Wiko

0 33

Rete sociale”. Questa la traduzione, in italiano, di social network, una delle parole più famose e utilizzate degli ultimi decenni. Da anni ormai protagonisti indiscussi della nostra quotidianità e di lunghi dibattiti sul loro utilizzo, sembrano oggi riscuotere sempre più successo. Gli italiani iscritti a queste “reti” sono infatti il 58% – il 6,4% in più rispetto al 2019 – con un picco di utenza tra i 25 e 34 anni e un tempo medio di utilizzo di circa 2 ore al giorno (fonti: GSMA Intelligence, Global Web Index, Q3 2019).

In questi giorni così particolari per il nostro Paese e più in generale per il mondo, i social network sembrano avere riacquistato il senso primordiale della loro essenza: creare una rete con valenza e utilità “sociale” in grado di generare “condivisione”. È proprio questo quello che Wiko, brand franco-cinese di telefonia, è andato a indagare coinvolgendo la sua Instagram community con un sondaggio.

Il 69% dei rispondenti alla survey di Wiko ha confermato il boom del momento e quindi un utilizzo dei social più frequente rispetto alla normalità, con una predilezione significativa per una fruizione tramite smartphone (95%) rispetto a PC o tablet (5%). La ragione di tutto ciò è semplice: essere sui social, oggi, fa sentire meno soli il 68% degli utenti. Ecco allora che torna il significato alla base della loro creazione. Cionostante un buon 32% preferisce sfruttare questo tempo diversamente, facendo un po’ di digital detox per evitare di leggere troppe informazioni negative.

Considerati sia fonte di informazione che di intrattenimento, l’84% ha dichiarato di utilizzarli per intrattenersi, risposta dettata forse dalla necessità di svago particolarmente ricercata in questo momento. Ad esempio, il 29% degli utenti sta seguendo dirette e allenamenti offerti dai diversi personal coach per tenersi in forma e combattere la sedentarietà, mentre solo il 7% ha deciso di approfittare del momento per imparare una nuova lingua.

Se da un lato ci si vuole intrattenere, dall’altro chi produce contenuti di questo genere utilizzando quindi i social in maniera attiva – ovvero creando qualcosa per gli altri – è solo il 16% degli utenti. L’84% preferisce scorrere tra post e stories degli altri, tra amici, influencer, artisti affermati e nuovi talenti. Su una cosa gli utenti interrogati sono quasi tutti d’accordo (82%): per esorcizzare le paure, le angosce e le ansie del momento si può anche ironizzare con meme e GIF ad hoc, purché non si cada nel cattivo gusto.

Social e gap generazionale? Un mito da sfatare. La tecnologia è sempre più democratica e alla portata di tutti, oggi più che mai, soprattutto a favore dei nostri cari e amati nonni. Nonostante in questo momento non possiamo stare loro accanto come vorremmo il 36% dei rispondenti è riuscito ad abbracciare, seppur virtualmente, i propri nonni o a strappargli un sorriso o la preziosa ricetta di famiglia proprio grazie ai social.

Insomma, sembra che davvero i pro del loro utilizzo, in questa situazione, abbiano superato i contro. Forse siamo entrati in una vera e propria epoca di “condivisione sociale” 4.0 in cui riusciamo ad azzerare le distanze e le paure anche grazie al nostro smartphone?

Allora, #graziesocial!

0 49

In questo periodo di isolamento sono tanti gli italiani che stanno riscoprendo alcune delle loro passioni e aspirazioni. C’è chi ha iniziato quel corso di pilates procrastinato da mesi, chi si sta impegnando nello studio di una nuova lingua, ma soprattutto sono sempre più numerosi quelli che, avendo maggiore tempo a disposizione, si stanno dedicando alla lettura.

Pur non essendo una nazione di lettori incalliti, la quarantena sta dando l’opportunità anche agli italiani più pigri di aprire le pagine di un libro e ritagliarsi del tempo per sé.

Parliamo di pagine perché, secondo il sondaggio che Wiko, il brand franco-cinese di telefonia, ha effettuato sui suoi follower di Instagram, nel 78% dei casi il libro cartaceo è preferito ai vari e-book e supporti digitali. Il fascino della carta resta intatto e, c’è di più, la trama del libro – spesso riportata sulla sovraccoperta – è ciò che conquista il 60% dei lettori.

È così che Wiko, da sempre sostenitore di un utilizzo moderato, etico e coscienzioso dello strumento smartphone, ha voluto supportare questa virtuosa riscoperta della lettura interpellando una nota “book influencer” italiana, Petunia Ollister.

Petunia, che fotografa con la tecnica del flat lay le sue book breakfast su Instagram fornendo spunti di lettura ai suoi follower, ha fornito 3 utili consigli a Wiko per affascinare e formare i nuovi lettori di domani.

