AMD annuncia i processori mobile Ryzen PRO di seconda generazione e un aggiornamento dell’AMD Partner Hub

AMD ha annunciato le ultime novità nella sua linea di processori PRO: processori mobile AMD Ryzen PRO di seconda generazione con grafica integrata Radeon Vega e AMD Athlon PRO con grafica Radeon Vega.

Questi nuovi prodotti sono in grado di fornire prestazioni elevate e una notevole efficienza dal punto di vista energetico agli utenti di soluzioni notebook professionali, oltre che a un livello di sicurezza allo stato dell’arte, affidabilità e gestibilità di livello commerciale. Questi nuovi processori consentono ai produttori globali di PC di creare una vasta gamma di sistemi aziendali, dai notebook professionali a quelli per la produttività di ogni giorno, posizionando sempre di più AMD come leader nel mondo del multi-core computing.

Inoltre, AMD è lieta di annunciare un aggiornamento del suo AMD Partner Hub, che fornisce ai partner gli strumenti e le risorse necessarie per vendere e commercializzare con successo i prodotti AMD. Tra le novità, troviamo un database con le specifiche di prodotto, all’interno del quale i partner possono visualizzare un elenco di specifiche per i prodotti AMD con funzionalità che rendono semplice il confronto e l’esportazione, nuovi kit di merchandising digitale per i materiali del punto vendita e una sezione rivolta ai costruttori di sistemi che consente loro un facile accesso a tutti i materiali di vendita e di marketing.

 

Product Model Cores/
Threads
TDP Boost/Base Freq. Radeon Graphics GPU Cores Max GPU Freq. L2+L3 Cache
AMD Ryzen™ 7 PRO 3700U 4C/8T 15W 4.0/2.3 GHz Vega 10 1400 MHz 6MB
AMD Ryzen™ 5 PRO 3500U 4C/8T 15W 3.7/2.1 GHz Vega 8 1200 MHz 6MB
AMD Ryzen™ 3 PRO 3300U 4C/4T 15W 3.5/2.1 GHz Vega 6 1200 MHz 6MB
AMD Athlon™ PRO 300U 2C/4T 15W 3.3/2.4 GHz Vega 3 1000 MHz 5MB
Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

Huawei e HONOR annunciano nuovi obiettivi per una strategia dual brand

Next Post

Il 65% delle fabbriche utilizza sistemi operativi antiquati

Related Posts