Recensione OnePlus 5t by Smartphone Italia

Recensione OnePlus 5t by Smartphone Italia

Dopo le classiche due settimane di utilizzo, è giunto il momento di vedere come si è comportato il OnePlus 5t (qui la preview), nelle nostre giornate tipo.

Confezione

La confezione, è classica e ricalca quella già vista con il OnePlus 5, con i vari vani che contengono gli accessori, cavetto USB Type-C caricatore Dash Charge da 5V e 4A e la manualistica, niente auricolari come di consueto con OnePlus, presente invece una sempre utile cover in silicone.

Costruzione, Ergonomia

Il OnePlus 5t riprende le linee e i materiali del 5, display a parte ovviamente, quindi troviamo una scocca in metallo nero opaco, con bordi, arrotondati e angoli smussati, mentre il display segue la moda bordless del momento; davvero ottimo il touch & feel; sotto la cover posteriore, non removibile, troviamo la batteria da 3300 mAh.

Sul lato destro troviamo il cassettino per le 2 Nano-Sim e il pulsante di accensione/spegnimento, mentre su quello sinistro, troviamo il bilanciere del volume e il pulsante con il selettore di stato (silenzioso, non disturbare e normale), ormai tratto distintivo OnePlus.
Sul lato inferiore destro troviamo il microfono principale e l’ingresso per le cuffie, mentre in posizione centrale, troviamo il connettore USB Type-C, alla sua sinistra l’altoparlante di sistema.

Frontalmente, nella parte superiore troviamo lo speaker, i sensori e fotocamera frontale da 16 megapixel; inferiormente, per via del nuovo display non è più presente il tasto Home non fisico.

Posteriormente, nella parte superiore sinistra, troviamo la doppia fotocamera posteriore da 16 MP f/1.7 e 20 MP f/1.7, purtroppo senza stabilizzazione ottica, e il LED Flash; poco sotto, in posizione centrale, troviamo il sensore per le impronte digitali.

Hardware

Il OnePlus 5t monta un processore Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 – Octa-core (4×2.45 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo), con GPU Adreno 540, 6GB di Ram e una memoria interna di 128GB non espandibile.

Molto rapido lo sblocco tramite il sensore di lettura delle impronte, nessun problema nemmeno con mani umide o sudate. Sono presenti le gesture associate al sensore, in classico stile Huawei/Honor, quindi è possibile, tramite swipe dall’alto verso il basso e viceversa, di mostrare e nascondere l’area delle notifiche e scattare foto tenendo premuto il sensore.

Oltre al classico sblocco tramite il sensore biometrico, è presente lo sblocco tramite il riconoscimento del volto, che viene configurato come default. Dopo aver scansionato il nostro volto è possibile utilizzare questo tipo di sblocco o come unica scelta o in parallelo allo sblocco tramite impronte. Il funzionamento è preciso e fulminino, basta attivare lo schermo (tramite il pulsante di sblocco o con un doppio tap) e mostrare il volto anche in maniera fugace che avviene lo sblocco.

Display

Il OnePlus 5t ha un display full screen da 6.01 pollici AMOLED con risoluzione FHD+ (2160 x 1080); ottimo pannello con un ampio angolo di visuale; prevista la possibilità di regolare la temperatura colore, di impostare anche due diverse modalità, notturna e lettura.

Perfetta la regolazione automatica della luminosità e la visibilità alla luce diretta del sole.

Software

La versione di Android attuale è la 7.1.1 Nougat e a breve dovrebbe arrivare Oreo, sono di questi giorni i rilasci delle prime beta. L’interfaccia è prevalentemente stock, presente solo qualche aggiunta da parte di OnePlus, quindi applicazioni di dubbia utilità installate.

Il sistema gira sempre fluido, senza nessun tipo di impuntamento, o rallentamenti vari, merito soprattutto degli 8GB di ram che permettono di tenere in memoria tantissime app.

Dalle impostazioni di sistema, possiamo trovare diverse impostazioni che hanno contraddistinto negli anni i telefoni OnePlus, ad esempio possiamo a display spento:

  • attivare la Torcia disegnando una V
  • attivare la Fotocamera disegnando una O
  • attivare il display con Doppio Tocco

Si possono configurare altre tre disegni con le lettere S,M,W.

