Recensione Xiaomi 12

AAAAAElFTkSuQmCC

Presentato a metà Marzo (qui l’evento) e disponibile una decina di giorni dopo (qui la notizia) abbiamo avuto modo di provare il nuovissimo Xiaomi 12 (qui l’unboxing), smartphone della nuova serie 12,  dispositivi pensati per mettere a disposizione degli utenti un vero studio di produzione video all’avanguardia, e per essere dispositivi perfetti per l’entertainment. Vediamo le prime impressioni d’uso.

Confezione

9

La confezione, è di tipo classico, rettangolare, abbastanza grande, bianca con scritte d’orate. Una volta aperta troviamo lo scatolino contente, cover in silicone, guida rapida e clip per l’apertura del cassettino per le nanoSIM, cavetto USB-Tipo C, caricatore da 5V/3A e 15W – 5-20V/6.2-3.25A e 67 W.

Costruzione, Ergonomia

9

Esteticamente abbiamo un corpo in alluminio con la cover cover posteriore in vetro, con bordi curvi, classico ed elegante; non è nemmeno molto scivoloso ma meglio utilizzarlo con la cover in dotazione.

Il Mi 12 misura 152.7 x 69.9 x 8.2 mm, per un peso di 179 g e in mano si tiene bene; sotto la cover posteriore, non removibile, troviamo la batteria da 4500 mAh.

Sul lato destro, sono presenti, il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento; il lato sinistro è pulito.

Sul lato superiore troviamo, IRDA, il microfono per la riduzione dei rumori e uno dei due altoparlanti Harman Kardon, mentre su quello inferiore, sono presenti, il secondo altoparlante Harman Kardon, connettore USB Tipo C, microfono principale, e il carrellino per l’alloggiamento delle 2 Nano-Sim.

Frontalmente abbiamo un bordo davvero molto sottile con la capsula auricolare annegata in un piccolo spazio tra cornice e display; nella parte superiore del display è presente la fotocamera anteriore da 32 MP, f/2.5, 26mm.

Posteriormente sulla sinistra, troviamo la tripla fotocamera, alloggiata in una cornice quadrata con angoli tondi, al cui interno trovano posto, dall’alto verso il basso, il sensore principale da 50 MP f/1.9 da 26mm (grandangolare), dotato di stabilizzazione ottica dell’immagine, il sensore da 5 MP, f/2.4, 50mm , (teleobiettivo macro) e l’ultima da 8 MP, f/2.4, 12mm, 123° (ultra grandangolare).

Hardware

9

Il Mi 12 monta un processore Qualcomm SM8450 Snapdragon 8 Gen 1 (4 nm) – Octa-core (1×3.00 GHz Cortex-X2 & 3×2.50 GHz Cortex-A710 & 4×1.80 GHz Cortex-A510) con GPU Adreno 730, 8 GB di Ram e una memoria interna di 256 GB UFS 3.1 NON espandibile.

Il Mi 12 utilizza un modem 5G e LTE-A; alla voce connessioni, troviamo Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac/6, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot, Bluetooth 5.2, GPS con A-GPS tri band; presente anche l’NFC.

Non è presente alcun tipo di certificazione contro polvere e schizzi d’acqua.

Ottimo il comprato audio, dotato di due speaker Harman Kardon che offrono un audio di altissimo livello, per tutte le tipologie di contenuti come musica, film, podcast e giochi.

Rapido lo sblocco tramite il sensore di lettura delle impronte; qualche problema con le mani umide o sudate. Comodo e rapido anche lo sblocco tramite riconoscimento del volto.

Display

9

Il Mi 12 ha un display AMOLED da 6.28 pollici Corning Gorilla Glass Victus con risoluzione FHD+ (2400 x 1080 pixel) e ben 120 Hz di frequenza di aggiornamento; davvero un ottimo panello, molto luminoso e ben visibile sotto la luce diretta del sole, ottima la luminosità automatica.

