Recensione Sony Xperia X by Smartphone Italia

Recensione Sony Xperia X by Smartphone Italia

Dopo aver usato il Sony Xperia X per una decina di giorni (qui la preview) come telefono principale, è giunto il momento di tirare le somme e vedere come si è comportato nelle nostre giornate tipo.

Confezione

Come anticipato nella preview, la confezione dalla classica forma rettangolare, è abbastanza deludente nel contenuto per uno smartphone presentato ad un prezzo superiore ai 600 euro, infatti troviamo solo il cavetto USB-MicroUSB e un altrettanto deludente caricatore da 1.5A, mancano gli auricolari, presente la guida rapida.

Costruzione, Ergonomia e Display

Il Sony Xperia X, è esteticamente piacevole, con corpo in metallo satinato, con la cornice con i bordi arrotondati, ottimo il touch & feel; sotto la cover posteriore, non removibile, troviamo la batteria da 2620 mAh.

Posteriormente, in alto sulla sinistra, troviamo la fotocamera da 21 megapixel e poco sotto il flash. Sul lato destro, sono presenti, il pulsante di accensione/spegnimento che include il sensore delle impronte (in posizione centrale), con più in basso, il bilanciere del volume e il pulsante per la fotocamera, in posizione perfetta per l’indice della mano destra, che serve sia come scorciatoia per l’avvio della fotocamera, sia come pulsante di scatto, con doppia corsa per la messa a fuoco; sul lato sinistro, troviamo il carrellino per l’alloggiamento per le Nano-Sim e la scheda MicroSD, interessante la tecnica usata per evitare l’odiosa clip di apertura; in pratica collegato al carrellino c’è uno sportellino leggermente snodato e di facile utilizzo.
Sul lato superiore troviamo, l’ingresso per le cuffie e il microfono per la riduzione del rumore. Sul lato inferiore troviamo il connettore microUSB e, alla sua sinistra, il microfono principale.
Frontalmente, nella parte superiore, troviamo, in posizione centrale la capsula auricolare con, alla sinistra la fotocamera da 13 megapixel e sulla destra i sensori; inferiormente troviamo lo speaker di sistema.

Il Sony Xperia X ha un display da 5 pollici con risoluzione Full HD (1920×1080), monta un processore Qualcomm Snapdragon 650 hexa-core a 64 bit (2x Cortex A72 a 1.8 GHz + 4x Cortex A53 a 1.4 GHz), 3 Gb di Ram e 32GB (di cui disponibili all’utente finale, circa 20 GB) di memoria interna, espandibile tramite micro SD fino a 200GB.

A differenza da quanto ci si potesse aspettare da un top gamma Sony (al momento della presentazione), l’Xperia X non è impermeabile, come gli altri modelli Sony, davvero curiosa come scelta.

Software

La versione di Android attuale è la 6.0.1 con la EvolutionUI come interfaccia, che ingloba alcune personalizzazioni e l’interfaccia stock. Ad esempio sono stock tendina e gestione delle notifiche, e sono state personalizzate le icone di sistema e le impostazioni (per lo più caratteri e colori).

Il sistema gira per sempre fluido, senza nessun tipo di impuntamento, o rallentamenti vari.

Comoda la possibilità di poter personalizzare il terminale in un’unica app, presente come widget nella home, Introduzione a Xperia. Tramite quest’app possiamo impostare il nostro smartphone in tempi molto brevi semplicemente seguendo le varie voci proposte:

  • Trasferisci i tuoi contenuti: E’ possibile trasferire i contenuti dal vecchio telefono al Sony Xperia X.
  • Elementi di Base: Voce che mostra una panoramica sulle app Sony, Fotocamera, Album, Sfrutta al meglio la batteria, Lifelog, Autorizzazioni app, Assistenza.
  • Personalizzazione: Da qui è possibile cambiare il motivo, lo sfondo e i suoni del dispositivo.
  • Proteggi i tuoi contenuti: Viene mostrato come proteggere al meglio il dispositivo, tramite la configurazione delle impronte digitali, la crittografia della scheda microSD e gestire il backup e i ripristino dei dati.
  • Lavora con Xperia: Per impostare, Wi-Fi aziendale, Account e-mail, VPN, Single sign on, Xperia Configurator Cloud.
  • Servizi Xperia: Attiva i servizi, Xperia Lounge (Offerte esclusive, film, musica e altro), Individuazione e blocco del dispositivo in caso di smarrimento, What’s New (Nuovi giochi, app e supporti), Effetto AR (Consigli personalizzati), Assistenza (Assistenza personalizzata per il dispositivo).
  • App consigliate: Mostra un elenco di app consigliate (What’s New).

Con Movie Creator, sarà possibile creare brevi filmati (storie) con le foto presenti nella galleria, è possibile anche scegliere una musica da associare al filmato;

L’app Diagnostica consente di verificare il dispositivo per rilevare potenziali problemi.

Con Lifelog è possibile tenere traccia delle attività, impostando obiettivi personali, seguendone i progressi.

Con Sketch è possibile creare schizzi e aggiungere adesivi alle foto, dopodiché è possibile pubblicarli e invitare gli amici ad aiutarci a modificarli.

Tramite Sticker Creator è possibile creare adesivi personalizzati e creare foto con gli adesivi creati.

TrackID, Shazam  secondo Sony.

Video & TV SideView, App con guida TV e telecomando.

Presenti anche AVG Protection, Kobo eBooks, Linkedin, Meteo, News, PlayStation, Radio FM, Spotify, fortunatamente è possibile disinstallare molte di queste app, non tutte però.

