Recensione Panasonic Lumix DMC-TZ80 (DMC-ZS60) by Smartphone Italia

Recensione Panasonic Lumix DMC-TZ80 (DMC-ZS60) by Smartphone Italia

Presentata al recente CES di Las Vegas di Gennaio (qui la notizia) la DMC-TZ80, è un aggiornamento della DMC-TZ70 presentata la scorso anno (qui la nostra recensione), vediamo quali sono le vere differenze rispetto al modello precedente.

Confezione

Nella confezione è presente il caricatore da 1A, il cavetto usbmicroUSB (sicuramente meglio dell’attacco proprietario della TZ70) e il manuale utente.

Costruzione

Come da standard Panasonic, anche la qualità costruttiva della TZ80 è davvero ottima e anche in questo caso l’impugnatura risulta comoda con tutti i controlli a portata di mano.

In questo aggiornamento lo zoom ottico è rimasto da 30X coadiuvato dall’ottima qualità delle lenti Leica.

Rispetto alla Lumix TZ70 che aveva un sensore da 12 megapixel, la TZ80 ha un sensore da 18.1 megapixel con il sensore sempre di sensore High Sensitivity MOS dove sono state aumente le dimensioni dei singoli pixel. Questa soluzione garantisce immagini più nitide in caso di scarsa luminosità e dai test fatti, non possiamo che confermare.

La lunghezza focale dell’obiettivo rimane di 129mm, equivalente a 24 – 720 mm di una 35 mm, con un’apertura che varia tra f/3.3 a f/6.4.

Sulla parte superiore della fotocamera troviamo, il pulsante on/off, poco sopra, il pulsante per la registrazione video, proseguendo verso sinistra troviamo il pulsante di scatto con il bilanciere per lo zoom e alla sua sinistra la ghiera per scegliere tra le varie modalità di scatto.

Sul retro troviamo l’ampio display da 3 pollici, aggiornato con il touch screen, alla sua destra troviamo il tasto menu/set con attorno i vari tasti funzione (flash, scatto multiplo/autoscatto, AF macro e compensazione esposizione), sopra troviamo il pulsante Post Focus e il pulsante per la visualizzazione di foto e video effettuati; in basso troviamo il tasto per accensione/spegnimento display e il pulsante “cestino” per la cancellazione di foto e video. Nell’angolo destro troviamo l’impugnatura sagomata per il pollice che garantisce un’ottima presa; poco sotto troviamo il pulsantino per le foto in 4K. Sopra il display è presente il tasto LVF che attiva o meno il sensore di prossimità (dobbiamo ancora capire però l’effettiva utilità di questa funzione), mentre nell’angolo sinistro troviamo il mirino elettronico con alla sua destra il sensore di prossimità per attivare il mirino e spegnere il display quando usiamo il mirino, così da preservare la batteria.

Sulla parte destra è presente lo sportellino che nasconde l’uscita HDMI e il connettore microUSB per la ricarica, poco sopra l’attacco per il laccetto di sicurezza, attacco che troviamo anche sulla sinistra; nella parte inferiore troviamo la “vite” per il cavalletto e lo sportellino che nasconde la batteria da 1025mAh e lo slot per la SD. Anteriormente è presente il generoso obiettivo con la ghiera per la messa a fuoco manuale, il valido flash e la caratteristica impugnatura.

Rispetto alla TZ70 è stato rimosso il pulsante per l’attivazione del WiFi, ora raggiungibile solo tramite menu. Rispetto alla TZ70 è stato rimosso anche il comodo NFC e il modulo GPS non è stato rimesso (era presente sulla TZ60) nemmeno in questo aggiornamento.

Uso

La fotocamera è leggermente più grande delle moderne compatte, complice lo zoom da 30X, ma resta comunque abbastanza compatta e leggera ed è possibile portarla in giro con noi senza nessun problema.

