Recensione Monitor Philips 328P6VJEB 32″ by Smartphone Italia

Recensione Monitor Philips 328P6VJEB 32″ by Smartphone Italia

Grazie all’ufficio stampa Philips, abbiamo avuto la possibilità di poter provare il Philips 328P6VJEB, modello per un utilizzo prettamente professionale ma che non disdegna nemmeno l’utilizzo gaming.

Confezione

La confezione, è davvero imponente è ha le seguenti misure 970 x 526 x 224 mm e fa presagire che al suo interno ci sia qualcosa di imponente.

L’imballaggio è ben fatto con blocchi di polistirolo un po’ ovunque per evitare qualsiasi tipo di danneggiamento al monitor.

Nella confezione è presente il supporto da montare, cavo D-Sub, cavo HDMI, cavo DP, cavo audio, cavo di alimentazione e documentazione dell’utente.

Costruzione, Linea

Il Philips 328P6VJEB monta un pannello da 32 pollici con dimensioni e peso commisurate allo stesso, infatti misura 742 x 438 x 63 mm, senza piedistallo, per un peso di 6.27 Kg; con il piedistallo si arriva a 42 x 657 x 270  mm per un peso di 9.23 Kg.

Nella zona posteriore in basso, troviamo tutti i vari ingressi disponibili: una porta DVI, una porta la presa MHL-HDMI, una Display Port, una porta VGA, un ingresso audio e un’uscita audio entrambe minijack, mentre in alto troviamo i doppi altoparlanti stereo (3 W).

Sulla parte laterale destra troviamo 4 porte USB 3.0, di cui una per la ricarica rapida (1W).

In basso a destra troviamo i tasti a sfioramento, con le scritte/icone forse un po’ troppo piccole.

Il monitor arriva smontato con il pannello da montare a parte; il montaggio è molto facile e bastano quattro viti per montare il supporto.

Tramite il supporto, chiamato SmartErgoBase da Philips, sarà possibile non solo regolare il monitor in altezza e inclinazione, ma è possibile girare letteralmente ii monitor di 90 gradi.

Utilizzo

Lavorare con monitor così grandi all’inizio può spiazzare, ma dopo un po’ ci si fa l’abitudine e si riesce a gestire lo spazio nel miglior modo possibile. Ovviamente impostando la risoluzione 4K, lo spazio a disposizione è davvero tanto, e se icone e caratteri diventano davvero piccoli, è possibile affiancare molte finestre, in modo da ottimizzare al meglio il proprio lavoro.

Menu

Il menu presente è di tipo OSD (On-Screen Display), funzione presente in tutti i display LCD Philips, che consente di regolare le prestazioni dello schermo o di selezionare funzioni del display direttamente da una finestra di istruzioni visualizzata.

Tra le varie opzioni ci sarebbe piaciuto che ci fosse stata una scorciatoia per regolare la luminosità senza navigare tra i menu.

SmartResponse

Come su altri monitor Philips, anche qui troviamo la tecnologia SmartResponse che consente di ridurre i tempi di risposta, a seconda dell’utilizzo. Di default i tempi di risposta grigio-grigio e nero-bianco sono nella media, ma settando la modalità “il più veloce”, i tempi di risposta grigio-grigio scendono nettamente a 2.2 e 4.5 ms (6.7 ms vs 15.7 ms con i settaggi di default), utile in caso di giochi spinti.

SmartImage

SmartImage fornisce impostazioni predefinite che ottimizzano lo schermo per diversi tipi di contenuti,
regolando dinamicamente luminosità, contrasto, colore e nitidezza in tempo reale. Che si lavori con
applicazioni di testo, che si visualizzino immagini o che si guardi un video, Philips SmartImage fornisce
prestazioni ottimizzate del monitor.

Si possono selezionare sette modalità: Office (Lavoro), Photo (Foto), Movie (Film), Game (Giochi), Economy (Risparmio energetico), SmartUniformity e Off (Disattiva).

Office (Lavoro): Migliora il testo ed attenua la luminosità per migliorare la leggibilità e ridurre l’affaticamento degli occhi. Questa modalità migliora significativamente la leggibilità e la produttività quando si lavora con fogli di lavoro, file PDF, scansioni di articoli o altre applicazioni generiche.

