Galaxy Note 5 e Galaxy S6 edge Plus: nuovi dettagli su prima...

Galaxy Note 5 e Galaxy S6 edge Plus: nuovi dettagli su prima risposta Samsung ai profitti ancora in calo

0 1502

Per Samsung dopo anni di “galoppata” con guadagni reconrd è iniziato un lungo periodo di ben sei trimestri con cali costanti rispetto ai corrispondenti dell’anno precedente. C’era quindi molta attesa per il cambio di strategia sfociato in Galaxy S6 e S6 edge, e quindi per i risultati finanziari del Q2 2015, il primo trimestre dopo la loro immissione sul mercato.

I risultati che la casa coreano che ha pubblicato prevedono 48 trilioni di ? (circa 42,5 miliardi dollari) di vendite per un utile operativo consolidato di 6,9 trilioni di ? (circa 6,1 miliardi dollari), quindi seppure ancora una una volta più basso rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (6,25 miliardi dollari) si tratta comunque di un risultato migliore del 1° trimestre di quest’anno dove a fronte di un fatturato di 43,2 miliardi dollari ne aveva guadagnato 5,5 miliardi dollari.

Quindi effettivamente i due nuovi top stanno parzialmente portando la società ad aumentare i propri profitti, anche se non al punto da invertire la tendenza dei precedenti trimestri, ma i risultati sarebbero potututi essere migliori; sembra infatti che la società abbia penalizzato se stessa sottostimando le vendite del Galaxy S6 edge non essendo così in grando di rispondere alla domanda e sovrastimando invece quelle del Galaxy S6 “standard”.

Visto il consenso della variante edge non stupisce quindi la volontà di Samsung di cavalcare l’onda dei display curvi con il vociferato Galaxy S6 edge Plus che a questo punto sembra sarà presentato in un evento Unpacked durante il prossimo IFA 2015, a fianco dell’attesissimo Galaxy Note 5 andando a costituire sul nuovo duo di punta per riuscire magari a invertire finalmente la tendenza dei precedenti 7 trimestri. Grazie agli insider di SamMobile siamo venuti a conoscenza di alcuni nuovi dettagli su questi due attesi dispositivi.

Galaxy Note 5 e Galaxy S6 edge Plus saranno entrambe caratterizzati da display Super AMOLED da 5.67 pollici con una risoluzione di 2560 x 1440 pixel, e saranno offerti in quattro colori: nero, oro, argento e bianco. Anche il design sarà “comune” ma speculare ovvero, come anticipato dai render trapelati, se il Galaxy Note 5 (SM-N920) avrà uno schermo piatto il retro avra le stesse curve occupate dal display sul Galaxy S6 edge Plus (SM-G928). Entrambe questi phablet Samsung saranno caratterizzati da un retro in vetro, come sui Galaxy S6, quindi è possibile che mancherà la batteria rimovibile e forse lo slot per schede microSD.

Il Galaxy Note 5, che è il nome in codice “Project Noble”, dovrebbe caratterizzare un SoC Exynos 7422; questo dovrebbe essere la prima vera soluzione all-in-one della società (anche conosciuto come EPOP), che combina una CPU octa-core a 64 bit, GPU, RAM, storage e homegrown il modem della società Shannon LTE in un unico pacchetto. La società avrebbe anche testando il chipset Exynos 7430 e un display 4K per il dispositivo, ma ha deciso poi di “accontentarsi” dell’Exynos 7422 e un display 2K per quest’anno.

Il Galaxy S6 edge Plus, nome in codice “Project Zen”, sarà caratterizzato da un SoC esa-core Snapdragon 808, 32GB di spazio di archiviazione interna, una fotocamera principale da 16 megapixel con OIS, registrazione video 4K, una fotocamera secondaria da 5 megapixel, e una batteria da 3000 mAh. Avrà preinstallato Android 5.1.1 Lollipop, e potrebbe venire con la possibilità di memorizzare le immagini RAW. Si dice anche sarà finalmente disponibile una correzione per la questione relative alla aggressiva gestinoe della RAM che affligge Galaxy S6 e Galaxy S6 edge.