Tablet

Presentato ieri (qui la notizia), e disponibile da subito, dopo aver provato il fratello minore il MATEPAD T8 (qui la nostra prova) abbiamo deciso di provare il nuovo Huawei MATEPAD e abbiamo apprifittato dell’offerta Huawei che fino al 31 Luglio è disponibile con la Huawei M-Pencil.

Confezioni

Huawei MatePad

La confezione è di forma rettangolare, di color bianco; una volta aperta troviamo l’alloggiamento contenente il Tablet, rimosso il quale sono presenti i due scatolini contenenti gli accessori, ovvero, in uno il caricatore da 5V/1A 5W sulla sinistra e nell’altro, sulla destra, guida rapida, cavo USB-USB Tipo C, adattatore USB Tipo-C – ingresso da 3.5mm e clip per l’apertura dell’alloggiamento per la microSD.

Huawei M-Pencil

La confezione è di forma rettangolare, di color bianco e sviluppata in verticale; una volta aperta troviamo il cartoncino contenente gli accessori, ovvero, basetta di ricarica wireless, 4 punte di ricambio e guida rapida.

Prime Impressioni

HUAWEI MatePad ha un corpo premium con lunette sottili di 7,9 mm che regalano un rapporto screen-to-body dell’84% per offrire un’ampia area di visualizzazione per gli utenti sfruttando al massimo la forma compatta del dispositivo. Il telaio centrale Micro-arc offre un design che integra una schermatura dove sono collocate le antenne e permette al corpo centrale di collegarsi senza soluzione di continuità con il retro. Tutte queste componenti sono inserite in una struttura estremamente leggera che pesa circa 450g, perfetto per utenti sempre in movimento.

Il Huawei MatePad ha un display IPS LCD da 10.4 pollici con risoluzione 2K (2000 x 1200 pixel); monta un processore Kirin 810 (7 nm) – Octa-core (2×2.27 GHz Cortex-A76 & 6×1.88 GHz Cortex-A55), 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibili tramite microSDXC. Il comparto fotocamera è composto da una cam da 8 MP, f/2.2 al posteriore e f/2.4 all’anteriore.

Esteticamente abbiamo un corpo e cover in alluminio con lunette sottili di 7,9 mm che regalano un rapporto screen-to-body dell’84% per offrire un’ampia area di visualizzazione per gli utenti sfruttando al massimo la forma compatta del dispositivo. Il telaio centrale Micro-arc offre un design che integra una schermatura dove sono collocate le antenne e permette al corpo centrale di collegarsi senza soluzione di continuità con il retro. Tutte queste componenti sono inserite in una struttura estremamente leggera che pesa circa 450g, perfetto per utenti sempre in movimento.

HUAWEI MatePad supporta Histen 6.0 per gestire effetti sonori stereo 3D. Musica e film sono più coinvolgenti che mai grazie ai quattro altoparlanti ad alta ampiezza con un design innovativo. HUAWEI MatePad vanta importanti e innovative soluzioni Android in termini di ricostruzione del segnale audio per offrire un’esperienza cinematografica simile a quella dell’home theatre. L’impianto audio di Harman Kardon riproduce anche i suoni con una chiarezza impeccabile.

La batteria da 7250 mAh, promette molto e durante i nostri test la metteremo sotto torchio per bene.

La Huawei M-Pencil è dotata si accoppiamento magnetico e ricarica rapida wireless bastano 30 secondi di ricarica per 10 minuti di utilizzo e 1 ora di ricarica completa per 10 ore di utilizzo.

Il pennino è realizzato in materiale composito speciale, che ha una maggiore resistenza, rendendolo meno scivoloso e più resistente all’usura con una sensibilità alla pressione a 4096 livelli.

Con lo schermo del MatePad spento, basterà toccarlo con la punta della penna per andare direttamente al promemoria e catturare facilmente l’ispirazione.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 10.4″ IPS LCD, 2K (2000 x 1200 pixel)
Fotocamera Frontale: 8 MP f/2.4
Fotocamera Posteriore: 8 MP f/2.2
Processore: Kirin 810 (7 nm) – Octa-core (2×2.27 GHz Cortex-A76 & 6×1.88 GHz Cortex-A55)
Processore Grafico: Mali-G52 MP6
Memoria: 64 GB di memoria interna, espandibile con microSDXC, 4 GB RAM
Dimensioni / peso: 245.2 x 155 x 7.4 mm, peso 450 g
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth v5.0, A2DP, LE
Batteria: Ai polimeri di litio da 7250 mAh con carica rapida da 18 W
Certificazione: Non presente
NFC: No
IRDA: No
USB: 2.0, Type-C 1.0, USB On-The-Go
3.5mm jack: No
– GPS: Si con A-GPS
Radio: No
Lettore di impronte: No
Sistema operativo: Android 10, EMUI 10.1, no Google Play Services

0 468

Presentato qualche settimana fa (qui la notizia), e disponibile dal 3 giugno, dopo averlo provato per un paio di settimane, vediamo come si è comportato il nuovo Amazon Fire HD 8 (qui l’unboxing) durante la nostra prova.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare sviluppata in verticale, di color arancione con tutte le sigle e le info del caso; appena aperta troviamo l’alloggiamento di cartone, contenente il tablet e in basso lo scompartimento con gli accessori, guida rapida, cavo USB-USB Tipo C e caricatore da 5.25V/1A 5W.

Costruzione, Ergonomia

L’Amazon Fire HD 8 ha un corpo e cover in plastica con i 4 bordi arrotondati, buono il touch & feel.

Il Fire HD 8 2020 è un tablet abbastanza compatto ma con le cornici laterali molto doppie, infatti misura 202 x 137 x 9.7 mm per un peso di 355 grammi.

Con il Tablet in orizzontale, sul lato destro, troviamo, bilanciere del volume, pulsante di accensione/spegnimento, microfono, connettore microUSB e l’ingresso per le cuffie.

Il lato sinistro è pulito.

Sul lato superiore, a sinistra e a destra, troviamo i due altoparlanti di sistema, mentre sul lato inferiore, sulla destra troviamo l’alloggiamento per la microSD, protetto da un pratico sportellino.

Frontalmente, il posizione centrale troviamo la fotocamera frontale da 2 MP.

Posteriormente, sulla sinistra, troviamo la fotocamera posteriore, sempre da 2 MP.

Hardware

L’Amazon Fire HD 8, monta un processore  MediaTek MT8168 (12 nm) – Quad-core 2.0 GHz Cortex-A53 con una GPU Mali-G52 MC1, 2GB di RAM e 32 GB di memoria interna, espandibile tramite microSD.

Alla voce connessioni, troviamo Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band e il Bluetooth 5.0, niente GPS.

Non sono presenti ne il sensore di impronte digitali, ne lo sblocco tramite riconoscimento del volto.

I due altoparlanti, posizionati in alto, offrono una buona qualità audio, con un volume molto alto e definito.

