Check Point Software Technologies: anche a febbraio continua il dominio dei malware...

Check Point Software Technologies: anche a febbraio continua il dominio dei malware per il cryptomining

0 424

Eecondo il Global Threat Impact Index di febbraio, reso noto oggi da Check Point® Software Technologies Ltd., il principale fornitore di soluzioni di cybersecurity a livello globale, continua il dominio dei malware per il cryptomining che ha colpito lo scorso mese ben il 42% delle organizzazioni in tutto il mondo.

Coinhive, lo script di mining che utilizza la CPU degli utenti che visitano determinati siti web per minare la criptovaluta Monero, è, infatti, il malware più diffuso sia in Italia sia nel resto del mondo.

In Italia, Coinhive è seguito da Necurs, tra le botnet più ampie attive ora nel web, utilizzata per distribuire alcuni delle varianti di malware più insidiose, inclusi trojan bancari e ransomware; e da JSEcoin, il miner JavaScript che può essere inserito all’interno dei siti. Con JSEcoin, è possibile inserire un miner direttamentre nel browser in cambio di un’esperienza di navigazione senza annunci pubblicitari, percepiti sempre più come invasivi.

Negli ultimi quattro mesi, i malware per il cryptomining sono cresciuti esponenzialmente” ha dichiarato Maya Horowitz, Threat Intelligence Group Manager presso Check Point. “Questa minaccia costante non solo rallenta PC e server, ma una volta che le reti sono attaccate, questi malware possono anche essere utilizzati per provocare altri danni. Di conseguenza, è fondamentale per le aziende adottare una strategia di sicurezza informatica multilivello che protegga sia dalle famiglie di malware consolidate sia dalle nuove minacce”.