Recensione Asus ZenFone Max Pro (M1) ZB602KL by Smartphone Italia

Recensione Asus ZenFone Max Pro (M1) ZB602KL by Smartphone Italia

L’Asus ZenFone Max Pro (M1) (qui la preview) è il secondo modello della nuova serie ZenFone Max, rispetto allo ZenFone Max Plus (M1) (qui la nostra prova), riprende il form factor ma cambiano, accessori, processore, batteria e altre piccole caratteristiche tecniche. Vediamo cosa cambia.

Confezione

La confezione è la classica confezione di forma rettangolare, leggermente più curata . Come accessori troviamo il cavetto USB-MicroUSB, il caricatore standard da 2A, la clip per l’apertura del cassettino per nanoSIM e microSD, auricolari con relativi gommini e la guida rapida di utilizzo. Già in confezione troviamo la prima differenza rispetto al modello Plus, ovvero, purtroppo manca l’adattatore USB-OTG.

Costruzione, Ergonomia

Lo ZenFone Max Pro (M1)esteticamente ricalca le linee della versione Plus, troviamo quindi un corpo unibody in metallo, con bordi arrotondati; la capacità della batteria, qui da 5000mAh, aumentata rispetto allo ZenFone Max Plus, rende il terminale leggermente più grande e pesante. Infatti lo ZenFone Max Pro (M1) misura 159 x 76 x 8.5 mm per un peso di 180g contro 152.6 x 73 x 8.8 mm e un peso di 160g per lo Zenfone 4 Max Plus.

Sulla destra troviamo il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento, mentre sulla parte sinistra troviamo il carrellino per l’alloggiamento di SIM e microSD, in alto è presente il microfono per la riduzione del rumore, mentre l’ingresso per il jack da 3.5mm per le cuffie è stato spostato sul lato inferiore dove troviamo anche la porta microUSB, il microfono principale e l’altoparlante di sistema.

Posteriormente, troviamo la doppia fotocamera, sensore principale da 13MP,f/2.0, 25mm, più un sensore secondario da 5MP, e il Flash LED, poco sotto, in posizione centrale, è presente il lettore per le impronte digitali, 16MP e 8MP i sensori presenti sulla versione Plus; frontalmente, nella parte superiore, troviamo, in posizione centrale la capsula auricolare e alla sua sinistra, la cam anteriore da 16MP, f/2.0, 8MP sul Plus.

Hardware

Lo Zenfone Max Pro (M1) monta un processore Qualcomm SDM636 Snapdragon 636 (14 nm) – Octa-core 1.8 GHz Kryo 260con GPU Adreno 509, 4GB di RAM e 32GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 2TB. Processore sicuramente più performate rispetto al Mediatek MT6750T – Octa-core (4×1.5 GHz Cortex-A53 & 4×1.0 GHz Cortex-A53), dello ZenFone Max Plus, almeno sulla carta, perchè nella realtà il processore è molto limitato per non influire sulle prestazioni, anche se con una batteria da 5000mAh pensiamo poteva essere evitato.

Discretamente veloce lo sblocco tramite il sensore di lettura delle impronte, anche se lo sblocco in se per se non è velocissimo. Molto meglio lo sblocco tramite riconoscimento del viso.

Display

Lo ZenFone Max Pro (M1) ha un display da 5.9 pollici, in formato 18:9 con risoluzione FHD+ (2160 x 1080). E’ buon panello e può essere tarato tramite le varie impostazioni disponibili.

Buona la luminosità e la regolazione automatica, nessun problema sotto la luce diretta del sole, ma non è prevista la possibilità di regolare il colore.

Software

La versione di Android è la 8.1 e l’interfaccia non è la classica zenUI di Asus, ma troviamo un’interfaccia completamente stock, scelta che onestamente fatichiamo a comprendere, soprattutto considerando le limitazioni imposte al processore che magari potevano essere annullate tramite le varie modalità di risparmio energetico a cui Asus ci aveva abituato.

Durante l’utilizzo, il sistema è sempre abbastanza lento, soprattutto nella risposta ai comandi impartiti, non bisogna avere fretta di fare le cose, anche scrivendo velocemente può capitare di perdersi qualche lettera. Davvero un peccato, considerando il processore presente.

Come app installate, oltre a quelle di default presenti in android, come Keep o Duo, troviamo la Radio FM, Calcolatirce, File e Service.

