Recensione Parallels Desktop 17: Windows, Mac e Linux in una finestra su Mac

AAAAAElFTkSuQmCC

Annunciato ad inizio mese (qui la notizia) Parallels Desktop 17 è uno dei migliori software per creare macchine virtuali sul vostro sistema Mac, Parallels Desktop 17 è stato Sviluppato per macOS 12 Monterey e Windows 10.

Installazione

L’installazione di Parallels è davvero semplice ed immediata, basterà seguire le indicazioni fornite dall’installer per poter procedere all’installazione, abbiamo installato Parallels sul nostro Mac Mini con architettura M1.

Durante l’installazione verrà richiesto quale sistema operativo volete installare, noi abbiamo deciso di provare Windows 10 e seguendo le indicazioni dell’installer abbiamo scaricato la versione adatta per chip Apple M1, il processo di installazione vi guiderà passo passo fino alla conclusione.

 

 

Come funziona ?

Con l’abbandono di Boot Camp da parte di Apple, l’unica alternativa per poter utilizzare Windows o un altro sistema operativo, è quello di virtualizzare i sistemi operativi, ed è in questo caso che Parallels 17 ci viene in soccorso.

L’avvio della macchina virtuale è davvero molto veloce, in pochissimi secondi si è pronti ad utilizzare Windows o Linux a seconda del sistema operativo che abbiamo deciso di utilizzare.

La comodità di una macchina virtuale sta nel fatto che si possono usare e trasferire file tra i due sistemi operativi attivi, rendendo condivisibili ed accessibili i file nei due sistemi senza dover usare servizi esterni.

Per ogni macchina virtuale creata possiamo decidere quanto hardware dedicare, come ad esempio la quantità di ram che vogliamo condividere oppure quanti core della cpu rendere disponibili, possiamo personalizzare il tutto a seconda delle nostre esigenze.

 

Utilizzo

Durante la nostra prova abbiamo utilizzato un Mac Mini con chip Apple M1, con a bordo 8GB di ram. Il tutto è stato installato sul disco principale del Mac Mini proprio per evitare rallentamenti su dischi esterni.

Nonostante gli 8GB di ram non abbiamo mai notato impuntamenti o rallentamenti durante l’utilizzo di Windows 10.

Abbiamo provato ad installare vari software senza particolari problemi, per quanto riguarda quelli che non siamo riusciti ad installare c’è Oculus Link. La mancanza della compatibilità con il sistema SSE 4.2 purtroppo non ci ha permesso di poterlo configurare e testare, speriamo che con i prossimi update riescano ad implementare tale funzionalità.

 

 

Conclusioni

Per chi ha un nuovo Mac con chip Apple M1 e necessità di utilizzare Windows, Parallels 17 è la soluzione all’assenza di Boot Camp su tali dispositivi.

I prezzi delle varie versioni sono i seguenti:

Parallels Desktop 17 per Mac

  1. Upgrade a una licenza permanente: 49,99€
  2. Nuovo abbonamento: 79,99€ l’anno
  3. Nuova licenza permanente: 99,99€

Parallels Desktop per Mac Pro Edition

  • Upgrade da qualsiasi edizione: 49,99€ l’anno
  • Nuovo abbonamento: 99,99€ l’anno

Parallels Desktop per Mac Business Edition 

  • 99,99€ l’anno
Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

Petal Maps vince il Red Dot Award e lancia nuove funzionalità

Next Post

FOSSIL annuncia gen 6 la nuova generazione di dispositivi wearable

Related Posts