Appena premuto il pulsante di accensione, la fotocamera è subito pronta all’uso e tramite la ghiera di selezione, potremmo scegliere la funzione per poter sfruttare al meglio la fotocamera in quel determinato momento. Le modalità di scatto sono davvero tante, oltre alle classiche “Panorama”, “Sport”, “Manuale”, “Priorità Apertura” (A), “Priorità dei tempi” (S), segnaliamo la modalità automatica, e Automatica + che permettono scatti ottimi in quasi tutte le condizioni, scatto artistico e la selezione dello scenario. Rispetto al modello che va a sostituire, è stata aggiunta la modalità “Ritocco” (con ben 24 pre-impostazioni). Sempre disponibile la modalità SNC.

Con la TZ80 è sempre possibile mettere a fuoco manualmente e tramite il touch screen facendo tap sul display, proprio come siamo abituati a fare con lo smartphone. Ovviamente è sempre possibile scattare in RAW.

Il possente zoom da 30X si è ben comportato in quasi tutte le condizioni e con lo stabilizzatore che è davvero ottimo.

Anche con la TZ80 in condizioni di scarsa visibilità del display, per esempio all’aperto in piena luce del sole, è possibile usare il mirino elettronico per effettuare scatti senza problemi di visibilità.

Una delle novità della TZ80 è la funzione Post-Focus, che permette di calcolare la distanza tra fotocamera e soggetto, registrando la messa a fuoco migliore per 49 aree individuali in ogni fotogramma. Dopo aver scattato l’immagine, potete selezionare manualmente l’esatta area che volete a fuoco, che si tratti del soggetto in primo piano o di un dettaglio sullo sfondo.

Nonostante i 250 mAh in meno rispetto alla TZ70, la batteria da 1050mAh offre una discreta autonomia e senza usare flash e WIFI si arriva a fare sui 300 scatti, ma usando spesso il flash o la condivisione via WIFI, la quantità di scatti possibili cala. In modalità video, si riesce a fare poco più di un’ora di riprese. Molto lenta la ricarica completa della batteria.

Conclusioni

La Panasonic Lumix DMC-TZ80 è tutto sommato una fotocamera di buona qualità con un ottimo obiettivo dal poderoso zoom e con una buona ergonomia.
Le migliorie rispetto al modello precedente sono poche e oltre al touch screen, la più significativa è senza dubbio l’aumento di megapixel, riportato ai 18.1 della TZ60.
Lumix TZ80 sarà commercializzata nel mercato Italiano dal mese di Aprile, sia nella variante colore Nero Assoluto, sia in Nero & Titanio.

Foto

Di seguito alcune foto scattate con la TZ80

Video

Breve video girato con la TZ80

Caratteristiche e specifiche tecniche

Sensore: Sensore MOS 1/2,3 High Sensivity / 18,9 Megapixel Totali, effettivi 18,1 Megapixel
Mirino: Mirino LVF (Live View Finder) OLED da 0,39 pollici (1.440.000 pixel), campo visivo: circa 100%,/Ingrandimento: circa 3,88x / 0,7x (equivalente di una fotocamera da 35 mm), Eye Sensor
Risoluzione massima Video: 1920×1080 a 50 FPS in HD – 3840×2160, 25p in 4K
Lunghezza focale: f = 4,3 – 129 mm/(24 – 720 mm, equivalente di una fotocamera da 35 mm in 4:3)/(25 – 750 mm, equivalente di una fotocamera da 35 mm in 3:2)/(26 – 780 mm, equivalente di una fotocamera da 35 mm in 16:9)/(28 – 840 mm, equivalente di una fotocamera da 35 mm in 1:1)
Obiettivo: LEICA DC VARIO-ELMARIT/12 elementi in 9 gruppi/(5 lenti asferiche / 10 superfici asferiche)
Stabilizzatore ottico d’immagine: HYBRID O.I.S. + a 5 assi*/* La compensazione a 5 assi funziona per la registrazione di video tranne che per i video 4K o la registrazione di video ad alta velocità.
Zoom ottico: 30x
Flash integrato: Sì
Display: LCD TFT da 3 pollici Touch Screen
Formato File: JPEG, RAW – Video: AVCHD, MP4
Memoria: SD, SDHC, SDXC
WiFi: IEEE 802.11b/g/n/2412 MHz – 2462 MHz (can. 1-11)/WPA / WPA2/Modalità infrastruttura / WPS
GPS: No
Batteria: Agli ioni di litio da 1050mAh
Dimensioni/peso: 112.0×64.0x38.0mm/282g