  1. Quali libri riscoprire? È il periodo giusto per affrontare con la dovuta tranquillità i libri di grande mole – consiglia Petunia – quelli che ci hanno sempre un po’ spaventato per il timore di non riuscire ad arrivare alla fine. Autori classici come Victor Hugo, Fëdor Dostoevskij, Honoré de Balzac, Charles Dickens, Thomas Mann ma anche contemporanei come David Foster Wallace, Don DeLillo, Haruki Murakami e Stephen King sono ideali per farci compagnia in queste lunghe giornate.
  2. In quali momenti leggere? Siamo tutti in casa, si sa, ma non siamo in vacanza, motivo per cui il tempo di lettura deve essere scelto accuratamente tra gli impegni di lavoro e quelli che impone la vita familiare. Il miglior momento per leggere, secondo Petunia, è la sera dopo cena, con lo stesso spirito con cui si affronta una serie TV: «chissà cosa succederà adesso?». Ma anche la mattina, prima di affrontare il lavoro, come quando recandoci in ufficio ci ritagliamo il tempo per leggere sui mezzi pubblici.
  3. Come avvicinare i ragazzi alla lettura? Wiko, in qualità di brand che si rivolge anche ai più giovani, potendo fornire loro smartphone performanti a prezzi accessibili, ha voluto porre un’attenzione particolare su questo tema. Petunia ha notato come spesso i bambini passino progressivamente da libri ricchissimi d’illustrazioni a volumi composti da solo testo scritto. Affrontare questo cambiamento non è immediato per tutti. Un’ottima soluzione sono i fumetti e i graphic novel: il miglior modo per continuare a far leggere i ragazzi è permettere loro di affrontare temi complessi e per niente banali.

Continuando a scorrere tra i dati raccolti dalla survey Instagram di Wiko, si scopre che i ragazzi restano più spesso affascinati dalla rappresentazione cinematografica di una storia (55%) che dal libro stesso (45%). Sono in pochi a sapere cos’è una book challenge (il 9% del campione), fenomeno che impazza in Rete, ma dimostrano una certa propensione per la lettura a casa.

Ben il 74% dei rispondenti alla survey di Wiko sostiene di leggere tra le mura domestiche, molto più che in viaggio (26%). Ecco quindi che questa quarantena potrà essere vissuta alternando il più moderno e tecnologico smartphone al classico libro.

0 128

Praticare attività fisica in casa è più che mai una necessità in questi giorni. Si resta tra le mura domestiche tutto il giorno, tra lavoro al PC, videolezioni, ore allo smartphone per leggere, informarsi e mantenere i contatti, troppo spesso curvi e costringendo il corpo in posizioni alla lunga scomode.

Motivo per cui, appena svegli, la casa può diventare il posto perfetto dove continuare ad allenarsi, seguendo una routine che rigeneri dolcemente e senza traumi il corpo prima di una nuova giornata. Wiko, il brand franco-cinese di telefonia, ha voluto interrogare un’esperta, una personal coach, nonché insegnante certificata di pilates per fornire alcuni consigli di “rigenerazione”, adatti a tutte le età, perfetti anche per gli over 60.

Federica Maria Angelucci, nota in rete come Princess Pilates e su Instagram come @Princesspilates.coach, con un passato nel marketing di multinazionali del beauty e della skincare, ha fatto della sua passione per il pilates e, in generale per il well being, un lavoro.  Federica ha redatto per Wiko un vademecum in 5 semplici step per affrontare la giornata con il piede giusto.

Prima cosa importante è non balzare fuori dal letto, ma prendersi del tempo per respirare, quindi girarsi su un fianco, sedersi sul letto e portare giù i piedi sul pavimento.

Ora ci siamo, questi i 5 consigli da seguire:

  1. Distensione del tratto cervicale. Resta seduto e con calma fletti il capo verso destra e poi verso sinistra, in avanti e poi dolcemente indietro, 10 volte in ogni direzione fino a fare delle circonduzioni complete, disegnando 5 cerchi in un senso e 5 nell’altro. Afferra un polso con una mano e allunga le braccia verso il soffitto, stiracchiati ancora per qualche secondo, fai un’inspirazione profonda dal naso e, lasciando andare le braccia, butta fuori l’aria dalla bocca. Ora sei pronto per alzarti in piedi.
  2. Risveglio delle spalle. In piedi, appoggia le mani sulle spalle. Inspira, ed espirando, esegui una circonduzione dei gomiti in senso orario, 10 in un senso e 10 nell’altro, prima una spalla, poi l’altra e poi entrambe in contemporanea. Durante il movimento delle spalle cerca di portare il gomito il più in alto possibile e mantieni sempre l’addome attivo (ombelico in dentro) in modo tale da non andare a inarcare la schiena e gravare sulla zona lombare.
  3. Allungamento del quadricipite. Sempre in piedi, fletti il ginocchio destro all’indietro afferrando con la mano la caviglia. Cerca di portare il tallone verso il gluteo senza muovere il bacino. Appoggiati tranquillamente a una parete per non perdere l’equilibrio. Mantieni la posizione per almeno 30 secondi e poi cambia gamba.
  4. Mobilizzazione dei polsi. In piedi, alza le braccia davanti a te e mantienile parallele al pavimento. Inizia a spostare le dita verso l’alto e verso il basso flettendo i polsi per dieci volte. Fai poi 10 circonduzioni in senso orario e poi in senso antiorario con entrambi i polsi per 10 volte. Chiudi e apri infine veloce per 30 secondi i pugni e poi scioglili.
  5. Allungamento della catena posteriore. Partendo con le gambe unite e le braccia lungo i fianchi, inspira, inizia poi a guardare in basso ed espirando scendi con la testa e poi con tutta la colonna verso le gambe. Porta le mani verso il basso e prova a toccare le punte dei piedi. In alternativa, tocca le caviglie o le tibie: non serve forzare l’elasticità del tuo corpo. Abbandona la testa completamente rilassata. Lo sguardo è alle ginocchia. Resta in posizione per 30 secondi. Per tornare su fai il procedimento inverso, mentre torni su la colonna è piegata come in una curva a C.