Display

L’Amazon Fire HD 8 ha un display IPS da 8 pollici con risoluzione HD (1280 x 800 pixel), un buon pannello, nulla di eccelso, ma nemmeno di scadente.

Buona la regolazione automatica della luminosità e la visibilità alla luce diretta del sole.

Software

La versione di Fire OS presente è la basata su Android 9 ed molto carina e facile da usare, con le varie app nella home e senza drawer. L’interfaccia, inoltre è divisa in varie schede, la Home appunto, Libri, Video, Giochi e App, Acquista, Musica per tenere tutto in ordine, nonchè un link, Libreira, che ci porta allo store.

Il sistema gira sempre abbastanza fluido e durante le settimane di utilizzo non abbiamo mai riscontrato rallentamenti o impuntamenti ne riavvii accidentali, anche a fine giornata con molte app aperte.

Anche se i 32 GB di archivio interno possono sembrare sufficienti, Amazon ha previsto la possibilità di poter spostare le App dalla memoria interna alla microSD.

Tra le App preinstallate troviamo quelle Amazon, ovvero, Negozio Amazon, Browser Silk, Appstore, Prime Video, Libri, Musica (Amazon Music), Photos e Alexa.

Non mancano un sempre utile file manager (File) la Calcolatrice, il Meteo, Documenti e Mappe.

Fotocamera

L’Amazon Fire HD 8 monta una fotocamera posteriore da 2 megapixel, abbastanza inutile in tutte le situazioni

Anche la fotocamera frontale è da 2 MP ed è appena sufficiente per qualche video chiamata.

L’app di gestione offre solo 3 scene pre impostate, ovvero Automatico, HDR e Notte.

Foto scattate con Amazon Fire HD 8

Il video sono girati fino a FHD a 30fps.

Autonomia

L’Amazon Fire HD 8 ha una batteria da 4850 mAh e Amazon dichiara fino a 12 ore di autonomia, e complice processore e ottimizzazione, arrivare a due giorni di utilizzo continuo non è un’utopia.

Con un utilizzo stress, quindi 18h in wifi, due account mail in push, con una cinquantina tra mail scaricate e inviate, Facebook, Twitter in push, Telegram attivo e in push con diverse notifiche giornaliere, e utilizzando parecchi giochi durante la giornata, siamo arrivati a sera, con circa 6h di display acceso e il 50% di carica residua.

Conclusioni

Anche se questo Amazon Fire HD 8 è il modello 2020, quello che subito risalta appena lo si guarda e utilizza, solo le cornici che fanno venire in mente dispositivi di altri tempi, ma maneggevolezza e touch & feel davvero ottimo, sono davvero ottimi.

Attualmente è possibile trovare l’Amazon Fire HD 8, su Amazon ad un prezzo di 99.99 euro per il modelo da noi provato, ovvero con 32 GB di archivio interno e “Con offerte speciali”; sempre da 32 GB di archivio ma “Senza offerte speciali” costa 114.99 euro. Presente anche il modello da 64 GB, che “Con offerte speciali” costa 129.99 euro, mentre  “Senza offerte speciali” il prezzo è di 144.99 euro, prezzi tutto sommato allineati a quanto offerto.

Il prezzo è davvero interessante e competitivo e fa chiudere un occhio sulle limitazioni imposte dall’interfaccia Amazon, ma ormai sono poche le app che non è possibile installare sul Fire.

Sicuramente l’Amazon Fire HD 8 è più sfruttabile da chi ha un abbonamento Amazon Prime, potenzo utilizzare i servizi come Prime Video, Amazon Music e Amazon Photos.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 8″ IPS, HD (1280 x 800 pixel)
Fotocamera Frontale: 2 MP
Fotocamera Posteriore: 2 MP
Processore: MediaTek MT8168 (12 nm) – Quad-core 2.0 GHz Cortex-A53
Processore Grafico: Mali-G52 MC1
Memoria: 32 GB di memoria interna, espandibile con microSD, 2 GB RAM
Dimensioni / peso: 202 x 137 x 9.7 mm, peso 355 g
Batteria: Ai polimeri di litio da 4850 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band – Bluetooth v5.0, A2DP, LE
Certificazione: Non presente
NFC: No
IRDA: No
USB: 2.0, Type-C 1.0
3.5mm jack:
– GPS: No
Radio: No
Lettore di impronte: No
Sistema operativo: Android 9.0 (Pie), Fire OS 7

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
8/10
Materiali
8/10
Display
8/10
Fotocamera
6/10
Software
8/10
Autonomia
9/10
Prezzo
9/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10

Presentato qualche giorno fa (qui l’evento) e subito disponibile, abbiamo deciso di provare il nuovo Huawei MATEPAD T8 (qui l’unboxing) ultimo Tablet Huawei, senza i servizi Google, sostituirti da quelli Huawei (Huawei Mobile Services, HMS). Vediamo come si è comportato durante la nostra prova e soprattutto se al giorno d’oggi cosa si può fare e cosa non si può fare senza i Google Play Services.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare sviluppata in verticale, di color bianco e di fattura economica; l’apertura è laterale e una volta aperta troviamo l’alloggiamento contenente il Tablet, rimosso il quale sono presenti i due scatolini contenenti gli accessori; caricatore da 5V/1A 5W sulla sinistra e guida rapida, cavo USB-USB Tipo C e clip per l’apertura dell’alloggiamento per la microSD, sulla destra.

Costruzione, Ergonomia

Il Huawei Matepad T8 ha un corpo in plastica con bordi arrotondati, anche la cover posteriore è in plastica con buon touch & feel.

Il Matepad T8 è un tablet molto compatto con le cornici laterali molto sottili, infatti misura 199.7 x 121.1 x 8.6 mm per un peso di 310 g.

Sulla parte destra, troviamo, il bilanciere del volume e il pulsante di accensione/spegnimento, mentre sulla parte sinistra troviamo il cassettino per l’inserimento della microSD.

Sul lato superiore, in posizione centrale, troviamo l’altoparlante di sistema e alla sua sinistra l’ingresso per le cuffie, mentre sul lato inferiore, sulla destra troviamo il connettore microUSB.

Frontalmente, abbiamo una linea pulita con bordi laterali molto sottili e fotocamera frontale da 2 MP in alto, spostata sulla destra.

Posteriormente, sulla sinistra, troviamo la fotocamera posteriore da 5 MP.

Hardware

Il Matepad T8, monta un processore Mediatek MT8768 – Octa-core (4×2.0 GHz Cortex-A53 & 4×1.50 GHz Cortex A53) con una GPU PowerVR GE8320, 2GB di RAM e 16 GB di memoria interna, espandibile tramite microSD.

Alla voce connessioni, troviamo Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac Dual-Band, Bluetooth 5.0, GPS (con A-GPS).

Non è presente il sensore di impronte, mentre troviamo lo sblocco tramite riconoscimento del volto, rapido e preciso.

