Recensione Asus ZenFone 7 by Smartphone Italia

Presentato ad Agosto e disponibile in Italia da Settembre, abbiamo avuto modo di provare l’interessantissimo Asus ZenFone 7 (qui l’unboxing), dotato di modulo fotografico ribaltabile motorizzato. Vediamo come si è comportato durante il nostro test.

Confezione

La confezione è molto grande, di forma quadrata e di colore blu con inserti azzurri e il numero 7 in bella mostra e la scritta ZenFone 7 sui lati; una volta aperta troviamo i due scatolini contenenti gli accessori, sulla sinistra, fisso, quello contenente cavetto USB-Tipo C e caricatore da 5V/3A 15W – 9V/3A 27W – 20V/1A, per la carica rapida da 30W, mentre sulla destra, removibile, troviamo lo scatolino contenete le due cover di plastica dura, una nera e una trasparente, clip per l’apertura del cassettino per le nanoSIM/slot microSD e la guida rapida; subito sotto troviamo lo smartphone.

La cover nera ha una levetta tramite la quale è possibile bloccare la flip camera, ovviamente il software di gestione se ne accorge e oltre a segnalarlo tramite un’icona non permette di utilizzarla frontalmente.

Costruzione, Ergonomia

L’Asus ZenFone 7 ha una linea molto piacevole, con bordi curvi e un corpo in alluminio con una cover posteriore in vetro, molto massiccio e pesante ma bello, con buon touch & feel, anche se è un po’ scivoloso, meglio utilizzarlo con una delle cover in dotazione.

L’Asus ZenFone 7 ha dimensioni importanti ma in mano si tiene bene, misura 165.1 x 77.3 con uno spessore di 9,6 mm e un peso di 230 grammi.

Sul lato destro troviamo il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento, incavato e grande in quanto al suo interno è presente il sensore per la lettura delle impronte digitali, mentre su il lato sinistro troviamo il carrellino per le nanoSIM e microSD.

Superiormente troviamo il microfono per la riduzione del rumore e il meccanismo di rotazione della fotocamera; mentre inferiormente sono presenti, LED di notifica (ormai è raro trovarlo sugli smartphone moderni), ingresso USB Type-C, microfono principale e altoparlante di sistema.

Posteriormente troviamo il comparto fotografico, composto dalla cam motorizzata in cui sono presenti tre sensori, il principale da, 64 MP, f/1.8, 26mm (grandangolare), il secondario da 8 MP  f/2.4, 80 mm con zoom ottico 3x, il terzo da 12 MP, f/2.2, 113°, 17mm (ultra grandangolare).

Frontalmente, nella parte superiore troviamo, tra la scocca e il display, la capsula auricolare con sensori di prossimità e luminosità.

Hardware

Il L’Asus ZenFone 7, monta un processore Qualcomm SM8250 Snapdragon 865 (7 nm+) – Octa-core (1×2.84 GHz Kryo 585 & 3×2.42 GHz Kryo 585 & 4×1.80 GHz Kryo 585) con una GPU Adreno 650, 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna (UFS 3.0), espandibile tramite microSDXC con slot dedicato.

Il L’Asus ZenFone 7 utilizza un modem 5G e 4G LTE-A (5CA) Cat19 1800 Mbps in download e 150 Mbps in upload; mentre alla voce connessioni, troviamo Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Bluetooth 5.0, GPS con A-GPS dual-band e NFC.

Rapido e immediato lo sblocco tramite il sensore di impronte posto sotto il display.

Molto preciso e rapido anche lo sblocco tramite riconoscimento del volto, al netto di non utilizzarlo su un piano (la cam non si attiva) e di aspettare l’attivazione della cam.

Il L’Asus ZenFone 7 è dotato di altoparlante stereo.

Display

Il display è un AMOLED da 6.67 pollici con risoluzione FHD+ (2400 x 1080 pixel), e con una frequenza di aggiornamento di 90 Hz; buon pannello, con un buon contrasto.

