Recensione Huawei Mate 9 by Smartphone Italia

Recensione Huawei Mate 9 by Smartphone Italia

Dopo una settimana di utilizzo è giunto il momento di restituire l’ennesimo gioiello Huawei,  il Mate 9, (qui la preview).

Confezione

La confezione, molto elegante, conserva le generose dimensioni già viste con il Mate 8, lasciando presagire le dimensioni del prodotto. Una volta aperta, troviamo lo smartphone sulla sinistra, che, una volta rimosso, lascia spazio agli accessori riposti in 2 contenitori. In quello di sinistra troviamo, la clip per l’apertura del cassettino porta sim (in formato Nano) e microSD, una cover rigida, con una trama simil carbonio e molto sottile e la manualistica, contenuta in un elegante sacchettino. Nel contenitore di destra, troviamo, il caricatore da 5V/4.5A per la ricarica rapida, il cavo USB-USB Type-C, un adattatore microUSB-Type-C, e le classiche cuffie stereo Huawei.

Costruzione, Ergonomia e Display

Il Huawei Mate 9 ha una linea classica e molto piacevole, con la cornice arrotondata in metallo con due linee lucide che ne seguono tutto il profilo, con la cover posteriore, non removibile, in alluminio, con le due strisce superiore e inferiore in plastica. Buono il touch & feel, anche se la cornice bombata e le dimensioni generose lo rendono un po’ scivoloso, e difficilmente utilizzabile con una mano.

Le cornici ridotte all’osso, hanno permesso di inserire il display da 5.9 pollici Full HD (1920×1080), nelle dimensioni leggermente superiori ad un 5.5 pollici; il Huawei Mate 9, infatti, misura 156.9 x 78.9 x 7.9 mm per un peso di 190g.

Sulla parte destra, troviamo, il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento; sul lato sinistro troviamo il cassettino per Nano-Sim e scheda MicroSD.
Sul lato superiore troviamo l’ingresso per le cuffie e il sensore a raggi infrarossi. Sul lato inferiore sono presenti, il connettore USB-Type C, il microfono e l’altoparlante di sistema.
Frontalmente, nella parte superiore troviamo, in posizione centrale, lo speaker con a destra sensori e fotocamera frontale.

Posteriormente troviamo la doppia fotocamera da 20+12 megapixel con doppio Flash LED alla sua sinistra, mirino laser a destra, microfono per la riduzione dei rumori sopra e sensore per le impronte digitali sotto.

Il processore è un Hisilicon Kirin 960 Octa-core (4×2.4 GHz Cortex-A73 & 4×1.8 GHz Cortex-A53) con 4GB di RAM e 64GB di memoria intera, espandibile tramite microSD fino a 256GB.

Software

La versione di Android attuale è la 7.0 Nougat con la EMUI in versione 5.0 come interfaccia. La rivisitazione in questa nuova versione è molto azzeccata, con alcune nuove funzionalità e una rinfrescata in termini di colori e di caratteri molto piacevole.

Segnaliamo la possibilità di cambiare lo Stile della schermata Home, attivando il drawer delle app o l’opzione app gemella; presente lo split screen attivabile dalle app recenti e tramite gesture.

All’interno delle impostazioni troviamo le classiche personalizzazioni della EMUI, la gestione delle notifiche, le gesture, la gestione della barra di navigazione e la gestione del sensore di impronte. Presenti le gesture associate al sensore; troviamo la possibilità, tramite swipe dall’alto verso il basso e viceversa, di mostrare e nascondere l’area delle notifiche, scattare foto, rispondere ad una chiamata e interrompere una sveglia; utile la gesture per far scorrere le foto, con uno swipe da destra verso sinistra o da sinistra verso destra.

Come per tutti i sui dispositivi, il lavoro svolto da Huawei è ottimo, infatti durante le settimane di utilizzo non abbiamo mai riscontrato rallentamenti o impuntamenti ne riavvii accidentali, il sistema è risultato sempre fluido anche con molte app aperte.