L’altoparlante offre una buona qualità audio, peccato che essendo posto sui uno dei due lati corti e per di più al centro è praticamente impossibile non coprirlo con una della due mani mentre si gioca o guarda un video.

Display

Il Matepad T8 ha un display IPS da 8 pollici con risoluzione HD (1280 x 800 pixel), un buon pannello, nulla di eccelso, ma nemmeno di scadente; prevista la possibilità di regolare la temperatura colore.

Perfetta la regolazione automatica della luminosità e la visibilità alla luce diretta del sole.

Software

La versione di Android attuale è la 10 con la EMUI in versione 10.1 come interfaccia e come detto non sono presenti i Google Play Services.

Il sistema gira sempre abbastanza fluido e durante le settimane di utilizzo non abbiamo mai riscontrato rallentamenti o impuntamenti ne riavvii accidentali, anche a fine giornata con molte app aperte.

Purtroppo non è presente la possibilità di poter spostare le App dalla memoria interna alla microSD (presente invece sul Amazon Fire HD) e con soli 16 GB (di cui una parte occupata dal sistema operativo) avremo presto il sistema pieno, dovendo sceglier quale app cancellare e quale tenere, davvero un peccato.

Prevista la possibilità di cambiare lo Stile della schermata Home, attivando il drawer delle app o l’opzione app gemella, che permette di utilizzare due account per Facebook, Messenger o WhatsApp; anche lo split screen non è presente.

Prevista, invece, la possibilità di eliminare i tasti on-screen alla base del display (back, home, task manager) per poter godere di un’esperienza a tutto schermo, in questo caso è l’opzione di default, sostituendoli con delle semplici gesture, ovvero, uno swipe da destra verso sinistra o da sinistra verso destra permetterà di tornare indietro (tasto back), uno swipe dal basso verso l’alto permetterà di tornare alla Home (tasto centrale Home) e sempre dal basso verso l’alto ma tenendo il dito premuto sullo schermo si accede alle app recenti aperte in background (tasto task manager). Dopo un po’ di apprendimento, verrà automatico e immediato l’utilizzo.

La mancanza dei Google Play Services, sostituiti dagli Huawei Mobile Services, certo si fa sentire e si può rimanere spiazzati ad un primo impatto, ma poi ci si rende conto che cambiare le proprio abitudini non è così difficile e si riesce a godere appieno del terminale.

Abbiamo fatto una guida specifica e dettagliata in merito (disponibile qui), ma come prima cosa Huawei consiglia di utilizzare Phone Clone, durante la configurazione iniziale, per poter passare non solo messaggi e chiamate, dal vecchio dispositivo al MatePad T8, ma anche di poter passare le app eventualmente non presenti su App Gallery.

Per es Facebook e scaricabile e installabile automaticamente dal sito, tramite App Gallery, quindi senza dover far nulla. Instagram invece è disponibile come Web App o scaricabile utilizzando un altro store come per esempio l’Amazon App Store.

Altre app come per es quelle di gestione dei NAS Synology, DS Photo o DS File, ma tramite Phone Clone, sono state installate automaticamente senza problemi e sono funzionanti al 100%.

Le uniche app che al momento non è possibile scaricare in nessun modo, sono quelle bancarie (ovviamente funzionalità accessibili via Web), proprio perchè usano tutte i Google Play Services, ma con il tempo sarà possibile utilizzare anche questo tipo di app.

Ovviamente non è possibile usare nemmeno le app proprietarie di Google, come Gmail, Maps e Youtube per esempio; ma in questo caso si può risolvere senza panico, ovvero, per Gmail è possibile configurare in un attimo l’app nativa E-mail, così come per altre mail; Maps è usufruibile (vediamo poi come) solo come pura navigazione, senza cronologia o impostazioni salvato come Casa o Lavoro, ma in alternativa si può utilizzare l’ottimo Waze; YouTube, invece, è disponibile come WebApp, quindi, basta solo pensare un po’ oltre gli schemi.

In tutto questo non bisogna dimenticare la parte Italiana di una delle più grandi Community mondiali, ovvero la HUAWEI Community Italia dove si fa un grandissimo lavoro per venire incontro a tutte le varie problematiche che gli utenti posso avere.

E proprio sotto quest’ottica che è nata TrovApp, tramite la quale reperire le app sugli smartphone con HMS, è un gioco da ragazzi. L’app è sviluppata in tutto e per tutto da un team tutto italiano proprio per aiutare gli utenti possessori degli ultimi dispositivi Huawei dotati di Huawei Mobile Services (HMS).

TrovApp è un vero e proprio motore di ricerca che aiuta agli utenti a capire dove poter scaricare le applicazioni desiderate, sia che queste si trovino sull’AppGallery di Huawei o su store terzi.

In questo momento TrovApp è in grado di trovare più di 1000 applicazioni tra le più diffuse e popolari in Italia. Le app per gli smartphone con Huawei Mobile Services non sono mai state così accessibili e numerose.

TrovApp scaricherà e installerà in contemporanea un’altra app, ovvero, APKPure, che altro non è che uno store alternativo sicuro e affidabile dal quale poter reperire le varie App.

Tra le App preinstallate troviamo:

AppGallery

La prima app da citare non poteva che essere AppGallery, proprio in virtù degli sforzi che il colosso Cinese sta facendo per rendere il suo store al pari di quello di Google.

Gestione tablet

Tramite l’app Gestione tablet è possibile, appunto gestire il MatePad effettuando varie operazioni, tra le cui, possiamo, chiudere le app che consumano molto, disinstallare le app che usiamo meno, impostare il risparmio energetico, controllare il consumo dei dati da parte delle app.

Temi
Con l’app Temi, è possibile personalizzare graficamente l’interfaccia, potendo scegliere tra molti temi sia gratis che a pagamento.

Kids Corner

Attivando Kids Corner potremmo tenere sotto controllo le attività dei nostri figli, gestendo il tempo di utilizzo e le app da utilizzare.

Kids Corner, inoltre, include quattro modalità di protezione degli occhi come filtro luce blu, avvisi postura, avvisi stradali accidentati, modalità eBook, per offrire un’esperienza di lettura ancora più confortevole.

Phone Clone

Come detto Phone Clone, è l’app di Huawei che viene consigliata per effettuare una copia delle impostazioni, sms, chiamate e app compatibili, dal vecchio telefono al nuovo telefono Huawei.

Non mancano un sempre utile file manager (Gestione File), Meteo, La Radio FMe le Note.

Fotocamera

Il Matepad T8 monta una fotocamera posteriore da 5 megapixel più che sufficiente per un utilizzo per bambini o fare foto al volo mentre si sta utilizzando il Tablet.

La fotocamera frontale è da 2 MP con apertura f/2.4 ed è appena sufficiente per qualche video chiamata.

L’app di gestione offre solo 2 scene pre impostate, ovvero Bellezza e Panorama.

Foto scattate con Huawei Matepad T8

Il video sono girati fino a FHD a 30fps.

