Recensione Cellularline CRYSTAL

AAAAAElFTkSuQmCC

Disponibili da poche settimane, abbiamo provato gli interessantissimi auricolari Cellularline CRYSTAL, che riescono a isolare dall’ambiente esterno con tecnologia che permette di ridurre i rumori indesiderati in chiamata, garantendo un ascolto ottimale. I nuovi auricolari sono dotati anche della funzione Low Latency che garantisce sincronia tra il suono e le immagini sullo schermo. Vediamo come si sono comportati nella nostra prova.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare e sviluppata in verticale con una finestrella posteriore che permette di vedere custodia di ricarica e auricolari; appena aperta, troviamo auricolari e custodia per la ricarica ben saldi nel loro scompartimento; come accessori sono presenti cavetto USB Type C e guida introduttiva.

Materiali ed ergonomia

I CRYSTAL sono ben costruiti, abbastanza leggeri, circa 4 grammi, e una volta indossati sembra quasi non averli.

Esteticamente troviamo un corpo realizzato in plastica, gradevole al tatto e di dimensioni contenute.

Su entrambi gli auricolari troviamo dei classici comandi touch per gestire le varie funzionalità, tramite un tocco su entrambi gli auricolari, è possibile riprodurre/interrompere la musica (Rispondere/Interrompere chiamata), tramite due tocchi sull’auricolare destro, sarà possibile aumentare il volume mentre con due tocchi sull’auricolare sinistro, diminuirlo (oppure rifiutare una chiamata); tramite tre tocchi su l’auricolare sinistro è possibile attivare la Low Latency (che garantisce sincronia tra il suono e le immagini sullo schermo), mentre tramite tre tocchi su l’auricolare destro, è possibile attivare l’assistente vocale predefinito. Con una pressione prolungata di 2 secondi sull’auricolare sinistro è possibile tornare al brano precedente e di 2 secondi sull’auricolare destro sarà possibile passare al brano successivo e tramite un doppio tocco su quello sinistro si.

Ogni auricolare, inoltre, è dotato di due microfoni: uno dedicato all’ascolto della voce e l’altro realizzato per eliminare il rumore ambientale

Su entrambi gli auricolari è presente il LED di stato (lampeggio rosso per indicare batteria scarica).

La custodia è molto curata, abbastanza compatta e leggera, appena 24 grammi, con un involucro in plastica con rifinitura opaca e chiusura magnetica.

Frontalmente, in basso, troviamo il LED di stato, mentre inferiormente è presente l’ingresso USB Tipo C.

Utilizzo

Ovviamente, prima di poter utilizzare gli auricolari, è necessario effettuare l’accoppiamento, davvero rapido e immediato, sia con smartphone e Tablet, o con PC.

Il Bluetooth 5 garantisce un’accoppiata immediata con qualunque dispositivo, una copertura notevole e una connessione davvero stabile.

La qualità audio è di buona qualità, garantendo un ascolto soddisfacente con ogni tipologia di musica, con alti e bassi non molto spinti, ma tutto sommato la riproduzione è molto piacevole e soddisfacente con un buon bilanciamento delle frequenze.

Anche le chiamate sono molto chiare, sia da parte dell’utilizzatore che lato interlocutore, nonostante la presenza del singolo microfono su entrambi gli auricolari.

 

Autonomia

L’autonomia dichiarata è di circa 3.5h (un po’ pochino per gli standard attuali) e nei nostri test le abbiamo sempre raggiunte, ma come diciamo sempre, dipende molto dal volume utilizzato durante la riproduzione musicale; tramite la custodia abbiamo a disposizione circa 5 ricariche totali, con un tempo di ricarica di circa 1.5h per una ricarica completa da 0.

 

Conclusioni

Gli auricolari Cellularline CRYSTAL sono senza alcun dubbio un buon prodotto, sia dal punto di vista costruttivo, sia come utilizzo. La qualità audio e l’autonomia sono abbastanza sufficienti per ogni situazione di utilizzo.

Attualmente è possibile trovare i Cellularline CRYSTAL sul sito del produttore al prezzo di circa 50 euro, prezzo sicuramente allineato a quanto visto e sentito, sia a livello costruttivo, sia a livello di qualità di ascolto.

 

 

Total
1
Shares
Previous Post

HARMAN ExPLORE 2022: le novità di JBL

Next Post

L’80% delle aziende italiane si sente esposto ad attacchi ransomware, di phishing e in ambito IoT

Related Posts