Recensione Huawei Mate 20 Lite by Smartphone Italia

Recensione Huawei Mate 20 Lite by Smartphone Italia

Presentato ad Ottobre, il Huawei Mate 20 Lite (qui la preview) è un prodotto dalle caratteristiche di tutto rispetto, vediamo come si è comportato.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare, di colore nero con scritte gialle; appena aperta troviamo lo scatolino contenente clip per l’apertura del carrellino per Nano SIM e microSD e guida rapida.

Rimosso lo scatolino troviamo lo smartphone e subito sotto gli scompartimenti con gli accessori, cavetto USB-USB Type C, caricatore da 5V/2A-9V/2A e auricolari.

Costruzione, Ergonomia

Il Mate 20 Lite ha un telaio in metallo con bordi arrotondati con la cover posteriore in vetro la cui lavorazione crea piacevoli riflessi; davvero molto bello anche al tatto ma anche molto scivoloso.

Sulla parte destra, troviamo, il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento, mentre sul lato sinistro troviamo il cassettino per Nano-Sim e scheda MicroSD.
Sul lato superiore è presente solo il microfono per la riduzione del rumore, mentre su quello inferiore troviamo, connettore USB Tipo C, in posizione centrale, con alla sua sinistra l’ingresso per le cuffie e alla sua destra microfono principale e altoparlante di sistema.

Frontalmente, nella parte superiore troviamo, in posizione centrale il notch con speaker, sensori e doppia fotocamera frontale.

Posteriormente, in posizione centrale, è presente la doppia fotocamera, purtroppo non a filo con la scocca, con alla sua sinistra il flash led e, poco sotto, il lettore per le impronte digitali.

Hardware

Il Mate 20 Lite, monta un processore Hisilicon Kirin 710 (12 nm) – Octa-core (4×2.2 GHz Cortex-A73 & 4×1.7 GHz Cortex-A53) con una GPU Mali-G51 MP4, 4GB di RAM e 64GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 256GB.

Molto rapido e immediato lo sblocco tramite il sensore di impronte, dotato delle classiche gesture a cui Huawei ci ha abituato.

Altrettanto rapido e immediato lo sblocco tramite riconoscimento del volto.

Display

Il Mate 20 Lite ha un display da 6.3 pollici IPS LCD  con risoluzione FHD+ (2340 x 1080) in formato 18:9; un pannello davvero ottimo; ovviamente prevista la possibilità di regolare la temperatura colore.

Perfetta la regolazione automatica della luminosità e la visibilità alla luce diretta del sole.

Software

La versione di Android attuale è la 8.1 Nougat con la EMUI in versione 8.2 come interfaccia.

Tra le varie impostazioni, segnaliamo la possibilità di cambiare lo Stile della schermata Home, attivando il drawer delle app o l’opzione app gemella, che permette di utilizzare due account per Facebook, Messenger o WhatsApp; è presente anche lo split screen attivabile dalle app recenti e tramite gesture.

All’interno delle impostazioni troviamo le classiche personalizzazioni della EMUI, la gestione delle notifiche, la gestione della barra di navigazione e la gestione del sensore di impronte. Presenti le gesture associate al sensore, troviamo la possibilità, tramite swipe dall’alto verso il basso e viceversa, di mostrare e nascondere l’area delle notifiche, scattare foto tenendo premuto il sensore, rispondere ad una chiamata e interrompere una sveglia; utile la gesture per far scorrere le foto, con uno swipe da destra verso sinistra o da sinistra verso destra.

Come per tutti i sui dispositivi, il lavoro svolto da Huawei è ottimo, infatti durante le settimane di utilizzo non abbiamo mai riscontrato rallentamenti o impuntamenti ne riavvii accidentali, il sistema è risultato sempre fluido anche con molte app aperte.

Gestione Telefono

Tramite l’app Gestione Telefono è possibile, appunto, gestire il telefono effettuando varie operazioni, tra le cui, possiamo, chiudere le app che consumano molto, disinstallare le app che usiamo meno, impostare il risparmio energetico, controllare il consumo dei dati da parte delle app.