Photo (Foto): Questo profilo combina saturazione del colore, miglioramento dinamico di contrasto e luminosità per visualizzare foto ed altre immagini con notevole chiarezza e colori brillanti, tutto senza modifiche o attenuazione dei colori.

Movie (Film): Luminosità elevata, in base alla saturazione del colore, contrasto dinamico e nitidezza tagliente permettono di visualizzare tutti i dettagli delle aree scure dei video e delle aree luminose senza
alcuno sbiadimento del colore, mantenendo valori dinamici naturali per fornire una avanzatissima visualizzazione video.

Game (Giochi): Attiva il circuito overdrive per ottenere tempi migliori di risposta, riduce i lati deformati degli oggetti in rapido movimento sullo schermo, migliora il rapporto di contrasto per schemi luminosi o scuri; questo profilo fornisce la migliore esperienza di gioco per gli appassionati.

Economy (Risparmio energetico): Con questo profilo, luminosità e contrasto sono regolate e l’illuminazione è regolata con precisione per la giusta visualizzazione quotidiana delle applicazioni Office ed un basso consumo energetico.

SmartUniformity: Le fluttuazioni della luminosità e del colore su diverse parti di uno schermo sono un fenomeno comune riscontrabile nei display LCD. L’uniformità tipica misurata è intorno al 75-80%.
Attivando la funzione SmartUniformity di Philips, l’uniformità del display aumenta fino a un valore superiore al 95%. In questo modo vengono riprodotte immagini più uniformi e reali.

Off (Disattivata): Nessuna ottimizzazione da parte di SmartImage.

MultiView

Multiview consente di collegare e visualizzare due sorgenti attive contemporaneamente in modo che utilizzare insieme vari dispositivi quali PC e notebook.

Noi abbiamo effettuato il test con una sorgente FHD tramite HDMI e una sorgente 4K tramite DisplayPort; le immagini provenienti dai due dispositivi, verranno mostrate insieme sullo schermo, con la possibilità di ridimensionare la grandezza delle varie fonti video.

Audio

Come detto in precedenza, il Philips 328P6VJEB è dotato di doppi altoparlanti stereo da 3 watt, che tutto sommato sono sufficientemente potenti da garantire un’audio di buon livello.

Conclusioni

Il Philips 328P6VJEB è un monitor che si presta davvero a mille utilizzi; sicuramente è più orientato al mondo business, ma non disdegna utilizzi da gaming.

Durante la nostra prova abbiamo cercato di utilizzare il 328P con i più disparati utilizzi, spaziando dalla semplice navigazione internet, a scopi redazionali, come la stesura degli articoli e il montaggio dei video. Ma abbiamo utilizzato il monitor anche per vedere video in 4K o per sessioni di gioco.

Abbiamo avuto modo di collegarlo all’Acer Predator Helios 300 (qui la nostra prova) per giocare in 4K a Destiny 2 e a World of Warcraft, in entrambi i casi utilizzando la modalità di refresh più spinta e nonostante non fosse la sua vocazione principale, ben si è distinto.

Attualmente è possibile trovare il Philips 328P ad un prezzo intorno ai 575 € su Amazon a questo indirizzo.

Caratteristiche e specifiche tecniche

– Dimensione schermo: 31.5″
– Risoluzione nativa: 3840 x 2160 a 60 Hz
– Luminosità massima: 300 cd/m²
– Colore: 1,07 miliardi di colori
– Tempo di risposta da grigio a grigio: 4ms
– Frequenza di scansione:  30 – 83 kHz (O) / 56 – 76 Hz (V)
– Altoparlanti incorporati: 3 W x 2
– Ingresso segnale: VGA (analogico), Cavo DVI a doppia uscita (digitale, HDCP), DisplayPort, HDMI (2.0) – MHL x 1
– USB: USB 3.0 x 4 (1 W/ricarica rapida)
– Ingresso sincronizzazione: Sincronizzazione separata, Sync su verde
– Audio (ingresso/uscita): Audio PC / Cuffie
– Dimensioni e Peso: Con piedistallo (altezza massima): 742 x 657 x 270  mm – Senza piedistallo
742 x 438 x 63 mm – Peso con piedistallo 9,23  Kg – Peso senza piedistallo 6,27  Kg
– Contrasto: 3,000:1
– Campo visivo: 178º orizzontale, 178º verticale