Autonomia

Il Matepad T8 ha una batteria da 5100 mAh, ed è davvero inesauribile e complice processore, ottimizzazione e servizi Huawei meno bisognosi di energia, arrivare a due giorni di utilizzo continuo non è un’utopia.

Con un utilizzo stress, quindi 18h in wifi, due account mail in push, con una cinquantina tra mail scaricate e inviate, Facebook, Twitter in push, Telegram attivo e in push con diverse notifiche giornaliere, e utilizzando parecchi giochi durante la giornata, siamo arrivati a sera, con circa 6h di display acceso e il 50% di carica residua.

Conclusioni

Una volta preso in mano il Huawei Matepad T8 , quello che subito sorprende in positivo è la sua compattezza e maneggevolezza e un touch & feel davvero ottimo.

La domanda che viene posta più di frequente è se è possibile utilizzare un dispositivo senza Google Play Service e la risposta è assolutamente si, con qualche accorgimento e pochissime limitazioni (magari utilizzando un’app piuttosto di un’altra), una volta impostato il terminale, non si sentirà la mancanza Google Play Service. Per es al posto di Gmail si potrà utilizzare l’app E-mail senza alcun tipo di problema e al posto di Maps si potrà utilizzare Waze tranquillamente.

Attualmente è possibile trovare il Huawei Matepad T8, su Amazon e presso Huawei Store ad un prezzo ci 99.90 euro fino al 15 giugno, dopodiché il prezzo sarà di 119.00 euro.

Il prezzo è davvero interessante e competitivo ma purtroppo 16 GB di archivio interno, senza possibilità di installare/spostare le app sulla microSD (così come invece lo permette il nuovo Amazon Fire HD che di archivio interno ha 32 GB) crediamo sia troppo penalizzante, probabilmente Huawei avrebbe dovuto rivedere le sue politiche interne e per questo Tablet con 16 GB di archivio interno, prevedere la possibilità di spostare le app sulla memoria esterna.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 8″ IPS, HD (1280 x 800 pixel)
Fotocamera Frontale: 2 MP, f/2.4
Fotocamera Posteriore: 5 MP, f/2.2
Processore: Mediatek MT8768 – Octa-core (4×2.0 GHz Cortex-A53 & 4×1.50 GHz Cortex A53)
Processore Grafico: PowerVR GE8320
Memoria: 16 GB di memoria interna eMMC 5.1, espandibile con microSD fino a 512 GB, 2 GB RAM
Dimensioni / peso: 199.7 x 121.1 x 8.6, peso 310 g
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth v5.0, A2DP, LE
Batteria: Ai polimeri di litio da 5100 mAh
Certificazione: Non presente
NFC: No
IRDA: No
USB: microUSB 2.0, USB On-The-Go
3.5mm jack:
– GPS: Si con A-GPS, GLONASS, BDS
Radio: No
Lettore di impronte: No
Sistema operativo: Android 10, EMUI 10, senza Google Play Services

Costruzione / Ergonomia
8/10
Hardware
9/10
Materiali
9/10
Display
9/10
Fotocamera
9/10
Software
9/10
Autonomia
9/10
Prezzo
8/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10

Presentato qualche giorno fa (qui la notizia), e disponibile da subito, abbiamo deciso di provare il nuovo Huawei MATEPAD T8.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare sviluppata in verticale, di color bianco e di fattura economica; l’apertura è laterale e una volta aperta troviamo l’alloggiamento contenente il Tablet, rimosso il quale sono presenti i due scatolini contenenti gli accessori; caricatore da 5V/1A 5W sulla sinistra e guida rapida, cavo USB-USB Tipo C e clip per l’apertura dell’alloggiamento per la microSD, sulla destra.

Prime Impressioni

Il Huawei Matepad T8 ha un display IPS da 8 pollici con risoluzione HD (1280 x 800 pixel); monta un processore Mediatek MT8768 – Octa-core (4×2.0 GHz Cortex-A53 & 4×1.50 GHz Cortex A53), 2 GB di RAM e 16 GB di memoria interna espandibili tramite microSD. Il comparto fotocamera è composto da una cam da 5 MP, f/2.2 al posteriore che e da 2 MP, f/2.4 all’anteriore.

Esteticamente abbiamo corpo e cover in plastica con buon touch & feel.

Huawei dichiara fino a 12 ore di durata della batteria, di riproduzione video locale continua; capiremo durante i nostri test se questo valore è attendibile o meno.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 8″ IPS, HD (1280 x 800 pixel)
Fotocamera Frontale: 2 MP, f/2.4
Fotocamera Posteriore: 5 MP, f/2.2
Processore: Mediatek MT8768 – Octa-core (4×2.0 GHz Cortex-A53 & 4×1.50 GHz Cortex A53)
Processore Grafico: PowerVR GE8320
Memoria: 16 GB di memoria interna eMMC 5.1, espandibile con microSD fino a 512 GB, 2 GB RAM
Dimensioni / peso: 199.7 x 121.1 x 8.6, peso 310 g
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth v5.0, A2DP, LE
Batteria: Ai polimeri di litio da 5100 mAh
Certificazione: Non presente
NFC: No
IRDA: No
USB: microUSB 2.0, USB On-The-Go
3.5mm jack:
– GPS: Si con A-GPS, GLONASS, BDS
Radio: No
Lettore di impronte: No
Sistema operativo: Android 10, EMUI 10, no Google Play Services

Presentato qualche settimana fa (qui la notizia), e disponibile dal 3 giugno, abbiamo deciso di provare il nuovo Amazon Fire HD 8.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare sviluppata in verticale, di color arancione con tutte le sigle e le info del caso; appena aperta troviamo l’alloggiamento di cartone, contenente il tablet e in basso lo scompartimento con gli accessori, guida rapida, cavo USB-USB Tipo C e caricatore da 5.25V/1A 5W

Prime Impressioni

L’Amazon Fire HD 8 ha un display IPS da 8 pollici con risoluzione HD (1280 x 800 pixel); monta un processore MediaTek MT8168 (12 nm) – Quad-core 2.0 GHz Cortex-A53, 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna espandibili tramite microSD. Il comparto fotocamera è composto da una cam da 2 MP sia al posteriore che all’anteriore.

Esteticamente abbiamo corpo e cover in plastica con buon touch & feel.