Fotocamera

Anche su questo ZenFone Max Plus (M1), troviamo un sensore secondario grandangolare (120°), qui, da 8 megapixel con apertura f/2.2; 16 megapixel e apertura f/2.0 per il sensore principale.

Le foto sono di buona qualità, per entrambe le fotocamere, ma quelle scattate con il sensore principale, sono leggermente migliori; con entrambi i sensori, sia la messa a fuoco che lo scatto sono molto veloci.

La fotocamera anteriore ha un sensore da 8 megapixel e un’apertura f/2.2.

L’app di gestione offre alcune scene pre impostate da scegliere, Automatica, Ritocco Fotografico, Manuale (PRO), Risoluzione super, Animazione GIF, Panorama, Rallentatore.

La modalità di Ritocco Fotografico offre una ricca gamma di effetti di abbellimento, per regolare e attenuare la tonalità della pelle, schiarire l’incarnato, rimuovere le imperfezioni, intensificare lo sguardo e bilanciare i tratti somatici del volto.

La modalità PRO è pensata per i chi preferisce avere il completo controllo potendo accedere a impostazioni manuali simili a quelli delle reflex digitali. E’ quindi possibile regolare facilmente la velocità dell’otturatore, del bilanciamento del bianco, dell’esposizione e delle impostazioni ISO; manca la possibilità di scattare in formato RAW non compresso dei fratelli maggiori.

La modalità Risoluzione super inserita da ASUS: funziona quasi come l’ HDR, in quanto scatta più foto a diverse esposizioni e le combina via software. Il risultato è un’immagine da 52 MP che è indiscutibilmente più dettagliata di quanto si otterrebbe normalmente, ma non sempre riesce a replicare la stessa gamma di colori di una foto scattata in modalità normale e perde un po’ di profondità sullo sfondo quando immortaliamo un viso.

Video davvero insufficienti.

Con la fotocamera anteriore da 8 megapixel, sarà possibile anche fare selfie di buon livello.

Alcune foto scattate con l’Asus ZenFone Max Plus (M1)

Video girato con l’Asus ZenFone Max Plus (M1)

Autonomia

L’Asus Zenfone Max Pro (M1) ha una batteria da 5000 mAh, e si riesce a coprire i due giorni di utilizzo anche con attività pesanti come navigazione GPS o giochi. Con il nostro solito utilizzo siamo arrivati a fare circa 9/10h di schermo attivo, con 1 SIM attiva, 8/9h in 3g/4g, 7/8h in WiFi, con social (Facebook, Twitter, G+) in push, whatsapp, telegram e hangouts, costantemente attivi, navigazione GPS e utilizzo di qualche gioco.

Conclusioni

Attualmente è possibile trovare l’Asus ZenFone Max Pro (M1) su Amazon ad un prezzo di circa 229 euro, allineato alla caratteristiche e all’esperienza d’uso.

Tutto sommato è un buon prodotto, con una ottima autonomia e una buona doppia fotocamera, ma a parte il display migliore, lo riteniamo leggermente inferiore allo Asus ZenFone Max Plus (M1).

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 5.99″ 18:9 IPS LCD FHD+ (2160 x 1080)
Fotocamera Frontale: 16 MP f/2.0, 26mm (wide)
Fotocamera Posteriore: DUAL: 13 MP, f/2.2, 25mm (wide), 1.12µm, PDAF
5 MP, f/2.4, 1.12µm, LED flash
Processore: Qualcomm SDM636 Snapdragon 636 (14 nm) – Octa-core 1.8 GHz Kryo 260
Processore Grafico: Adreno 509
Memoria: 64GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 2TB, 4GB RAM
Dimensioni / peso: 159 x 76 x 8.5 mm, peso 180g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 5000 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 b/g/n, WiFi Direct, hotspot – Bluetooth 5.0, A2DP, LE
Reti: LTE Cat. 4 DL 150 Mbps DL, 50 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Certificazione: NON presente
NFC: No
IRDA: No
USB: microUSB 2.0, USB On-The-Go
GPS: Sì, con A-GPS, GLONASS, BDS
Radio:
Lettore di impronte: Sì
Sistema operativo: Android 8.1 (Oreo)
Sim: Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
8/10
Materiali
8/10
Display
7/10
Fotocamera
8/10
Software
7/10
Autonomia
9/10
Prezzo
8/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10