Snapdragon 820, Geekbench mostra le prestazioni migliorate ma non sorprendenti del nuovo...

Snapdragon 820, Geekbench mostra le prestazioni migliorate ma non sorprendenti del nuovo Top SoC

0 1783

Gli ormai conclamati problemi di surriscaldamento che stanno affliggendo lo Snapdragon 810 stanno creando un danno di immagine a Qualcomm e indirettamente ai dispositivi che lo hanno e lo stanno adottando i cui produttori si stanno affannando nel cercare quantomeno di arginare il problema.

E’ quindi molta la curiosità intorno al prossimo Snapdragon 820 da parte degli appassionati la cui fiducia nel marchio inizia a vacillare, ma soprattutto perchè sembra il SoC con il quale l’azienda non può fallire vista una concorrenza sempre più agguerrita.

Appare quindi interessante leggere i risultati del benchmark Geekbench trapelato a cui lo Snapdragon 820 sarebbe stato sottoposto. I 1732 punti ottenuti nel test single-core supera i 1486 raggiunti da un Exynos 7420 sul Galaxy S6 e nettamente i 1227 di un Snapdragon 810 su Xiaomi Mi Note Pro. Nel test multi-core invece i 4970 punti gli permettono di superare i 4424 dal suo predecessore, ma non i 5284 punti dell’Exynos.

Se al MWC 2015, Qualcomm del suo prossimo top chip ha rivelato solo che segnerà il ritorno a core personalizzati a 64 bit chiamati Kryo, secondo un nuovo report questi avrebbero un clock fino a 3.0GHz; lo stesso report ha confermato anche le voci secondo la quali sarebbe Samsung a produrre il nuovo SoC utilizzando la tecnologia produttiva a 14nm del SoC Exynos 7420 di Galaxy S6 e S6 edge.

Tenendo conto del presunto clock emerso e dei punteggi multi-core prende quindi più forza un precedente rumor che puntava alla presenza nello Snapdragon 820 di soli due core Cortex A72 affiancati da 2 o 4 Cortex A53 per i bassi carichi di lavoro. Sony, HTC e Xiaomi si dice che saranno i primi produttori di smartphone aa utilizzare il nuovo SoC, che potrebbe apparire sui prossimi dispositivi a partire da questo autunno.