Con la batteria da 4850 mAh, Amazon dichiara fino a 12 ore di autonomia, con un utilizzo misto, per navigare sul web, guardare video, ascoltare musica e molto altro; capiremo durante i nostri test se questo valore è attendibile o meno.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 8″ IPS, HD (1280 x 800 pixel)
Fotocamera Frontale: 2 MP
Fotocamera Posteriore: 2 MP
Processore: MediaTek MT8168 (12 nm) – Quad-core 2.0 GHz Cortex-A53
Processore Grafico: Mali-G52 MC1
Memoria: 32 GB di memoria interna, espandibile con microSD, 2 GB RAM
Dimensioni / peso: 202 x 137 x 9.7 mm, peso 355 g
Batteria: Ai polimeri di litio da 4850 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band – Bluetooth v5.0, A2DP, LE
Certificazione: Non presente
NFC: No
IRDA: No
USB: 2.0, Type-C 1.0
3.5mm jack:
– GPS: No
Radio: No
Lettore di impronte: No
Sistema operativo: Android 9.0 (Pie), Fire OS 7

0 1500

Presentato e disponibile da Agosto, abbiamo avuto modo di usare il Samsung Galaxy Tab S4 (qui la preview), per qualche settimana, vediamo come si è comportato.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare, abbastanza curata. Rimosso il tablet, abbiamo accesso agli accessori, tutti racchiusi in un piccolo spazio al centro della scatola, nonostante l’ampio spazio a disposizione. Troviamo quindi, il cavo USB-USB Tipo C, la S Pen con punte sostitutive e pinzetta per la sostituzione, il caricatore da 9V/1.67A, e la solita manualistica. Purtroppo, come per il Galaxy Tab S3 (qui la nostra prova), nonostante la collaborazione con AKG, non sono presenti gli auricolari.

Costruzione, Ergonomia

Il Samsung Galaxy Tab S4 ha il classico form factory della linea Tablet di Samsung, molto sottile e leggero e tutto sommato le dimensioni e peso sono contenute, infatti il Galaxy Tab S4 misura 249.3 x 164.4 x 7.1 mm, per un peso di 482 grammi.

Esteticamente troviamo un corpo profilo in metallo opaco con la cover posteriore in vetro, la presa è salda e il grip è ottimo.

Sulla destra troviamo il pulsante di accensione/spegnimento, il bilanciere per il volume e lo slot per l’alloggiamento per la microSD sulla parte sinistra troviamo, il connettore per la tastiera. Sul lato superiore troviamo due dei 4 altoparlanti progettati assieme alla AKG, mentre su quello inferiore troviamo la porta Usb Type-C, l’ingresso per il jack da 3.5mm. e gli altri due altoparlanti.

Frontalmente , nella parte superiore, troviamo la cam anteriore da 8MP e i sensori, mentre non è più presente il classico pulsante Samsung, nella parte inferiore; posteriormente, in alto in posizione centrale troviamo la fotocamera da 13MP e, poco sotto, il Flash LED.

Hardware

Il Samsung Galaxy Tab S4 monta un processore Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 (10 nm) – Octa-core (4×2.35 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo)  con 4 Gb di Ram e con una memoria interna di 64 Gb espandibile tramite micro SDXC fino a 400Gb.

Il Galaxy Tab S4 è dotato di 4 altoparlanti stereo quadrifonici, realizzati da AKG by Harman, 2 sulla parte superiore e 2 sulla parte inferiore che consentono una propagazione del suono ideale da ogni angolazione, seguendo automaticamente l’orientamento dello schermo.

Come per il predecessore, anche in questo caso non è presente l’NFC, secondo noi un grave mancanza su un prodotto di questo livello.

Tastiera

Come accessorio è presente la cover/tastiera che oltre ad avere l’alloggiamento per la S-Pen, completa il Tab S4, rendendolo ancora più elegante e professionale. L’aggancio è magnetico e una volta agganciato il tablet resta leggermente inclinato rendendo molto comodo sia per un utilizzo office che per guardare un film.
La tastiera è davvero ottima, i tasti sono sufficientemente grandi e distanti con un’ottima corsa, peccato che non sia retroilluminata; con le moderne tecnologia a LED non credo che la retroilluminazione avrebbe influito sulla durata, ma avrebbe sicuramente migliorato il già ottimo utilizzo.

S-Pen

La S Pen è stata ridisegnata per offrire la stessa esperienza d’uso di una normale penna, e la forma completamente tonda risultare comoda anche con un uso prolungato, complice anche il peso di sono 9.1 grammi. La punta è di soli 0,7 mm, per una scrittura scorrevole, e in accoppiata con digitalizzatore Wacom di cui il Galaxt Tab S4 è dotato che può riconoscere fino a 4096 livelli di pressione permette un’esperienza d’uso davvero di alto livello.

Con la funzione Always On Memo è possibile prendere appunti a schermo inattivo senza bisogno di sbloccarlo.

Display

Il Samsung GalaxyTab S4 ha un display SUPER Amoled da 10.5 pollici con risoluzione WQXGA (2560 x 1600), ed è un ottimo pannello, come tutti i display Samsung, ovviamente prevista la possibilità di regolare la temperatura colore.

Perfetta la regolazione automatica della luminosità e la visibilità alla luce diretta del sole.

Software

La versione di Android è la 8.1 (Oreo) e l’interfaccia è la classica Samsung Experience 9.5.

Il sistema gira sempre fluido e privo di lag e impuntamenti di qualsiasi tipo, complici l’ottimo processore e i 4GB di RAM.

Con la S Pen è possibile sfruttare a meglio il Tab S4 potendo prendere rapidamente appunti, come detto, anche a schermo bloccato, tradurre al volo dei testi, ridurre a icona le applicazioni o scrivere direttamente sui pdf.

 

Nelle impostazioni troviamo Manutenzione Dispositivo, tramite il quale sarà possibile controllare e ottimizzare il consumo della Batteria e il risparmio energetico, controllare e gestire lo spazio di Archiviazione e la RAM, proteggere il dispositivo da eventuali minacce come virus e malware.

Con Area Personale sarà possibile creare una partizione protetta da password, impronta o codice, dove all’interno potremmo mettere app, documenti, foto.

Sempre tante le app preinstallate da Samsung, non come in passato, ma ce ne sono un bel po’, tra queste troviamo, un pacchetto microsoft (contenente Excel, PowerPoint, OneNote, OneDrive, Word e Skype), Facebook, Samsung Notes, PenUp, Meteo con widget, Browser Internet Samsung, Archivio, E-mail, Galaxy Apps (lo store proprietario), Samsug Flow e Calcolatrice.

Fotocamera

Anche se la fotocamera su un tablet non ha la stessa importanza che ha su uno smartphone, soprattutto per la facilità di uso, sul Tab S4 è presente una fotocamera posteriore con un sensore da 13 megapixel e Flash LED.

L’app di gestione non offre molte scene pre impostate tra cui scegliere, troviamo, Auto, Pro, Panoramica, Hyperlapse, Scatto multiplo, HDR, Cibo, Scatto virtuale, ma è possibile scaricarne altre stesso dall’app.

La messa a fuoco e lo scatto sono abbastanza veloci e le foto sono di livello discreto, così come i video.

Anteriormente è presente una fotocamera da 8 megapixel, ottima per video chiamate aziendali.

Autonomia

La batteria da 7300 mAh offre una ottima autonomia, con un uso medio si riesce a coprire abbondantemente le due giornate piene di utilizzo. Con un uso solo prettamente lavorativo, la giornata di autonomia è sempre garantita. Presente anche il risparmio energetico.