La frequenza di aggiornamento, può essere impostata o fissa (a 60 0 120 Hz) oppure automatica, dove, per ogni singola applicazione, sarà il sistema a scegliere la velocità ideale.

Software

9

La versione di Android attuale è la 13 con la con MIUI in versione 13 come interfaccia e grazie a processore e standard di archiviazione UFS 3.1, senza dimenticare l’ottima ottimizzazione il sistema è sempre molto fluido, senza impuntamenti, e, ovviamente, non abbiamo mai riscontrato lag, riavvii e nessun tipo di problema, nemmeno a fine giornata con parecchie app in memoria, complici gli 8 GB di memoria RAM.

Sicurezza

Tramite l’app Sicurezzaè possibile gestire il telefono, tenendo sotto controllo la memoria interna e la RAM, l’utilizzo della batteria, il risparmio energetico, l’esecuzione di test hardware, una diagnosi generale, con la possibilità di fare un’ottimizzazione generale del sistema.

Secondo Spazio

Attivabile tramite impostazioni, la prima volta e poi tramite l’icona CambiaSecondo Spazio, è sicuramente un’app interessantissima, tramite la quale è possibile creare un ambiente parallelo con una propria password e una propria impronta digitale. In questo modo già direttamente dallo sblocco sarà possibile entrare in uno o nell’altro ambiente, semplicemente digitando la password relativa o tramite l’impronta corrispondente.

In Secondo Spazio è possibile importare foto e documenti, che saranno visibili solo lì, importare app e scegliere se visualizzarle su entrambi gli spazi o solo su uno dei due; in questo caso ogni app è indipendente, è possibile quindi avere la stessa app sui due spazi a cui è collegato un account diverso, google incluso. Davvero un’ottima possibilità per chi utilizza il telefono per lavoro e per uso personale e vuole tenere ben distinte le due cose.

Temi
Con l’app Temi, è possibile personalizzare graficamente l’interfaccia, potendo scegliere tra molti temi sia gratis che a pagamento

1657922293026

Non mancano un sempre utile File Explorer, Meteo, Note, Torcia, Bussola, Calcolatrice e il telecomando.

Fotocamera

9

Lo Xiaomi Mi 12 monta una fotocamera posteriore con tre sensori, il principale da 50 MP f/1.9, 26mm (grandangolare) con stabilizzazione ottica dell’immagine, il secondario da 8 MP f/2.4, 1mm, 123°, ultra grandangolare e il terzo da 5 MP, f/2.4, 50mm (teleobiettivo macro).

Le foto sono davvero ottime anche in notturna, e l’utilità della cam da 50 MP la si nota soprattutto in caso di ingrandimenti, dove ci si può spingere molto oltre.

Il sensore da 8 MP, f/2.4, 123°, ultra grandangolare, consente di catturare immagini più ampie e la qualità è buona. Inoltre con lo stesso obiettivo è possibile scattare ottime macro.

L’ultimo sensore da 5 MP, f/2.4, 50mm per le macro e le foto sono discrete, ancora non al livello degli obiettivi principali, ma sicuramente un sensore da 5 megapixel da un senso diverso rispetto ai sensori da appena 2 megapixel che si trovano per questo tipo di focale.

Anteriormente troviamo una Camera annegata nel display, da 32 MP, f/2.5, 26mm e le foto, soprattutto in modalità ritratto, sono davvero ottime.

L’app di gestione offre impostazioni e scene pre impostate da scegliere, Ritratto, Notte, 50, Breve Video, Panorama, Documenti, VLOG, Slow-motion, Time-lapse, Effetti da film, Esposizione prolungata, Doppio video, Clona.

Per quanto riguarda i video, è possibile registrarli in 8k a 24fps, dove però la stabilizzazione non è il massimo, quindi consigliamo di non andare oltre i 4k a 60fps; durante la registrazione video è prevista la possibilità di utilizzare zoom e grandangolo. Possibile registrare anche a 1080p a 30/120/240/960fps con stabilizzazione digitale dell’immagine.