Bastano 10 minuti per iniziare bene la giornata. Se dopo diverse ore di lavoro e studio, si sente il bisogno di sgranchire ancora il proprio corpo, se la cervicale risente del collo rivolto verso lo smartphone, nulla vieta di ripetere questa routine nella giornata.

Gli esercizi sono semplici ed efficaci, adatti anche per i principianti e per gli over 60. Tutti necessitiamo di sentirci meglio mentre condividiamo sui social il mantra di questi giorni: #iorestoacasa.

0 92

È risaputo, il colore dell’anno è il blu, più precisamente il classic blue, in una gradazione calda ed estremamente rilassante. Eppure, basta fogliare riviste di moda, come anche quelle di bellezza, di arredo e di accessori per la casa per capire che c’è un altro colore che sta conquistando la primavera 2020: il verde.

Verde salvia, verde militare, verde neon, verde pistacchio, verde menta. Le tonalità sono praticamente infinite. Il verde riconduce alla natura, la sua simbologia rimanda all’equilibrio. Il verde ha perfino effetti psicologici positivi, mettendo di buon umore chi lo indossa.

Wiko, brand franco-cinese di telefonia, dal suo Design Center di Marsiglia ha saputo perfettamente cogliere questa tendenza, tingendo di verde le back cover dei suoi ultimi device.

View4 e View4 Lite sono infatti disponibili in nuove colorazioni tra cui la versione Cosmic Green per il primo modello, con un particolare effetto glossy, in grado di riprodurre un arcobaleno inclinando la scocca del telefono sotto una fonte di luce naturale o artificiale, e la Deep Green per il secondo, con un’elegante e originale finitura mat sfumata.

Due tonalità, entrambe fredde, che si possono abbinare perfettamente tanto a un “total green”, quanto ad accessori e tinte violacee, rispettando i principi dell’armocromia.

Wiko con i nuovi View4 e View4 Lite, entrambi dotati di batteria a lunghissima durata che garantisce fino a 3 giorni di autonomia nel caso del View4, tripla fotocamera intelligentedisplay full screen 20:9 da 6,52” e memoria extra-large, ha voluto ancora una volta porre l’accento sull’attenzione al design.

Il brand Wiko ha infatti colorato, sin dagli inizi, gli scaffali e i punti vendita, passando negli anni da colorazioni più pop a tonalità più sobrie, attingendo anche al mondo dei colori a gradiente. Perché se il cervello di Wiko risiede in Cina a Shenzhen, è Marsiglia, e in generale l’Europa, a dare le direttive quando si parla di gusto e tendenze.

Settimane della moda, Design Week, street style, tutto è fonte di ispirazione, anche quando si parla di tecnologia e soprattutto di un personal device come lo smartphone che contiene e vuole comunicare tante cose, anche in termini di gusto e stile, di chi lo possiede.

Che questa primavera sia green, dalla testa ai piedi, smartphone incluso!

0 80

In questi giorni le restrizioni e le disposizioni si fanno sempre più rigide. La situazione di emergenza ci costringe a stare a casa, molto tempo insieme e senza gli impegni esterni che cadenzano di solito le giornate. Celebrity e influencer si espongono direttamente invitando le persone a rispettare questa importante regola e gli hashtag come #iorestoacasa invadono i social media.

Wiko, brand di telefonia portavoce del “lusso democratico” ha voluto interpellare un’esperta riconosciuta, Sabrina Toscani, Fondatrice di Organizzare Italia, co-fondatrice e presidente di APOI Associazione Professional Organizers Italia, proprio per redigere una guida che rispondesse a una semplice domanda: “come organizzare al meglio queste giornate in casa?”.

