cybersecurity, rende pubblico un white paper per spiegare come identificare e fermare le operazioni all’interno dei mercati cybercriminali. Il report, dal titolo «The Hacker Infrastructure and Underground Hosting: Cybercrime Modus Operandi and OpSec» è la terza e ultima parte di uno studio che ha interessato i mercati cybercriminali underground. All’interno del report, i ricercatori delineano gli approcci business degli hacker per aiutare i team di security e le Forze dell’Ordine a riconoscerli, per potersi difendere al meglio. Comprendere le operazioni criminali, le motivazioni e i modelli di business è la chiave per smantellare l’industry dei cosidetti «hosting antiproiettile», che rappresenta le fondamenta del cybercrimine globale.

«A certi livelli di sofisticazione, è indispensabile capire come i criminali operano per difendersi in maniera strategica dagli attacchi». Ha dichiarato Gastone Nencini, Country Manager di Trend Micro Italia. «Speriamo che questo studio fornisca quei dettagli sulle operazioni cybercriminali che permettano alle organizzazioni di reagire e ai provider di hosting di perdere profitto».

Gli hosting antiproiettile (BPH – Bulletproof Hoster), costituiscono le fondamenta dell’infrastruttura cybercriminale e utilizzano un sofisticato modello di business per sopravvivere ai tentativi di rimozione. Questo include caratteristiche di flessibilità, professionalità e l’offerta di una vasta gamma di servizi che soddisfino le esigenze più disparate.

Il report fornisce i dettagli sui diversi metodi efficaci che possono aiutare a identificare gli hoster underground. Tra gli altri:

  • Identificare quali intervalli di IP sono contrassegnati nelle liste pubbliche, o quelli associati a un gran numero di abusi, questi potrebbero celare dei BPH
  • Analizzare i comportamenti dei sistemi autonomi e i modelli di informazione di peering per contrassegnare attività che potrebbero essere associate a dei BPH
  • Una volta che un host BPH è stato rilevato, utilizzare il fingerprint rilevato per identificarne altri, che potrebbero essere collegati allo stesso provider

Il report elenca anche dei metodi per fermare il business degli hosting underground, senza necessariamente aver bisogno di identificare o spegnere i loro server. Tra questi possiamo citare:

  • Inviare istanze di abusi opportunamente documentati all’underground hosting provider sospettato, compresa la cronologia dei collegamenti.
  • Aggiungere i parametri di rete BHP per stabilire una lista di divieto di accesso ben delineata
  • Aumentare i costi operativi del BPH per compromettere la stabilità del business
  • Minare la reputazione del BPH nell’underground cybercriminale, magari attraverso account nascosti che mettono in dubbio la security del provider di hosting o che discutono di una possibile collaborazione con le autorità