Indagine Zebra: 7 autorità di Pubblica Sicurezza su 10 vogliono accelerare sull’adozione...

Indagine Zebra: 7 autorità di Pubblica Sicurezza su 10 vogliono accelerare sull’adozione di tecnologie mobile

0 183

Zebra Technologies Corporation, azienda innovatrice con soluzioni e partner che consentono alle imprese di ottenere un vantaggio in termini di prestazioni,  presenta i risultati della sua ultima indagine su come le autorità di Pubblica Sicurezza incrementeranno a livello globale l’utilizzo di tecnologie mobile per migliorare i flussi di lavoro e i rapporti con i cittadini entro i prossimi cinque anni.

Secondo quanto emerso dal Future of Field Operations: Public Safety vision study l’86% degli intervistati in ambito Pubblica Sicurezza indica che l’agenzia per cui lavora ha adottato un approccio mobile-first nell’implementazione delle strategie al livello tecnologico, e che i flussi di lavoro vengono pensati per le esigenze degli operatori di pronto intervento e per i dispositivi mobile di cui si avvalgono. Tuttavia, sette agenzie su dieci ritengono di non investire in tempi sufficientemente rapidi in nuove tecnologie mobile, così da poter sfruttare al meglio le reti wireless 4G e 5G a più alte prestazioni.

La tecnologia mobile è cruciale per la sicurezza dei cittadini” ha dichiarato Alex Cooper, Director of Government and Critical Field Service Strategy in Zebra Technologies. “Le autorità di Pubblica Sicurezza di tutto il mondo beneficiano già dei vantaggi in termini di prestazioni quando utilizzano dispositivi e stampanti mobile rugged in contesti operativi che comprendono comunicazioni via radio, consapevolezza della situazione (situation awareness), gestione delle catastrofi e delle emergenze, gestione delle identità (identity management), multe elettroniche e gestione delle risorse (asset management). Con la disponibilità di reti wireless più veloci e l’implementazione di solide strategie a livello di tecnologia mobile, il pronto intervento di polizia, vigili del fuoco e guardia medica può essere più produttivo ed efficace oltre che essere in grado di vigilare al meglio sulla comunità dei cittadini.

Entro il prossimo anno, l’88% degli intervistati, (il valore attuale è di 52%), si aspetta un incremento di produttività ed efficienza grazie all’utilizzo di tecnologie mobile. Allo stesso modo, l’84% – rispetto all’attuale 45% – ritiene che un altro vantaggio chiave nell’adozione entro un anno di dispositivi mobile sarà salvare più vite umane. Per il 79% degli intervistati, l’implementazione di dispositivi mobile e stampanti portatili comporterà inoltre una riduzione dei costi operativi entro il prossimo anno, e, in particolare, quasi tutti gli intervistati (98%) prevedono un significativo risparmio entro cinque anni. Un altro vantaggio evidenziato è il miglioramento dei rapporti con i cittadini, che secondo il 99% degli intervistati avverrà entro il 2025 – rispetto all’attuale 38%.

Mentre molte organizzazioni di Pubblica Sicurezza continueranno a fare affidamento su un modello reattivo nei loro flussi di lavoro, ci sarà un buon incremento di forze dell’ordine che adotteranno un modello predittivo in grado di assegnare la risorsa giusta per ogni mansione nel momento adeguato. Questo dato è destinato a raddoppiare entro il 2025.

Tra le applicazioni più comuni utilizzate oggi dagli agenti di Pubblica Sicurezza sul campo vi sono la posta elettronica (53%), la mappatura e la navigazione (51%) e i servizi basati sulla localizzazione (50%). Altre applicazioni, attualmente poco o nulla utilizzate dalla maggior parte delle autorità ma classificate come “estremamente importanti” da chi le ha sperimentate, includono il monitoraggio biometrico (63%), la segnalazione di collisioni (59%) e la situational awareness (59%).

L’adozione dei dispositivi mobile avrà una rapida crescita nei prossimi tre anni con il 95% delle autorità che prevede di investire in tablet rugged senza tastiera, il 90% è invece orientato verso i tablet rugged 2 in 1, e il 91% indirizzato a stampanti portatili. Come altre istituzioni e aziende le cui attività principali si svolgono quasi esclusivamente sul campo, i responsabili delle decisioni in materia di Pubblica Sicurezza valutano la solidità dei dispositivi mobile in dotazione, come un fattore chiave di differenziazione, con il 96% del campione convinto di adottare dispositivi rugged entro il 2025. Tra quelli che attualmente utilizzano questa tipologia di dispositivi, i tablet rugged con tastiera removibile (52%) e gli smartphone rugged (51%) sono considerati i migliori in situazioni di emergenza.

PUNTI CHIAVE

  • L’indagine di Zebra indica che sette autorità di Pubblica Sicurezza su dieci vedono l’urgente necessità di investire più rapidamente in soluzioni mobile per stare al passo con i progressi tecnologici e servire meglio le loro comunità.
  • Nei prossimi cinque anni, i dispositivi mobile garantiranno alle autorità di Pubblica Sicurezza un forte vantaggio prestazionale per aumentare la produttività, salvare vite umane, ridurre i costi e coinvolgere meglio i cittadini.
  • L’adozione dei dispositivi mobile aumenterà rapidamente nei prossimi tre anni, con il 95% delle autorità che implementerà tablet rugged senza tastiera, il 90% che utilizzerà tablet rugged 2 in 1, il 95% che investirà in smartphone rugged e il 91% che utilizzerà stampanti portatili sul campo.
  • La solidità dei dispositivi mobile è molto apprezzata dai leader della Pubblica Sicurezza – il 96% ha intenzione di utilizzare dispositivi rugged entro il 2025.

CONTESTO E METODOLOGIA DELL’INDAGINE

I risultati fanno parte dell’indagine Future of Field Operations, composta di tre parti distinte, che sarà rilasciata nella sua versione completa nella prima metà del 2020. Le prime due parti si sono concentrate su energy & utilities e field service provider. Sono stati intervistati oltre 1.200 decision maker di questi tre settori in America, Europa e Asia-Pacifico.