Perché è vero che c’è finalmente più tempo per godersi quella serie TV rimasta a metà o un nuovo libro, ma è altrettanto vero che si devono fare i conti con smart working, esigenze di studio dei ragazzi, come anche con la necessità di gioco dei più piccoli e con la volontà di tenersi in forma tra le mura domestiche.

Wiko con Sabrina Toscani ha stilato questi cinque pratici consigli, utili per provare a lavorare sui tempi e sugli spazi condivisi in famiglia.

  1. Iniziare la giornata con una riunione familiare, un momento di condivisione e confronto non solo per chiarire insieme ciò che sta succedendo, esprimere le proprie paure, essere ascoltati e cercare conforto, ma anche per impostare un’organizzazione famigliare diversa dal solito per questa particolare emergenza. Tutti i membri della famiglia, anche i più piccoli, devono essere coinvolti e particolare attenzione deve essere data a quei temi su cui durante l’anno non c’è il tempo e la possibilità di soffermarsi.
  2. Rivedere e ottimizzare gli spazi di casa. Sono molte le condizioni di convivenza in metrature ridotte o comunque non abituate a ospitare tutti i componenti di una famiglia per le intere 24 ore di una giornata. Occorre quindi chiedersi se gli spazi domestici necessitano di essere rivisti alla luce delle nuove esigenze, per esempio la crescita dei figli o il bisogno di avere un’area dedicata per lo studio o per una pratica sportiva in casa. Ogni componente deve poter dire la sua rispetto a cosa poter migliorare in casa e prendersi la responsabilità di un determinato spazio. Se i bambini sono troppo piccoli per fare da soli ci vorrà l’affiancamento di un adulto, che cercherà comunque di ascoltare le loro proposte per poi condividere insieme le soluzioni da adottare.
  3. Imparare a organizzare il tempo. Ogni membro della famiglia condividerà le sue esigenze con gli altri relativamente per esempio al tempo da dedicare al lavoro in smart working o al tempo da dedicare a sé stesso o a un hobby. Alla luce delle esigenze registrate si potrà creare una macro-scaletta della giornata, in cui vengono riportate le attività comuni, come giochi di società, guardare un film, ascoltare musica, e le attività individuali come il lavoro, lo studio, suonare uno strumento, momenti in cui ci si impegna a rispettare l’impegno non disturbando.
  4. Gestire al meglio le faccende domestiche. Questi giorni di convivenza in casa sono la migliore occasione per impostare un’equa condivisione delle attività necessarie per la pulizia e l’organizzazione della casa. Partendo da una lista delle cose da fare ciascuno può scegliere o pescare a caso alcune attività che si impegnerà a portare a termine entro la giornata. Se ciascuno offre il suo contributo il lavoro è meno pesante per tutti. Sarà un ottimo insegnamento da ripetere nei mesi a venire.
  5. Fare il punto delle 24 ore. Un momento verso la fine della giornata potrebbe essere dedicato a fare il punto, vedendo ciò che ci si era ripromessi di fare e ciò che invece non si è fatto. Un metodo per tenere tutti motivati e per prevenire i contrasti, mettersi d’accordo su regole di condivisione e di gestione degli oggetti, degli spazi e dei tempi non risolve tutte le tensioni che possono scoppiare in casa, ma certamente può aiutare a diminuirne il numero e scoprire un metodo che può tornare utile in qualsiasi momento, anche non emergenziale.

Consigli alla mano, ora occorre solo metterli in pratica, lavorando tutti insieme in famiglia per il rispetto delle esigenze di tutti.

0 73

Se i conti non mentono, passiamo circa un terzo della nostra vita tra le braccia di Morfeo. Dormire è fondamentale per la salute, per essere produttivi, lucidi, di ottimo umore, creativi e chissà quante altre cose. Quindi non è propriamente vero il detto che recita “chi dorme non piglia pesci!”perché il sonno ci aiuta a conservare le nostre funzioni cognitive e fisiche, oltre a garantire notevoli benefici psicologici.

Eppure, anche secondo un sondaggio che il brand di telefonia Wiko ha condotto all’interno della sua community Instagram, sembra che non siamo molto bravi a fissare delle regole quando si tratta di definire l’ora di andare a dormire e godere dei benefici del sonno.

Invece che optare per una sana digital detox serale, nel 70% dei casi – come dimostrato dal sondaggio di Wiko – ci intratteniamo per più di 30 minuti con lo smartphone prima di andare a dormire. Addirittura, nell’81% dei casi lo preferiamo alla lettura di un libro (19%).

Pur di averlo sempre pronto all’uso e a portata di mano, preferiamo tenere il nostro più caro personal device in carica accanto a noi mentre dormiamo (73%). Anche se ciò si traduce, per il 53% dei rispondenti, nell’essere stati svegliati di soprassalto, almeno una volta, a causa di una notifica nel cuore della notte. Quelli che poi non riescono proprio a smettere di leggere messaggi e notizie anche quando gli occhi cominciano a chiudersi…rischiano di fare la fine del 51% degli utenti che hanno ammesso di essersi risvegliati al mattino con il display sulla faccia.