Temi
Con l’app Temi, è possibile personalizzare graficamente l’interfaccia, potendo scegliere tra molti temi sia gratis che a pagamento

Huawei Health
Per gestire l’attività fisica e i vari progressi giornalieri.

 

Non mancano un sempre utile file manager (Gestione File), Meteo, Specchio, Torcia, Bussola, e il Blocco note.

Fotocamera

Il Mate 20 Lite monta due fotocamere posteriori, ma non con ottiche Leica, con la principale, a colori, da 20 megapixel con apertura f/1.8 da 27mm e la secondaria da 2 megapixel. La seconda fotocamera permette di fare sfocature di tutto rispetto. Per poter gestire lo sfocato, bisogna impostare gli scatti in modalità “Apertura Ampia“.

Le foto sono di buon livello in quasi tutte le condizioni di luce dove l’Intelligenza Artificiale si fa sentire, si perde qualcosa in notturna o con poca luminosità.

Anche la fotocamera anteriore da 24 megapixel con apertura f/2.4 da 26mm è affiancata da una fotocamera da 2 megapixel, permette ottimi selfie con un ottima luminosità.

L’app di gestione offre molte impostazioni e molte scene pre impostate da scegliere, Foto, Pro foto, Video, Pro Video, HDR, Notturno, Panorama, Light painting, Time-lapse, Rallentatore, Filtro, Effetti, Filigrana, Nota audio, Scan documento.

Foto scattate con Huawei Mate 20 Lite

Video girato con Huawei Mate 20 Lite

Autonomia

Il Mate 20 Lite ha una batteria da 3750 mAh, e complice anche il nuovo processore, arrivare a sera non è un problema nemmeno con un utilizzo molto pesante.

Con il nostro classico uso stress, 3g/4g per una decina d’ore e 3-4 in wifi, due account mail in push, con una cinquantina tra mail scaricate e inviate, Facebook, Google+ e Twitter in push, Whatsapp, Telegram e Hangouts attive e in push con diverse notifiche giornaliere, una mezz’ora di telefonare e qualche sms, siamo arrivati a sera, con quasi 5.5/6h di display acceso. Con un utilizzo più blando, coprire le due giornate non è un’utopia.

Presente la tecnologia Quick Charge da 18W.

Conclusioni

Il Mate 20 Lite ci ha sorpreso molto positivamente, più volte sembra di avere tra le mani un dispositivo di un’altra fascia di prezzo, quasi un top gamma.

Attualmente è possibile trovare il Mate 20 Lite, su Amazon ad un prezzo intorno ai 320 euro (399 al lancio); certo non pochi per un prodotto medio di gamma, ma è pur sempre un Huawei, quindi con materiali al top e qualità costruttiva di alto livello.

Il nuovo Kirin 710 è il giusto connubio tra prestazioni e autonomia senza dimenticare l’ottima ottimizzazione Huawei e i 4GB di RAM e i 64GB di memoria interna, senza dimenticare il comparto fotografico e il display in 18:9, è davvero un prezzo stracciato.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 6.3″ IPS LCD, FHD+ (2340 x 1080 pixel) – 19.5:9
Fotocamera Frontale: 24 MP, f/2.0, 26mm (wide), 2 MP
Fotocamera Posteriore: 20 MP, f/1.8, 27mm (wide), PDAF, 2 MP, LED flash
Processore: Hisilicon Kirin 710 (12 nm) – Octa-core (4×2.2 GHz Cortex-A73 & 4×1.7 GHz Cortex-A53)
Processore Grafico: Mali-G51 MP4
Memoria: 64GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 256GB, 4GB RAM
Dimensioni / peso: 158.3 x 75.3 x 7.6 mm, peso 172 g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 3750 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth v4.2, A2DP, LE
Reti: LTE Cat. 12 DL 600 Mbps DL, 150 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Certificazione:  NON presente
NFC:
IRDA: No
USB: 2.0, Type-C 1.0, USB On-The-Go
GPS: Sì, con A-GPS, GLONASS, BDS
Radio:
Lettore di impronte: Sì
Sistema operativo: Android 8.1 (Oreo), con EMUI 8.2
Sim: Hybrid Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
8/10
Materiali
8/10
Display
8/10
Fotocamera
8/10
Software
9/10
Autonomia
9/10
Prezzo
8/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10