Recensione Huawei P9 Lite by Smartphone Italia

Recensione Huawei P9 Lite by Smartphone Italia

Il P8 Lite è stato, ed è ancora un terminale molto apprezzato anche qui in Italia e non poteva certo mancare la versione “lite” del nuovo top di gamma Huawei, il P9. Il P9 Lite si presenta come un ottimo terminale dal buon rapporto qualità prezzo, vediamo come si è comportato nella nostra prova.

Confezione

Il contenuto della confezione è molto completo, infatti oltre al cavetto USB-MicroUSB, al caricatore da 2Ah e agli auricolari (di ottima fattura), troviamo anche una pellicola protettiva da applica sul display. E’ presente anche la clip per l’apertura del cassettino porta SIM/microSD, il manuale di istruzioni.

Costruzione, Ergonomia e Display

Il P9 Lite ha una linea molto piacevole, con la cornice arrotondata in metallo con due linee lucide che ne seguono tutto il profilo, e la parte posteriore in plastica ma dal gradevole effetto sia alla vista che al tatto.

Posteriormente riprende le linee del P9, con la parte superiore con la caratteristica “fascia” di trama lucida e diversa dal resto della scocca. Al suo interno troviamo il flash e la fotocamera da 13 megapixel. Sulla parte destra, troviamo, il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento, leggermente zigrinato; sul lato sinistro troviamo il cassettino per le 2 Nano-Sim o 1 Nano-Sim e una scheda MicroSD.
Sul lato superiore troviamo, l’ingresso per le cuffie e il microfono per la riduzione del rumore. Sul lato inferiore troviamo il connettore microUSB e, alla sua sinistra, il microfono e alla sua destra l’altoparlante di sistema.
Frontalmente, nella parte superiore troviamo, in posizione centrale, lo speaker con a sinistra sensori e fotocamera frontale.

Il P9 Lite ha un display da 5.2 pollici Full HD (1920×1080) e un processore Huawei HiSilicon Kirin 650 Octa-Core, con 4 core a 2GHz e 4 core a 1.7 GHz con 3 Gb di Ram e 16GB di memoria interna espandibile tramite micro SD fino a 128 GB.

Il P9 Lite è un dispositivo dual SIM, entrambe di tipo nano, contemporaneamente attive, e per entrambe, non contemporaneamente però, è possibile usare la modalità 3G/4G. Al posto della SIM secondaria è possibile inserire una microSD.

Software

La versione di Android attuale è la 6.0 con la EMUI come interfaccia, in versione 4.1. Come sappiamo, la personalizzazione da parte di Huawei è molto profonda e coinvolge tutto il sistema, a partire dal drawer delle app che non è presente.

All’interno delle impostazioni sono presenti altre personalizzazioni, la gestione delle notifiche, le App protette, App in rete, le gesture, la gestione della barra di navigazione e la gestione del sensore di impronte. Presenti le gesture associate al sensore; troviamo la possibilità, tramite swipe dall’alto verso il basso e viceversa, di mostrare e nascondere l’area delle notifiche, scattare foto, rispondere ad una chiamata e interrompere una sveglia; utile la gesture per far scorrere le foto, con uno swipe da destra verso sinistra o da sinistra verso destra. Purtroppo mancano 2 gesture che ritengo molto comode, presenti su Honor 7, visualizzazione delle app recenti con uno swipe verso l’alto e il ritorno alla Home con una pressione prolungata sul sensore stesso.
Purtroppo mancano anche molte gesture collegate al controllo del movimento, è presente infatti solo “Capovolgi”, per silenziare la chiamata, mancano invece, Solleva, Alza, Inclina e anche le gesture associate al tocco del display, come Schermata Intelligente, Disegna e forse la più utile e utilizzata, ovvero Toccare due volte, per accendere lo schermo con il doppio tocco, davvero un peccato.

Il lavoro fatto da Huawei è ottimo (che l’interfaccia possa piacere o meno è un altro discorso), non abbiamo mai riscontrato rallentamenti o impuntamenti ne riavvii accidentali, il sistema è risultato sempre fluido anche con molte app aperte.