È vero che il motto di Wiko è Life Never Sleeps, ma si riferisce alla durata della batteria dei suoi smartphone. Con questo sondaggio Wiko però ha voluto porre l’accento sull’uso, a volte improprio, che si fa dello smartphone prima di andare a letto. Non è un segreto, infatti, che l’eccitazione provocata da video, ‘zapping’ e stimoli continui, possa danneggiare la qualità del sonno.

E allora, prima di dormire torniamo alle vecchie abitudini riscoprendo il piacere della lettura di un libro, di un giornale o magari facendo due chiacchiere con chi ci sta intorno. Il nostro smartphone sarà pronto a tornare protagonista delle nostre giornate già dal mattino, considerato che il 62% usa come sveglia proprio il telefono.

Buonanotte a tutti!

0 74

In questi giorni dove le raccomandazioni sull’igiene personale e degli ambienti sono all’ordine del giorno al fine di essere osservate scrupolosamente, Wiko – il brand franco-cinese di smartphone – ha voluto fornire ai suoi utenti delle linee guida per una pulizia accurata e sicura del proprio smartphone.

Se infatti è corretto e doveroso lavare le mani più volte al giorno, è altrettanto opportuno prestare attenzione anche all’igiene di uno strumento come il telefonino, utilizzato intensamente, maneggiato talvolta da più persone, poggiato su superfici sempre diverse nell’arco di una sola giornata.

Come fare dunque per evitare che lo smartphone diventi un ricettacolo di germi, microbi, polvere e sporcizia? Questi i cinque consigli di Wiko:

  1. Assicurarsi che lo smartphone sia scollegato da qualunque fonte di alimentazione, dispositivo o cavo esterno. A quel punto, spegnere lo smartphone prima di iniziare le operazioni di pulizia.
  2. Preparare una soluzione di acqua (50%) e alcol etilico (50%) di facile reperimento in casa. Per agevolare la preparazione si può recuperare uno spruzzino vuoto – ideale se in formato travel per essere riposto in borsa o nello zaino – riempendo il flacone con le due metà.
  3. Prendere un panno morbido monouso – o in alternativa dei dischetti in cotone idrofilo da buttare dopo l’uso – e inumidirlo leggermente con la soluzione di acqua e alcol. Sarà possibile passare il panno su tutta la superficie dello smartphone, prestando maggiore attenzione in presenza di loghi o parti stampate. In questo caso, l’operazione di pulizia dovrà essere fatta con una minima pressione.
  4. Recuperare un secondo panno morbido monouso, evitando asciugamani, panni ruvidi o che possano lasciare residui, per asciugare con cura lo smartphone.
  5. Riaccendere lo smartphone e ripetere l’operazione almeno una volta a settimana, possibilmente una volta al giorno.

Queste buone pratiche di pulizia dello smartphone sono applicabili a tutti i modelli Wiko, dai modelli con back cover in plastica, polimeri o vetro. In generale, salvo particolari indicazioni, i consigli sono validi su qualsiasi dispositivo mobile.

0 22

In occasione della Giornata Mondiale della Meteorologia – che si celebra il 23 marzo – Wiko indaga sul rapporto degli utenti con il meteo, nell’era dello smartphone

 Paulo Coelho recitava: “chi desidera vedere l’arcobaleno deve imparare ad amare la pioggia”. Se così fosse il 36% dei rispondenti al sondaggio Wiko, brand franco-cinese di smartphone, l’arcobaleno non lo vedrà mai perché ‘odiano la pioggia!’. Questo è uno dei risultati emersi dalle domande che Wiko, da sempre trend-watcher, ha posto ai follower del suo canale Instagram, chiedendo se il Meteo fosse sempre un tema importante e attuale nella loro quotidianità. A 70 anni dalla nascita dell’OMM (Organizzazione Metereologica Mondiale) sembrerebbe proprio di sì.

Se, come risaputo, è vero che da Nord a Sud Italia cambia il modo di consultare il meteo perché al Nord si bada più a dati che rilevano umidità e nebbia mentre a Sud i venti sono sicuramente oggetto di maggiore attenzione, Il Meteo, grazie a questo sondaggio si conferma essere un evergreen. Bussola di stile per il 55% di chi dichiara di non aver mai sbagliato look grazie ad esso, è soprattutto consultato sullo smartphone (74%), preferito alla vecchia Tv (26%) e addirittura c’è chi guarda il meteo sul telefonino per vedere che tempo fa prima ancora di aprire la finestra (36%).

Se da una parte il consulto del meteo sui cellulari ha dato la possibilità di far nascere piccole “manie” come vedere che tempo fa contemporaneamente nelle città più famose al mondo (lo fanno il 64% dei rispondenti), siamo anche diventati abitudinari preferendo sempre una sola app di riferimento nel 73% dei casi. Anche se abbiamo cambiato modo per essere informati sul meteo, le consuetudini non cambiano, cioè continuiamo a consultarlo quando siamo in partenza e dobbiamo fare la valigia (71%) e non ci dimentichiamo le abitudini dettate dalla saggezza di un tempo: vestirsi a cipolla in primavera è sempre valido per il 56% dei rispondenti!