Perfetta la regolazione automatica della luminosità e la visibilità alla luce diretta del sole.

Presente la funzionalità Always On.

Software

La versione attuale di Android è la 10 con la ZenUI 7 come interfaccia e, il sistema gira sempre fluido, senza impuntamenti, anche durante un utilizzo intenso e con molte app aperte in background, grazie anche all’ottima accoppiata RAM – CPU.

Tra le varie impostazioni, segnaliamo la possibilità di gestire le varie gesture presenti, impostare alcune scorciatoie collegate ai vari gesti sullo schermo, nonchè di clonare le app e di dividere lo schermo, nonchè di personalizzare le azione alla doppia pressione del pulsante di accensione/spegnimento, potendo scegliere di lanciare un’app o di far compiere un’altra azione specifica.

Gestione Mobile

Tramite l’app Gestione Mobile è possibile, gestire il telefono effettuando varie operazioni, come per esempio ottimizzare il dispositivo, fare pulizia delle app che risiedono in memoria, vedere l’utilizzo dei dati, il filtro molestie, la durata della batteria ed effettuare la Scansione Virus.

Tra le app installate, troviamo anche le immancabili, Calcolatrice, Gestione File, Meteo.

Fotocamera

Il comparto fotografico è il vero tratto distintivo dello Zenfone 7, in quanto troviamo la la rivoluzionaria Flip Camera, un modulo motorizzato Flip-up con un sistema a tripla fotocamera completamente rinnovato in grado di offrire le stesse capacità ad alta risoluzione nel caso in cui il modulo sia rivolto davanti che dietro. La fotocamera principale è dotata di un sensore da 64 MP, f/1.8, 26mm (grandangolare), la secondaria di un sensore da 8 MP, f/2.4, 80mm (tele obiettivo), zoom ottico 3x, mentre la terza ha un sensore da 12 MP, f/2.2, 113°, 17mm (ultra grandangolare), ovviamente presente il Flash DUAL LED, con la possibilità di girare video in 8K@30fps, 4K@30/60/120fps, 1080p@30/60/240fps, 720p@480fps con stabilizzazione ottica dell’immagine.

Le foto scattate con il sensore da 64 MP, sono davvero ottime e l’ingrandimento sarà maggiore e più definito, questo, inoltre, è l’unico sensore dotato di stabilizzazione ottica e nei video si fa valere.

Il sensore da 8 MP da 135mm con zoom ottico analogico fino a 5X, purtroppo non è stabilizzato otticamente, ma le foto sono molto soddisfacenti; lo zoom può arrivare fino a 60X con zoom ibrido (Hyper Zoom), accoppiando lo zoom analogico e quello digitale, ma la qualità non è eccezionale.

Il terzo sensore da 8 MP da 16mm, ultra grandangolare, con campo visivo di 120° consente di catturare immagini più ampie e la qualità è buona.

Per tutti i sensori, molto bene anche le foto scattate con scarsa illuminazione dove in automatico viene attivata la modalità Notte.

E’ inoltre possibile bloccare la Flip Camera in tre posizione predefinite e una personalizzabile, così da permettere riprese con angolazioni diverse, riprese impossibili con qualsiasi altro tipo di smartphone dotato di fotocamera fissa.

L’app Fotocamera offre un discreto numero di modalità preimpostate, ovvero, Notturna, Ritratto, 48MP, Panorama, Live Photo, Slow-mo, Time-lapse, Professionale, Adesivi AR, Super-luna, Doc e Istantanea in movimento e Cielo stellato.

video, possono essere girati fino ad 8K e in 4K, a 60 fps o in Full HD 60 fps, dove la stabilizzazione rende il meglio di se e i filmati sono davvero ottimi.

Video girato con il l’Asus ZenFone 7

Autonomia

Nello ZenFone 7 è presente una batteria da 5000 mAh, e l’autonomia è mostruosa; con il nostro uso stress, arrivare a sera non è stato mai un problema e se ne ha ancora per il giorno dopo; con, 3g/4g per una decina d’ore e 3-4 in wifi, con due account mail in push, social in push, whatsapp e telegram attive e in push con diverse notifiche, siamo arrivati a sera con circa il 30% di batteria residua e più di 6h di display acceso.