Conclusioni

Il tablet Samsung Galaxy Tab S4 si è ben comportato durante la nostra prova senza mostrare  problemi, accompagnandoci durante le attività giornaliere, sia di svago che lavorative.

La batteria è davvero ottima, la fotocamera è più che discreta per un tablet, e l’audio è davvero strepitoso.

Presentato all’esorbitante prezzo di 799 euro, attualmente è possibile reperire il Samsung Galaxy Tab S4 al più accessibile prezzo di circa 600 euro, ancora abbastanza alto, ma la S Pen è sicuramente un accessorio unico e per alcuni indispensabile. Purtroppo per la per la custodia con tastiera annessa, presente nella nostra prova, vanno aggiunti altri 50 euro, avvicinandosi paurosamente come prezzo agli ultrabook.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 10.5″ 16:10 Super AMOLED WQXGA (2560 x 1600)
Fotocamera Frontale: 8 MP – Video: 1080p@30fps
Fotocamera Posteriore: 13 MP, LED flash – Video: 2160p@30fps
Processore: Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 (10 nm) – Octa-core (4×2.35 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo)
Processore Grafico: Adreno 540
Memoria: 64GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 400GB, 4GB RAM
Dimensioni / peso: 249.3 x 164.3 x 7.1 mm, peso 482g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 7300 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth 5.0, A2DP, LE
Reti: LTE Cat. 16 DL 1024 Mbps DL, 150 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Certificazione: NON presente
NFC: No
IRDA: No
USB: 3.1, Type-C 1.0
GPS: Sì, con A-GPS, GLONASS, BDS, GALILEO
Radio: No
Lettore di impronte: No
Scansione dell’iride:
Sistema operativo: Android 8.1 (Oreo) con Samsung Experience 9.5
Sim: Nano-SIM

Costruzione / Ergonomia
9/10
Hardware
8/10
Materiali
9/10
Display
9/10
Fotocamera
8/10
Software
8/10
Autonomia
9/10
Prezzo
8/10
Qualità / Prezzo
8/10

Presentato e disponibile da Agosto, abbiamo avuto modo di provare il Samsung Galaxy Tab S4. Vediamo le prime impressioni d’uso.

Confezione

La confezione è di forma rettangolare, abbastanza curata. Rimosso il tablet, abbiamo accesso agli accessori, tutti racchiusi in un piccolo spazio al centro della scatola, nonostante l’ampio spazio a disposizione. Troviamo quindi, il cavo USB-USB Tipo C, la S Pen con punte sostitutive e pinzetta per la sostituzione, il caricatore da 9V/1.67A, e la solita manualistica. Purtroppo, come per il Galaxy Tab S3 (qui la nostra prova), nonostante la collaborazione con AKG, non sono presenti gli auricolari.

Prime Impressioni

Il Galaxy Tab S4 ha un display Super AMOLED da 10.5” 16:10 con risoluzione WQXGA (2560 x 1600), monta un processore Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 (10 nm) – Octa-core (4×2.35 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo)4GB di RAM e 64GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 400GB. La fotocamera principale ha sensore da 13 MP, mentre la fotocamera Frontale ha un sensore da 8MP.

Esteticamente presenta un corpo in metallo opaco, mentre la scocca posteriore è in vetro, davvero molto bello.

La batteria da 7300 mAh dovrebbe riuscire a coprire la giornata di utilizzo.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 10.5″ 16:10 Super AMOLED WQXGA (2560 x 1600)
Fotocamera Frontale: 8 MP – Video: 1080p@30fps
Fotocamera Posteriore: 13 MP, LED flash – Video: 2160p@30fps
Processore: Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 (10 nm) – Octa-core (4×2.35 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo)
Processore Grafico: Adreno 540
Memoria: 64GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 400GB, 4GB RAM
Dimensioni / peso: 249.3 x 164.3 x 7.1 mm, peso 482g.
Batteria: Ai polimeri di litio da 7300 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot – Bluetooth 5.0, A2DP, LE
Reti: LTE Cat. 16 DL 1024 Mbps DL, 150 Mbps UP; HSPA+ 42/5.76 Mbps
Certificazione: NON presente
NFC: No
IRDA: No
USB: 3.1, Type-C 1.0
GPS: Sì, con A-GPS, GLONASS, BDS, GALILEO
Radio: No
Lettore di impronte: No
Scansione dell’iride:
Sistema operativo: Android 8.1 (Oreo) con Samsung Experience 9.5
Sim: Nano-SIM

Disponibile da Luglio (qui la notizia), il Samsung Galaxy Book 12.0, è senza alcun dubbio tra i migliori 2 in 1 presenti sul mercato, abbiamo avuto modo di provarlo per un paio di settimane, vediamo come si è comportato.

Confezione

La confezione è molto curata ed elegante, e oltre al Galaxy Book, sono presenti il caricatore da 12V/2.1A, 9V/1.67A, 5V/2A, il cavetto USB-Type-C, la S Pen con punte di ricambio (con relativa pinzetta per la sostituzione) e un’asola da poter attaccare alla cover/tastiera.

Costruzione, Ergonomia

Il Samsung Galaxy Book 12.0, è un notebook 2 in 1 ben realizzato e da un peso davvero contenuto, infatti pesa solo 0.754 kg e le dimensioni sono molto compatte, 199.8 x 291.3 x 7.4 mm.

Sul lato sinistro troviamo, uno dei due speaker e poco sotto lo slot per la microSD, mentre sul lato destro, troviamo l’altro speaker, le due porte USB Tipo C e lo spinotto per le cuffie.

Sulla parte superiore della cornice troviamo la web cam frontale 5 megapixel, mentre la principale da 13 megapixel e posizionata sul retro.

La tastiera è retroilluminata, i tasti sono grandi e ben distanziati e il feedback è ottimo; il trackpad è di ottima fattura, molto grande e preciso.

Hardware

Il sample ricevuto monta un processore Intel Core i5-7200U (Kaby Lake) Dual-core da 2.50 GHz e un processore grafico Intel HD Graphics 620, la memoria RAM presente è da 8GB, mentre il disco SSD, è da 256GB.

Display

Il display della versione in prova, è un 12 pollici Super AMOLED touch screen FHD+ (2160 x 1440), disponibile una versione con display da 10.1 pollici. Il pannello è davvero ottimo ed è ben visibile sia al chiuso che all’aperto, anche con la luce diretta del sole.

Utilizzo

Il Samsung Galaxy Book 12.0 viene fornito con la versione 10 di Windows come sistema operativo. Troviamo, quindi, tutti i programmi e le funzionalità di Windows in versione Desktop.

Windows 10 Home “gira” bene e complici il buon processore, gli 8 GB di memoria RAM e la SSD, è possibile effettuare quasi tutte le attività senza alcun tipo di problema. Nessun problema con editing di immagini complesse e rendering video.

Ottima la tastiera qwerty completa (manca solo il tastierino numerico), dotata di tasti a isola e retroilluminata. Ottimo anche il trackpad.

