D-Link #ConnettitiResponsabilmente: ecco i 3 pilastri per la connessione sicura e responsabile

Rendere disponibile a tutti una connessione wireless a internet è la nostra mission da oltre 30 anni, ma crediamo anche che sia importante non sprecare o abusare di questa grande opportunità. La priorità oggi è riconnettersi al mondo reale, alle persone a noi care e soprattutto imparare a connettersi in modo consapevole e responsabile” è così che Stefano Nordio, VP Europe di D-Link, spiega il senso della campagna #ConnettitiResponsabilmente, lanciata dall’azienda ad inizio 2018 con l’obiettivo di sensibilizzare gli italiani sui 3 pilastri della “connessione responsabile” identificati da D-Link:

  • Quando e per quanto connettersi, con rispetto alle connessioni reali, offline
  • Il tono dei contenuti condivisi online, attraverso i social network
  • La sicurezza della connessione

Il tema è d’attualità, sempre più presente nei discorsi quotidiani, al cinema, sui libri e, molte aziende – come Apple e Google – hanno abbracciato questa causa introducendo opzioni per monitorare (e dosare) il nostro tempo online. Soprattutto con l’avvento degli smartphone e della possibilità di essere connessi ovunque è diventato necessario generare un nuovo “bon ton” sociale in grado di regolare meglio le nostre interazioni, basandoci sull’assunto che l’online è parte integrante della nostra vita e quindi non può più esserci distinzione tra il nostro comportamento in rete e fuori, perché entrambi generano conseguenze reali.

Andando sul sito www.connettitiresponsabilmente.it, si può scoprire tutto sulla campagna e approfondire le tre aree di intervento:

  • Il primo pilastro riguarda la frequenza di connessione: è vero che la connessione, meglio se wireless, deve essere disponibile sempre e ovunque (anche in mobilità), ma questo non significa poter ignorare le persone reali che ci circondano, o che sia normale osservare tutto attraverso uno schermo o interagire solo attraverso le app di messaggistica.
  • Il secondo tema riguarda il nostro comportamento quando siamo online. Se quasi tutti siamo consapevoli che non ci è permesso insultare o minacciare le altre persone dal vivo o al telefono, molti di noi sembrano non capire che la stessa cosa valga per i nostri messaggi e le nostre condivisioni sui social networks. Il fenomeno è sempre più allarmante, come dimostrano le numerose ricerche sull’Hate Speech e la condivisione di Fake News. Una recente indagine D-Link ha evidenziato come, durante il periodo elettorale 2018, gli italiani abbiano riversato sui Social Network ben 135.000 messaggi con volgarità o insulti espliciti. I contenuti che augurano la morte (o minacciano di uccidere) sono stati più di 15.000, quelli contenti espliciti riferimenti alla violenza quasi 19.000.
  • Il terzo tema riguarda la sicurezza della connessione. Sicurezza della rete (privata o pubblica tramite free wifi) e l’attenzione contro i tentativi, sempre più frequenti, di furto di dati con phishing o direttamente dai canali social. È importante mantenere l’infrastruttura di rete e i terminali efficienti e protetti, ma ricordiamo che molto spesso siamo noi stessi, con i nostri comportamenti poco attenti, a condividere informazioni personali utili ai malintenzionati.

La vita online viene vissuta spesso un po’ troppo alla leggera, ma dobbiamo capire che le conseguenze delle nostre azioni hanno ricadute anche nella nostra vita offline e che in rete nulla viene dimenticato.

Questo atteggiamento inconsapevole dei rischi della rete è comune a tutte le fasce d’età, ma D-Link è convinta che sia importante agire soprattutto per educare i giovani al corretto utilizzo della rete, proprio come si educano alla guida al motorino. Per questo motivo i prossimi step della campagna andranno proprio in questa direzione.

Per restare aggiornati sugli sviluppi della campagna: www.connettitiresponsabilmente.it

 

Total
3
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

TeamViewer aggiunge nuove funzionalità a Blizz: la soluzione dedicata alle riunioni e videoconferenze online

Next Post

Preview Xiaomi Redmi Note 5 by Smartphone Italia

Related Posts