Evento Acer in casa Microsoft a Milano: gaming e consumer di alta...

Evento Acer in casa Microsoft a Milano: gaming e consumer di alta qualità

Grande evento Acer, questo mercoledì 25 Novembre al Microsoft Store di Corso Vercelli, dove sono stati presentati molti prodotti di varie linee consumer e gaming!

Nell’area eventi al primo piano, in mezzo a elementi d’arredo unici, spiccavano i nuovi Laptop e PC Predator, i super monitor da gaming, i nuovi monitor e Home Theater consumer ma dalle alte prestazioni, gli ultimi Aspire Nitro, il PC modulare per l’uso domestico Revo Build, e infine i prodotti portable, i detachable Switch 10E e lo smartphone Liquid M330.

I disponibili e simpatici ciceroni presenti per Acer ci hanno accompagnato alla scoperta dei prodotti esposti, tra “una gara e l’altra”; eh sì, perché era addirittura presente una postazione di simulazione di guida (volante professionale Ferrari, pedaliera e sedile sportivo) per testare i dispositivi attraverso un simulatore di Rally.

Partiamo infatti dalla linea di PC e Laptop gaming Predator, conosciuta per la potenza e le ottime prestazioni; tutti i modelli esposti permettevano la prova attraverso alcuni videogame dalle alte caratteristiche grafiche unite alla necessità di alta velocità d’elaborazione (un simulatore di Rally, uno di Formula 1 e uno shooter demo in prima persona). Le prestazioni erano al top, sia su Laptop che su fissi (anche i piccoli problemi erano gli stessi, come nel caso del simulatore di Rally che talvolta rallentava e perdeva frame: probabilmente, proprio per l’ubiquità dello stesso, era un bug del gioco); grazie ai 4 GB di RAM dedicati della scheda video GeForce (GTX980, nella versione M sui portatili), durante il gameplay la RAM occupata del PC era sempre esigua, mentre la CPU sempre sotto controllo a conferma dell’ottimizzazione di Acer; l’unica differenza riscontrabile tra laptop e fisso era il calore percepibile sulla scocca, molto più basso nei fissi per la scontata superiorità delle ventole e della dissipazione di calore per forma, anche se Acer ha pensato alla possibilità di rimuovere con semplicità il lettore CD dai portatili per sostituirlo con una ventola ausiliaria, in modo da sfruttare tutto lo spazio disponibile per la dissipazione di calore; tornando alle scocche, paiono molto robuste e con delle linee accattivanti, orientate al mondo del gaming per aggressività e particolarità, con la chicca del poggia cuffie retrattile nei fissi; nei portatili, le linee spigolose aiutano a “mascherare” la naturale necessità di spazio interno, che porta ad avere delle dimensioni simili a quelle delle Workstation portatili più potenti: un’altezza massima sui 5 cm nel lato posteriore, che ospita le griglie di dissipazione calore, e un peso approssimativo di 4 Kg (la versione da 17”), rendono questi portatili dei “carro-armati”, nelle accezioni positive e negative del termine. Concludendo coi portatili, schermi al top, dall’alta definizione con tecnologia Nvidia G-Sync, e tastiere retroilluminate a zone differenziate, completano in bellezza un armamentario hardware estremo, per poterlo sfruttare senza rimpianti; per questi ultimi, il prezzo sta a 1600€ per il 15″ e 1800€ per il 17″.

Passiamo quindi ai monitor, partendo proprio da quelli consigliati per il gaming: la nuova linea di schermi curvi 21:9, disponibili in 34″ UltraWide QHD e 35″ UltraWide FHD, con sistema NVIDIA® G- SYNC™ (o AMD FreeSync™ e Adaptive Sync), DTS Sound e Gaming OSD; in effetti, uno schermo ultra wide, paragonabile a due schermi normali uniti, curvo e provvisto di altoparlanti (nonché di uscite USB 3.1 ausiliarie) permette maggior immersione di gioco, adattandosi meglio all’ampiezza visiva umana, e miglior gestione dello spazio sulla propria postazione, che sia da gaming o lavorativa: infatti questi schermi promettono comodità e prestazioni ottimali anche per lavori di editing foto, video, o di modellazione CAD.

I monitor classici invece, seppur orientati ad un pubblico consumer, presentano caratteristiche generose per qualità dell’immagine (IPS UltraHD con tecnologia Plane-switching per angolo di visualizzazione a 178°), design accattivante e aspetto Zero Frame, quindi risultano anch’essi adatti al lavoro e al gaming; tutti i monitor, infine, sono facili da collegare e configurare a qualsiasi dispositivo, rendendoli versatili, il che non guasta visto il prezzo (1400€ per quelli curvi ultrawide).