Software

I programmi installati, oltre a quelli di prova come il pacchetto Office e MacAfee Antivirus, sono pochi e si riducono a Samsung Flow, Samsung Notes e Samsung Recovery.

Samsung Flow permette di utilizzare uno smartphone Samsung per sbloccare il tablet e condividere dati tra i due; Samsung Notes, è stata pensata per sfruttare al meglio la S Pen inclusa, infatti è stato inserito anche Air Comand proprio come la serie Note.

Autonomia

La batteria da 5070 mAh assicura un’ottima autonomia ma dipende dall’utilizzo che si fa, ovvero con un utilizzo office e web, si riescono a coprire le 10h di utiilzzo, mentre con attività più pesanti, come rendering o giochi, si può arrivare anche a solo 3/3.5h di autonomia.

Conclusioni

Il Samsung Galaxy Book 12.0 è davvero ottimo prodotto, dalle ottime caratteristiche hardware, con peso piuma e uno spessore accettabile. Nelle due settimane di utilizzo lo abbiamo utilizzato davvero molto e per tutti gli utilizzi e siamo rimasti davvero colpiti dalla sua completa sfruttabilità.

Attualmente è possibile trovare il Samsung Galaxy Book 12.0 ad un prezzo poco sopra ai 1100 euro, certo non alla portata di tutti, ma in linea con quanto offerto dal mercato 2 in 1.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Processore e chipset: Intel Core i5-7200U (Kaby Lake) – Dual Core, 2.50GHz
Processore grafico: Integrated Intel HD Graphics 620
Memoria: 8GB LPDDR3
Capacità SSD: 256 GB
Drive ottico: NO
Display: 12.0″ Super AMOLED touchscreen FHD+ (2160 x 1440)
Wireless LAN: 802.11 a/b/g/n/ac 2.4G+5GHz, VHT80 MIMO
Standard Bluetooth: Bluetooth 4.1, A2DP, AVRCP, DI, DUN, HFP, HID, HOGP, OPP, PAN
Webcam: Webcam frontale 5.0 MP – principale 13.0 MP
Microfono:
Altoparlanti: 
Lettore impronte digitali: No
Porte USB 3.0: 0
Porte USB Tipo C: 2
Rete (RJ-45): No
HDMI: No
Jack Audio: Sì, 3.5mm
Lettore di schede SD/SDXC: Sì
NFC: No
GPS: Sì con Glonass
Sistema operativo: Windows 10 Home
Retroilluminazione tastiera: Sì
Batteria: 5070 mAh Polimeri di litio
Dimensioni: 199.8 x 291.3 x 7.4 mm – Peso 0.754 kg

Voti

Costruzione / Ergonomia
9/10
Hardware
9/10
Materiali
9/10
Display
9/10
Software
8/10
Autonomia
8/10
Prezzo
7/10
Rapporto qualità / prezzo
8/10

0 2896

Presentato all’ultimo Mobile World Congress di Barcellona a Febbraio, abbiamo avuto modo di usare il Samsung Galaxy Tab S3, per qualche settimana, vediamo come si è comportato.

Confezione

Nella confezione troviamo il cavo USB-USB Tipo C, la S Pen con punte sostitutive e pinzetta per la sostituzione, il caricatore da 9V/1.67A, e la solita manualistica. Purtroppo, nonostante la collaborazione con AKG, non sono presenti gli auricolari.

Costruzione, Ergonomia

Il Samsung Galaxy Tab S3 ha il classico form factory della linea Tablet di Samsung, molto sottile e leggero, ma con le cornici superiori e inferiori un po’ spesse. Tutto sommato le dimensioni e peso sono contenute, infatti il Galaxy Tab S3 misura 237.3 x 169 x 6 mm, per un peso di 429 grammi.

Esteticamente troviamo un corpo profilo in metallo opaco con i bordi arrotondati con la cover posteriore in vetro, la presa è salda e il grip è ottimo.

Sulla destra troviamo il pulsante di accensione/spegnimento, il bilanciere per il volume e lo slot per l’alloggiamento per la microSD sulla parte sinistra troviamo, il connettore per la tastiera. Sul lato superiore troviamo due dei 4 altoparlanti progettati assieme alla AKG, mentre su quello inferiore troviamo la porta Usb Type-C, l’ingresso per il jack da 3.5mm. e gli altri due altoparlanti.

Frontalmente , nella parte superiore, troviamo la cam anteriore da 5MP e i sensori, mentre nella parte inferiore, il classico pulsante Samsung, che fa da tasto home e ha integrato il sensore delle impronte, con ai suoi lati i soft touch per app recenti e indietro; posteriormente, in alto in posizione centrale troviamo la fotocamera da 13MP e, poco sotto, il Flash LED.

Hardware

Il Samsung Galaxy Tab S3 monta un processore Qualcomm MSM8996 Snapdragon 820 Quad-core (2×2.15 GHz Kryo & 2×1.6 GHz Kryo)  con 4 Gb di Ram e con una memoria interna di 32 Gb espandibile tramite micro SDXC fino a 256Gb.

Il Galaxy Tab S3 è dotato di 4 altoparlanti stereo quadrifonici, realizzati da AKG by Harman, 2 sulla parte superiore e 2 sulla parte inferiore che consentono una propagazione del suono ideale da ogni angolazione, seguendo automaticamente l’orientamento dello schermo.

La S Pen è stata ridisegnata per offrire la stessa esperienza d’uso di una normale penna, ma la forma non completamente tonda può risultare scomoda con un uso prolungato. La punta è stata ridimensionata ed ora è di soli 0,7 mm, per una scrittura scorrevole, e in accoppiata con digitalizzatore Wacom di cui il Galaxt Tab S3 è dotato che può riconoscere fino a 4096 livelli di pressione permette un’esperienza d’uso davvero di alto livello.

Purtroppo non è presente l’NFC, secondo noi un grave mancanza su un prodotto di questo livello.

Display

Il Samsung GalaxyTab S3 ha un display SuperAmoled da 9.7 pollici QXGA (2048 × 1536), e come tutti i display Samsung, è ottimo, molto luminoso e sempre ben visibile anche sotto la luce diretta del sole.

Software

La versione di Android è la 7.0 (Nougat) e l’interfaccia è la classica Samsung Experience 8.1.

Il sistema gira sempre fluido e primo di lag e impuntamenti di qualsiasi tipo, complici anche il processore e i 4GB di RAM.

Con la S Pen è possibile sfruttare a meglio il Tab S3 potendo prendere rapidamente appunti, anche a schermo bloccato, tradurre al volo dei testi, ridurre a icona le applicazioni o scrivere direttamente sui pdf.

Nelle impostazioni troviamo Manutenzione Dispositivo, tramite il quale sarà possibile controllare e ottimizzare il consumo della Batteria e il risparmio energetico, controllare e gestire lo spazio di Archiviazione e la RAM, proteggere il dispositivo da eventuali minacce come virus e malware.