Inoltre è possibile attivare lo screenshot scorrendo 3 dita sul display, oppure capovolgere il telefono per disattivare l’audio.

In aggiunta alle classiche funzioni, sui tasti posti nella parte bassa del display, possiamo associare alla pressione prolungata o doppio tocco tantissime opzioni extra, molto comodo per rendere il nostro telefono unico.

Presenti le gesture associate al sensore, troviamo la possibilità, tramite swipe dall’alto verso il basso e viceversa, di mostrare e nascondere l’area delle notifiche, scattare foto tenendo premuto il sensore.

Fotocamera

Il OnePlus 5t monta una doppia fotocamera da 16 mpx, Sony IMX 398 f/1.7 (lo stesso presente sul OnePlus 5) che ci permette di fare ottime foto anche con scarsa luminosità, mentre la secondaria da 20 mpx, sempre Sony IMX 376K anch’esso f/1.7, da utilizzare per ottenere l’effetto sfocato.

La fotocamera anteriore da 16 megapixel f/2.0 è adatta per i maniaci dei selfie e per fare ottime videochiamate.

Per quanto riguarda i Video, si possono registrare diversi formati: 4K 30fps, FHD 60ps e 30 fps, con una messa a fuoco davvero rapida ed un’esposizione davvero accurata.

L’app di gestione offre diverse funzioni pre impostate, Foto, Video, Verticale(Effetto profondità), Modalità Pro, Time-lapse, Slow motion, Panorama. Prevista la possibilità scattare in formato RAW.

Alcune foto scattate con il OnePlus 5t

Video girato con il OnePlus 5t

Autonomia

La batteria da 3300 mAh è la stessa del OnePlus 5 e l’autonomia rimane ottima e con un uso medio/intenso si riesce a coprire la giornata di utilizzo (7.00-00.00) con 10h in 3g/4g e il resto della giornata in wifi con social network in push, whatsapp e telegram costantemente attivi, abbiamo chiuso la giornata con circa 5h di schermo attivo, utilizzando anche ogni tanto il GPS e qualche gioco. 

La ricarica avviene sempre con il sistema Dash Charge, che in 30 minuti permette di caricare il 65% della batteria.

Conclusioni

Il OnePlus 5t è avvero un ottimo prodotto, che si adegua alla moda del full screen, e anche il prezzo è in linea con quanto offerto.

Il prezzo di lancio di 559 euro del modello da noi provato (versione con 8GB di ram e 128GB di storage), è inferiore a quello del OnePlus 5 nella stessa configurazione, che veniva offerto a 599. Anche per il 5t è presente la versione con 6GB di ram e 64GB di storage, offerta ad un prezzo di 499 euro.

Nella frenetica corsa al rialzo dei prezzi, apprezzabile da parte di OnePlus la scelta di non aumentare il prezzo del 5t, addirittura abbassandolo di 40 euro per la versione top.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 6.01″ AMOLED FHD+ (2160 x 1080)
Fotocamera Frontale: 16 MP, f/2.0, 20mm
Fotocamera Posteriore: Dual: 16 MP (f/1.7, 27mm, 1/2.8″, 1.12 µm, gyro EIS) + 20 MP (f/1.7, 27mm, 1/2.8″, 1 µm), phase detection autofocus, dual-LED flash,
Processore: Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 – Octa-core (4×2.45 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo)
Processore Grafico: Adreno 540
Memoria: 128GB di memoria interna, non espandibile, 8GB RAM
Dimensioni / peso: 156.1 x 75 x 7.3 mm, peso 162g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 3300 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, WiFi Direct, DLNA, hotspot – Bluetooth 5.0, A2DP, LE, aptX HD
Reti: LTE Cat. 12 DL 600 Mbps DL, 150 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Certificazione: NON Presente
NFC:
IRDA: No
USB: 2.0, Type-C 1.0 reversible connector
GPS: Sì, con A-GPS, GLONASS, BDS, GALILEO
Radio: No
Lettore di impronte: Sì
Sistema operativo: Android 7.1.1 (Nougat) con Oxygen OS 4.7 aggiornabile ad Android 8.0 (Oreo)
Sim: Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
9/10
Materiali
8/10
Display
9/10
Fotocamera
9/10
Software
8/10
Autonomia
8/10
Prezzo
8/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10