Come si sceglie l’hard disk più adatto alle proprie esigenze? Secondo Toshiba...

Come si sceglie l’hard disk più adatto alle proprie esigenze? Secondo Toshiba ci sono 6 fattori da tenere in considerazione prima di acquistare una soluzione di storage

In questo periodo gli attacchi informatici sono in aumento e di conseguenza è importante che le aziende, ma anche gli utenti privati prestino maggiore attenzione alla protezione e alla sicurezza dei propri dati. Per questo motivo è indispensabile fare backup regolari dei dati sensibili provenienti da PC o da notebook. Anche se, grazie al loro costo inferiore, gli SSD sono molto più popolari gli HDD esterni rappresentano ancora la scelta migliore per la maggior parte degli utenti. Ma, quale disco rigido è quello giusto?

Toshiba Electronics Europe GmbH ha stilato una pratica guida all’acquisto di un hard disk esterno, con i 6 principali fattori da tenere in considerazione, per poter scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze:

  1. Capacità di archiviazione – La prima domanda da porsi è: di quanto spazio di storage abbiamo bisogno? Il mercato dei prodotti per l’archiviazione non ha restrizioni a riguardo. Si parte da modelli con capacità più basse, come ad esempio 500 GB, fino ad arivare ad opzioni più ampie come quelle da 4 TB. La scelta dipende anche dall’area di applicazione dell’hard disk: se viene utilizzato solo per backup completi a casa o se principalmente per il trasferimento regolare di dati specifici da A a B.
  2. Specifiche tecniche – Interfaccia e connettività sono due aspetti di grande importanza. Un hard disk esterno dovrebbe, anche a distanza di qualche anno, poter essere sempre utilizzato facilmente grazie ad una buona interfaccia ed essere all’avanguardia per la sua connettività, ad esempio offrendo il recente standard USB Type-C.
  3. Software – Quando si tratta di software, le funzioni di backup e sicurezza offerte sono di particolare importanza. Qualsiasi software di backup esistente dovrebbe garantire un’interfaccia intuitiva e di facile utilizzo, nonché il supporto a diverse opzioni di memorizzazione quando, ad esempio, si impostano backup pianificati. Inoltre è importante che ci sia, in dotazione, un software di sicurezza che possa permettere all’utente di proteggere i propri dati privati in modo rapido e semplice da accessi non autorizzati, anche attraverso password che il proprietario dell’unità potrà gestire in maniera autonoma.
  4. Peso e dimensioni – Il peso e le dimensioni sono essenziali soprattutto quando il device non viene utilizzato solo per il backup dei dati a casa, ma anche in viaggio. Il design è infatti un aspetto importante per molti utenti e proprio per questo il mercato, oggi, offre molti prodotti – tra cui poter scegliere – con un’attenzione in più a questo aspetto.
  5. Rapporto qualità/prezzo – Anche il fattore costo e il rapporto prezzo-prestazioni devono essere considerati con molta attenzione. Gli utenti dovrebbero esaminare attentamente le caratteristiche incluse e confrontarle con il costo dell’unità. Non è detto che il prodotto più costoso possa essere sempre il migliore per le proprie esigenze.
  6. Garanzia – Infine è necessario verificare anche le condizioni e i termini di garanzia. Ci sono delle differenze importanti che vanno dai termini di garanzia previsti dalla legge, attraverso l’estensione di quest’ultima, ad una garanzia di tre anni che è già inclusa nel costo d’acquisto.