0 122

La chat con gli amici, il gruppo dei colleghi, le interminabili chat di classe, il thread dei compagni di calcetto, i party di compleanno, la reunion dei compagni di scuola: tutta la nostra vita è ormai nel palmo della nostra mano.

Secondo l’ultimo rapporto sulla comunicazione del Censis, gli italiani che utilizzano lo smartphone sono il 75,7% (quando ancora nel 2009 li usava solo il 15% della popolazione) e i device mobile rappresentano il mezzo preferito soprattutto dai giovani tra i 14 e i 29 anni (89,8%). Inoltre, l’aumento dell’impiego di Internet è salito al 79,3% lo scorso anno. Ecco perché, tra messaggi vocali lunghi come monologhi di Shakespeare e incomprensioni col correttore automatico, avere le idee chiare su quello che piace o viene odiato non è mai stato così importante.

A questo proposito, Wiko – il brand franco-cinese di telefonia portavoce del “lusso democratico”, sempre attento a cogliere trend e fenomeni del momento – ha interrogato la propria community Instagram per scoprire usi e costumi dei suoi utenti in tema di messaggistica istantanea. Usare lo smartphone per telefonare? Superato! Ormai il 74% degli utenti preferisce chattare. A dimostrazione della passione per la connettività – e forse della lunga tradizione letteraria che fa di noi la patria degli scrittori per eccellenza – il 71% dichiara di mandare più di 30 messaggi al giorno.

Se ci piace rimanere in contatto, però, abbiamo le idee chiare – e severissime – su cosa debba essere assolutamente evitato, pena essere snobbati dalla “doppia spunta blu”. Ricevere un messaggio spezzettato in mille invii, ad esempio, non è gradito dal 56% degli utenti. Vietato quindi andare a capo dopo ogni frase o addirittura ogni parola.

Nuotare tra le notifiche dovrebbe essere riconosciuto come nuova disciplina olimpica: troppo faticoso! Ecco perché il 71% degli utenti trema nel leggere le tanto temute parole: “Sei stato aggiunto al gruppo…”: fortuna che l’opzione “Silenzia per un anno” è a portata di clic.

E come devono essere i messaggi? Il testo sopravvive ma non da solo e sono le emoji le preferite rispetto alle GIF, nel 58% dei casi. I messaggi vocali vengono invece banditi dal 53% di chi ha risposto al sondaggio. Tenete in considerazione che la voce perde punti, quindi, almeno via chat.

Attenzione a non fare arrabbiare i vostri interlocutori. L’84% di loro potrebbe riservarvi il trattamento del silenzio, però non disperate, solo in casi drastici arriverebbero a bloccarvi da ogni piattaforma online…consolante vero?

Certo è che, se siamo più tolleranti verso gli altri, non lo siamo altrettanto nei confronti del grande nemico comune: il correttore automatico! Il 53% degli utenti lo odia sul serio. Perché la netiquette è importante, ma c’è un limite a tutto!

0 118

Wiko presenta la View4 Collection.

Rendere la tecnologia accessibile a tutti è nel DNA di Wiko fin dalla sua nascita. Coerente con questa strategia e in linea con il claim life never sleeps, il brand franco-cinese presenta due device in grado di assicurare prestazioni elevate e durevoli.

View4 e View4 Lite montano infatti una batteria long lasting rispettivamente da 5000 e 4000 mAh in grado di garantire un’autonomia fino a 3 e 2 giorni con una sola carica, certificati da Smart Viser. I nuovi device offrono inoltre un’esperienza immersiva ultra-wide grazie allo schermo 20:9, tripla fotocamera intelligente Android 10.

View4 è disponibile da oggi presso selezionate insegne di elettronica di consumo. Prezzo consigliato al pubblico 159,99€

View4 Lite sarà disponibile da fine marzo 2020. Prezzo suggerito al pubblico 129,99€

Di seguito i comunicati stampa ufficiali.

WIko View4 Lite

Rendere la tecnologia accessibile a tutti è nel DNA  di Wiko fin dalla sua nascita. Rimanendo coerente con questa strategia e in linea con il claim life never sleeps, il brand franco-cinese ha voluto rimarcare
anche con il View4 Lite il suo impegno nello sviluppo di device in grado di assicurare prestazioni elevate e durevoli. View4 Lite monta infatti una batteria longlasting che garantisce fino a due giorni di utilizzo.

Dotato di tripla fotocamera intelligente, ampio display e di un’ampia memoria, View4 Lite completa
la View4 Collection di Wiko.