Fotocamera

La fotocamera posteriore del Sony Xperia X è davvero il suo punto di forza; ha un sensore da 21 megapixel e le foto sono davvero spettacolari, un po’ rumorose in caso di scarsa, ma molto scarsa luminosità, ma parliamo di casi davvero spinti. Il pulsante fisico serve sia per avviare la fotocamera stessa, (sia a terminale in standby che durante l’uso) che per scattare ed inoltre dotato di doppia corsa per la messa a fuoco.

La messa a fuoco e lo scatto sono davvero molto veloci.

La fotocamera anteriore da 13 megapixel permette scatti che vanno ben oltre i classici selfie.

L’app di gestione offre molte impostazioni ma non scene pre impostate da scegliere, oltre alla modalità manuale e automatica, è possibile scegliere la modalità panoramica, inserita tra le app della fotocamera (abbastanza strano come posizionamento). Come app della fotocamera troviamo:

  • Sound Photo: Scattare foto con suono di sottofondo.
  • Effetto AR: Scattare foto o registrare video che includono scene e personaggi virtuali.
  • Effetto creativo: Applicare effetti a foto o video.
  • Apertura panoramica: Scattare foto grandangolari e panoramiche.
  • Ritratto stile: Scattare foto con stili di ritratto applicati in tempo reale.
  • Timeshift video: Registrare video con elevata velocità di fotogrammi e applicare effetti di rallentamento.
  • Creatore adesivo: Creare adesivi personalizzati dalle foto preferite o dal mirino della fotocamera.

Foto scattate con il Sony Xperia X

Video girato con il Sony Xperia X

Autonomia

Se la fotocamera è il punto forte del Sony Xperia X, la batteria da 2620 mAh, o meglio dire, l’autonomia è il suo punto debole. Nei nostri giorni di test abbiamo riscoperto la brezza di rimanere a secco ancor prima di essere a casa (alle 18 eravamo già al 20%, neanche 2h di schermo acceso) nonché la comodità di portarsi dietro un bel power bank da 10000 mAh. Il nostro utilizzo, ovviamente, grossomodo è sempre lo stesso, ovvero, una decina d’ore in 3g/4g e 3-4 in Wi-Fi, con chat attive e in push (WhatsApp, Telegram, Messenger, Hangout), un account Gmail in push e un account hotmail aggiornato ogni 5 minuti, Facebook, Twitter e Google+ push con le notifiche in push e controlli giornalieri.

Utilizzando il 3g o copertura fissa in  wi-fi si riesce a fare qualcosa in più e magari superare le 2h di schermo acceso, ma non pensatevi chissà cosa; sfruttando la modalità stamina, che però “castra” molto le performance generali, si riesce ad arrivare a fatica alle 3h di schermo acceso.

Probabilmente è un problema di ottimizzazione, in quanto anche il Meizu Pro 6 (qui la nostra prova), recensito qualche settimana fa, riesce a fare meglio, con un hardware decisamente migliore e addirittura una batteria con un amperaggio leggermente minore, 2560 mAh.

E’ prevista la ricarica veloce, peccato che il caricatore in dotazione ne sia sprovvisto.

Conclusioni

Il Sony Xperia X è un prodotto bello e accattivante, ma null’altro. La linea riprende quella dei precedenti modelli ma si differenzia un po’, soprattutto alla scocca uni body in metallo.

L’ottimizzazione è buona (autonomia a parte), il comparto hardware è completo, con un buon processore e 3GB di RAM  e 32GB di memoria interna e un’ottima fotocamera, anche se, inspiegabilmente manca l’impermeabilità.

Ma da un terminale con un prezzo di lancio di 629 euro ed un prezzo attuale di 350 euro, ci si aspetta molto di più dall’autonomia, che invece è davvero indecente. Ci si aspetta sicuramente di più anche dagli accessori presenti in confezione, spendere 629 euro (è vero che magari nessuno l’ha comprato a quel prezzo) e non trovarsi ne gli auricolari ne un caricabatteria veloce, ma un caricabatteria di soli 1.5 mAh pochi per la batteria da 2620 mAh. Il caricatore veloce è previsto, ma venduto solo come optional. Onestamente anche per i 350 attuali la dotazione è scadente, ancora troppi per un prodotto che sì fa belle foto ed ha un bel software, ma l’autonomia è troppo scarsa.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 5″ FHD (1920 x 1080)
Fotocamera Frontale: 13 MP f/2.0 con grandangolo da 22 mm
Fotocamera Posteriore: 23 MP f/2.0 con messa a fuoco automatica intuitiva, con grandangolo da 24 mm, con flash LED
Processore: Qualcomm Snapdragon 650 hexa-core a 64 bit (2x Cortex A72 a 1.8 GHz + 4x Cortex A53 a 1.4 GHz)
Processore Grafico: Adreno 510
Memoria: 32GB di memoria interna (di cui circa 20 GB disponibili all’utente), espandibile tramite micro sd fino a 200GB, 3GB RAM
Dimensioni / peso: 143×69×7,7 mm, peso 152g.
Batteria: Agli ioni di litio da 2620 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 b/g/n, Wi-Fi Direct, Bluetooth V4.2, NFC
Reti: LTE Cat. 6 DL 300 Mbps DL, 50 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Gps: A-GNSS (GPS + GLONASS)
Lettore di impronte: Sì
Sistema operativo: Android 6.0 (Marshmallow)
Sim: Dual SIM (Nano SIM)

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
7/10
Display
8/10
Fotocamera
9/10
Software
8/10
Autonomia
5/10
Prezzo
6/10
Rapporto qualità / prezzo
6/10