Con utilizzo più blando e sotto copertura wi-fi, si può arrivare tranquillamente a 2 giorni di autonomia.

Sullo ZenFone 7 è prevista la possibilità di limitare la potenza di ricarica a 10 o 18W e schedulare l’orario di ricarica, in modo di avere il telefono carico poco prima di quanto ne abbiamo bisogno (per ese ricarica notturna), in modo da non lasciarlo inutilmente carico a ricarica ultimata.

Conclusioni

L’Asus ZenFone 7 è un prodotto davvero molto valido con hardware al top che permette al sistema di girare sempre fluido e senza problemi di sorta durante tutte le operazioni effettuate. Il comparto fotocamera non a livelli estremi con il resto dell’hardware, ma la flip camera è una chicca non da poco.

L’autonomia è mostruosa e restare a secco è praticamente impossibile.

L’Asus ZenFone 7 impressiona anche per il prezzo, infatti, nella versione da noi provata è possibile trovarlo ad un prezzo di poco inferiore ai 500 euro, che per quanto offerto è davvero un ottimo prezzo.

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 6.67″ SUPER AMOLED, FHD+ (2400 x 1080 pixel) – 90Hz – HDR10+
Fotocamera Frontale: Modulo telecamera principale ribaltabile motorizzato
Fotocamera Posteriore: Tripla: 64 MP, f/1.8, 26mm (grandangolare) – 8 MP, f/2.4, 80mm (tele obiettivo), zoom ottico 3x – 12 MP, f/2.2, 113°, 17mm (ultra grandangolare) e Flash Dual LED – Video: 8K@30fps, 4K@30/60/120fps, 1080p@30/60/240fps, 720p@480fps con stabilizzazione ottica
Processore: Qualcomm SM8250 Snapdragon 865 (7 nm+) – Octa-core (1×2.84 GHz Kryo 585 & 3×2.42 GHz Kryo 585 & 4×1.80 GHz Kryo 585)
Processore Grafico: Adreno 650
Memoria: 128 GB di memoria interna UFS 2.1, espandibile con microSDXC con slot dedicato, 8 GB RAM
Dimensioni / peso: 165.1 x 77.3 x 9.6 mm, peso 230 g
Batteria: Ai polimeri di litio da 5000 mAh (non removibile) – Ricarica rapida 30W, 60% in 34 min, 100% in 93 min (con caricatore in confezione)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac/6, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth v5.0, A2DP, LE, aptX Adaptive
Reti: HSPA 42.2/5.76 Mbps, 5G, LTE-A (5CA) Cat19 1800/150 Mbps, 5G 3.6 Gbps DL
Certificazione:  NON presente
NFC: Sì
IRDA: No
USB: USB Type-C, USB On-The-Go
3.5mm jack: No
– GPS: Sì, con A-GPS dual-band, GLONASS, GALILEO, BDS, QZSS, NavIC
Radio: No
Lettore di impronte: Sì, posto lateralmente sul pulsante di accensione e spegnimento
Sistema operativo: Android 10 con ZenUI 7
Sim: Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

[vote voto=”8″ titolo=”Costruzione / Ergonomia” /][vote voto=”8″ titolo=”Hardware” /][vote voto=”8″ titolo=”Materiali” /][vote voto=”8″ titolo=”Display” /][vote voto=”10″ titolo=”Fotocamera” /][vote voto=”8″ titolo=”Software” /][vote voto=”8″ titolo=”Autonomia” /][vote voto=”6″ titolo=”Prezzo” /][vote voto=”7″ titolo=”Rapporto qualità / prezzo” /]
Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

Il nuovo tema natalizio di Waze porta allegria agli spostamenti

Next Post

SIT come ecosistema educativo

Related Posts