Samsung, Record brevetti e vendite

Samsung, Record brevetti e vendite

Si raccoglie quel che si semina” dice un detto, vale in ogni campo anche in quello tecnologico.
I semi in questo caso sono i brevetti e le risorse messe in campo per ottenerli mentre quello che si raccoglie sono ovviamente i risultati di vendita.
Proprio lo studio dell’analista Chetan Sharma che ha interessato più di sette milioni di brevetti mobili provenienti dagli Stati Uniti e dall’Europa, a partire dal 1991 ci fornisce l’occasione per cercare capire alcune delle ragioni alla base dell’attuale situazione del Mercato.
All’inizio era Nokia a detenere il record di brevetti per il mobile mentre Samsung raggiungeva il primo posto se si sommavano ai brevetti relativi a dispositivi anche quelli relativi alle piattaforme e alle infrastrutture.
Dal 1996 negli Stati Uniti c’è stata una vera e propria esplosione per brevetti concessi nel campo mobile fino al raggiungimento del 72% del totale dei due paesi, probabilmente favorito anche dal tanto chiacchierato sistema brevetti americano.

Ricerca da Record

Nel 2012 è stata invece Samsung a ottenere più brevetti mobili dei competitor; non solo, ma è sempre il colosso coreano a detenere ad oggi il maggior numero di brevetti in questo settore di qualsiasi altra azienda in tutto il mondo, settore questo sempre più fucina d’innovazione.
Infatti entro la fine di quest’anno, Chetan ritiene che il 25 percento di tutti i brevetti sarà legato al mobile rispetto a solo 5 percento del numero totale di quelli concessi nel 2001.

Se al vantaggio tecnologico conseguente si somma la maggiore tranquillità nell’avere una posizione di forza al cospetto delle sempre più frequenti controversie legali, si può ben comprendere quanto questa strategia di Samsung sia non solo stata una buona scelta ma quella obbligata.

Non solo brevetti


Samsung ha poi puntato moltissimo anche sul Marketing per spingere prodotti molto riusciti e tecnologicamente “avanti” ma anche prodotti pensati per utenti alle prime armi e più attenti al portafogli, inondando il mercato con un ventaglio di prodotti in grado di ricoprire ogni fascia di prezzo; questa strategia l’ha portata in testa alle classifiche di vendita conquistando la corona di Produttore n°1 nel settore Smartphone, ma non si vuole certo fermare.

Proprio gli analisti di Counterpoint Research infatti stimano che Samsung venderà circa 25 milioni di smartphone ogni mese del 2013 per un totale di oltre 70 milioni nel 1° trimestre e grazie a questo risultato rafforzerà la sua posizione dominante nel settore smartphone grazie alla crescita della quota di mercato passando dal 32% nel Q4 2012 al 35% nel Q1 2013.

Samsung continua la corsa

Per quanto riguarda la concorrenza anche Apple e LG dovrebbero incrementare, nello stesso periodo, le loro quote di mercato, con la prima che dovrebbe raggiungere il 21%, e la seconda crescere dal 4% al 4,3%.
L’Analisi si conclude sottolineando la crescita impressionante dei produttori di smartphone cinesi i quali dovrebbero arrivare a conquistare un ragguardevole 21% del mercato.

Innovazione Tecnologica e Marketing, sembrano essere le chiavi del Successo di Samsung, e probabilmente lo dovrebbero essere per tutte le altre Aziende specie in un mercato così competitivo come quello IT.

Fonti: Android Authority, phone Arena