Video girato con il Mi 12

Autonomia

8

Il Mi 12 monta una batteria da 4500 mAh offre una buona autonomia, con un uso medio/intenso si riesce a coprire la giornata di utilizzo (7.00-00.00) con 10h in 3g/4g e il resto della giornata in wifi con social network in push, whatsapp e telegram costantemente attivi e ci siamo fermati a circa 5/5.5h di schermo attivo.

Lo Xiaomi 12 è dotato di Xiaomi AdaptiveCharge, un algoritmo di ricarica smart che impara e si adatta alle abitudini di ricarica e che in aggiunta prolunga il ciclo di vita della batteria.

Tramite la ricarica rapida 67W è possibile ricaricare completamente il dispositivo da zero in 39 minuti (con caricatore in confezione). Presente anche la ricarica rapida wireless da 50W, che permette il 100% della carica in appena 53 minuti. Presente anche la ricarica wireless inversa da 10W.

1657922292899

Conclusioni

Con il Mi 12, l’asticella resta alta e Xiaomi riesce ad proporre uno smartphone top gamma con tutti i crismi necessari, Hardware al top, miglior processore in circolazione al momento e archivio interno con standard UFS 3.1, che rendono il sistema sempre fluido e senza impuntamenti. Nulla da eccepire anche sotto il punta di vista multimediale con i due speaker stereo e la tripla fotocamera posteriore.

Attualmente è possibile trovare lo Xiaomi Mi 12, nella versione da noi provata, 8/256 GB, su Amazon ad un prezzo di 489,00 euro, davvero un ottimo prezzo per uno smartphone che non

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 6.28″ AMOLED, FHD+ (2400 x 1080 pixel) – 120 Hz – 20:9 – HDR10+ – Dolby Vision – Corning Gorilla Glass Victus
Fotocamera Frontale: 32 MP, f/2.5, 26mm (grandangolare) – VIDEO, 1080p@30/60fps, 720p@120fps
Fotocamera Posteriore: Tripla: 50 MP, f/1.9, 26mm, (grandangolare), 1/1.56″, 1.0µm, PDAF – 8 MP, f/2.4, 12mm, 123° (ultra grandangolare) 1/3.06″, 1.12µm – 5 MP, f/2.4, 50mm , (teleobiettivo macro) – VIDEO, 8K@24fps (HDR), 4K@30/60fps (HDR+), 1080p@30/120/240/960fps, 720p@1920fps con stabilizzazione digitale dell’immagine – Dual-LED dual-tone flash
Processore: Qualcomm SM8450 Snapdragon 8 Gen 1 (4 nm) – Octa-core (1×3.00 GHz Cortex-X2 & 3×2.50 GHz Cortex-A710 & 4×1.80 GHz Cortex-A510)
Processore Grafico: Adreno 730
Memoria: 256 GB di memoria interna UFS 3.1, NON espandibile, 8 GB RAM
Dimensioni / peso: 152.7 x 69.9 x 8.2 mm, peso 179 g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 4500 mAh (non removibile) – Ricarica rapida 67W, 100% in 39 min (con caricatore in confezione) – Ricarica rapida wireless 50W, 100% in 53 min –  Ricarica wireless inversa 10W – Power Delivery 3.0 – Quick Charge 4+
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac/6, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth v5.2, A2DP, LE
Reti: HSPA 42.2/5.76 Mbps, LTE-A, 5G
Certificazione:  Non presente
NFC:
IRDA: Sì
USB: Type-C 2.0, USB On-The-Go
3.5mm jack: No
– GPS: Sì, con A-GPS. Up to tri-band: GLONASS (1), BDS (3), GALILEO (2), QZSS (2), NavIC
Radio: No
Lettore di impronte: Sì (posto lateralmente all’interno del pulsante di accensione/spegnimento)
Sistema operativo: Android 12, MIUI 13
Sim: Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

 

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

AliA, la nuova app che porta la gestione accessi in cloud

Next Post

I consigli di Fortinet per chi vuole connettersi in sicurezza, anche in vacanza

Related Posts