Acronis acquisisce 5nine e aggiunge strumenti per la gestione e la sicurezza del cloud

Acronis, leader globale della  protezione informatica, ha annunciato oggi l’acquisizione di 5nine, provider internazionale di soluzioni per la gestione e la sicurezza del cloud dedicate agli ambienti Microsoft Hyper-V e Azure. In base all’accordo sottoscritto, 5nine diventerà una sussidiaria interamente controllata da Acronis.

5nine offre soluzioni cloud end-to-end per Hyper-V, oltre alla prima e unica soluzione di sicurezza agentless e a più livelli per Hyper-V e Azure. Il software innovativo, potente e intuitivo è progettato per ridurre i costi, aumentare la produttività e mitigare i rischi per la sicurezza.

Acronis intende integrare la tecnologia di 5nine in Acronis Cyber Platform, e punta a rendere disponibili i nuovi servizi tramite il portale Acronis Cyber Cloud Solutions. Con le soluzioni 5nine, provider di servizi gestiti (MSP) e team IT potranno semplificare l’orchestrazione dei servizi cloud, creare nuove attività e gestire le esigenze dei propri clienti.

Collaborando con 5nine, Acronis offrirà a clienti e partner una modalità semplificata per migrare i carichi di lavoro dall’infrastruttura fisica o virtuale ad Acronis Cyber Infrastructure, Microsoft Azure o a entrambe. Le soluzioni 5nine, che unificano servizi di migrazione su cloud, gestione, monitoraggio e strumenti e processi di gestione dei carichi di lavoro innovativi, consentono agli utenti di integrare i cinque vettori SAPAS della protezione informatica – salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza – a copertura di tutti i dati, le applicazioni e i sistemi in uso.

La partnership con Acronis ci consentirà di accelerare l’innovazione del prodotto, espandere il canale di distribuzione e sfruttare la tecnologia esistente per soddisfare le nuove esigenze dei clienti“, ha affermato Karen Armor, Chief Executive Officer di 5nine. “Con le capacità maturate in oltre dieci anni di esperienza nella gestione e nella protezione delle macchine virtuali Microsoft per conto dei nostri clienti, siamo certi che questa acquisizione promuoverà l’adozione del cloud e garantirà l’implementazione di infrastrutture cloud sicure e affidabili in tutto il mondo“.

Acronis riconosce il valore che l’offerta dei servizi 5nine può apportare alla sua community di 50.000 partner di canale IT, e che consentirà agli MSP e ai provider di servizi cloud di gestire meglio i propri carichi di lavoro nelle infrastrutture ibride. A ciò si aggiunge la flessibilità delle soluzioni Acronis, capaci di andare incontro alle diverse esigenze di implementazione dell’infrastruttura adeguandosi alle ubicazioni, ai budget e agli scenari d’uso, e offrendo il controllo e l’adattabilità imprescindibili per erogare servizi di protezione informatica d’eccellenza negli ambienti Acronis Cyber Infrastructure, Microsoft Azure e molti altri.

Aggiungendo le soluzioni 5nine al portafogli di prodotti e servizi per la protezione informatica, i nostri partner e clienti avranno a disposizione modalità semplificate per adottare la piattaforma di cloud ibrido di Microsoft. Questa soluzione congiunta consentirà alle organizzazioni di migrare alcuni o tutti i carichi di lavoro selezionati nel cloud e di gestire quindi sia le macchine virtuali on-premise che quelle nel cloud da un’unica interfaccia. Puntiamo a unificare le funzionalità delle due soluzioni ampliando il pannello di controllo unico e intuitivo di Acronis, così da facilitare agli amministratori IT le attività di monitoraggio, gestione e protezione informatica di tutti i carichi di lavoro, ovunque siano ubicati“, ha affermato Serguei “SB” Beloussov, fondatore e CEO di Acronis.

Acronis pianifica di investire nello sviluppo della pluripremiata piattaforma di gestione, migrazione e sicurezza del cloud di 5nine. Entrambe le aziende hanno un’esperienza consolidata e completa rispetto all’ecosistema Microsoft; in qualità di Partner Microsoft Gold Certified, pianificano di proseguire con l’innovazione in parallelo alla più ampia adozione di Microsoft Azure.

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

Dispositivi a rischio con WhatsApp: i consigli di Panda Security

Next Post

Panasonic TOUGHBOOK conferma la propria posizione di leader europeo per notebook e tablet rugged

Related Posts