SEMPRE PIÙ AUTONOMIA – UNA CARICA, DUE GIORNI DI UTILIZZO
Dotato di una batteria da 4000mAh e grazie alle ottimizzazioni hardware e software, View4 Lite garantisce 2 giorni di utilizzo con una sola carica certificati da SmartViser. Wiko ha infatti collaborato con SmartViser, ente riconosciuto nel Device Testing, proprio per sottoporre i suoi smartphone a test rigorosi volti a garantire la migliore autonomia possibile. Grazie all’architettura del proprio processore, inoltre, View4 Lite consuma meno energia rispetto al modello precedente (View3 Lite), consentendo due giorni di pieno utilizzo.

TRIPLA ESPERIENZA FOTOGRAFICA – FOTOCAMERA INTELLIGENTE
Grazie alla tripla fotocamera di View4 Lite sarà possibile ottenere scatti da professionista. Il sensore da 13MP consente di effettuare istantanee e ritratti senza sforzo e in ogni condizione di luce. Dotato di funzionalità AI per il rilevamento e la regolazione automatica del soggetto e del panorama, permette di condividere esattamente ciò che si vede senza tagliare l’inquadratura o dover indietreggiare per includere l’intera scena. La fotocamera Super Wide Angle a 114° è perfetta invece per catturare paesaggi e scattare foto di gruppo.

Perché non dare libero sfogo al vostro talento artistico?
Il sensore da 13MP unito a quello di profondità da 2MP in modalità Bokeh vi regalerà un meraviglioso effetto sfocato dello sfondo che darà maggiore risalto ai volti e agli oggetti in primo piano.

ANCORA PIÙ SPAZIO – FOTOCAMERA INTELLIGENTE
Potete sempre contare sul vostro View4 Lite! La sua ampia ROM da 32GB vi permette di salvare tutto l’essenziale: fino a 4000 immagini, 50 episodi delle vostre serie TV preferite, 300 album musicali o 140 giochi. Inoltre, è possibile espandere la memoria fino a 256GB con una scheda microSD.

FULL SCREEN / DESIGN TRENDY – DISPLAY IMMERSIVO
Lo schermo del View4 Lite da 6,52” con display HD+ offre un’esperienza ultra-immersiva. Il formato 20:9, con una tacca superiore estremamente ridotta, è garanzia di un ampio spazio utilizzabile per una migliore esperienza visiva.

COLORI INTENSI E PROFONDI
View4 Lite presenta 3 nuovi colori trendy: tra Deep Blue, Deep Gold e Deep Green, c’è solo l’imbarazzo della scelta! La back cover presenta 2 finiture: quella con effetto glossy per il Deep Blue con un design elegante e raffinato e la finitura opaca per tonalità più intense nelle varianti di colore Deep Gold e Deep Green.

TASTO GOOGLE ASSISTANT – ACCESSO RAPIDO ALLE FUNZIONALITÀ
Basta un semplice tocco sul pulsante integrato di Google Assistant per lanciare la modalità Walkie Talkie e chiedere direttamente a Google di impostare la sveglia, scattare un selfie, controllare il meteo, accendere la torcia, ecc. Perché perdere tempo per sbloccare il telefono o per pronunciare “OK Google”?

WIKO ORIGINAL ACCESSORIES
Una selezione di accessori originali realizzati su misura è stata specificamente progettata da Wiko per mostrare tutta la bellezza del View4 Lite, assicurandone ergonomia e protezione.

SMART FOLIO SLIM
Dotato di una smart window, il nuovo Smart Folio consente di visualizzare facilmente le chiamate, le notifiche e la musica in un unico colpo d’occhio. Il comfort è sempre al primo posto grazie all’easy-grip. Inoltre può fungere da supporto del device durante la visione di video o per i giochi. Il design moderno e sottile aggiunge stile alla praticità.

CUSTODIA PROTETTIVA
Realizzata in un doppio materiale trasparente, la custodia ha una back cover rigida che garantisce una protezione rinforzata al vostro View4 Lite, mentre il profilo flessibile e avvolgente ne facilita l’apertura e la chiusura.

VETRO TEMPERATO
Il vetro temperato garantisce una protezione completa da urti e graffi. Uno strato ultra-resistente lascia inalterata la sensibilità del touchscreen con un rivestimento anti-impronta.

LIFE NEVER SLEEPS
View4 Lite è disponibile da fine marzo 2020. Prezzo suggerito al pubblico 129,99€

Wiko View4

Rendere la tecnologia accessibile per tutti è nel DNA di Wiko fin dalla sua nascita. Rimanendo coerente con questa strategia e in linea con il claim life never sleeps, il brand franco-cinese ha confermato il proprio focus sull’autonomia della batteria, venendo incontro alla necessità degli utenti di rimanere connessi in qualsiasi momento. View4 è, infatti, dotato di una batteria a lunghissima durata, che garantisce fino a 3 giorni di autonomia, qualunque cosa si desideri fare.