Gestione Telefono

Tramite l’app Gestione Telefono è possibile, appunto, gestire il telefono effettuando varie operazioni, tra le cui, possiamo, chiudere le app che consumano molto, disinstallare le app che usiamo meno, impostare il risparmio energetico, controllare il consumo dei dati da parte delle app, modificare la modalità “non disturbare”.

Temi
Huawei per la sua EMUI da spazio alla personalizzazione grafica da parte dell’utente grazie alla possibilità di cambiare il Tema dell’interfaccia, potendo scegliere tra molti temi sia gratis che a pagamento.

HiCare
Per ottenere assistenza, informazioni sulla garanzia, manuali e assistenza sui social.

Benessere
Per gestire l’attività fisica e i vari progressi giornalieri. Purtroppo il conteggio dei passi è leggermente sovrastimato.

Non mancano un sempre utile file manager (Gestione File), Radio FM, Meteo, Specchio, Torcia, il Blocco note (anche come widget) e Bussola.

Presente anche la possibilità di personalizzare la barra di navigazione, potendo cambiare l’ordine dei tasti soft, impostando la possibilità di metterla a scomparsa, inoltre è possibile aggiungere un ulteriore pulsante soft-touch che ci permetterà, una volta premuto, di abbassare la tendina delle notifiche.

Fotocamera

Il P9 Lite monta una fotocamera posteriore da 13 megapixel e le foto sono di ottima qualità in ogni tipologia d’uso, sia all’aperto che in ambiente chiuso, anche senza l’utilizzo del flash.

La fotocamera anteriore da 8 megapixel permette ottimi selfie e video chiamate di tutto rispetto.

L’app di gestione offre molte impostazioni e molte scene pre impostate da scegliere, Mono, Impatto, Filtro ND, Valencia, Originale, Blu, Aura, Nostalgia, Alba.

Foto scattate con il P9 Lite

Autonomia

Il P9 Lite ha una batteria da 3000 mAh che però con uso medio con una sola sim in 3g/4g per una decina d’ore e 3-4 in wifi fatica ad arrivare a sera. Infatti nei nostri testi siamo arrivati coprire le 3h di schermo. Sotto copertura wi-fi si riesce a fare qualcosa in più e magari arrivare a 4h di schermo acceso, sfruttando il risparmio energetico. E’ possibile gestire le App protette, le App a consumo intensivo in background e il livello di consumo.

Conclusioni

Huawei con il P9 Lite cerca di continuare quanto di buono è stato fatto con il P8 Lite e le premesse ci sono davvero tutte.
Il comparto hardware è completo, con un buon processore e 3GB di RAM; minimo sindacale anche per la memoria interna di 16GB, ma espandibile fino a 128GB. Comparto fotografico ottimo, con foto di ottimo livello in tutte le situazioni.

A noi di Smartphone Italia, il P9 Lite è piaciuto, ci saremmo aspettati qualcosa di più dalla batteria, ma con un pò di accortezza a sera ci si arriva, e al prezzo attuale di 250 euro (on-line) può essere davvero un best buy.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: IPS 5,2” FHD – 1920×1080
Fotocamera Frontale: 8 MP
Fotocamera Posteriore: 13 MP, LED flash,
Processore: Huawei HiSilicon Kirin 650 (4 x 2,0GHz + 4 x 1,7GHZ) 64 bit
Scheda Grafica: Mali-T830 MP2
Memoria: 16GB di memoria interna espandibile tramite micro sd fino a 128Gb, 3 GB RAM
Dimensioni / peso: 146.8 x 72.6 x 7.5 mm, peso 147g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 3000mAh
Connettività: Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth V4.1, NFC
Reti: LTE Cat4, 150 Mbps DL, 50 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Gps: Sì con AGPS, GLONASS
Sistema operativo: Android OS, v6.0
Dual Sim: Dual SIM – Nano-SIM, dual stand-by, dual active

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
8/10
Display
8/10
Fotocamera
9/10
Software
9/10
Autonomia
8/10
Prezzo
8/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10