Gestione Telefono

Tramite l’app Gestione Telefono, (con grafica migliorata e qualche opzione in più con la EMUI 5.0) è possibile, appunto, gestire il telefono effettuando varie operazioni, tra le cui, possiamo, chiudere le app che consumano molto, disinstallare le app che usiamo meno, impostare il risparmio energetico, controllare il consumo dei dati da parte delle app, modificare la modalità “non disturbare”.

Temi
Anche sul Mate 9 è possibile scegliere tra gli innumerevoli temi proposti da Huawei e disponibili nello store dedicato.

HiCare
Per ottenere assistenza, informazioni sulla garanzia, manuali e assistenza sui social.

Benessere
Per gestire l’attività fisica e i vari progressi giornalieri.

Non mancano un sempre utile file manager (Gestione File), Meteo, Specchio, Torcia, Bussola, Comando Smart (telecomando) e il Blocco note.

Fotocamera

La doppia fotocamera posteriore è da 20 megapixel monocromatica più 12 megapixel RGB, e le foto sono davvero ottime e la messa a fuoco è molto veloce.

La fotocamera anteriore è da 8 megapixel, quindi nessun problema per selfie e video chiamate.

L’app di gestione offre molte impostazioni e molte scene preimpostate da scegliere, Panorama, Notturna, HDR, Professionista, All-focus, Filigrana, Rallentatore, Nota Audio, Yummy, Riadattamento documento.

Foto scattate con il Mate 9

Video girato con il Mate 9

Autonomia

Il Mate 9 ha una batteria da 4000 mAh e nonostante il display da quasi 6 pollici, arrivare a sera non è un problema, anche utilizzando GPS e giochi pesanti. Con un utilizzo più blando, si riescono a coprire tranquillamente le due giornate di autonomia. Con il nostro tipo utilizzo stress siamo arrivati a coprire le 6h di schermo attivo con circa 17h di accensione, di cui, una decina in 4g/3g (un 80% circa in 4g e 20% in 3g) e il resto in Wi-Fi, con due account mail in push, social in push, whatsapp e telegram attive e in push con diverse notifiche giornaliere, una mezz’ora di telefonare e qualche sms, un po’ di navigazione GPS e qualche gioco pesante.

Conclusioni

Il Huawei Mate 9, è senza alcun dubbio un ottimo smartphone, con un hardware di buona qualità, anche se il Kirin 960 non è al livello dello Snapdragon 821, ma l’ottimizzazione software e i 4GB di RAM rendono il sistema sempre fluido.

Siamo rimasti molto soddisfatti, anche sotto il punto di vista della multimedialità, dove troviamo un’ottima fotocamera, che permette foto davvero notevoli; ai vertici anche l’autonomia.

Forse l’unica nota stonata è il prezzo, infatti, attualmente il Mate 9 è possibile trovarlo a circa 640 euro online, sicuramente un prezzo allineato a quanto offerto, ma che si avvicina ai prodotti più famosi e blasonati.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 5.9″ IPS FHD (1920 x 1080)
Fotocamera Frontale: 8 MP, f/1.9
Fotocamera Posteriore: Dual Cam 20MP Monocromatica + 12MP RGB, F2.2 – con Stabilizzazione ottica dell’immagine, ottica Leica, autofocus laser – Dual Flash LED
Processore: Hisilicon Kirin 960 Octa-core (4×2.4 GHz Cortex-A73 & 4×1.8 GHz Cortex-A53)
Processore Grafico: Mali-G71 MP8
Memoria: 64GB di memoria interna, espandibile tramite micro sd fino a 256GB, 4GB RAM
Dimensioni / peso: 156.9 x 78.9 x 7.9 mm – 190g
Batteria: Agli ioni di litio da 4000mAh
Connettività: Wi-Fi 2.4G/5G, 802.11a/b/g/n/ac con Wi-Fi Direct, Bluetooth 4.2, BLE
Reti: LTE Cat. 12 DL 600 Mbps DL, 150 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
NFC:
IrDA: Sì
USB: Type-C
Gps: GPS/Glonass/Galileo/BDS
Lettore di impronte: Sì
Sistema operativo: Android 7.0 Nougat con EMUI 5.0
Sim: Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

Costruzione / Ergonomia
10/10
Hardware
8/10
Display
8/10
Fotocamera
9/10
Software
9/10
Autonomia
9/10
Prezzo
7/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10