Sempre tante le app preinstallate da Samsung, non come in passato, ma ce ne sono un bel po’, tra queste troviamo, un pacchetto microsoft (contenente Excel, PowerPoint, OneNote, OneDrive, Word e Skype), Facebook, Samsung Notes, PenUp, Meteo con widget, Browser Internet Samsung, Archivio, E-mail, Galaxy Apps (lo store proprietario), Samsug Flow e Calcolatrice.

Con Area Personale sarà possibile creare una partizione protetta da password, impronta o codice, dove all’interno potremmo mettere app, documenti, foto.

Con Modalità Bambino, sarà possibile creare un ambiente ad hoc per poter far utilizzare il tablet ai bambini, modificando l’interfaccia e abilitando solo le app che decidiamo noi. Sono inoltre presenti una serie di giochi e di app da scaricare e installare.

Fotocamera

Anche se la fotocamera su un tablet non ha la stessa importanza che ha su uno smartphone, soprattutto per la facilità di uso, sul Tab S3 è presente un sensore da 13 megapixel.

L’app di gestione non offre molte scene pre impostate tra cui scegliere, troviamo, Auto, Pro, Panoramica, Hyperlapse, Scatto multiplo, HDR, Cibo, Scatto virtuale, ma è possibile scaricarne altre stesso dall’app.

La messa a fuoco e lo scatto sono abbastanza veloci e le foto sono di livello discreto, così come i video.

Anteriormente è presente una fotocamera da 5 megapixel, giusto per qualche selfie e qualche video chiamata.

Autonomia

La batteria da 6000 mAh offre una ottima autonomia, con un uso medio si riesce a coprire abbondantemente le due giornate piene di utilizzo. Con un uso solo prettamente lavorativo, la giornata di autonomia è sempre garantita. Presente anche il risparmio energetico.

Conclusioni

Il tablet Samsung Galaxy Tab S3 si è ben comportato durante la nostra prova senza mostrare  problemi, accompagnandoci durante le attività giornaliere, sia di svago che lavorative.

La batteria è davvero ottima, la fotocamera è più che discreta per un tablet, forse quella anteriore è un pò sottodimensionata.

Presentato all’esorbitante prezzo di 700 euro, attualmente è possibile reperire il Samsung Galaxy Tab S3 al più accessibile prezzo di circa 450 euro, ancora abbastanza alto, ma la S Pen è sicuramente un accessorio unico e per alcuni indispensabile.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Display: 9.7″ SuperAMOLED QXGA (2048 × 1536)
Fotocamera Frontale: 5 MP, f/2.2, Flash LED
Fotocamera Posteriore: 13 MP, f/1.9, Flash LED
Processore: Qualcomm MSM8996 Snapdragon 820 Quad-core (2×2.15 GHz Kryo & 2×1.6 GHz Kryo)
Processore Grafico: Adreno 530
Memoria: 32GB di memoria interna, espandibile tramite micro sd fino a 256GB (slot dedicato), 4GB RAM
Dimensioni / peso: 237.3 x 169 x 6 mm, peso 429g.
Batteria: Agli ioni di litio da 6000 mAh (non removibile)
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Wi-Fi Direct, hotspot, Bluetooth v4.2, A2DP, LE
NFC: No
USB: 3.1, Type-C 1.0 reversible connector; magnetic connector
GPS: Sì – A-GPS, GLONASS, BDS, GALILEO
Radio: No
Lettore di impronte: Sì
Sistema operativo: Android 7.0 (Nougat)
Sim: Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)

Costruzione / Ergonomia
9/10
Hardware
8/10
Materiali
9/10
Display
9/10
Fotocamera
8/10
Software
8/10
Autonomia
9/10
Prezzo
8/10
Qualità / Prezzo
8/10

0 1949

Lo ZenPad 3 8 (qui la preview) è il fratello minore dello ZenPad 3s 10 (qui la recensione), vediamo come si è comportato nelle due settimane di utilizzo.

Confezione

La confezione, è molto contenuta, con scritte e apertura in orizzontale. Rimosso lo ZenPad, troviamo gli accessori, che si riducono al cavetto USB-USB Type-C, al caricatore da 5.2V e 1A e alla manualistica. Peccato non aver incluso un paio di auricolari, sarebbero stati utili, essendo lo ZenPad 3 dotato di modulo telefonico.

Costruzione Ergonomia e display

Lo Zenpad 3 8 ha un display da 7.9” con risoluzione QXGA (1536 x 2048) e le sue dimensioni sono ridotte, infatti è largo 136.4 mm x 205.4mm di altezza ed ha uno spessore di 7.6mm e un peso di 320 grammi.

Sulla destra troviamo bilanciere per il volume e il pulsante di accensione/spegnimento mentre sulla parte sinistra troviamo lo slot per l’alloggiamento per la microSD e la microSIM, protetti da un generoso sportellino. Sul lato inferiore troviamo la porta Usb Type-C e il microfono, mentre nella parte superiore troviamo l’ingresso per il jack da 3.5mm.

Frontalmente , nella parte superiore, troviamo la cam anteriore da 5MP e i sensori, e ai due estremi i due altoparlanti di sistema, molto performanti, con il superiore che fa anche da capsula auricolare; posteriormente, nell’angolo in alto a sinistra, troviamo la fotocamera, da 8MP.

Lo Zenpad 3 8 monta un processore Qualcomm Snapdragon 650, Hexa-core fino a 1.8 GHz (4×1.4 GHz Cortex-A53 & 2×1.8 GHz Cortex-A72), 2GB di RAM e 16GB di memoria intera, espandibile tramite microSD fino a 256GB; presente anche il modello con 4GB di RAM e 32GB di memoria interna.

Lo ZenPad 3 8 ha un cornice arrotondata, con finitura in metallo spazzolato, è realizzata utilizzando la tecnologia “NCVM” per il rivestimento in metallo delle parti in plastica, per offrire la leggerezza del policarbonato e l’eleganza della finitura metallica. Posteriormente, invece, troviamo una cover in policabornato che ricorda lavorazione in pelle, piacevole da impugnare.

Software

La versione di Android è la 6.0 e l’interfaccia è la classica zenUI di Asus, molto gradevole e semplice da usare; durante il nostro test, il sistema è stato aggiornato ad Android 7.0 Nougat.

Merito più dell’ottimizzazione che dell’hardware, durante il nostro utilizzo, lo ZenPad 3 8 non ha mai avuto rallentamenti, blocchi, riavvi o problemi di ogni genere, il sistema gira sempre fluido anche con molte app aperte in background.

Con Gestione Mobile, sarà possibile controllare le app che si avviano alla partenza del sistema, individuare e risolvere eventuali errori delle app stesse. Modalità Risparmio Energetico, con tre tipologie disponibili (Modalità Prestazioni, Normale, Risparmio Energia, Risparmio Super Personalizzato)

Appunto rapido, Do It Later, per fare liste di cose da fare.

PhotoCollage, tramite la quale potremmo mettere assieme le nostre foto.