Un altra linea laptop di punta presente era la Aspire V Nitro, la quale ha subìto un aggiornamento: sui modelli da 15” e 17” sono ora presenti processori Intel Skylake (6a gen.), le porte USB 3.1 Type-C, nuova antenna WiFi per connessione senza zone morte con tecnologia 2×2 MU-MIMO, per download fino a tre volte più veloci dello standard 802.11ac, il tutto racchiuso in un nuovo design in alluminio elegante ed efficiente; supportano poi fino a 32GB di RAM DDR4, storage Sata III SSD/SSHD/HDD e schede grafiche Nvidia GeForce; sul modello “Black Edition”, poi, è disponibile la NVIDIA® GeForce® GTX960M con un massimo di 4GB di RAM dedicata GDDR5; dimensioni e portabilità sono risultate migliori della serie Predator, e la linea più sobria è maggiormente adatta ad ambiti più variegati: se poi si considera il plusvalore della Black Edition, ci si trova di fronte ad una valida alternativa per chi cerca portatili da lavoro orientati all’editing grafico.

Il proiettore presentato (il V7500), purtroppo, è stato parzialmente “snobbato” in quanto non testabile, il che è un vero peccato date le caratteristiche forniteci, facenti pensare alla quintessènza dell home theater: supporta il 100% della gamma colore sRGB e grazie all’ Acer ColorPurity consente una più ampia gamma di colori e un ridotto effetto arcobaleno, inoltre con la tecnologia Acer LumiSense+ l’immagine viene ottimizzata in base alle condizioni di luce ambientale, e permette il supporto dell HDMI 3D (144 Hz e 24p, ottimale per i Blu-Ray), ed infine la tecnologia DynamicBlack™ analizza fotogramma per fotogramma, regolando la potenza della lampada per ottimizzare i livelli di nero e garantire dettagli impeccabili.

Rimanendo in ambito d’uso domestico, una valida soluzione presentata per far fronte alle più comuni e varie necessità è il nuovo Revo Build, miniPC che permette al consumatore la personalizzazione dello stesso per mezzo di componenti modulari; con un prezzo base di circa 299€, comprendente il cuore del PC (Intel® Pentium® o Celeron® con scheda grafica integrata Intel® HD, RAM fino a 8GB DDR4, aggiornabile semplicemente allentando una vite), potrà essere arricchito di moduli con aggancio magnetico, impilabili sopra il modulo base, per aumentarne ad esempio il comparto audio (con microfoni, altoparlanti, manopola dedicata per il volume..) o lo storage (blocchi da 500GB/1TB) che sarà inoltre removibile a caldo e standalone, come un normale Hard Disk esterno, permettendo quindi di effettuare backup e trasferimenti di dati da altri computer ed averli tutti accessibili comodamente dal Revo Build.

Gli ultimi prodotti di cui vi parliamo sono quelli più mobile-oriented, purtroppo offuscati (in termini di considerazione, per come è stata predisposta la presentazione) dai giganti del gaming, ma non per questo di minor qualità: gli Aspire Switch e il Liquid M320. Il detachable è risultato esteticamente gradevole, con molte colorazioni disponibili (ed intercambiabili, grazie alle scocche removibili), un pattern che ha reso la plastica opaca più comoda da impugnare e una cerniera magnetica facile da gestire anche a una mano, eliminando la necessità della levetta di sgancio e permettendo un passaggio fluido tra le due modalità d’uso anche a livello prestazionale (Acer Snap Hinge™ 2), modalità che a ben vedere sono 4, in quanto gli schermi possono essere agganciati alla dock anche al contrario, permettendo l’oramai abituale posizione tenda o un uso a mo’ di base per il touchscreen; lo schermo da 10.1” è FullHD 1280 x 800 pixel, con 10 punti di tocco, protetto da Corning Gorilla Glass 3, e presenta le tecnologie Acer BlueLightShield™ e Acer LumiFlex™, che rispettivamente riducono l’emissione di luce blu per un minor affaticamento degli occhi e gestiscono al meglio la luminosità in presenza di sole intenso; la batteria, poi, consente fino a 12 ore di autonomia, rendendolo il compagno di viaggio ideale, e la tecnologia Acer Switch Lock™ rende inviolabili i dati presenti nell’ HDD della tastiera dock, in caso venisse persa o rubata.

Acer Liquid M320, infine, è uno primo smartphone, o di ripiego, ideale per il prezzo in primis: 119€; è dotato di processore Qualcomm Snapdragon 210 (MS 8909) e display da 4,5 pollici (136 x 66,5 x 9,6 mm) con risoluzione FWVGA, due fotocamere da 5MP, 1GB di RAM e 8GB di storage interno; gli altoparlanti promettono un suono potente per la loro dimensione e ubicazione, e il design leggermente curvo sul retro e sottile permette comfort nella presa ed eleganza alla vista; insomma, per essere un fascia bassa, ha alcune caratteristiche di spicco che lo rendono particolare, oltre alle caratteristiche di connettività più recenti (LTE Cat4, Wi-Fi 802.11b/g/n e Bluetooth 4.0 con EDR).

Acer è molto impegnata a fornire tutti gli strumenti possibili per qualunque tipologia d’utilizzatore, c’è solo da scegliere. Vi lasciamo ad una galleria con tutte le immagini, commentate pure se aveste delle domande o curiosità!