Completano le principali feature la tripla fotocamera intelligente, il display full screen 20:9 da 6,52” e la memoria extra-large.

74 ORE DI AUTONOMIA – UNA SOLA CARICA, 3 GIORNI DI UTILIZZO
View4 non resterà mai a corto di energia! La sua super batteria da 5000 mAh, pensata per l’utente più esigente, assicura giorni di utilizzo certificati da SmartViser, ente indipendente specializzato nel Device Testing, con una sola carica.

SmartViser ha testato il View4 simulando un utilizzo reale del device da parte del consumatore, comprensivo di streaming di musica e video, chat, telefonate, navigazione sui social network, gaming, tempo di stand-by e molto altro.

Grazie all’ottimizzazione hardware e software, l’architettura del processore del View4 consuma meno energia rispetto alla precedente generazione.

TRIPLA FOTOCAMERA INTELLIGENTE – ESPERIENZA SENZA COMPROMESSI
Grazie alla tripla fotocamera posteriore del View4, sarà possibile scattare foto ultra creative, ricche di dettagli e colore. Il sensore da 13MP cattura facilmente scatti e ritratti in ogni condizione di luce. È dotato inoltre di funzionalità AI per il rilevamento e la regolazione automatica del soggetto o del panorama inquadrato.

L’obiettivo Super Wide Angle da 114° è ideale per scatti di paesaggi e di gruppo. Sarà possibile condividere esattamente ciò che si vede senza dover ritagliare la scena o dover indietreggiare per includerla. E per una sfocatura dello sfondo?

Il sensore da 13MP insieme alla terza fotocamera dedicata all’effetto Bokeh assicura sfocature di grande impatto per dare risalto a oggetti e volti in primo piano.

STORAGE E PERFORMANCE OCTA-CORE – MEMORIA ULTRA-GRANDE, PRESTAZIONI AL TOP
Niente più preoccupazioni grazie ai 64GB di memoria interna per salvare i vostri dati! Potrete archiviare fino a 190 episodi delle vostre serie preferite, 700 album musicali o 30 giochi.

È possibile inoltre espandere la memoria fino a 256GB con una scheda microSD. Grazie a un potente processore Octa-core A25 e 3GB di RAM, View4 consente un utilizzo veloce e fluido di app e giochi.

FULL SCREEN/ DESIGN TRENDY – DISPLAY IMMERSIVO
Il nuovo View4 è dotato di un ampio display da 6,52’’ in formato 20:9 per un’esperienza ultra-immersiva. Lo schermo HD+ offre un comfort visivo ottimale. Il nuovo display V-shape, essenziale, senza bordi e caratterizzato da una piccola tacca superiore, ridefinisce il concetto di comfort anche nella visione di video, serie TV e giochi.

COSMIC WORLD
Ispirati dal cielo notturno, i colori e i riflessi della luce riveleranno il vostro lato più raffinato con la nuova back cover effetto glossy in simil vetro nelle tre colorazioni Cosmic Blue, Cosmic Gold e Cosmic Green.

Create il vostro arcobaleno con effetti prismatici, inclinando la cover posteriore sotto una fonte di luce naturale o artificiale. Il bordo a gradiente avvolge ogni curva in un design colorato.

PULSANTE DI GOOGLE ASSISTANT – ACCESSO RAPIDO ALLE FUNZIONALITÀ DI GOOGLE
Semplicemente toccando il tasto integrato di Google Assistant si apre la modalità Walkie Talkie, con cui è possibile chiedere direttamente a Google di impostare la sveglia, aggiornare il calendario, controllare il meteo, accendere la torcia, ecc. Non ci sarà più bisogno di perdere tempo sbloccando il telefono o attivandolo dicendo “OK Google”.

ACCESSORI ORIGINALI WIKO
Gli accessori Wiko originali e su misura mettono in risalto il design premium di View4 offrendo maggiore protezione ed ergonomia.

SMART FOLIO
Il nuovo Smart Folio ha una smart window con un’interfaccia che permette di visualizzare rapidamente le chiamate, le notifiche e la musica senza dover aprire la cover. Il comfort è assicurato grazie all’easy-grip e alla possibilità di fungere da supporto perfetto per la visualizzazione di film e giochi. Smart Folio è disponibile in 2 tonalità: Smoked Grey e Smoked Bleen.

CUSTODIA PROTETTIVA
La custodia protettiva è caratterizzata da un doppio materiale trasparente per una maggiore protezione. La sua back cover rigida protegge View4 da cadute e urti inaspettati, mentre il profilo flessibile e avvolgente ne facilita l’apertura e la chiusura.

VETRO TEMPERATO
Il vetro temperato garantisce una protezione completa da urti e graffi. Uno strato ultra-resistente lascia inalterata la sensibilità del touchscreen con un rivestimento anti-impronta.

LIFE NEVER SLEEPS
View4 è disponibile da oggi presso selezionate insegne di elettronica di consumo. Prezzo consigliato al pubblico 159,99€.